Browse By

NOI SIAMO CONTENTI

 584 total views,  2 views today

Il nemico principale anche 


di Moreno Pasquinelli


Che la crisi sistemica fosse destinata a terremotare anche la sua sovrastruttura politica e istituzionale, noi non avevamo dubbi. Il processo era iniziato sottotraccia anni addietro, attestato, tra l’altro, dalla crescita costante del flusso astensionista.
Non c’è tuttavia una corrispondenza automatica tra marasma economico e sfascio politico. Tra struttura e sfera politica c’è un’interdipendenza, non una mera dipendenza della seconda rispetto alla prima. La sfera politica, ovvero il multiforme e massiccio ceto sociale il cui reddito viene dal “fare politica”, ubbidisce ad un suo sordo istinto di sopravvivenza, ciò che gli consente non solo di resistere allo sconquasso economico e sociale, ma di ostacolare i più profondi processi economici e sociali.


L’intronizzazione del “Governo dei tecnici”, anche per le forme con cui è maturata, se è stata la più lampante conferma che la sovrastruttura politica è ossificata e non risponde più alla struttura sottostante, è anche prova di questa capacità di resistenza. La delega del governo ai “tecnici” non è stata infatti un’abdicazione, una definitiva cessione della propria presunta centralità, ma solo una devoluzione, pensata come parentesi temporanea.


La Caporetto elettorale subita da tutti i partiti —da tutti i partiti che si azzuffano, chi più e chi meno, per trovare un posto nelle istituzioni statali, istituzioni che sono il fortilizio della sfera politica— è anzitutto un colpo micidiale all’illusione che essi possano riconquistare la tradizionale supremazia, sbarazzandosi presto dell’ingombrante Monti. Monti sapeva già che la sua non sarebbe stata una passeggiata, ora è certo che ha davanti a sé la condanna al Calvario, un Calvario che non finirà, presumibilmente con le elezioni del 2013.


Abbiamo quindi il paradosso per cui il “Governo dei tecnici” esce dalla tornata elettorale più debole e più forte allo stesso tempo. La disfatta dei partiti che lo sostengono, sul momento, lo indebolisce infatti, ma proprio questa disfatta accresce il suo potere arbitrale, (bonapartistico), aumenta in prospettiva la sua autonomia dai committenti e rende più realistica l’ipotesi che Monti, lungi dall’essere una parentesi temporanea, diventi la risposta strategica delle classi dominanti alla crisi sistemica, il modo per sbarazzarsi dei partiti che hanno rappresentato i pilastri della “Seconda repubblica”.


Sappiamo quali sono le forze che congiurano per questa rifondazione del sistema politico, sono quelle che vogliono, pur mantenendo una qualche parvenza democratica, scuoiare il popolo lavoratore, seppellire lo stato-nazione, quindi istituire una dittatura diretta delle ristrette oligarchie finanziarie e bancarie inter-nazionali.


Non è un caso che le forze dominanti, quelle che controllano i centri nevralgici del potere, dalle banche ai media, quelle che agiscono per nome e per conto della grande finanza predatoria, non si stanno strappando i capelli per l’avvenuto terremoto elettorale. Esse avevano previsto che sbarazzarsi della “Seconda repubblica” e del suo personale politico avrebbe implicato passare attraverso la porta stretta di un approfondimento della crisi, al limite di una fase di anarchia politica e istituzionale. Rischio calcolato quindi, tanto, così esse ritengono, hanno tutte le risorse per eterodirigere il processo e assicurarsi la vittoria.


Se così stanno le cose è chiaro quale sarà il terreno di gioco dei prossimi mesi (non è detto che siano anni) e la posta in palio. Se Monti diventa il loro cavallo di battaglia, è esso che va azzoppato, colpito, abbattuto. Questo il bersaglio del fronte ampio di cui parliamo. Tutto il resto è secondario, accessorio. Dalla nostra parte abbiamo un alleato enorme, la crisi economica, che si aggraverà, che potrebbe esplodere a breve in colossali crack dei sistemi bancari e quindi in default di alcuni stati, che farà quindi saltare l’eurozona. Una tempesta che travolgerà Monti e il Montismo, e che potrà solo essere sventata da un radicale cambio strategico della politica tedesca. Cambio che non appare nell’ordine delle cose.


Siamo certamente sollevati dai risultati elettorali. Il berlusconismo e il leghismo sono feriti a morte. Il “Terzo polo” è moribondo. I tre pilastri del centro-sinistra (Pd, Idv e Sel) perdono i pezzi. La cosiddetta “sinistra radicale”, dal Prc al Pcl, contrariamente che in Francia, Grecia, Spagna e Portogallo, non ha intercettato un grammo dell’ondata di indignazione popolare, segno di un fallimento senza appello, tanto più perché la rabbia montante  non è stata intersecata (ancora) come in altri paesi, da forze populiste reazionarie. Queste forze non hanno idee rivoluzionarie, non hanno una visione storica, non hanno un programma politico, né di fase né strategico, non hanno dirigenti coraggiosi, non hanno linguaggi moderni. Sono abbarbicati ad una visione del mondo tolemaica, navigano a vista, e di questi tempi, chi naviga a vista, è destinato a naufragare sugli scogli. La crisi che subiscono è giunta oramai ad un punto di rottura, e dopo la rottura i pezzi andranno in diverse e opposte direzioni. Una parte sarà risucchiata nel Pd (o in quello che ne verrà fuori), un’altra schizzerà su posizioni estremiste e velleitarie, un’altra, ne siamo certi, raggiungerà il movimento popolare di liberazione, di cui noi siamo solo il lievito.


