Browse By

ORFEO GORACCI È LIBERO

 542 total views,  2 views today

Anche noi rinviamo a giudizio


Il 10 aprile, dopo quasi due mesi di galera, il tribunale del riesame ha messo in libertà anche Orfeo Goracci. Qui sotto le riflessioni che Orfeo ha diffuso ieri.

La storia non finisce qui, visto che i Pm, com’era ovvio, chiederanno il rinvio a giudizio. Ma rinviamo a giudizio anche noi, non solo gli ignavi e gli indifferenti, ma anzitutto quelli che, con la scusa che la-magistratura-ha-sempre-ragione, hanno dato in pasto i compagni di Gubbio per proteggere il vero malaffare che alligna nei palazzi umbri e per la resa dei conti interna al Prc.

«Dopo 56 giorni di “prigionia”, di carcere preventivo senza che nessun tribunale mi abbia giudicato colpevole, posso finalmente scrivere.
Utilizzo questo “strumento” per RINGRAZIARE. Ringrazio in primo luogo mia figlia, mia madre, mia sorella e mia suocera. A mia moglie, alla compagna Laura – che è l’unica persona in questa tremenda e assurda vicenda verso la quale mi sento in “colpa” e alla quale debbo delle scuse -, devo gran parte della mia “tenuta” e della lucidità che credo di non aver perso. Se è vero che è sempre stata una persona decisamente in gamba, in questa vicenda si è dimostrata addirittura una donna capace di una forza straordinaria.
Un grazie a parenti, amici e ai tanti/e compagni/e eugubini/e, umbri/e, d’Italia che mi sono stati vicini. Mentre lo tsunami devastava la mia immagine di uomo e di rappresentante politico-istituzionale – con una gogna mediatica senza precedenti … ma anche questo spiega molte cose –, ci voleva coraggio e convincimento a solidarizzare con me, a manifestarmi vicinanza … E VOI LI AVETE DIMOSTRATI ENTRAMBI IN ABBONDANZA!
Quanto leggevo nelle lettere che ricevevo mi dava il segno che non tutti avevano dimenticato quanto di buono era stato fatto da me e dai compagni che vivevano e soffrivano la mia condizione disumana. Un forte abbraccio, dunque, a Cristina, Lucio, Graziano, Lucia, Antonella, Marino, Nadia e Paolo, e un caro saluto anche agli “avvisati”, anche se con diversi di loro il mio rapporto è stato ed è quello improntato al “lei”.
Un sentito riconoscimento, sia per la professionalità sia per l’umana disponibilità, vada ai miei avvocati difensori Marco Marchetti e Franco Libori.
Non affronto in questa sede gli aspetti giudiziari, mi limito semplicemente a dire che certe “costruzioni” o “ricostruzioni” e un certo modo di fare politica non solo sono aberranti, ma non potranno reggere alla prova dei fatti e degli atti.
Spero di tornare al più presto alla “normalità” e di certo farò di tutto (spero insieme a tanti altri) per difendere non solo la mia onorabilità di uomo e amministratore pubblico che ha sempre fatto della coerenza, correttezza, concretezza e onestà la sua bussola, ma anche per ricordare quello che di buono (e, spesso, tanto buono) abbiamo fatto per Gubbio – basta fare un semplice raffronto tra il prima di noi e il dopo!
“Non può essere dimenticato e tantomeno cancellato quanto è stato realizzato”: così mi ha scritto una persona politicamente distante da me. Ebbene, a questa persona e alle tantissime altre che, come lei – a Gubbio, in Umbria e in Italia – pur nella distanza politica e culturale rispetto alla mia visione, hanno mantenuto, nel silenzio e nella discrezione, una sobrietà tale da poter rimanere al di sopra di schieramenti innocentisti o colpevolisti, stigmatizzando piuttosto la inaudita sproporzione tra i reati contestati e le pene inflitte, il mio grazie davvero sentito.
Speriamo che la primavera restituisca almeno un po’ di quel calore e di vita che il gelido inverno del 14 febbraio ci ha tolto.
Il mio grazie proprio a tutti, anche ai critici e ai delusi in buona fede: visto come la cosa è stata presentata da giornali e TV e data con un grado assoluto e quasi incontrovertibile di certezza, il loro stupore, il loro sbigottimento e la loro delusione sono comprensibilissimi. Però, in queste settimane, le certezze assolute si sono “incrinate”: un numero crescente di persone ha cominciato ad interrogarsi sul fatto che, se ci si serviva dell’Amministrazione Comunale ad “uso privato”, come mai non un centesimo è finito nelle mie tasche (si guardi, invece, a quanto avviene intorno al mondo della politica: Lusi, Lega, tangenti, mazzette,…)?
Voglio invitare tutti ad attendere con serenità l’evolversi della vicenda giudiziaria. A quel punto si vedrà che i “teoremi” assunti come certezze non potranno trovare altrettanto certe dimostrazioni.
Ancora grazie a tutti»!

Orfeo Goracci
Gubbio 11 aprile 2012
image_pdfimage_print

2 pensieri su “ORFEO GORACCI È LIBERO”

  1. Anonimo dice:

    Non conosco tutti i particolari della vicenda…ma da quanto ho letto, sembra che questi non siano propriamente dei compagni comunisti…LUCA

  2. roberto grienti dice:

    compagno goracci la pazienza è rivoluzionaria, e ti ha dato ragione; saluti comunisti dalla sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *