Browse By

DUE FATTI IN DUE GIORNI

 618 total views,  2 views today

Non tutti i mali vengono per nuocere

di Piemme
Sotto una pioggia prevista battente, questo fine settimana, avvengono due fatti importanti, connessi tra loro malgrado ogni apparenza. In ordine: la manifestazione No Monti Day, e le elezioni per il Parlamento siciliano. 

Perché la manifestazione contro il governo Monti (per l’esattezza Napolitano-Monti) sia importante è evidente. Ad un anno oramai dall’insediamento dei “tecnici”,—un governo che ha rappresentato una svolta profonda per il nostro paese, non solo e non tanto per la sua sfrontata politica antipopolare, ma perché esso simboleggia il fatale assoggettamento del paese alla tecno-nomenklatura europea— avremo modo di misurare la forza effettiva della sinistra antagonista.

Un eventuale fallimento avrebbe ripercussioni grandi su questa sinistra, che non potrà vivacchiare per forza d’inerzia, che dovrà finalmente interrogarsi sul suo destino. Chiunque pretenda di avere un destino, di candidarsi a rappresentare gli interessi del popolo lavoratore, deve anzitutto dare risposte di tipo strategico. Che futuro può esserci  per forze che davanti ad una crisi sistemica, davanti alla tendenza dell’Unione e dell’euro all’implosione, tacciono? Che si limitano alla riproposizione di vecchi schemi, riformistici e sindacalistici? Sulle questioni dirimenti del debito pubblico, dell’appartenenza all’Unione europea, dell’euro, la piattaforma non dice niente.

La ragione di queste reticenze è evidente: per quanto antagonista questa sinistra non riesce, per quanti sforzi faccia, a rompere il suo cordone ombelicale con la sinistra sistemica. Un cordone doppio in verità e per questo difficile da recidere: materiale e simbolico. Materiale perché la sinistra radicale è inclusa nello stesso habitat di quella sistemica. Simbolico perché essa, sotto un malinteso internazionalismo, non ha il coraggio di gettare alle ortiche l’Unione europea, di mollare col suo frutto più velenoso, la moneta unica, e quindi di difendere la sovranità nazionale.

L’idea di chi ha promosso il No Monti Day balza agli occhi: quella di dar vita ad una Syriza italiana. E’ un’idea illusoria. La coalizione Syriza non sarebbe mai diventata seconda forza della Grecia se negli anni non si fosse radicalmente opposta ai governi di “sinistra” del Pasok, se non avesse incontrato le forme anche radicali di resistenza sociale. Mentre qui da noi, col pretesto dell’antiberlusconismo, buona parte della sinistra radicale ha sostenuto il prodismo, condividendo scandalose responsabilità politiche e governative, tra cui la marcia verso il suicidio europeista. 

La sensazione di chi scrive è che il 27 non sarà un successo. Non tutto i mali, tuttavia,  vengono per nuocere. Chissà che non si apra finalmente, tra le forze più dinamiche della sinistra radicale, un riflessione seria sul che fare e sul che proporre?

Il secondo fatto importante di questo fine settimana sono le elezioni siciliane. E’ oramai chiaro a tutti che queste elezioni sono una prova generale di quelle che ci saranno in primavera. Gli occhi di tutti, da quelli di Monti e dei partiti che lo appoggiano, per finire con quelli nostri, sono puntati sulla Sicilia.

Quanti voti prenderanno i “montiani” (Pd, Pdl e terzopolisti)? Quanti andranno alle forze d’opposizione a vario titolo anti-montiane? Se i primi, com’è teoricamente possibile, non riuscissero ad ottenere una solida maggioranza, avremmo un risultato deflagrante. E se ce la facessero ad ottenere la maggioranza sarà essa abbastanza consistente da non avere profonde ripercussioni nazionali?

Dall’altra parte abbiamo lo schieramento che va dai Grillini ai Forconi, passando per la Syriza italiana, l’alleanza tra Fds e Sel. Se le liste della protesta sociale ottenessero un risultato eclatante sarebbe un vero e proprio terremoto politico di portata generale. In questo senso, anzitutto, diciamo che quelle siciliane sono una prova generale di quelle di primavera. Un simile esito ci direbbe una cosa, che sotto la cenere di una  sostanziale pace sociale arde il fuoco di un conflitto sociale incontenibile.

Vedremo poi, nell’arcipelago delle opposizioni, chi si affermerà e chi, eventualmente, sarà messo fuori gioco. I sondaggi sono poco attendibili, tanto più perché essi captano male forze politiche nuove come grillini e forconi. Se il M5S avrà un successo strepitoso (si parla di un’affermazione tra il 15 e il 20% in una situazione in cui i grillini erano quasi inesistenti) sarà un’indicatore di quel che sta avvenendo in tutto il paese, ovvero che quello sarà il canale che prenderanno il malessere e la sorda protesta popolare.

Se la lista tra Fds e Sel supererà a malapena lo sbarramento del 5% (come sembra) sarà la tomba della Syriza italiana. Sel e parte della Fds sprofonderanno nel pantano del Pd e  Rifondazione entrerà nel ciclo finale della sua crisi.

Restano i Forconi di Mariano Ferro. I sondaggi sono ballerini: danno risultati che oscillano tra una forchetta del 2% e del 8%. Il travolgente ingresso in campo del M5S, non c’è dubbio, ha reso l’impresa dei Forconi difficilissima. Superare lo sbarramento è impresa ardua. Inutile nascondersi che non superarlo sarebbe una sconfitta. Se i Forconi, genuina espressione della protesta degli strati sociale massacrati dalla crisi, riusciranno a sfiorare il 5%, cadrebbero in piedi, riceverebbero il mandato a proseguire la battaglia. Una battaglia, come sempre afferma Ferro, che non si svolge nel Palazzo, ma per le strade e nelle piazze.
image_pdfimage_print

4 pensieri su “DUE FATTI IN DUE GIORNI”

  1. Anonimo dice:

    Anonimo GeremiaAnalisi esemplare per limpidezza critica e realistica obiettività. La situazione viene descritta con fredda lucidità: gli eventi ai quali si riferisce sono importanti e le ipotesi esposte sono verosimili.Da parte mia, considerate le previsioni di forte maltempo, sebbene questo sia un "male" di stagione, non posso non pensare alla geo-meteo-ingegneria: la coincidenza é piuttosto curiosa e l'intervento del "Generale Tempo" un tantino troppo ben sincronizzato.

  2. Sollevazione dice:

    Grillo attacca i Forconi«Sicilia: Grillo, i forconi? L'ultima spiaggia»Catania, 24 ott. – (Adnkronos) – "I forconi? L'ultima spiaggia. Io ho parlato con loro, cosa fanno? I pescatori, i pastori e gli agricoltori e dicono 'andiamo a Roma'. Arrivano la' e poi cosa fanno? Si picchiano con i poliziotti che non hanno la benzina per le volanti e guadagnano 1.200 euro al mese e sono poveracci come loro. E' una guerra che rimane li'". Lo ha detto il leader del M5S Beppe Grillo a margine di un incontro nella Masseria Grimaldi a Catania.(24 ottobre 2012 ore 20.48)

  3. Anonimo dice:

    Anonimo 2Indubbiamente non possono fare molto, ma ciò é inevitabile perché possono contare solamente sulla loro povertà. Tuttavia anche la loro semplice presenza, il loro caparbio ed eroico "esserci" rappresentano un segno di malcontento e di protesta che fa parlare di sè. Essi esprimono un disagio reale e pesante che le "autorità" non dovrebbero ignorare. Non si sa se supereranno la soglia ma, sebbene non siano più i tempi dei Vespri Sicliani (allora c'erano gli Aragonesi che alimentavano il fuoco), fanno "Storia" ugualmente e il loro esempio é un incitamento per tutti coloro che invocano giustizia e non si rassegnano a subire inerti il momento drammatico vissuto da tutto il Paese con la tragedia della disoccupazione e della corruttela disgregatrice e nefasta.

  4. Anonimo dice:

    Anonimo 3L'unione fa la forza e sarebbe stato auspicabile forse che i "Forconi" avessero stretto un'alleanza con il movimento di Grillo.Cambiando un po' discorso, ma rimanendo sempre in tema di "elezioni siciliane" e di manifestazioni romane, mi vien da dire che la notizia del terremoto di 5 gr. verificatosi stanotte in Calabria, si affianca un po' al discorso di Geremia perché fa pensare all'HAARP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *