Browse By

PER UNA MONETA DEL POPOLO

 524 total views,  2 views today

La soluzione auritiana

di Luciano Garofoli

Riceviamo e pubblichiamo
Come il vostro Appello al Popolo anche questo MANIFESTO si rivolge a quelle persone pulite, indignate, schifate, a ancora con un minimo di DIGNITA’ umana e la voglia di lottare per dare un ben servito a tutti i Bnaksters del mondo uniti dallo stesso intento: concentrare tutta la ricchezza del pianeta in “mani forti e sicure” ovviamente le loro. Poi abbassare il numero delle persone a 500 milioni così le “risorse” basterebbero per tutti! Quindi siamo altro che i deportati nei campi nazisti: quelli avevano almeno il senso tragico di quello che li aspettava: noi balliamo allegramente sul ponte di un Titanic che affonda!

1 CREAZIONE DI UN’UNICA GRANDE FORZA:

polare, nazionale e decisa a spazzare via tutti questi parassiti, che permetta alla gente di vivere con dignità e sicurezza. Chi la compone sta forza? Tutte quelle persone che , presa coscienza della gravità dell’ora storica che viviamo, si sentono dentro la voglia di buttare il cuore al di là della barricata, di impegnarsi per un obiettivo preciso. Che hanno voglia e credono ancora nella politica e che essa sia superiore alla economia che questa è solo un mezzo e non un fine e tanto meno uno strumento di soggiogamento e sfruttamento dei popoli e delle nazioni. Da che parte militano: non importa, la vera discriminante è la loro BUONA FEDE e la loro ONESTA’? La vera ricchezza di un popolo è la sua ONESTA’ diceva un eretico poeta americano!

2 RIFIUTO IMMEDIATO DEL DEBITO SOVRANO:

questo è un fardello che non possiamo più portare. Per di più esso è stato fatto, in modo fraudolento, dai grandi speculatori mondiali, dai signori del denaro i quali speculando sul lavoro della gente ed alzando in modo usuraio gli interessi ed applicando il composto di interesse (interesse su interesse)hanno ingigantito questo debito. Adesso vi dico: a livello internazionale uno stato che non paghi il proprio debito, non può essere soggetto ad un’azione di pignoramento: forse sarebbe possibile venirci a sequestrare, che so, il Colosseo o la Galleria degli Uffizi con tutti suoi quadri? Ma quante altre nazioni seguirebbero l’esempio dell’Italia settima o sesta potenza industriale del mondo? Le banche speculative fallirebbero: e sarebbe la salvezza di tutta l’umanità!!!

3 CREAZIONE DU I UNA MONETA PROPRIETA’DEL POPOLO:

quella emessa fino ad ora da qualsiasi Banca Centrale è una moneta debito, cioè immessa nel circuito solo prestandola: o allo stato che dà alla Banca Centrale suoi titoli a scadenza (BOT; CCT BTP)o ad altre banche che, per rifornirsi di denaro liquido, danno alla Banca Centrale degli effetti (cambiali, tratte, ricevute bancarie solvibili) a scadenza sicura e pagano per questo servizio un interesse: il Tasso di sconto! A Loro volta le banche prestano questo denaro ai privati che pagano altri interessi!! BASTA! LO stato emetta moneta in base al PIL, tolga quello che gli serve per pagare le sue esigenze (stipendi, opere pubbliche): niente più evasione, niente più tasse niente più debiti! Quanta ricchezza andrebbe liberata per l’economia reale, i posti di lavoro, la ricerca , l’Università e la scuola?

4 CREAZIONE DIUN’AREA DI SCAMBIO PARITARIA A LIVELLO INTERNAZIONALE: formata d aquegli stati disposti a seguire le stesse regole nostre dovunque siano, in Europa in particolare (Spagna, Grecia, Portogallo, Inghilterra , Norvegia, Danimarca, Russia) le multinazionali che volessero vendere nel territorio di queste nazioni dovrebbero costruire le fabbriche in quegli stati: tariffe ed agevolazioni di libero scambio al suo interno, DAZI DOGANALI per i prodotti fatti all’estero ed importati dove i salari sono da sfruttamento e da fame.

Utopia? NO ASSOLUTAMENTE basta solo il coraggio civile e la fiducia nelle possibilità e nel “genio” del proprio popolo ed essere guidati da gente in buona fede ed onesta in concordia e senza più lotte provocate dal grande capitale apolide e usuraio!

NO alle MULTINAZIONALI CRIMINALI! NO ALLE BANCHE DA RAPINA!SI- AL LAVORO ED AI DIRITTI ED DIGNITA? UMANA!


image_pdfimage_print

15 pensieri su “PER UNA MONETA DEL POPOLO”

  1. Anonimo dice:

    I nostri padri hanno lottato per lasciare ai propri figli una Nazione LIBERA E DEMOCRATICA.Ora con l'inganno e il ricatto vogliono cancellare tutto quello che è stato costruito, dobbiamo unirci e come in passato combattere per i nostri figli. Nulla può contro la rabbia montata sulle ingiustizie e la storia insegna.

