Browse By

SPUTTANARE GRILLO! di Piemme

 571 total views,  4 views today

8 marzo. L’Espresso in edicola oggi spara una potente bordata contro Beppe Grillo. La guerra di regime per sfasciare M5S è iniziata. Il meccanismo è rodato, lo stesso usato per delegittimare Berlusconi. Inquietante è che alla chiamata alle armi abbiano subito risposto i trombettieri della sinistra sinistrata.

Il vero fronte rosso-bruno
a chi fa gioco smerdare il Movimento 5 stelle?

di Piemme

Se Grillo sperava di farla franca si sbagliava e di grosso. Non poteva pensare di portare un attacco, come l’ha portato, al putrescente regime che ammorba il paese senza che questo reagisse, non esitando a ricorrere all’uso subdolo della diffamazione e della calunnia.

La campagna di sputtanamento l’avevano iniziata Il Giornale e Libero a ridosso delle elezioni. Subito dopo hanno iniziato il Corriere della sera e Repubblica. Ma era tutta robetta. L’attacco frontale, per essere credibile, doveva essere portato dalla stampa antiberlusconiana. Ed esso è arrivato, come una bomba ad orologieria.

Spunta fuori un’inchiesta della Guardia di finanza che ha scoperto che Beppe Grillo è l’effettivo titolare di «Tredici società in Costa Rica per gestire affari e aprire un resort di lusso nel  paradiso fiscale. Promotori: l’angelo custode dell’ex comico e la sorella di sua moglie». [Grillo, l’autista e la cognata]

Il “faccendiere” Valter Lavitola

L’attacco si muove sulla falsa riga oramai ben rodata delle campagne di stampa per demolire il puttaniere di Arcore. Anzi, per essere più precisi l’indagine de l’Espresso sembra una fotocopia farlocca di quella che azzoppò Gianfranco Fini —la casa di Montecarlo. Chissà quale barba finta di turno ha fatto questa volta le veci di Lavitola. Lavitola, quello che sfornò le carte per incastrare Fini producendo un documento falso proveniente dall’isola di santa Lucia. Oggi Lavitola in galera afferma che i soldi per le carte false, 500mila euro, gli furono dati proprio da Berlusconi.

Sia chiaro. Non stiamo qui a fare gli avvocati d’ufficio di Beppe Grillo. Se fosse vero che coi soldi guadagnati come comico ha fatto investimenti in Costa Rica (rispunta un paradiso fiscale) non ci farebbe certo una bella figura. Non so dove lessi che se qualcuno vuole fare carriera politica all’interno del regime dev’essere ricattabile, perché solo se lo è egli sarebbe addomesticabile e quindi poter fare carriera. Per uno che vuole abbattere un regime vale la regola opposta: non deve avere scheletri nell’armadio, non deve fornire alcun destro ai suoi nemici.

Vero è che il regime, se gli scheletri non ce l’hai, è sempre pronto ad inventarseli. Fa partire una campaggna di accuse false, scatena un’inchiesta giudiziaria e così ti sputtana agli occhi di un’opinione pubblica abituata a bersi tutto. La notizia che l’accusa era falsa giungerà dopo anni, e nessuno ci farà caso.

Diciamo subito una cosa: se le accuse pubblicate da l’Espresso fossero vere ciò non cambierebbe di una virgola il significato del poderoso successo di 5 Stelle. Nè noi cambieremmo quindi opinione riguardo alla giustezza di votare per le liste di M5S. Le vicende personali di un leader, per quanto penose, non possono sminuire o offuscare il dato oggettivo che grazie al successo di M5S è giunta una devastante e salutare spallata al regime oligarchico eurista.

Siccome i faacisti sono per non pagare il debito pubblico…

Più che penoso è inquietante che a questa campagna di delegittimazione di M5S si siano prontamente aggiunti alcuni ambienti di estrema sinistra. Hanno scoperto che tra gli eletti “grillini” ci sono alcuni ex-fascisti o militanti di destra. Spunta fuori un certo Checchino Antonini che ne avrebbe scovati almeno tre, due deputati e un senatore «…che hanno militato nella Fiamma tricolore di Pino Rauti fino al 2002 ma che, anche successivamente, hanno mantenuto saldi contatti con l’area della destra radicale, sopratutto, con gli ambienti culturali come il Centro studi Polaris di Gabriele Adinolfi, il Movimento Zero di Massimo Fini ed il comitato Destra per Milano di Roberto Jonghi Lavarini».
E’ sintomatico che a rilanciare questa non-notizia sia stato il sito ufficiale di Rifondazione comunista —Camerati a 5 stelle, si, no, forse.

