Browse By

CAMUSSO SEGRETARIA, SCONFITTA LA FIOM

 509 total views,  2 views today

[ 04 novembre 2010 ]

IL CAVALLO DI TROIA

di Piemme 

«Una ulteriore avvisaglia di quale sia la piega che prenderà la CGIL è rappresentata dalla scottante questione della rappresentanza sindacale. In netta opposizione alla FIOM e alla sua decisione di presentare una legge di iniziativa popolare per una soluzione legislativa universalistica e almeno formalmente democratica, la Camusso perora la “via pattizia”, ovvero un accordo tra le parti —sullo stile di quello vergognoso del 20 dicembre 1993 che portò alla costituzione delle Rsu (vedi Il Sole 24 Ore di oggi)—, dunque peggiorativo di quello del 1993, nel senso che la democrazia sui posti di lavoro, già gravemente lesionata, sarebbe definitivamente seppellita. Per questo temiamo che la Camusso, ci farà vedere i sorci verdi, che sarà un Cavallo di Troia del Capitale».
«Con 125 sì, 21 no e 12 astenuti, il Comitato Direttivo della CGIL ha eletto oggi Susanna Camusso Segretario Generale al posto di Guglielmo Epifani. Su 162 membri del Direttivo hanno votato in 158, ovvero il 97,5%. I voti favorevoli alla Camusso, fino a ieri Vicesegretario e Segretario Generale designato dallo stesso Epifani, sono stati il 79,1% del totale. La percentuale dei no si attesta sul 13,3%, mentre la percentuale degli astenuti è pari al 7,6%». Così scriveva ieri  il sito della CGIL
Una sconfitta della FIOM, aggiungiamo noi, come del resto fanno notare la gran parte dei commentatori. Giubilo anzitutto tra le fila confindustriali, che la Camusso conoscono meglio dei tesserati CGIL, per loro una perfetta sconosciuta fino al maggio 2010 quando, dopo essere stata resuscitata da Epifani in persona nel giugno 2008, venne scelta come Vice segretaria confederale.
Perché l’elezione della Camusso da parte del conclave cardinalizio della CGIL è una sconfitta per la FIOM?  Anzitutto va ricordato, e non è un caso che la biografia ufficiale sul sito della CGIL si guardi bene dal segnalarlo, che nel 1992 essa venne allontanata dalla FIOM medesima dopo che i lavoratori e anzitutto le lavoratrici del gruppo FIAT protestarono per la firma di un accordo aziendale particolarmante capestro soprattutto per le donne. Va dunque da sé che l’elezione a segretaria proprio della Camusso, non fosse che simbolicamente, è per la FIOM uno smacco. Ma non solo di simbologia stiamo parlando. 

Intanto un ragionamento va fatto sui numeri. Il fatto che abbiano votato contro l’elezione della Camusso il 13,3% dei membri del Direttivo, mentre la “seconda mozione” di minoranza (formalmente quella di sinistra) all’ultimo congresso della CGIL aveva ottenuto 17,07%, evidenzia non solo l’isolamento della FIOM in seno alla CGIL, ma la sua perdita di terreno, e ciò proprio dopo la vicenda Pomigliano e la prova di forza del 16 ottobre.
Ecco dunque spiegata l’esultanza con cui,  Il Sole 24 ore di oggi, commenta l’elezione della Camusso: «Una vittoria dei riformisti sul massimalismo», una vittoria che complica infatti le cose a Landini poiché, tra l’altro, rafforza la fronda interna, ovvero l’ala destra della FIOM.
Ma andiamo alla sostanza. 
Il 19 settembre, non appena il parlamentino della CGIL aveva ufficialmente candidato la Camusso a segretaria, nell’articolo (molto letto) «Susanna Camusso: chi è costei? DI NUOVO UN “SOCIALISTA” ALLA GUIDA DELLA CGIL» scrivevamo:

«E’ fin troppo evidente che la Confindustria, schierata compatta con la linea intransigente Marchionne-Marcegaglia, spera di fare della Camusso il proprio Cavallo di Troia, allo scopo di piegare la FIOM e, quello che più conta, trascinare la CGIL al tavolo del negoziato affinché sottoscriva, come CISL e UIL hanno già fatto, il “Piano per l’Italia”, ovvero far accettare ai lavoratori un regime neo-schiavista nelle fabbriche. Sarà possibile che anche la CGIL si presti a diventare un sindacato giallo (a farsi “fascistizzare” come è stato detto in questo blog)? No, finché Berlusconi sarà primo ministro. Affinché ciò accada occorre l’uscita di scena dello psico-nano e il contestuale reingresso del PD al governo (con tanto di avallo desistente della “sinistre radicali”). Allora ne vedremo delle belle, alias, vedremo la fascistizzazione dei sindacati sotto le mentite spoglie del “riformismo”. Ergo: allora sì che la Camusso si sentirà autorizzata a far vedere i sorci verdi agli operai. Gli stessi sorci che i precari e i non-garantiti vedono già da più di un decennio». 

