Browse By

IERI IN TUNISIA OGGI IN GRECIA

 468 total views,  2 views today

L’uomo si cosparge di benzina..

UN COMMERCIANTE SI DA FUOCO…
… perché la banca rifiuta di rinegoziare il suo mutuo


Tutte le foto*


Il 17 dicembre del 2010 Mohammed Bouazizi, un giovane e poverissimo ambulante tunisino, esasperato per le angherie della polizia locale (Sidi Bouzid) che gli evava fatto rimuovere il chiosco che gli forminiva le poche risorse con cui tirava a campare, decise di darsi fuoco davanti alla Prefettura.Fu la scintilla che diede fuoco alle praterie arabe.

Ieri, a Salonicco, un uomo di 55 anni, si è dato fuoco davanti alla filiale della banca, il cui direttore aveva respinto la sua richiesta di rinegoziazione del suo debito. Era armato di un megafono, con cui denunciava ai passanti la sua situazione disperata, e di una tanica di benzina. Che ad un certo punto ha utilizzato, cospargendosi di liquido e dandosi fuoco. La polizia è subito intervenuta, salvandogli la vita, ma senza evitare che l’uomo si procurasse ustioni di primo grado su tutto il corpo.

… e si da fuoco



E’ il segno della situazione drammatica del popolo greco, di quanto la crisi del capitalismo colpisca duramente, non solo i lavoratori salariati, ma la stessa piccola borghesia, che in Grecia ha sempre votato tradizionalmente a destra, ma che adesso sostiene, come tutta la sinistra, la cancellazione del debito e l’uscita dall’euro.
Il tentativo di suicidio è però anche il segno che questa stessa sinistra, a causa delle sue profonde divisioni e dei settarismi incrociati (vedi il nostro articolo dell’altro ieri sulla posizione del partito comunista di Grecia), non riesce a costituire una vera ed efficace alternativa al governo Papandreu.
E’ un avvertimento anche a noi italiani.



Con una crisi destinata ad aggravarsi e un clamoroso sfascio politico e istituzionale, senza una sollevazione popolare che cacci la casta dei politicanti di tutte le risme (tutti devoti al Dio euro e rispettosi, tutti, della rito del debito pubblico), il paese potrebbe precipitare nell’abisso. A quel punto milioni di cittadini saranno gettati sul lastrico e nella diesperazione. E dalla disperazione non nasce mai nulla di buono.


Diamoci da fare
22-23 ottobre
assemblea nazionale



* Fonte: zerohedge
ripreso da  comedonchisciotte

image_pdfimage_print

3 pensieri su “IERI IN TUNISIA OGGI IN GRECIA”

  1. Anonimo dice:

    si può capire benissimo che questi gesti sono fatti in preda ad uno stato psicologico devastato,…sarebbe stato molto meglio che quella tanica di benzina finisse direttamente dentro gli sportelli della banca,magari dopo aver fatto uscire i clienti ed aver svuotato le cassette col denaro…il comunismo si costruisce nella lotta per strada,giorno per giorno….il tempo delle parole è finito!! unità 17

  2. redazione dice:

    Certo, chi ha un'alta coscienza politica, non si da fuoco.Ma è sintomatico che il cittadino greco abbia mutuato il gesto del tunisino Bouazizi, che ha messo in moto un'onda che i comunisti tunisini che erano sulla scena da sempre, nemmeno si sognavano, Attento alla spocchia: le vie del Signore sono in finite, e la storia segue corsi imprevisti.

  3. Anonimo dice:

    No,nessuna spocchia…è solo una constatazione dovuta al sentire comune del nostro popolo…è dovere di noi comunisti,antimperialisti o semplicemente dei sinceri democratici evitare che qui in italia,dei poveri cristi si diano fuoco o quant'altro; e quindi, di conseguenza cercare di dare delle direttrici con una valenza "insorgente" che sia propositiva alla causa rivoluzionaria…certo,è vero,la storia segue corsi imprevisti,ma mettiamo il caso che tra poco anche qui in italia qualcuno segue l'esempio del tunisino e del greco,si pensa davvero che si possa avviare un percorso rivoluzionario?…inoltre, è da innoridire al pensiero che bisogna aspettare un gesto autolesionistico per poter partire verso la rivoluzione. unità 17

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.