Il passato politico di ognuno è certo importante, e non può essere cancellato con un colpo di spugna. Ma siccome redimersi o cambiare idea e barricata non è impedito a nessuno, nemmeno ai neo-fascisti; e siccome l’estrema sinistra, non da oggi, ma fin dal dopoguerra, di ex-fascisti ne ha riciclati tanti, l’autore si deve essere reso conto che il passato (soprattutto se parliamo di quello di persone che al tempo erano giovani se non adolescenti) non può essere di per sé un atto di accusa. Ecco allora che cala l’asso. 

Per dimostrare che M5S usa slogan fascisti cita un certo Vincenzo Forte, camerata nient’affatto pentito, che accusa di plagio il Movimento 5 stelle:

… fascisti saremmo tutti noi?

«Dopo essersi appropriato di idee e proposte politiche della destra radicale come la nazionalizzazione della Banca d’Italia, la sovranità monetaria con il ritorno alla moneta nazionale e quant’altro, se n’è uscito con l’ “innovativa” proposta di salario minimo garantito per i disoccupati: peccato che il comico si sia scordato di raccontare agli intervenuti al suo Tsunami-show, che tale idea è una battaglia sociale di Fiamma Tricolore sin dalla sua nascita il 1995, nata dalla sensibilità politica dell’allora segretario Pino Rauti».

Avete capito dove vuole portare i suoi malcapitati lettori (in sodalizio col fascistone tal Vincenzo Forte) il sinistrato Checchino Antonini? Vuole portarli a sostenere che rivendicazioni come la nazionalizzazione della banca d’Italia, la sovranità monetaria e il salario minimo garantito, sono richieste… fasciste e quindi, per proprietà transitiva, non solo M5S ma chi a sinistra sostiene quelle richieste, è fascista, che ne sia consapevole o meno.

Pcl compreso (sopra un suo manifesto)

Ecco dove conduce quello che abbiamo definito “antifascismo delirante”. Porta a fare i pappagalli della stampa di regime, del blocco di potere oligarchico che condanna come populistico ogni movimento che rifiuta il liberismo e chiede che la politica non sia asservita ai grandi pescecani capitalisti ma della collettività.

Si ciancia contro un fantasmatico “blocco rosso-bruno”. Qui l’unico blocco rosso-bruno che vediamo —se assumiamo che il fascismo realmente esistente e che avanza è lo schiacciasassi di un potere sempre più tecnocratico e antidemocratico— è quello tra i settori euristi dominanti del sistema e certa sinistra radicale (radicale ma nel senso pannelliano del termine) che gli tiene il moccolo.

L’essere stati per vent’anni, in nome dell’antiberlusconismo, portatori d’acqua del grande capitale finanziario, italiano ed europeo, non pare induca questi sinistrati alla minima autocritica. Ieri lo spauracchio era il “fascista e populista Berlusconi, oggi il “fascista e populista Grillo”. La storia davvero si ripete sempre due volte: la prima come tragedia, la seconda come farsa.

image_pdfimage_print

9 pensieri su “SPUTTANARE GRILLO! di Piemme”

  1. FrancescoA dice:

    Indagine della guardia di finanza? Non mi risulta…

  2. Palme Palmester dice:

    Ecco il progetto "definito resort di lusso" la nostra stampa fa veramente cagare!!!http://www.byoblu.com/post/2013/03/07/Ecco-il-resort-dellautista-di-Grillo.aspx

  3. U.S. dice:

    Ecco ciò che intendo per cicchittismo: difendere il padrone sempre e comunque.L'analisi da fare è un'altra. Tutti coloro che hanno usato il giustizialismo per fare carriera politica (la Lega con i cappi, l'msi con il "siete circondati", Di Pietro con le case, ecc) sono finiti per essere vittime delle loro stesse armi.Ora è il momento di godere. Non di protestare.Se Grillo ha un conto nei paradisi fiscali è un evasore, se non li ha rimane un miliardario.In ogni caso un nemico da combattere ed espropriare. Viva il socialismo. Verremo a prendervi

  4. roberto b dice:

    "Non so dove lessi che se qualcuno vuole fare carriera politica all'interno del regime dev'essere ricattabile". Lo aveva detto Giuliano Ferrara.

  5. Anonimo dice:

    Concordo con te Us, Grillo mi sembra comunque un esempio di proprietà dei mezzi di produzione. Inoltre dall'essere una cosa che lui asseriva essere di chi ci milita, come immaginavo, ha chiarito di essere padrone e depositario dei diritti del marchio. Potendo così espellere dal suo cavallo-mezzo di produzione, chiunque abbia un pensiero critico.Non nego che comunque nel movimento non ci sia solo acriticità ed è anche il perchè un mio amico lo ha votato, chiarendo che di Grillo non gliene importava nulla e che poteva essere chiunque. Peccato che ora il movimento non possa prescindere da lui, hanno fatto pure il conclave in segretezza.

  6. barbaranotav dice:

    salve,toh un articolo dell'anno scorso.http://www.controcopertina.com/lespresso-evade-225-milioni-la-clamorosa-notizia-censurata/I crociati anti evasione pontificano …sugli altri. Antigrillismo, malattia infantile del sinistrismo?http://www.statopotenza.eu/6306/antigrillismo-malattia-infantile-del-sinistrismoUltima perla, ma non fu proprio Paolo Ferrero, a proporre di nazionalizzare le banche?Che è diventato fascista o ha capito tale proposta cogliendone la potenziale bontà?

  7. Redazione SollevAzione dice:

    E' davvero stupefacente il conato di anti-grillismo che serpeggia a sinistra. Ma non è solo estremismo, è anche opportunismo politico, è sintomo di siderale distanza dal popolo lavoratore, è il divorzio dalla realtà.L'ultima prova provata che la sinistra italiana ha portato il cervello all'ammasso.gente che è stata in partiti come PdCi e Prc, che reggono il moccolo al Pd in almeno dieci regioni; gente che ha digerito ben due governi Prodi pretende di dare lezioni di coerenza anticapitalista! Ma fateci il piacere!

  8. Informazione Consapevole dice:

    Bell'articolo,consiglio anche la lettura di questo http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2013/03/il-metodo-boffo-contro-grillo.html .Chiaramente il Mov 5 Stelle non è un movimento perfetto e dentro ci sono varie contraddizioni(a partire dalla democrazia interna),ma la maggior parte delle critiche che gli provengono dalla stampa e dai rappresentanti politici è basata sulla fuffa,come in questo caso, oppure su facili strumentalizzazioni.La causa di tutto questo accanimento credo sia da ricercare da una parte nella novità che in qualche modo il Mov 5 S ha portato nella politica italiana e dall'altra in certe sue scomode posizioni,come la messa in discussione del dogma europeista e del sistema monetario/economico attuale.Eh poi anche un certo risentimento,da parte di stampa e partiti, verso colui che vuole abolirgli i finanziamenti pubblici.

  9. Guido dice:

    Concordo pienamente:Grillo non poteva aspettarsi altro.Ma d'altronde devo essere sincero:Questa "macchina del fango" è un vero ed assoluto stracciamento di coglioni. Non passa giorno che non venga fuori l'ennesima cazzata per indurre Grillo ad inciuciarsi col PD……prima la petizione farlocca di Viola Tesi (apparentemente legata al Partito Pirata, ma in realtà più probabilmente connessa ad un collaboratore di Santoro che col PPI ha avuto scazzi [tale Brancati]) apparsa su Repubblica….poi l'inchiesta su Grillo volta ad infangarlo sull'Espresso….poi "la petizione degli intellettuali"….poi adesso la storiella del "referendum interno" per decidere se Grillo debba inciuciarsi con Bersani o meno.Posso confessare che, come comune cittadino, vorrei vedere deportati in massa tutti coloro che stanno attuando e collaborando questa "macchina del fango"?E questo per un puro e semplice motivo: Stanno rompendo i … in modo scandaloso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.