Browse By

PER UN’ANALISI DEL “GRILLISMO (Dibattito 7)

 569 total views,  2 views today

Attenti al lupo!

Islam, Iran, Israele, Siria, Stati Uniti, sovranità nazionale, euro


Le ultime “scandalose” dichiarazioni di Beppe Grillo*


I massacri in Siria? «Ci sono cose che non possiamo capire. Non sappiamo se sia una vera guerra civile o si tratti d’agenti infiltrati nel Paese». L’Iran di Ahmadinejad? «Un giorno ho visto impiccare una persona, su una piazza di Isfahan. Ero lì. Mi son chiesto: cos’è questa barbarie? Ma poi ho pensato agli Usa.
Anche loro hanno la pena di morte: hanno messo uno a dieta, prima d’ucciderlo, perché la testa non si staccasse. E allora: che cos’è più barbaro?». E i diritti delle donne? «Mia moglie è iraniana. Ho scoperto che la donna, in Iran, è al centro della famiglia. Le nostre paure nascono da cose che non conosciamo».

IN IRAN L’ECONOMIA VA BENE – Nemmeno un po’ preoccupato da quel regime? «Quelli che scappano, sono oppositori. Ma chi è rimasto non ha le stesse preoccupazioni che abbiamo noi all’estero. L’economia lì va bene, le persone lavorano. È come il Sudamerica: prima si stava molto peggio. Ho un cugino che costruisce autostrade in Iran. E mi dice che non sono per nulla preoccupati». Ma Ahmadinejad vuole cancellare Israele dalle mappe… «Cambierà idea. Non penso lo voglia davvero: lo dice e basta. Del resto, anche quando uscivano i discorsi di Bin Laden, mio suocero iraniano m’ha spiegato che le traduzioni non erano esatte…». Perché, nessun dubbio, c’è una lobby ebraica che controlla il sapere: «Tutto quel che in Europa sappiamo su Israele e Palestina, è filtrato da un’agenzia internazionale che si chiama Memri. E dietro Memri c’è un ex agente del Mossad. Ho le prove: Ken Livingstone, l’ex sindaco di Londra, ha usato testi arabi con traduzioni indipendenti. Scoprendo una realtà mistificata, completamente diversa».

MEDIO-ORIENTE – Beppe Grillo e la politica estera. In un’intervista di un’ora e mezza al più diffuso quotidiano israeliano, Yedioth Ahronot, il leader anti-casta s’avventura su un terreno per lui insolito come il Medio Oriente. Facendo capire soprattutto una cosa: nel Movimento 5 Stelle, quella di David non è la più splendente. Mentre l’Iran… «Se un giorno Grillo farà parte del governo italiano – scrive il corrispondente Menachem Gantz -, il suocero avrà un ruolo fondamentale nella politica estera». Il giornalista è severo col comico: «È confuso, prigioniero di pregiudizi: le sue idee su Israele si possono capire dai suoi show e dal suo blog». Il riferimento è ad alcuni post, dove gli israeliani sono qua e là paragonati ad Attila («dopo di noi non cresceranno più palestinesi») o a una «dittatura militare» pronta a scatenare una terza guerra mondiale, mentre più teneri sembrano altri giudizi: «L’Islam non è una religione fondamentalista. E qualunque Stato, quando gli ammazzano gli scienziati nucleari o lo attaccano coi virus informatici, si sente sotto attacco». Grillo rivela d’essere stato invitato dall’ambasciatore americano a Roma, nel 2008. Dice che Israele è dietro molte decisioni Usa. Che «noi italiani siamo sotto occupazione dell’America, colpevole di parte della crisi economica europea». Che in ogni caso «parlare d’Israele è un tabù, come parlare dell’euro: appena lo tocchi, subito ti dicono che sei antisionista e razzista».

MATRIMONI GAY? FORSE – Il panorama dalla casa ligure è fantastico, nota il giornalista, e la lunga chiacchierata lascia spazio ad altri temi. Grillo spiega d’aver avviato «una rivoluzione culturale, non politica»; che da sette anni il suo blog è opera del fidato Gianroberto Casaleggio, «io parlo, lui scrive»; dà una mezza risposta sui matrimoni gay (favorevole? «Forse»); compara il M5S a Occupy Wall Street, ai Pirati tedeschi e agli Indignados spagnoli, «anche se noi non ci siamo scontrati con la polizia»; prima dribbla la domanda sull’uscita dall’euro («studieremo l’argomento»), poi confida di sentirsi europeo, ma «come gli inglesi, senza stare per forza nella moneta unica»; attacca Monti, «sta facendo il lavoro sporco, ma sulla casa e con la riforma del lavoro sta colpendo duro»; promette che non farà mai il premier o il segretario politico, «non ne ho la statura». E mentre sul web risponde al Corriere , che ieri criticava la lentezza del neosindaco di Parma («Pizzarotti s’è preso il suo tempo. Non ha nominato cani e porci. Altrimenti ci avrebbe messo un attimo»), qui riconosce: «La verità è che non abbiamo esperienza di governo. Entrare in Parlamento sarà un’altra faccenda. Anch’io non capisco del tutto il movimento. Forse, che cos’è, lo capiremo tra 15 anni». Alla fine, il giornalista è spazientito: ma perché, sbotta, mi dai risposte così vaghe? «Non ho gli elementi per decidere. È la gente che deve pronunciarsi, coi referendum sulla rete». Giudizio finale dell’osservatore straniero: «Grillo è un buon attore che sa che cosa vuole il suo pubblico. Ma non sa dire cosa vuole.


Fonte: corriere.it del 25 giugno 2012
image_pdfimage_print

7 pensieri su “PER UN’ANALISI DEL “GRILLISMO (Dibattito 7)”

  1. Anonimo dice:

    che cazzo di articolo!

  2. Lorenzo dice:

    Ottimo il giudizio finale: "Grillo è un buon attore che sa che cosa vuole il suo pubblico. Ma non sa dire cosa vuole".In questo senso fa bene a paragonare il M5S a Occupy Wall Street, ai Pirati tedeschi e agli Indignados spagnoli. Se fate caso, tutti questi movimenti legati a internet cresciuti di recente hanno in comune il fatto di non avere nulla di proprio da dire. Non hanno un programma politico anche solo allo stadio di abbozzo, non hanno un nemico chiaro e riconoscibile, e si limitano a vagheggiare indistinti propositi di rinnovamento.Sono ricalcati sul vuoto spinto dell'opinione pubblica (specialmente giovanile) odierna, che ha sì vaghe rimostranze e preoccupazioni (crescenti col crescere della crisi), ma che essendo totalmente spoliticizzata, totalmente ignorante, atomizzatata e indisposta a qualsiasi sacrificio, non sa concretizzare le proprie aspirazioni o dire cosa vorrebbe mettere al posto dell'esistente.E allora vota un partito o movimento che sente come 'simpatico': che sia "contro" ma in maniera vaga e politically correct, un po' ecologista, un po' filointernet, un po' contro le ruberie delle banche e dei politici, un po' europeista e un po' contro Bruxelles, niente violenza e tanti nomi e simboli fotogenici.Quel poco di sale che il programma del M5S possiede, come i suoi spunti antiisraeliani, ce lo mettono la personalità e le convinzioni personali di Grillo.

  3. Anonimo dice:

    "Se fate caso, tutti questi movimenti legati a internet cresciuti di recente hanno in comune il fatto di non avere nulla di proprio da dire."Sì, gli ultimi sondaggi del 18 e 19 giugno (La7 e SWG) danno il M5S al 21% e passa. I Pirati hanno l' 8,3% nello Schleswig-Holstein e il 7,5% in Nord Reno Vestfalia.I comunisti in Italia quanto fanno alle elezioni?Secondo me state dando dell' imbecille al 21% degli italiani, se poi ci mettiamo le critiche (in loro stesse anche giuste) al PD, Vendola, Di Pietro, il Pd il PDL etc etc date del cretino al 90% circa dell' elettorato. Non sarebbe più intelligente vedere se con i grillini esistono degli specifici punti programmatici in comune da portare avanti insieme e casomai cercare di imparare da loro in quanto ad attivismo popolare e capacità di coinvolgimento?

  4. Realista dice:

    Andando al sodo, mi pare che Grillo stia spingendo il M5S nella giusta direzione. Secondo me la questione del fronte è sempre di più sul tavolo.

  5. Lorenzo dice:

    >>> cercare di imparare da loro in quanto ad attivismo popolare e capacità di coinvolgimento? <<<Certamente, ma guardando all'elettorato come un gregge amorfo da manovrare tramite immagini e adescamenti, non come un popolo sovrano che si infiammerà di luce propria una volta rimossi i paraventi del regime.E' la strategia di Syriza, che tanti successi ha mietuto e continua a mietere (è notizia di ieri che il nuovo governo si vede costretto ad insistere su un piano di allentamento del debito che la Germania non vuole assolutamente concedere, aprendo una nuova falla nel sempre più pericolante edificio della dittatura europea) grazie alla perfetta incoerenza del suo programma e ai modi telegenici di Tsipras.

  6. Anonimo dice:

    Realista e LorenzoRagazzi adesso la massa critica ce l' hanno loro e non noi. Abbiamo dei punti in comune e uniamoci su quello, poi si vedrà. Da soli contiamo non vi dico come cosa.

  7. Realista dice:

    Il punto che volevo fare è molto semplice. Da quel che si può vedere nelle ultime settimane Grillo sta spingendo velocemente il M5S su posizioni utili allo scardinamento dello status quo e che possono aprire a prospettive di cambiamento potenzialmente positive. IL M5S si candida quindi di fatto per un eventuale fronte popolare che governi questo delicato passaggio storico. Semmai c'è da riflettere su questo: altri candidati per il fronte che raccolgano più dell'1% di consensi non se ne vedono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *