Browse By

CHI È FASCISTA QUI?

 609 total views,  2 views today

Il manettaro

15 ottobre: Di Pietro invoca il pugno di ferro

Ne abbiamo sentite di tutti i colori sulla manifestazione del 15 ottobre, a cominciare da certi manifestanti i quali, pensate un po’, davano del “fascista” a chi spaccava vetrate di banche e agenzie interinali. Sui cosiddetti “social network” è in atto una vera e propria offensiva contro chi, pur con modalità esecrabili, è ricorso all’uso della violenza. Prendendo a pretesto i pochi  gesti davvero demenziali, si dimentica che il grosso della battaglia è stato per cacciare le forze dell’ordine da P.zza S. Giovanni, dove la manifestazione doveva concludersi. Si tratta in gran parte di sinistrati, di diversi dirigenti o rappresentanti dei partiti come Sel, del PdCI, e anche di Rifondazione, della CGIL, che chiamano gli organi dello Stato a perseguire e a punire i giovani rivoltosi. Ci sono poi coloro, siamo alle solite, che parlano di “complotto” e sparano a destra e a manca foto che mostrerebbero che nei tumulti c’erano poliziotti infiltrati.
L’incapacità di capire le ragioni della rabbia, giunge a livelli smisurati, ai limiti della refrattarietà. Di qui gli appelli aperti alla delazione.

Di Pietro ha superato tutti quanti. All’agenzia ADNkronos ha dichiarato:
«Contro l’emergenza ci vuole una legge Reale 2. ‘Vanno previste nuove figure di reato legate proprio alle manifestazioni, vanno aumentate le pene per i reati già previsti, vanno allargati i tempi di fermo e arresto, vanno previsti riti per direttissima».


Queste affermazioni del manettaro fascitoide Di Pietro Antonio a noi non stupiscono, e chi ci segue lo sa. Tuttavia sono di una gravità inaudita, visto che nemmeno Maroni o il sottosegretario Mantovano si sono spinti tanto oltre. Di Pietro è giunto ad invocare una legge Reale bis, come se non bastasse quella che c’è, come se non bastasse una legislazione d ’emergenza, figlia del conflitto degli anni settanta, che mai è stata abolita.

Che queste sue dichiarazioni siano di monito ai tanti che ritengono l’Idv un partito “democratico” o “di sinistra”, solo perché è il più acerrimo nemico di Berlusconi. Le sue parole sono un avviso a tutti coloro che in caso di elezioni voteranno, in nome dell’antiberlusconismo, una coalizione che, in caso di vittoria, avrà i dipietristi come ministri —e magari Di Pietro Ministro dell’Interno. 

Dichiarazioni che mettendo a nudo questo signore come primo tra i sicofanti, dovrebbero far riflettere anzitutto partiti come Sel e Rifondazione, che fanno a gara per stringersi alleanze. Se fossero gente seria, democratici come dicono (comunisti lo erano nei tempi che furono) Vendola, Ferrero o Diliberto, dovrebbero biasimare il manettaro non meno di quanto hanno fatto coi “violenti”.

Comunque se Di Pietro voleva inviare un messaggio rassicurante alle classi dominanti, alle banche e all’alta finanza (e ai poliziotti) che se lui va al governo i loro interessi saranno tutelati con ogni mezzo, sappia egli che il suo messaggio è arrivato anche da quest’altra parte. L’opposizione sociale prenderà la sue contromisure e caccerà ogni esponente Idv dalle sua fila, come sabato ha fatto col venduto Pannella.


image_pdfimage_print

9 pensieri su “CHI È FASCISTA QUI?”

  1. Anonimo dice:

    "di Corrado Belli La Grecia è stata svenduta ai Banchieri, i banchieri vogliono essere serviti e protetti, Brussel soddisfa le loro richieste e manda come risposta alle manifestazioni che da mesi si susseguono nelle piazze la Famigerata Gendarmeria Europea = EUROGENDFOR. Questa è la prima missione che viene fatta (Ufficialmente) dalla gendarmeria Europea, era chiaro che prima o poi doveva essere messa alla prova per constatare la sua capacità in azione e quale sia la sua efficienza nel massacrare i cittadini Europei nel momento in cui chiedono i loro diritti fondamentali, questi "super man" sono stati formati su richiesta di alcuni stati della UE: Francia, Italia, Portogallo, Spagna e Olanda, da alcuni mesi anche la Romania fa parte di questa EGF “European Gendarmerie Forces”, il Quartiere Generale si trova a Vicenza nella Caserma “Generale Chinotto”, può essere usata come truppa Ausiliare per la NATO, UNO e OSZE, principalmente è attiva negli stati della UE che ne fanno richiesta in caso di sommossa….."Meglio prendersela con DiPietro? direi di no.

  2. Anonimo dice:

    Purtroppo gente molto più a sinistra di Di Pietro ha fatto di peggio. Basta pensare a quello che hanno fatto i cobas prima del corteo (facendo "cordone" con sel e cgil perché si evitasse di protestare sotto i palazzi del potetre), ma soprattutto durante lo stesso: il camion dei cobas ha dato dei "fascisti" agli anarchici e i media parlano di militanti dei cobas che aggrediscono i rivoltosi e ne consegnano tre alla polizia. Auspico che Bernocchi prenda le distanze (dai suoi) e rettifichi prima di Sabato a Chianciano.Uno che ci sarà

  3. Anonimo dice:

    che di pietro sia uno sbirro penso sia ormai cosa nota ai più…

  4. Plasma Solitario dice:

    Francamente, io mi auguro solo che questi facinorosi vengano assicurati alle forze dell'ordine e che, finalmente, si riesca a capire che costoro devono stare in carcere per più di tre anni (altrimenti, possono patteggiare e non andare in gattabuia) e devono essere condannati a risarcire non solo le vittime che hanno subito violenza, ma anche il comune di Roma che ora si trova con 1,6 Milioni di Euro di danni da pagare, per non parlare di onesta gente che si è vista la macchina distrutta o incendiata.Ps1: Di Pietro sta "a sinistra" solo perché è antiberlusconiano, ma il suo programma ha ben poco di sinistra. Tant'è che pure Travaglio, che è un convinto elettore di Di Pietro, si è sempre definito di destra ed ha sottolineato, tempo fa, che lui a Vendola non lascerebbe amministrare nemmeno il condominio di casa sua (nemmeno io, se è per questo).Ps2: sono un elettore dell'IdV, ma ammetto che questa Tonino se la poteva proprio risparmiare.Ps3: mi scuso per questa intrusione e per questo commento lungo, ma mi sono sentito "chiamato in causa".

  5. Anonimo dice:

    @Plasma SolitarioAsserisci che il tuo caro Tonino questa se la poteva risparmiare, tuinvece auguri…Per quanto mi riguarda non sei per niente scusato. Il tuo Toninuccioalmeno è coerente.@autore articolo (redazione?)La risposta al vostro quesito la trovate nel sottotitolo della foto.Mi stupisco del vostro stupore sulla serietà di tal'altri elementi.antonio.

  6. redazione dice:

    Sì, l'autore dell'articolo su Di Pietro è di uno della redazione

  7. Bastian Contrario dice:

    La solita boiata per accaparrarsi qualche voto in più.L'Eurogendfor del primo commento è veramente inquietante.Comunque, il fatto che molti elettori "di sinistra" considerino Di Pietro un potenziale loro eletto e Travaglio un guru può indicare due possibilità: o gli elettori dei partiti, oppure gli stessi partiti, non sono di "sinistra".

  8. Plasma Solitario dice:

    Non credo di aver peccato di incoerenza, tutt'altro. E non credo che augurarsi che chi ha incendiato e/o spaccato finisca in galera e paghi (in termini di carcere e di soldi) sia sinonimo d'essere "fascisti" e/o guerrafondai.

  9. redazione dice:

    Non siamo abituati a censurare i post. In due anni è successo una volta sola, con un lettore che inviò un messaggio provocatorio pieno di insulti e parolacce. Confessiamo che ci verrebbe voglia di cassare il post di "plasma solitario" delle 20:25 del 17/10. La sua non è solo un'opinione diversa e opposta a quella nostra, è un'invito squallido alla delazione, un appello vergognoso a mettere in galera dei giovani, alcuni dei quali (alcuni) hanno compiuto cazzate. C'è sotto un disprezzo sbirresco e perbenista, lo stesso che nutriamo noi verso gli sbirri e la cosiddetta "gente per bene".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.