Browse By

La Grecia sprofonda nella recessione

 499 total views,  4 views today

[ 25 agosto 2010 ]

VERSO L’ESPLOSIONE SOCIALE
di Corinna Jessen*
Dice Panayiotis Peretridis: «L’unica cosa che mi interessa è la mia paga giornaliera. Un pezzo di pane è il mio partito politico. Voglio aiutare il mio paese – dammi lavoro e pago le tasse! Ma il nostro onore, come operai specializzati di prima classe, come famiglie, come greci, viene trascinato nell’immondizia! “Se si toglie il pane alla mia famiglia, il governo deve sapere che lo faremo cadere”, dice Meletis. “E se succede, non ci chiamino anarchici! Siamo capifamiglia e siamo disperati. Le cose stanno iniziando a ribollire qui”, dice. “E a un certo punto andranno a esplodere».

Le misure di austerità che avrebbero dovuto risolvere i problemi della Grecia stanno trascinando giù l’economia del paese. I negozi stanno chiudendo, le entrate fiscali sono in calo e la disoccupazione in certi casi raggiunge un incredibile 70 per cento. Lavoratori frustrati minacciano scioperi.
La festa dell’Assunzione di Maria il 15 agosto è il culmine dell’estate nel mondo greco-ortodosso. Qui, in una delle tante chiese del paese, i credenti pregano la Vergine di misericordia, e molti di loro si prostrano in ginocchio.
Il quotidiano Ta Nea ha raccomandato al governo greco di adottare lo stesso approccio: i leader del paese hanno da sperare che Maria con un miracolo salvi la Grecia da una grave crisi, scrive il giornale. Senza un intervento divino, sarà un autunno difficile per lo stato del Mediterraneo.
La prognosi è terribile, nonostante gli sforzi enormi di Atene per risanare le finanze del paese. Draconiane misure di austerità del governo hanno ridotto il disavanzo di bilancio del paese di un quasi incredibile 39,7 per cento, dopo che i governi precedenti avevano sperperato i soldi dei contribuenti e falsificato le statistiche per anni. Le misure hanno ridotto la spesa pubblica totale del 10 per cento, il 4,5 per cento in più di quanto richiesto dall’Unione europea e dal Fondo monetario internazionale (FMI).
Il problema è che le misure di austerità nel frattempo hanno colpito ogni aspetto dell’economia del paese. Il potere d’acquisto è in diminuzione, il consumo è in picchiata e il numero dei fallimenti e dei disoccupati è in aumento. Il prodotto interno lordo del paese è ridotto del 1,5 per cento nel secondo trimestre di quest’anno. Le entrate tributarie, disperatamente necessarie al fine di consolidare le finanze nazionali, sono crollate. Un misto di paura, di disperazione e rabbia sta fermentando nella società greca.
I tassi di disoccupazione arrivano fino al 70 percento
Nikos Meletis è ben vestito, e la sua macchina di fascia media è pulita e ordinata. Meletis guadagnava da vivere bene in una società di costruzioni navali di Perama, un porto di fronte all’isola di Salamina. “Al momento, sto facendo fuori i miei risparmi”, dice il saldatore di 54 anni, in piedi davanti a un porto silenzioso pieno di navi ormeggiate.
Meletis lavorava fino a 300 giorni l’anno, quest’anno è riuscito a racimolare solo 25 giorni di lavoro fino ad ora. Questo gli procura 25 marche di assicurazione malattia, mentre gliene servono 100 per assicurare se stesso e la sua famiglia – tra cui la moglie, che ha il cancro. “Come posso pagare per l’ospedale?” Meletis chiede. Indennità di disoccupazione, al massimo € 460 ($ 590) al mese per un massimo di un anno – e solo se ha prodotto almeno 150 marche negli ultimi 15 mesi.
Non c’è praticamente un lavoratore nel distretto della cantieristica di Perama, che ce la fa. La disoccupazione in città si aggira tra il 60 e il 70 per cento, secondo uno studio condotto dall’Università del Pireo. Mentre il 77 per cento delle società di navigazione greche indicano che sono soddisfatte della qualità del lavoro svolto in Perama, quasi il 50 per cento inviano le loro navi da riparare in Turchia, Corea o Cina. I costi sono troppo alti in Grecia, dicono. Il paese, sostengono, ha troppa burocrazia e troppi scioperi, con vertenze di lavoro, spesso ritardano i tempi di consegna.
Perama è certamente un caso particolarmente estremo. Ma il declino dei cantieri navali fornisce un esempio eloquente di crescente incapacità dell’economia greca di competere. Nessuna delle industrie del paese può tenere il passo con la concorrenza internazionale in termini di produttività, e gli esperti si aspettano che il prodotto interno lordo scenda del 4 per cento nel corso dell’anno. La Germania, in confronto, si aspetta una crescita fino al 3 per cento.
I dati sulle vendite calano ovunque
Il pacchetto austerità del primo ministro George Papandreou ha scosso gravemente l’economia greca. Il pacchetto ha ridotto gli stipendi dei dipendenti pubblici fino al 20 per cento e le prestazioni pensionistiche, pur aumentando le tasse. Il risultato è che i Greci hanno sempre meno soldi da spendere e i dati sulle vendite indicano un calo, cosa catastrofica per un paese in cui il 70 per cento della produzione si basa sul consumo privato.
Una breve gita per le strade di Atene rivela la misura del declino. Un buon quarto delle finestre dei negozi di Stadiou Street espongono la scritta rossa “Enoikiazetai” – in affitto. La Confederazione Nazionale del Commercio ellenica (ESEE) calcola che il 17 per cento di tutti i negozi di Atene hanno dovuto dichiarare fallimento.
Le cose non vanno meglio nelle città più piccole. Chalkidona era, fino a pochi anni fa, un hub per il trasporto su autocarro nella zona intorno a Salonicco. Due strade principali, piena di ristoranti fast food per camionisti, si intersecano nella piccola città triste. La casa di Maria Lialiambidou sta sulla strada principale. L’affitto di una pasticceria al piano terra dell’edificio integra con € 350 al mese il suo reddito da pensione di reversibilità di 320 €.
In questi giorni, però, Kostas, l’uomo che gestiva il negozio di pasticceria, che la gente chiamava “un penny-pincher,” non può più permettersi l’affitto. Anche qui, un enorme banner “Enoikiazetai” si estende in tutto il shopfront. Nessuno vuole affittare il negozio. Né ci sono acquirenti per una macelleria vuota pochi metri più avanti.
Un insegna sul lato opposto della strada pubblicizza “Sakis ‘Restaurant”. Il proprietario, Sakis, sta ancora tirando avanti, con i clienti che riempiono uno o due tavoli del ristorante di tanto in tanto. “Non c’è davvero nessun lavoro per me più qui”, dice un lavoratore albanese. “Molti altri sono già tornati in Albania, dove non è peggio di qui. Vedremo quando andrò anch’io.”
Nessuna via d’uscita
L’intero paese è nella morsa di una depressione. Tutto sembra andare in discesa. La spirale continua  e non c’è chiarezza su come venirne fuori. La parte peggiore, tuttavia, è il fatto che quasi nessuno si aspetta che le cose possano migliorare.
Il tasso di disoccupazione del paese rende questa tendenza particolarmente chiara. Nel 2009 era del 9,5 per cento. Quest’anno potrebbe salire al 12,1 per cento e gli economisti si aspettano di raggiungere il 14,3 per cento nel 2011. Questi, però, sono solo i numeri ufficiali, che sono stati forniti da Angel Gurria, segretario generale dell’Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (OCSE). Il sindacato greco GSEE ritiene che tali numeri siano troppo ottimisti. Essa ritiene più probabile per il 2011 il 20 per cento. Ciò porterebbe il tasso di disoccupazione al livello del 1960, quando centinaia di migliaia di greci furono costretti a emigrare. Nel frattempo, il potere d’acquisto è sceso al livello del 1984, secondo la GSEE.
La situazione sta iniziando a esplodere
Menelaos Givalos, professore di scienze politiche alla Università di Atene, è apparso in televisione, avvertendo i telespettatori che i tempi peggiori devono ancora venire. Si prevede una grande ondata di licenziamenti a partire da settembre, con “estreme conseguenze sociali”.
“Tutto sta diventando più costoso, difficilmente riesco a guadagnare soldi, e quindi dovrei pagare più tasse per contribuire a salvare il paese? Come può funzionare?” chiede Nikos Meletis, il costruttore navale. I suoi amici, riuniti in una piccola caffetteria sul molo di Perama, stanno gradualmente alzando la voce. Sono tutti disoccupati, disperati e arrabbiati con i politici che li hanno messi in questo pasticcio. Non c’è simpatia qui per nessuno dei partiti politici né per i sindacati.
“Hanno solo organizzano scioperi per servire i propri interessi!” grida un uomo, il cui nome è Panayiotis Peretridis. “L’unica cosa che mi interessa è la mia paga giornaliera. Un pezzo di pane è il mio partito politico. Voglio aiutare il mio paese – dammi lavoro e pago le tasse! Ma il nostro onore, come operai specializzati di prima classe, come famiglie, come greci, viene trascinato nell’immondizia!”
“Se si toglie il pane alla mia famiglia, il governo deve sapere che lo faremo cadere”, dice Meletis. “E se succede, non ci chiamino anarchici! Siamo capifamiglia e siamo disperati.”
Prevede che la situazione sarà sempre più surriscaldata. “Le cose stanno iniziando a ribollire qui”, dice. “E a un certo punto andranno a esplodere.”

* Fonte: Der Spiegel

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.