Inutile, e francamente patetico, accanirsi con il “grillismo”. Che l’indignazione abbia  premiato il Movimento Cinque Stelle è un fatto positivo. Si esprime, in questo sfondamento, non solo la rabbia, ma la necessità di una alternativa. Ma il “grillismo” non è un fenomeno destinato alla permanenza. Esso è solo una meteora gassosa che si frantumerà, prima di quanto si pensi, nell’impatto con la catastrofe imminente. E anche di lì verranno forze fresche per salvare questo paese e il popolo lavoratore dall’abisso, per formare un fronte popolare che, sull’onda di una sollevazione generale (non certo di elezioni), sia in grado di prendere in mano le redini del paese.


MOVIMENTO POPOLARE DI LIBERAZIONE PER EVITARE LA CATASTROFE SOCIALE LA VIA MAESTRA E’ IL SOCIALISMO
(Bozza di Manifesto del M.P.L.)










image_pdfimage_print

6 pensieri su “NOI SIAMO CONTENTI”

  1. Libero dice:

    Si, il fatto preoccupante è l'assenza di una forza politica neomarxista che abbia chiare le dinamiche di questa profonda crisi sistemica e che sia pronta ad operare con cognizione di causa quanto questa raggiungerà il suo culmine con il crollo del dollaro come valuta di riserva. Gli americani sono riusciti ad implementare la loro produzione di petrolio con le riserve di petrolio non convenzionale che richiedono costosissime tecniche di trivellazione e di raffinazione e quindi materiali che gli americani possono importare solamente stampando dollari e appropiandosi della richezza di altre nazioni in cambio di carta straccia. Tutta la loro economia e potenza militare si base sulla possibilità di importare petrolio e altre materie prime in cambio di nulla. Ma non è una situazione che potrà durare ancora a lungo e i tempi della resa dei conti potrebbero essere molto vicini.http://crashoil.blogspot.it/2012/05/importando-energia-exportando-miseria.html#comment-form

  2. Ecodellarete.net dice:

    "Libero" commenta un articolo sulle elezioni amministrative in Italia parlando degli americani che implementano "la loro produzione di petrolio con le riserve di petrolio non convenzionale che richiedono costosissime tecniche di trivellazione e di raffinazione e quindi materiali che gli americani possono importare solamente stampando dollari e appropiandosi della richezza di altre nazioni in cambio di carta straccia". Tutto giusto, per carità, ma cosa penserebbe "Libero" se commentassi lo stesso articolo parlando della Palestina e dell'imperialismo israeliano? Sarebbe in tema? Oppure, perché no, potrei parlare della pesca intensiva nell'Atlantico meridionale, o dell'estinzione del dodo per colpa dell'imperialismo portoghese…Un dubbio. Magari "Libero" è persona conosciuta dai gestori del blog e in buona fede. Magari è solo troppo preso dall'imperialismo americano (ne parla con la sua bella dopo l'amore), ma una domanda sorge spontanea: e se fosse un troll?L'idea di "moderare" i commenti? mai presa in considerazione? Me lo diceva sempre mia nonna: meglio soli che male accompagnati.

  3. redazione dice:

    E' vero che alcuni usano SOLLEVAZIONE, ovvero postano i loro commenti, per promuovere i loro prodotti, per fare merchandising. Il fatto è che questi prodotti sono pur sempre idee, pezzi di pensiero, per questo non ci pare bello censurarli.

  4. Anonimo dice:

    Sono d'accordo con l'analisi di Pasquinelli, compreso le sue idee sul grillismo. Ora non mi resta che leggere il "Manifesto del Movimento Popolare di Liberazione", e vedere cosa si propone questo movimento. Se è fuffa riformistica borghese, o una seria alternativa sistema anticapitalistica, a questa deriva sociale che ci sta inghiottendo tutti.Saluti e buon lavoro.The RedP.S.Mi fa piacere leggere che la redazione non censura, anche quando i commenti non sono in tema con il l'articolo.E' un buon esempio di vera democrazia.Ad eco della rete, dedico questo insegnamento del Che…O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere.Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perchè questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza.(Ernesto Che Guevara)…ed anche la censura, è una forma di forza, essendo fatta (la censura) da chi ha il coltello dalla parte del manico.

  5. Lorenzo dice:

    E' prestissimo per cantare una qualche vittoria.Non mi meraviglierei se la Grecia andasse a nuove elezioni, queste rafforzassero ulteriormente le forze anti-UE, e di lì a poco ne seguisse un colpo di stato militare identico e speculare a quello che la UE promosse 10 anni fa in Tunisia quando il suo oro non bastò a convincere il popolo tunisino a votare le élites assoldate dall'occidente.Se la democrazia liberale cominciasse a difettare seriamente come strumento di coinvolgimento e irreggimentazione delle masse, sarà prontamente sostituita da qualcos'altro. Le convulsioni del sistema sono appena all'inizio.

  6. Maurizio Neri dice:

    Segnalazione!Elezioni in Francia e in Grecia. L’Europa, la sinistra e il neo-liberalismo; l’estrema destra e il fenomeno Marine LePen (alcune note critiche in risposta alle recenti valutazioni di Costanzo Preve sulle elezioni francesi) http://www.comunismoecomunita.org/?p=3221

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *