Browse By

15 OTTOBRE 2011 ROMA

 485 total views,  2 views today

Roma, 1 ottobre, l’affollata assemblea che ha dato
vita al blocco NOI IL DEBITO NON LO PAGHIAMO

«Non finiremo a Piazza San Giovanni»


di Campo Antimperialista*

Riceviamo e diffondiamo
Fervono oramai gli ultimi preparativi per la manifestazione del 15 ottobre. Le compagne e i compagni di Rivoluzione Democratica saranno a fianco del blocco del 1 ottobre, dietro allo striscione NOI IL DEBITO NON LO PAGHIAMO! Nata sotto la buona stella degli indignati spagnoli la manifestazione rischia di diventare una sfilata tradizionale, innocua e, quel che è peggio, funzionale ad alcuni per portare, magari di sponda, l’indignazione sociale nell’alveo del centro-sinistra. Contro questa deriva Atenei in Rivolta, Roma bene comune e molti altri organismi popolari parte del blocco NOI IL DEBITO NON LO PAGHIAMO, hanno deciso di allestire un presidio di tende permanenti all’altezza dio Via dei Fori imperiali. Decisione saggia e giusta. Noi saremo con loro.
«Sin dall’inizio abbiamo salutato la proposta degli Indignati spagnoli di fare del 15 ottobre una giornata di proteste generale. Essa rispondeva a tre esigenze: affermare un secco no a tutte le misure antipopolari di austerità adottate dalla Ue e dai governi nazionali, estendere e unificare a scala continentale le proteste sociali, costruire un movimento sociale indipendente sia dalle istituzioni che da partiti ormai falliti.

Ma i morti allungano le mani sui vivi. Per quanto compromessi e screditati, gli apparati dei partiti di sinistra, stanno tentando in ogni modo di depotenziare la protesta sociale, di domarla, sia per trarne vantaggi elettorali che in vista dei loro intrallazzi istituzionali.

Ciò facendo essi non solo tradiscono lo spirito degli indignati spagnoli — i quali, non dimentichiamolo, scesero in piazza per boicottare la rituale manfrina elettorale—, essi disattendono il sacrosanto spirito di protesta dei tanti che scenderanno in piazza a Roma il 15 ottobre. Con loro noi diciamo no alla desueta liturgia del corteo, destinato a spegnersi in Piazza S. Giovanni con tarallucci, vino e consueto corollario dei discorsetti demagogici dei presunti capipopolo.

Coi tanti che scenderanno in piazza il 15 ottobre, noi dichiariamo che occorre farla finita con liturgie antiche, che invece di dare forza al protagonismo popolare lo pregiudicano; che invece di fare coraggio ai giovani, li deprimono e li allontano dalla politica attiva.

No, coi tanti non accetteremo di fare i gregari dei politicanti per tirare loro la volata elettorale, di essere usati come massa di manovra delle loro trame governiste. Li abbiamo già visti all’opera in due occasioni. Ci è bastato.

Quindi, pur partecipando alla manifestazione, noi non saremo tra quelli che parteciperanno alla triste cerimonia di Piazza S. Giovanni. Un modo per finire in bellezza lo si troverà, assieme, ne siamo sicuri, a gran parte dei manifestanti.

L’accusa di “avventurismo” la rispediamo al mittente. Avventuristi sono proprio coloro che pretendono, dentro una crisi gravissima come quella che attraversa questo sistema, di potere trattare il potente movimento che va nascendo, come una tigre da cavalcare e ammansire. Così facendo, sono proprio questi politicanti a spingere la rabbia sacrosanta verso esiti avventuristici e perdenti.

Raccogliere davvero l’indignazione popolare significa promuovere e ben organizzare un assedio non violento e permanente ai palazzi del potere, dove sono asserragliati i comitati d’affari del grande capitale finanziario, bancario e speculativo globale, responsabili della catastrofe sociale imminente. Anche per questa ragione gli antimperialisti faranno il corteo con il blocco del primo ottobre.

Noi il 15 non ce ne andiamo!
Né Berlusconi né governo dei banchieri!
Fuori dal debito e Fuori dall’euro per uscire dalla crisi!»


10 ottobre 2011
Diamoci da fare
22-23 ottobre
assemblea nazionale

* Fonte: Campo Antimperialista

image_pdfimage_print

4 pensieri su “15 OTTOBRE 2011 ROMA”

  1. Anonimo dice:

    "Finire in bellezza"? Che cosa volete finire? Il 15 ottobre si comincia e non si finisce nulla! Ditelo chiaro se avete intenzione di farci massacrare dalla polizia, altrimenti: olio di gomito e cominciamo da Piazza San Giovanni.Un insegnante.

  2. redazione dice:

    caro Anonimo, leggi più attentamente quanto detto: "assedio non violento dei centri di potere", proprio come gli indignati in Spagna, o a New York…Riccardo Di Palma ha detto…Come si conciliano la sollevazione popolare con la lettera a napolitano?Pessima scelta la letterina. La dice lunga sul fatto che non sia ben chiaro il ruolo delle istituzioni nella partita in gioco. Il tempo delle "illusioni" istituzionali è finito. O si sta col popolo o si sta col potere. O si lavora per la sollevazione o ci si appella (inutilmente) alle istituzioni. Ritengo la linea di demarcazione debba esser tracciata in modo netto e senza sconfinamenti. Definitivamente!

  3. Anonimo dice:

    Ok, assedio non violento dei centri di potere, mi sta benissimo.Oggi,però, alla manifestazione, di questo assedio non s'è vista traccia.S'è visto, in maniera eclatante, un assedio a chi è contro la BCE, da parte della polizia e di strani individui con casco in testa che ci provavano gusto a bruciare cassonetti, automobili, negozi, vetrine di banche, picchiando anche i manifestanti antibce.Se siete d'accordo con questa sommaria analisi, vi dico bravi! ( per quello che vale), altrimenti, scrivetelo chiaramente.

  4. redazione dice:

    Caro lettore, una risposta l'abbiamo data nell'articolo "Tanto tuonò che piove". Se l'assedio non violento ai palazzi non c'è stato è perché il percorso del corteo negoziato con la questura da parte dei promotori ufficiali è stato deviato in una zona morta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.