Qualcuno ci ha fatto notare che parlare di “fascistizzazione del sindacato” è eccessivo. Non pensiamo. I prossimi mesi ci diranno se avevamo ragione, se il nostro pronostico era giusto o sbagliato. Certo, tutto dipende dall’esito della guerra per bande dentro il Palazzo. Ma se Berlusconi sarà tolto di mezzo, e se invece che elezioni anticipate avremo un governo di salvezza nazionale come i padroni, il PD, Fini e Casini auspicano, noi siamo pronti a scommettere, non solo che non ci sarà alcuno sciopero generale (pur all’acqua di rose, come si conviene in casa CGIL), ma un allineamento della CGIL stessa su posizioni non solo concertative, ma filo-governiste. Noi abbiamo usato la definizione di “fascistizzazione soffice del sindacato” (1). Ogni analogia va presa con le pinse: noi indicavamo la definitiva trasformazione di CISL e UIL in sindacati gialli, una forma della fascistizzazione, ovvero la loro sussunzione in un sistema corporativo della più bell’acqua, ovviamente sacramentato dallo stato e dalle leggi, oltre cha da accordi tra le parti sociali. Noi riteniamo che con la Camusso non saranno CISL e UIL a tornare sui loro passi, ma la CGIL ad essere risucchiata nel campo del corporativismo concertativo.
Ciò, ovviamente, non tanto per capacità demiurgiche della Camusso, quanto per la dinamica sovraordinatrice della crisi sistemica, con la sua tendenza alla polarizzazione, la quale obbliga il sindacato, o ad assumere posizioni antagonistiche o a diventare uno strumento di mero controllo della forza-lavoro facente le veci del Capitale.

Una ulteriore avvisaglia di quale sia la piega che prenderà la CGIL è rappresentata dalla scottante questione della rappresentanza sindacale. In netta opposizione alla FIOM e alla sua decisione di presentare una legge di iniziativa popolare per una soluzione legislativa universalistica e almeno formalmente democratica, la Camusso perora la “via pattizia”, ovvero un accordo tra le parti —sullo stile di quello vergognoso del 20 dicembre 1993 che portò alla costituzione delle Rsu (vedi Il Sole 24 Ore di oggi)—, dunque peggiorativo di quello del 1993, nel senso che la democrazia sui posti di lavoro, già gravemente lesionata, sarebbe definitivamente seppellita. Per questo temiamo che la Camusso, ci farà vedere i sorci verdi, che sarà un Cavallo di Troia del Capitale.

Note:
(1) «La FIOM, per aver tenuto una posizione di rifiuto, è adesso sottoposta ad un fuoco di fila di accuse, alle quali fanno da sponda settori del PD e della stessa CGIL (vedi le dichiarazioni di Epifani). Ma cos’altro poteva fare la FIOM? Essa aveva in buona sostanza accetttato l’impianto di fondo neo-schiavistico del documento FIAT, accettandone gli obbietivi di fondo. Chiedeva una modifica del documento per rimuovere alcune clausole che implicano null’altro che la fine del sindacalismo, la sua sussunzione competa all’azienda, la sua definitiva e formale trasformazione in un organismo aziendale di controllo della forza lavoro. Una fascistizzazione soffice della burocrazia sindacale». 
(SE QUESTI SON “RIFORMISTI”, Sollevazione.blogspot.com 16 giugno)


image_pdfimage_print

3 pensieri su “CAMUSSO SEGRETARIA, SCONFITTA LA FIOM”

  1. Gibì dice:

    Condivido totalmente. Dentro la Cgil la situazione è, se possibile, peggiore di quanto descritto nell'articolo. E' da indagare meglio il ruolo di Landini e il suo posizionamento in SEL. Il 16 ottobre ha suscitato un movimento gigantesco di natura anticapitalista. La Fiom, e Landini per primo, se la sono fatta sotto! Ora stanno cercando di "rimediare".

  2. Rivoluzione Democratica dice:

    Non è che a FIOM sia un sindacato rivoluzionario. E'tuttavia una forma, per quanto degenere, di "sindacato di classe". Di qui la manifestazione del 16, che pare non abbia spostato un gran che in CGIL. Landini? Beh, che abbbia emarginato Cremaschi, e fatto la tessera di Vendla, qualcosa vorrà pur dire!? Un'alleanza politica di reciproca convenienza per soccombere al PD a testa alta…

  3. Roberto Villani dice:

    la situazione è pesante e la FIOM è sotto botta. Ma i lavoratori FIOM dovrebbero chiedere a gran voce lo sciopero generale a Landini, facendo sponda coi sindacati di base. Se il governo cade per mano dei lavoratori è un conto, se cade per le manovre di palazzo un altro (e per noi cambierebbe poco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.