  2. Anonimo dice:

    Pessimo

  3. Ciro Imperato dice:

    E no, il fascista Giacinto Auriti no!

  4. Anonimo dice:

    E' possibile chiedere ai commentatori di motivare i loro giudizi ("Pessimo") e di contestare il merito degli articoli e non l'origine di un'idea (nemmeno sapevo che Auriti fosse Fascista. Tuttavia non escluderei che una idea avuta da un fascista – idea non imperialista, non sessista e non razzista – possa essere buona. Le idee presuppongo o l'intelligenza e spesso lo studio e la disciplina nello studio. E' assurdo credere che una persona, siccome di sinistra possa avere una idea giusta; mentre un'altra, siccome di destra, non possa averla. Critichiamo pure l'idea di Auriti. Ma critichiamo l'idea in sé, non la provenienza da una persona che è stata fascista.

  5. matteo innocenti dice:

    Non voglio entrare nel merito della questione annosa del signoraggio o della sovranità monetaria.A me risulta sussistere la sovranità monetaria quando uno Stato è proprietario della moneta che spende,e la spende prima che la banca crei ,materialmente o elettronicamente,quel denaro.

  6. matteo innocenti dice:

    Voglio aggiungere che l'idea mi sembra del tutto apprezzabile,per la bontà delle intenzioni e l'appello all'unità.Molto preoccupante mi pare invece la reazione di Ciro Imperato,e di tutti quelli che la pensano come lui:in questo modo la BCE,il Bilderberg,la Trilaterale,il WTO ecc.possono dormire tra quattro cuscini per i prossimi mille annu

  7. redazione dice:

    Non pensiamo che la scienza sia neutrale, cioè si libri al si sopra della realtà sociale, dei suoi conflitti, della passioni civili. Ciò è tanto più vero se si tratta di scienze che afferiscono alla società. Ogni scienziato ha una sua visione del mondo, che lo ammetta o lo neghi. Ogni scienza ha tuttavia un suo rigore, logico e metodologico. La storia, da quella antica a quella moderna, da Pitagora a Francis Crick, è piena di scopritori dalle idee sociali reazionarie. Il fatto delle loro concezioni politiche conservatrici non inficiava per questo il valore delle loro scoperte scientifiche. A meno di non voler tornare a quella follia che fu lo zdanovismo, per cui c'era una biologia stalinista, una astrofisica stalinista, una psicanalisi stalinista, come le sole valide, e via dicendo. Che l'Auriti sia stato un fascista è a noi noto, quanto agli auritiani che questa redazione è di opposte idee politiche. Ciò non ci autorizza a fare spallucce sulla sua teoria della moneta-debito. Se un fascista afferma che la terra è rotonda non è che per riflesso condizionato (antifascista) dobbiamo dire che è piatta. Chi scrive ritiene che la teoria della moneta esposta così brillantemente da Carlo Marx nei Grundrisse, sia quella scientificamente corretta, mentre quella di Auriti (signoraggio) sia zoppicante. E su questo torneremo ma, appunto, in maniera rigorosa, non scagliando puerili anatemi.Nb. E' la teoria della moneta di Auriti ideologicamente fascista? Non ci pare. E' piuttosto prossima, ideologicamente parlando, alle idee dei socialisti utopisti e di certo anarchismo alla Proudhon.M.P.

  8. Anonimo dice:

    Scusa caro Pasquinelli, non importa se uno è fascista o comunista in questo caso. Importano le competenze scientifiche, appunto. E Auriti ne aveva ben poche in economia (si occupava di diritto). Inoltre con i suoi errori di analisi (dovuti a mancanza di rigore scientifico, appunto) ha contribuito in maniera determinante alla diffusione della bufala signoraggista.Ora, date le evidenti e significative carenze della teoria di un dilettante come Auriti, non sarebbe più interessante (e più UTILE, almeno in una scala di priorità sensate) dare spazio a teorie rigorose e scientifiche promosse da vere scuole economiche, da veri esperti di economia, e su quelle aprire il dibattito? Io tempo fa vi avevo segnalato un articolo dell'accademico americano Randall Wray, scuola post-keynesiana. Ma no, neanche ve lo siete filato! Le teorie di una prestigiosa scuola americana (postate senza sosta da Paolo Barnard e Come Don Chisciotte, in tutte le salse) non meritano neanche di essere prese in considerazione! Figuriamoci. Invece adesso ci proponete la fondamentale teoria del premio Nobel degli sconosciuti mondiali Auriti, uno che credeva che le banche centrali si intascassero miliardi col signoraggio! Un vero scienziato…L'unica menzione delle scuole keynesiane che ho sentito su questo sito era per proclamarne urbi et orbi il fallimento e la bancarotta(senza uno straccio di argomento plausibile, a meno di non voler considerare la risata beffarda di Pasquinelli – rivolta ai propugnatori del deficit spending- argomento plausibile).La diffusione della MMT (vedi Cesaratto, che ha espresso apprezzamento e gratitudine per Wray) meriterebbe perlomeno un commento. Sorge il sospetto che, per paura di confrontarsi con dei veri studiosi e per timore di perdere la disputa, si voglia evitare di parlarne. Insomma, salviamo il buon vecchio Marx e la sua teoria classica della moneta dal Neo-Cartalismo keynesiano. Perchè insomma, Marx era comunista!(mica un filo capitalista come Keynes).

  9. Ciro Imperato dice:

    Allora, il fatto che sia fascista è chiaramente solo una delle cose che non mi convincono di Auriti. E' chiaro che se un fascista dice che la terra è sferica io non sono portato a credere per riflesso antifascista che essa sia piatta. Il punto è che: 1. Come dice la redazione, la teoria della moneta-debito di Auriti è zoppicante rispetto a quella marxista (molti illustri studiosi della moneta hanno più volte smentito Auriti) 2. Ho voluto sottolineare il fascismo di Auriti per il semplice fatto che le sue idee (come quelle di moltri tra i signoraggisti) non sono semplicemente idee derivanti da studi scientifico-giuridici ma si inseriscono in un progetto politico-sociale affine alle idee di certe organizzazioni di estrema destra (Casapound, ecc.). Vogliamo riconoscere il contributo di Auriti alla discussione sulla moneta? Ok, ma teniamo presente la scarsa attendibilità scientifica delle sue idee e l'uso politico ideologico (fascista) che egli stesso ne ha fatto. P.S.: risposta a Matteo Innocenti: ma tu che ne sai di come la penso? Ho riportato in maniera brusca un dato di fatto che adesso ho argomentato meglio, ciò non vuol dire che io sia malato di dogmatismo

  10. redazione dice:

    «Io tempo fa vi avevo segnalato un articolo dell'accademico americano Randall Wray, scuola post-keynesiana».Non è facile stare di presso a tutte le cose….Per cortesia, potrebbe ri-seganalarci il testo di Wray?

  11. Anonimo dice:

    Ve lo ri-segnalo, certo:http://www.counterpunch.org/2011/09/09/toward-a-new-new-deal/Già che ci sono vi metto degli altri link, a cominciare da una recente analisi di Randall Wray sulla crisi europea, pubblicata ad ottobre:http://www.levyinstitute.org/pubs/wp_693.pdfAggiungo altri importanti testi:1) La natura, le origini, e il ruolo del denaro (teoria neo-cartalista)di Pavlina Tchernevahttp://www.cfeps.org/pubs/wp/wp46.htm2) Un resoconto delle basi teoriche della MMThttp://pragcap.com/resources/understanding-modern-monetary-system3) Intervista a Bill Mitchell sulla MMThttp://hir.harvard.edu/debt-deficits-and-modern-monetary-theoryIn rete c'è molto altro.

  12. salviamo la democrazia dice:

    Per carità da un punto di vista giuridico la teoria di Auriti è interessantissima ma da un punto di vista economico non è adatta né completa per combattere il sistema. La forza di questa pagina, dell' assemblea fuori dall' euro fuori dal debito, degli scritti di paolo barnard e di tutti gli ambienti "patriottici, per la sovranità ma non nazionalisti e quindi democratici" sta proprio nel fatto di offrire contenuti sia politicamente e che tecnicamente migliori e preferibili rispetto alla confusione internettiana che mischia complottismo, inesattezze a a volte pur di parlare di signoraggio e banche centrali non si accorgono di pubblicare sia argomentazioni " stataliste" che " ultraliberiste" ( scuola austriaca, ron paul in america ecc ). Quindi offre una prospettiva politica alternativa alla triste scelta dei " ribelli senza conoscienze e senza strumenti" tra sinistra radicale europeista illuso-internazionalista e gli ambienti come casapound, socialismo nazionale o molto molto molto peggio ancora forza nuova ecc.Insomma rispetto per Auriti e per la lotta che ha fatto perché comunque ha fatto si che tanta gente che non lo avrebbe mai fatto si sia poi avvicinata ai temi monetari però per il resto del " complotto da signoraggio" questa pagina non ne ha bisogno perché è tecnicamente e politicamente avanti rispetto a quella teoria che proprio in queste settimane viene tirata fuori da Marra e Scillipoti. E' proprio per questo che su facebook pubblichiamo spesso articoli di questa pagina.

  13. salviamo la democrazia dice:

    Infine: il potere se la ride se esiste una massa di internettiani che non tiene conto di questioni geopolitiche, politiche, storiche, ecc… insomma gente che si, capisce che il centrodestrasinistra rappresenti il pensiero unico, che capisce che oggi la democrazia è solo di facciata perché non esiste più sovranità….ma che non ha METODO nella lotta perché riconduce il pensiero unico a qualche complotto astratto che non tiene conto delle prime questioni elencate.

  14. matteo innocenti dice:

    Ciro Imperato ha chiarito meglio il suo pensiero, e ha fatto bene.Ma dal suo commento precedente,la mancanza di qualsiasi spiegazione sapeve proprio e solo di dogmatismo.saluti a tutti

  15. Anonimo dice:

    per chi vuole conoscere la MMT di Randall Wray vi comunico che sarà presente prossimamente qui in italia per un convegno organizzato da Paolo Barnard.ecco qui l'invito:http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=283

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.