Browse By

PERCHE’ E’ GIUSTO SPARARE SU VENDOLA

 565 total views,  4 views today

L’ultima mossa del Messia di Terlizzi

«Basta etichette stantie: anch’io voglio allargare all’Udc e so che il vecchio welfare non regge»


Qui sotto pubblichiamo un bell’articolo critico del “vendolismo”, non tanto in quanto corrente politica, poiché esso da questo punto di vista è un ectoplasma assoluto, ma come diabolico metodo per strappare consenso nell’Italia berlusconizzata. Alcuni ci chiedono perché noi di Sollevazione ce la prendiamo tanto con Vendola. Perché siete contro la sinistra? Per la ragione opposta: forse perché, venendo da sinistra, inconsciamente, vorremmo evitare che sprofondi per sempre nel baratro. E nel baratro ci finirà di sicuro se non si sbarazza prima possibile del Messia di Terlizzi. Dove voglia andare a parare il messia di Terlizzi, l’ha lasciato capire più volte, sempre tra le righe. Sul Corriere della Sera di ieri, concedendo l’ennesima intervista, lascia capire cosa sarebbe disposto a fare per il potere, per alimentare la sua vanagloria. La lettura è molto istruttiva: «NOI E IL PD IN UN NUOVO SOGGETTO POLITICO».

…………………….
SUL TRONO DELLA RETORICA

di G.P.

«La sinistra, dopo anni di epica ricerca, ha forse trovato il suo grande condottiero.

Poiché essa vive di parole la scelta non poteva che ricadere sul re delle iperboli verbali, sul sovrano degli aggettivi, sul presidente degli avverbi, sul gran maestro delle circonlocuzioni, sul signore delle metafore, sul monarca delle perifrasi, sul principe degli eufemismi nonché sull’acerrimo nemico dell’epitome, dell’ellissi e della concisione. Non che quest’ultime proprietà siano sempre positive, dipende dai temi e dal contesto, ma trattandosi di questa politica stracciona è come accendere una candela col lanciafiamme. 


Ma “Lui” intanto non conosce moderazione né limitazione. Il suo trono è la retorica, il suo scettro la demagogia, il suo abito regale la prolissità. Costui, in realtà, non parla ma decanta, non dichiara ma narra, non descrive ma favoleggia, il suo genere è epopeico, la sua mistica è letteraria, la sua fede è mitologica. Per chi non lo avesse ancora capito stiamo parlando del Governatore della Puglia Nicola Vendola, detto “Nichi” dagli amici vezzeggiatori ma anche dagli avversari diffamatori e sessualmente corretti. La descrizione più aderente del probabile candidato Premier del PD, nella prossima era che si annuncia post-berlusconiana, l’ha fornita Vittorio Macioce su Il Giornale ed è forse il caso di riprenderne qui alcuni tratti salienti. Come sostiene il citato giornalista il Vendolismo, aggiungo io malattia patetica del leaderismo, è “… questo mix di retorica, nostal gia, fede, popolo della Fiom, cattolicesimo, comunismo, ecologismo, glocalismo no global, zapaterismo molto più intelligente, berlusconi smo antiberlusconiano, me ridionalismo cinematografi co, monachesimo laico, Sud Sound System, tammurriata nera, una spruzzata di obamismo e il vecchio caro hard
core marxista e la fede atavica sulla fine del capitalismo…Vendola è un romanzo, un’autobiografia, una parabola…un predicatore, un venditore di vangeli”.

Ma il vendolismo, attenti a non confondere piani e proiezioni, è più propriamente una sublimazione del berlusconismo e non la sua antitesi irriducibile. Vendola è un Berlusconi in salsa rosa, un arcorese di Terlizzi, un brianzolo del tavoliere, un pubblicitario senza doppiopetto, un venditore porta a porta di utopie, un mercante levantino senza capitali in Svizzera. Uno che passa da Marx alla Madonna con la stessa nonchalance con la quale il suo precursore vivente salta da una escort ad una subrettina. A ciascuno il suo modo di procurasi piacere. L’unica vera differenza tra i due sta nel fatto che il primo parla al cuore ed il secondo alla pancia. Questione di platee e di appartenenze. Ed è qui che Vendola si distanzia da Berlusconi più per necessità che per volontà. Le Platee di destra preferiscono ascoltare i rumori ventrali, quelle della sinistra i palpiti cardiaci. Sia in un caso che nell’altro il cervello non prende posizione e si rintana nel sonno della ragione. Questo è solo l’ennesimo salto dequalificante che farà la politica nostrana nel prossimo futuro mentre intorno tutto continuerà ad andare inesorabilmente a rotoli. 

Sicuramente domani sarà anche peggio di oggi sia perchè il pugliese si metterà alla testa di forze di governo ancor più reazionarie ed antinazionali di quelle attuali, sia perché quando gli imbonitori occupano interamente la scena sociale significa che la ciccia è già finita e non restano che le ossa da spolpare. Soprattutto quelle dei poveri cristi e dei creduloni i quali sono sempre i primi a cadere nella trappola dei sogni predisposta dai dritti che parlano all’anima e alla coscienza per fottere loro le poche briciole rimaste. Il vendolismo, degenerazione intellettualoide del berlusconismo, sarà l’ultima parabola discendente di uno Stato in panne e politicamente a terra».

image_pdfimage_print

Un pensiero su “PERCHE’ E’ GIUSTO SPARARE SU VENDOLA”

  1. la congiura degli eguali dice:

    voglio assolutamente essere pedante, noioso, ripetitivo, vetero comunista, idealista illuso, scolastico leninista antiquato, superato dalla storia che piace narrare la borghesia finanziaria capitalista, voglio assolutamente essere non all'altezza dei tempi moderni che si stanno disvelando essere simili a quelli del film di charlot; ma voglio ripetere all'infinito la litania: che il berlusconi delle puglie, anzi la contro figura del rais di arcore, il vate del sud che simboleggia il parassitismo della politica, e che per compiacere alle bande criminali ladrone e cilatrone della borghesia, è disposto a sacrificare il già sgangherato walfer, ebbene questo poeta che parla al cuore per addormentare i cervelli, non è altro che un rinnegato ed un agente della borghesia in seno al movimento dei lavoratori; si sono assolutamente antiquato, ma sono due appellativi che ben fotografano il profeta dello scissionismo, la cui missione è quella di soffocare qualsiasi organizzazione si richiami al comunismo ed agli ideali del movimento operaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.