Browse By

LA GUERRA LIBICA, LA RESISTENZA DEI LEALISTI, I ROVESCI DEGLI INSORTI

 528 total views,  4 views today


Un tank libico colpito dalla NATO


DUE DISFATTE
Cronaca e analisi militare del conflitto

Tutto ha inizio a Bengasi, tra il 15 e il 16 febbraio quando le forze di Gheddafi spararono su una pacifica manifestazione di protesta di migliaia di giovani. A causa della cruenta repressione, tutta la città insorge. La lotta diventa armata. I rivoltosi danno l’assalto alle caserme dell’esercito, impossessandosi delle poche armi in esse ammassate (le armi più moderne ce l’hanno solo le milizie che ubbidiscono direttamente al clan di Gheddafi). Alcuni reparti dell’esercito passano coi ribelli. In pochi giorni la rivolta si estende ad altre città. Bengasi viene liberata. Non passa una settimana che il regime passa alla controffensiva, sbaragliando gli insorti male armati e male organizzati. Il 19 marzo scatta l’attacco dei paesi NATO, Francia in primis.I lealisti vengono respinti mentre gli insorti riguadagnano terreno. 

I lealisti passano al contrattacco e martedì 29 marzo, approfittando di un rallentamento delle operazioni NATO, riguadagnano molto terreno e gli insorti battono in ritirata, lamentandosi dello scarso appoggio NATO.
Qui sotto segnaliamo ai lettori gli articoli di Guido Olimpio (uno che la sa lunga) sul Corriere della Sera, dal 23 febbraio ad oggi. Un diario di guerra parziale, ma utile per capire ciò che sta accadendo.



Portacarri dei lealisti

29 marzo
di Guido Olimpio

27 marzo
di Guido Olimpio

23 marzo
di Guido Olimpio

23 Marzo
di Guido Olimpio

21 marzo
di Guido Olimpio

lanciarazzi dei ribelli

20 marzo
di Guido Olimpio

14 Marzo
di Guido Olimpio

10 marzo
di Guido Olimpio

3 marzo
di Guido Olimpio

27 febbraio
26 febbraio
di Guido Olimpio
23 febbraio
di Guido Olimpio
di Guido Olimpio


image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.