Browse By

ELEZIONI: SE MONTI…

 551 total views,  2 views today

…  NON SALE SUL PODIO


di Emmezeta

Doveva spaccare il mondo e invece si spaccherà solo le corna. Non è passato neanche un mese dalla sua «salita» in politica, una specie di ascensione in cielo benedetta dalla Curia e dalla Banca, e tutto è salito fuorché i suoi consensi.
Eravamo stati facili profeti. Non sarà un caso se in Italia non è mai esistito un partito borghese di massa. La reazione al pericolo rosso ebbe bisogno del fascismo, la stabilizzazione post-bellica della Democrazia Cristiana, mentre il confuso ventennio che ormai ci separa dalla fine della Prima Repubblica ha avuto diversi interpreti, ma – come nei casi precedenti – niente che somigliasse ad un partito conservatore di stampo europeo.

Nei pensatoi altolocati pensavano che questa potesse essere davvero la volta buona. Partiti tradizionali in disfacimento, crisi del berlusconismo manifesta, assenza di leader credibili, appoggio dei poteri forti nazionali ed internazionali, sostegno pressoché unanime della grande stampa: cosa potevano avere di più?

Muniti di tutto ciò, e confortati dalle parole d’Oltretevere, si erano persuasi di poter sbaragliare il campo. Tanto ne erano convinti, che mentre «salivano» si richiamavano al precedente di colui che vent’anni fa «discese» in campo, con una terminologia un po’ più modesta ma risultati assai più brillanti.

Cosa manca a Monti per realizzare l’exploit in cui aveva certamente sperato? Berlusconi direbbe forse ciò che ha detto a proposito di Alfano, e cioè che li manca un quid. Noi, più semplicemente, rileviamo che gli manca il consenso. Senza il quale, dettaglio fastidioso per chi è abituato ad ergersi sempre al di sopra del disprezzato popolo, non si vincono le elezioni.

Ora, i sondaggi vanno certo presi con prudenza, ma la soglia massima del Salvatore della Bocconi pare ormai essere quella del 15%. Eppure un mese fa sembrava già raggiunto il 20%, ottima base di lancio per chissà quali prodezze. E mentre tutti i principali mezzi di informazione accreditavano l’idea del possibile sfondamento, gli italiani (almeno quelli consultati dagli istituti demoscopici) restavano più che freddi, gelidi.

La panzana del consenso popolare per Monti, diffusa a piene mani da oltre un anno per giustificare il golpe del novembre 2011, si è sciolta così come neve al sole. E la scelta di misurarsi direttamente sul terreno elettorale si rivelerà un autentico autogol.

Tra i candidati premier Monti viene dato oggi per quarto, dietro a Bersani, Berlusconi e Grillo. Immaginatevi cosa ne penseranno a Washington e Berlino: quarto, e per giunta dopo un politico comico ed un comico politico… Tra i partiti della coalizione montiana l’Udc crollerebbe al 4%, mentre la finiana Fli sarebbe all’1% e dunque fuori dalla Camera. Questi partitucoli alleati sono tuttavia più radicati della presuntuosa «Lista civica» montiana, tant’è che le firme per presentarsi gliele ha raccolte il tanto disprezzato Cesa…

Al di là delle diversità tra il Berlusconi 1994 e il Monti 2013, la differenza politica è sostanzialmente una: il primo copriva un vuoto politico reale, il secondo si candida solo come garante di quelle oligarchie dominanti che hanno già tanti servitori, ma che non si fidano mai abbastanza di nessuno.

Proprio per questa sua funzione – e nonostante l’insuccesso elettorale che si profila – Monti continuerà certamente ad avere un ruolo importante anche nella prossima legislatura. Ce l’avrà, però, come nominato di Obama e della Merkel, non come eletto dai cittadini italiani. Niente di nuovo, si dirà, rispetto a quel che è avvenuto fino ad oggi.

Niente di nuovo, certo. Una bella conferma, però, della debolezza del montismo. Una debolezza che non diventerà forza alleandosi con il centrosinistra. Costoro metteranno comunque in piedi un governo. Ma ben difficilmente quel governo avrà la forza di reggere le future tempeste. In alto lo sanno e sono preoccupati. Qualcuno si è accorto di come la stampa montista abbia ormai abbandonato il trionfalismo di dicembre, per ripiegare sul ben più misero obiettivo di «condizionare» il già condizionatissimo Bersani?

Quel che è male per loro, è bene per il popolo lavoratore. Ecco una ragione di ottimismo nel grigiore di una grigia campagna elettorale d’inverno, dove grigi politicanti e grigi tecnocrati trattano gli equilibri del futuro governo, quello che dovrà gestire la prosecuzione del massacro sociale targato Europa.

Le cose per ora non gli vanno troppo bene. Che gli vadano del tutto di traverso!

image_pdfimage_print

4 pensieri su “ELEZIONI: SE MONTI…”

  1. Mirko Vaglio dice:

    Non vedo nessun ottimismo possibile. La strategia di demolizione dell'Italia come democrazia reale ed di esproprio delle sue risorse produttive da parte di una "governance" finanziaria non ha nessun bisogno del "successo" elettorale di Monti in quanto tale: è perfettamente sufficiente il quadro politico attuale e l'azzeramento stabile dell'opposizione di classe organizzata.Le possibilità di un ribaltamento non sono all'orizzonte e se mai lo saranno non sarà un blitz ma una lunga marcia per l'indipendenza contro l'Europa che non è neppure cominciata e che nessuno appare in grado di iniziare. Purtroppo.

  2. Sollevazione dice:

    «Monti non è l’uomo giusto per guidare l’Italia». SE IL FINANCIAL TIMES BOCCIA MONTIE’ quanto titola il Financial Times on line in un editoriale di Wolfang Munchau spiegando che il suo ‘”governo ha provato a introdurre riforme strutturali modeste” annacquate fino alla “irrilevanza macroeconomica”. “Ha promesso riforme” finendo per “aumentare le tasse”.“Ha iniziato come tecnico ed è emerso come un duro politico” prosegue il quotidiano sottolineando che anche sul calo dello spread, molti italiani “sanno che è legato a un altro Mario, a Draghi”. L’articolo, che riecheggia il famoso “Berlusconi unfit” (inadeguato) dell’Economist, mostra tutta la delusione di un pezzo importante dell’establishment finanziario europeo verso il Professore, da salvatore della Patria a promessa mancata.

  3. Unknown dice:

    Se c'è una cosa che insegna la storia dell'uomo, è che la storia stessa è imprevedibile. Al bando il pessimismo e lo scetticismo, per cambiare ci vuole entusiasmo anche nei momenti difficili!

  4. Mirko Vaglio dice:

    Sulla "delusione" dell'establishment finanziario europeo è lecito nutrire qualche dubbio. Se ci si riferisce all'articolo di Münchau è opportuno sottolineare che esso è accompagnato dal contemporaneo editoriale di FT "Italy’s crucial vote – Parties are shying away from the radicalism Rome needs" che appoggia decisamente l'alleanza Monti-Bersani come soluzione possibile e desiderabile.Ecco i passaggi cruciali:"Risolvere questi problemi profondamente radicati (competitività esterna, produttività stagnante, costo del lavoro che non decresce) richiede un leader affidabile con un credibile programma economico. Nulla di tutto questo si applica a Silvio Berlusconi il plutocrate-eiaculone-politico che sta pianificando un ritorno dopo aver condotto il suo paese sull'orlo del precipizio fiscale"… (mentre)"Pier Luigi Bersani, candidato per i Democratici di centro-sinistra, e Mario Monti, che è a capo di una coalizione centrista, entrambi hanno credibilità personale. Durante il suo periodo di governo, il Sig. Bersani ha varato molte riforme, incluse le liberalizzazioni della professione legale e delle farmacie. Il Sig. Monti, d'altra parte, gode della fiducia sia degli investitori che degli alleati dell'Italia nell'eurozona."Più chiaro di così…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *