Browse By

IL DELIRIO DI MARIO MONTI

 568 total views,  2 views today

AVVERTENZA AI LETTORI: YOU TUBE SCRIVE CHE «questo video è stato rimosso dall’utente», cioè fatto togliere da Monti medesimo. E ti credo! Cercheremo di recuperarlo in qualche modo…. 
[RIPESCATO!!!! in rete, aggirata la censura montiana]


UN VENDUTO ALLA STRANIERO O UN EURO-FANATICO?


di Stefano D’Andrea*


Commentando un recente articolo pubblicato su Appello al Popolo, abbiamo discusso se Mario Monti sia in mala fede o in buona fede. Se sia chiaramente un traditore della patria e un venduto ovvero se sia semplicemente un fanatico.

Io non ho dubbi che le cose stiano nel secondo senso. Egli è convinto, come Giavazzi, Alesina, Tabellini e altri che sia giusto e sacrosanto che gli Stati siano sottoposti al giudizio dei mercati, in modo che l’organizzazione degli stati diventi sempre più efficiente.

E’ proprio il fanatismo che consente a Monti di lodare “le due importanti riforme dovute a Maria Stella Gelmini e Sergio Marchionne” e di asserire che “Grazie alla loro determinazione verrà un po’ ridotto l’handicap dell’Italia nel formare studenti, nel fare ricerca, nel fabbricare automobili“. [Corriere della sera, 2 gennaio 2011]

Il video che offro in visione dimostra inoppugnabilmente che Monti è un fanatico che delira. E’ semplicemente uno dei capi di una setta di fanatici che da oltre venti anni diffonde il peggior oscurantismo mai apparso sulla terra. Sono i fanatici dell’efficienza, della stabilità, della omogeneità, del rigore, della concorrenza, del globalismo, dei mercati finanziari; i quali diffondono i loro disvalori dall’alto degli elicotteri che utilizzano per muoversi e delle cattedre che ingiustamente hanno conquistate, quando avrebbero bisogno di conventi nei quali meditare o, nei casi più gravi, di campi di rieducazione statali (con trattamento ispirato ai “diritti umani”, sia chiaro).

Il video dura soltanto quarantacinque secondi. Dopo averlo visto chi potrà mai negare che si tratta di un fanatico delirante?


image_pdfimage_print

13 pensieri su “IL DELIRIO DI MARIO MONTI”

  1. Anonimo dice:

    Hai ragione:Ê un pazzo.

  2. Anonimo dice:

    questa è pazzia.

  3. Claudio dice:

    E' una persona da aiutare.

  4. Anonimo dice:

    E' anche peggio di quanto pensassi (e ce ne vuole…).Ma certamente é anche in malafede, come Draghi, Napolitano e gli altri vampiri che ci succhiano il sangue.Se avessi un capitale lo investirei in una fabbrica di ghigliottine…

  5. Anonimo dice:

    ce da mmazzalli tutti >>io sono per una reazione concreta e decisa … …a colpi di fucile!!! scusate il pensiero a ..voce alta . firmato il buono

  6. Anonimo dice:

    Esagerati! E' "solo" uno che rema nella direzione delgruppo a cui appartiene. Tutto qua, come sempre.

  7. Anonimo dice:

    Sono semplicemente delle belve dal volto umano, che non hanno capito ancora che l'ancient regime è collassato per colpa loro.Monti somiglia sempre più a Turgot, il tecnocrate che era ricorso a sotterfugi per salvare la monarchia capetingia.Bellaciao

  8. Anonimo dice:

    Bellaciao: Allora speriamo che i suoi "referenti" facciano la fine della monarchia capetingia!

  9. corrado-jeli dice:

    Salve. Il video che avete postato è stato rimosso.Ma c'è la puntata integrale sul canale di La7:http://www.youtube.com/watch?v=mfk65-7o7-c&feature=sh_e_se&list=SL

  10. Anonimo dice:

    perchè non racconta ste fregnacce al popolo greco e vediamo cosa gli rispondono e che badili usano????

  11. Alberto Bagnai dice:

    Per me la vera chicca è l'allusione al "grande sacrificio" che la Germania avrebbe fatto rinunciando al marco! Impagabile. Ha ragione Krugman: http://www.nytimes.com/2011/11/21/opinion/boring-cruel-euro-romantics.html?_r=1.

  12. Anonimo dice:

    Le ultime parole famose

  13. Giuseppe Podeschi dice:

    Non so se a spingermi e' l'invidia, ma sono pochi quelli che meritano i posti di responsabilità che occupano e i loro luminosi stipendi! Monti ne e' il prototipo. Non mi interessa sapere se ci e' o ci fa. Chi non riesce a capire che il nostro problema sono gli enormi interessi sul debito accumulato per un 50% del medesimo in 20 anni di finanza pubblica virtuosa in cui abbiamo sempre mantenuto un avanzo primario, grazie alle continue manovre che hanno portato la tassazione a lambire il 60% del reddito. Ora non ce la facciamo più. Le colpe di tutto questo sono ben distribuite: la ritardata riforma delle pensioni, se solo si fosse passati nel 95 (riforma Dini) al contributivo per tutti, con tetto per i dipendenti pubblici para pubblici ecc. Senza limite di età ci saremmo risparmiati una montagna di miliardi e avremmo fatto una vera opera di equità evitando, come succede anche ora che i poveri paghino le pensioni ai ricchi. Non possiamo permetterci una sanità che curi gratis tutto il mondo e chi paga i contributi debba ripagarsela nuovamente. Non possiamo permetterci una magistratura che sistematicamente sabota gli interessi nazionali. Non possiamo permetterci una burocrazia autoreferenziale e vessatoria che non si chiede mai da dove venga il suo stipendio. Non ci possiamo permettere una classe politica che trova nella complicazione anche delle cose più semplici, la sua ragion d'essere. Ora non possiamo più permetterci di rimanere in Europa con queste clausole vessatorie. Nel 2012 e' notizia di come oggi, abbiamo aumentato il debito di 40 miliardi, ne abbiamo pagati per il famigerato fondo salva stati 45, + 90 per interessi sul debito pubblico, conviene fare un inciso: la Germania con debito analogo ne ha pagati forse 10, mentre il fondo salva stati e' servito per pagare le obbligazioni in scadenza presso i paesi in difficoltà emesse da banche tedesche e francesi! Perché l'Italia non trova solidarietà presso i paesi che hanno problemi analoghi ai nostri? Mi sono dato questa risposta: la Germania opera verso i paesi minori dell'Europa, una politica imperialista molto sofisticata, infatti girando per questi paesi, si vedono in atto molte imprese tedesche che eseguono opere pubbliche, autostrade,ferrovie, metropolitane, grandi magazzini ecc. Ovviamente finanziati dal potente protettore che tiene ben in mano la classe politica di quei paesi. Quando poi non sono in grado di restituire i debiti, come per le opere olimpiche di Grecia, si inventa il fondo salva stati e si chiama l'Italia a pagare e il nostro Monti, dopo aver firmato l'assegno si sente uno statista realizzato che ha ridato dignità all' Italia. Auguri!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *