Browse By

LA SCIVOLATA DI GRILLO, I FORCONI E LO TSUNAMI SICILIANO

 618 total views,  2 views today

Il simbolo dei Forconi

[ 27 ottobre 2012 ]

Siciliani nemici dei siciliani

di Daniela Di Marco 

Ieri, giorno di chiusura della campagna elettorale, in Sicilia sono andati in scena i big della politica. La parata è iniziata con il segretario nazionale del Pdl Angelino Alfano, a sostegno di Nello Musumeci; il leader dell’Udc Pierferdinando Casini a Enna, Caltanissetta e Agrigento, insieme al segretario regionale del partito Gianpiero D’Alia a sostegno del candidato Rosario Crocetta. 
Il leader Idv Antonio Di Pietro, che sostiene la candidata Giovanna Marano, in mattinata era a Messina. Nel pomeriggio Dario Franceschini (Pd) ha tenuto la sua conferenza stampa a Palermo. Il leader di Fli e presidente della Camera Gianfranco Fini, è stato a Palermo e Trapani per sostenere Gianfranco Miccichè. Dulcis in fundo, di sera hanno sfilato a Palermo il leader dei Verdi Angelo Bonelli e il segretario nazionale del Prc, Paolo Ferrero, per sostenere la candidata Giovanna Marano.
Grillo ha chiuso in bellezza, con la sua ormai consueta piazza piena, a Caltanissetta, città natale di Giancarlo Cancelleri. Ed è il M5S che, secondo i sondaggi, intercetterà i voti di protesta di un popolo giunto allo stremo. L’ex comico ha conquistato l’intera isola, ha sedotto tutti con l’ironia, la forza di colpire nelle piaghe putride un sistema in declino. Non ha salvato nessuno. Parole dure contro le politiche di Monti, contro la corruzione dei partiti, contro l’arrendevolezza e il fatalismo dei siciliani stessi, contro il voto di scambio. Una continua esortazione ad osare, ad avere il coraggio, una buona volta, di servirsi della democrazia per un cambio radicale.

Ma ha commesso un errore, Grillo, che non è sfuggito a nessuno, soprattutto ai media, che forse ne hanno approfittato per ricamarci sopra. Una sua dichiarazione ha fatto il giro della rete, a partire da una notizia dell’Adnkronos, ripresa poi da La Repubblica, che riportiamo:

«Catania, 24 ott. – (Adnkronos) – “I forconi? L’ultima spiaggia. Io ho parlato con loro, cosa fanno? I pescatori, i pastori e gli agricoltori e dicono ‘andiamo a Roma’. Arrivano la’ e poi cosa fanno? Si picchiano con i poliziotti che non hanno la benzina per le volanti e guadagnano 1.200 euro al mese e sono poveracci come loro. E’ una guerra che rimane li”. Lo ha detto il leader del M5S Beppe Grillo a margine di un incontro nella Masseria Grimaldi a Catania. (24 ottobre 2012 ore 20.48)»

Perché questo attacco? Grillo ha voluto prendere le distanze? Molto strano. Che i Forconi fossero pescatori, pastori e agricoltori il M5S lo sapeva sin dall’inizio, fin da quando a gennaio scesero in strada, fecero i blocchi e portarono 10 mila siciliani per le strade di Palermo, catalizzatori di una vera rabbia sociale, esplosa finalmente, uscita allo scoperto. Lo sapeva tanto bene Grillo chi erano i Forconi, cosa rappresentavano, quali istanze portavano avanti, che, unico fra gli asserviti del sistema, ebbe parole di apprezzamento e solidarietà. Diede spazio al movimento dalle pagine del suo blog, mentre la sua base nell’isola, lasciava internet, blog, post e commenti, per scendere in strada accanto ai Forconi, compreso l’uomo che ora ha candidato alla presidenza della regione, Giancarlo Cancelleri. 

G. Cancelleri con i Forconi, durante la trasmissione
Servizio Pubblico

Come si spiegano allora, queste parole? Per meschini interessi elettorali di bottega? Per accaparrarsi tutti i voti di protesta, anche quelli dei poliziotti, presentandosi come l’unica e sola alternativa possibile al marciume del palazzo? E’ stata una caduta di stile, peggio, un gesto vile. E cosa c’entrano, poi, gli scontri con i poliziotti? A dispetto delle proditorie allusioni di Grillo, i Forconi non sono black block. Non hanno mai cercato lo scontro per lo scontro. Il 25 gennaio scorso nessun incidente si è verificato per le vie palermitane. Neppure ve ne sono stati durante la fatidica settimana che ha paralizzato il paese, né durante il blocco dello stretto di Messina, né durante l’occupazione di Palazzo dei Normanni.  Eventi straordinari, perfettamente organizzati da uomini con un grande senso di responsabilità, e determinazione ancora più grande, tale da causare la massima cautela dello stato e il conseguente ostracismo dei media. E se i Forconi ora ripetono che è necessario “andare a Roma”, non è certo per fare a botte, ma per cercare un’eco, per costringere i media ad occuparsi di loro. Per far sapere all’Italia che esiste ancora chi alza la testa e si ribella per tenere alta la propria dignità, per dimostrare che il tempo del silenzio è terminato e la lotta paga. 

Grillo ha iniziato a fare differenza fra poliziotti, pastori e agricoltori? Ci sono lavoratori di serie A e di serie B? Errore gravissimo. Grillo sapeva chi sono i Forconi, sa benissimo che questi non si sono mai permessi di avanzare delle critiche verso i grillini, sa benissimo che con le azioni e non con le parole si sono fatti avanti e si sono imposti agli occhi del popolo, in prima persona, senza guardie del corpo a protezione, sporcandosi le mani, investendo tutto.

E’ questa la differenza abissale che separa Grillo e i suoi dai Forconi. Il M5S è comunque nato dal virtuale, grazie alla rete, i grillini non sono altro che piccolo borghesi, sicuramente onesti, con ottime intenzioni, ma, in fondo in fondo, lontani dalle vere sofferenze degli strati sociali più bassi, quelli veramente affamati, quelli vessati, spompati, finiti dalla crisi e dalle “cure” adottate per tenere in vita un sistema destinato comunque a saltare per aria. I grillini anche quando sono precari, hanno le spalle coperte, dai genitori, da qualche rendita, da qualche proprietà, i Forconi hanno le spalle al muro. Ecco perché rappresentano la protesta sociale più vera, il malessere più profondo. Sono voce di popolo che si alza, che inizia a farsi sentire.  

Il Popolo de I Forconi

A quelli che continuano a guardare con sospetto questi Forconi, a quelli che li accusano di avere affamato l’isola con la loro protesta, di aver permesso che si svuotassero i supermercati, che mancasse la benzina, che si paralizzassero le strade, mi sento di dire che non hanno il diritto di criticare, né, soprattutto, di lamentarsi, se la situazione prende una brutta piega. E’ meglio non avere benzina per una settimana o pagarla più di 2 € al litro, nonostante le nostre raffinerie? Meglio i negozi vuoti per una settimana o pagare a caro prezzo prodotti importati chi sa da dove, lasciando a marcire la nostra frutta, i nostri ortaggi? Come si possono avere parole di disprezzo verso chi porta alla luce le piaghe del paese e del sistema? Verso padri di famiglia senza lavoro, che crescono figli senza futuro? E’ proprio vero il detto siciliano “U saziu nun crid’u dijunu”.

Forse queste elezioni si riveleranno una farsa. Forse continueranno a governare quelli che lo hanno fatto fino ad oggi. L’astensione, secondo i sondaggi, è ancora sopra il 40%, chi vincerà non avrà una maggioranza sufficiente, e partiranno subito le alleanze, su cui già sono scoppiati piccoli scandali e polemiche. Intanto l’Italia guarda con ansia a questo esito, osserva il suo laboratorio politico, la Sicilia, in cui verranno sperimentati i nuovi equilibri di potere nazionali in vista delle politiche della prossima primavera.

Un momento della partecipatissima protesta dei Forconi,
Palermo 25 gennaio 2012

Dovrebbe essere chiaro che il vero voto di protesta è quello dato ai Forconi. Che ci sia almeno questa consapevolezza. Mi auguro che i siciliani questa volta non votino a loro discapito, che si ricordino dove erano e con chi, nei mesi di lotta passati. Ciò che conta, comunque, a prescindere dall’esito del voto, è che i Forconi sono pronti e guardano al dopo elezioni. Vogliono fare la rivoluzione dentro il palazzo, ma possono farla solo se non vengono lasciati soli, se il popolo di gennaio è con loro. Ferro ha più volte dichiarato che il 25 gennaio 2013 è già pronto. Arrivi presto, in troppi lo stanno aspettando.

image_pdfimage_print

11 pensieri su “LA SCIVOLATA DI GRILLO, I FORCONI E LO TSUNAMI SICILIANO”

  1. michiamoaldo dice:

    Non credo a questa presunta differenza tra lavoratori di cui parla. Sull'argomento ricordo invece un intervento di Grillo in cui affermava l'evidente tentativo di mettere le varie categorie sociali una contro l'altra.

  2. Anonimo dice:

    Concordo con quanto detto da Michiamoaldo…. si vuole cercare la polemica e la divisione ad ogni costo… vecchia politica, vecchia cultura…. brutta politica, brutta cultura

  3. Anonimo dice:

    E come vi spiegate le parole di Grillo? Perché si è espresso in quel modo? Non sembrano parole dette per l'unione!!Matteo

  4. Anonimo dice:

    Hai ragione in tutto, carissima Daniela.La motivazione di grillo è spietatamente elettoralistica.Anzitutto sa di pescare anche nel bacino dei voti dei Forconi, quindi ha ragioni di concorrenza; ha interesse a prendere tutto perchè fino a dopo le elezioni nazionali deve tenere la coerenza (mediatica, altrimenti il prodotto non si riconosce) e non fare alleanze che possano schierarlo a sinistra, facendogli perdere la capacità di intercettazione dei voti della destra.Cerca di evitare la dispersione dei voti,il voto inutile sotto la soglia di sbarramento, visto che non passano tanto vale che li prenda lui.E' pressochè l'unico che può prendere voti nell'elettorato maggioritario della Sicilia: i Qualunquisti dell'astensione, quelli che gli fanno schifo tutti e gli viene il mal di testa a pensare, che si trovano socialmente dal ceto medio e basso(gli altri i propri interessi li conoscono benissimo).Questo è il quadro come me lo sono fatto io. Dopo le elezioni a meno di una clamorosa(fantapolitica)affermazione di M5s assisteremo al teatrino degli inciuci aggravato dal potere antidetonante del suddetto 'movimento' sui fermenti autoctoni, una volta che abbiano stabilito una solida posizione di opposizione.Ne riparleremo (e di persona) a Gennaio.Saluti, Franz

  5. Anonimo dice:

    ca a schifìu finiscecome se un polentone potesse avere mai a cuore il bene della nostra isola, dopo 150 anni di sfruttamento lo si dovrebbe capire che se le cose devono cambiare possono cambiare solo a mano nostra, e senza immischiarsi in alleanze e porcate simili con la merda fetida che ci sfrutta da decenni, basta votare i venduti ed i minchioni vari che affollano il palazzo, le cose devono cambiare una volta per tutte, ma manco la fame glieli fa aprire gli occhi alla gente?saluti, Ema

  6. Marxista dice:

    Spero ci sia un terremoto elettorale in Sicilia, e se ci sarà lo si dovrà anche a Grillo. certo se la poteva risparmiare l'uscita contro i Forconi. Già si comporta da testa di cazzo…

  7. Salvatore Azzaro da Giarratana dice:

    “”Vento culturale dei Forconi, nei nuovi Vespri Siciliani. In mezzo al Mare Nostrum, nella Terra più a sud, il cuore riprende a pulsare, brivido alla schiena per tutto lo stivale. Si è svegliato dal torpore e si batte con fermezza il Popolo siciliano, tendendo con Amore ai più deboli… la mano. Poesia di: Salvatore Azzaro da Giarratana, poeta e cantautore impegnato contro le mafie.”"

  8. Anonimo dice:

    Grillo non ha idea di chi siano i "forconi" ha insultato tutto il popolo Siciliano. per quanto riguarda i contenuti Grillo deve sapere ch i Fono TUTrconi rappresenatTE le categorie che lavorano ed hanno programmi molto più concreti dei suoi. I grillini sanno fare la rivoluzione su web comodamente seduti in poltrona ma come siete bravi, venite nelle piazze

  9. Anonimo dice:

    A parte che sti "forconi" sono quattro gatti che non se li c..a nessuno (detto con tanto affetto, da calabrese e comunista), per favore non riproponete i vecchi dubbi su chi sia più proletario e su chi meriti la medaglia di vero "morto di fame"! E' roba che non si può sentire.

  10. Anonimo dice:

    Organizzare il dissenso e costruire un mondo più giusto è cosa assai difficile se dietro non vi è un'ideologia che accomuna… ma le idee ormai sono morte e non si agisce più col cervello ma con la pancia e si sa la pancia è un fattore troppo individuale… la conseguenza è che il bene comune come idea è morto anch'esso… pochi idealisti rimasti non cambieranno il mondo… ma l'affamamento a cui stiamo andando incontro si… quello ci trascinerà in una rivolta caotica… ma ben venga se è l'ultima possibilità di un cambiamento… sia quel che sia! Così non si può più andare avanti.Giuseppe

  11. Anonimo dice:

    Edit: questo è scritto il giorno dopo.PREGOVI RILEGGEREfranz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *