1

ALTERNATIVE FÜR DEUTSCHLAND? Vuole l’euro e come! Intervista al suo leader Bernd Lucke

13 maggio. In Germania a settembre si vota. Alternative für Deutschland (AfD), il  cosiddetto “partito anti-euro” potrebbe ottenere un notevole successo, facendo così tremare l’intera Unione europa. In questa intervista l’economista e leader di AfD Bernd Lucke (nella foto) spiega la reale posizione del suo partito, che non è quella del ritorno al Marco tedesco ma quella di un “euro dei  ricchi”. I “poveri” dovrebbero tornare sì alle loro valute nazionali ma pur sempre imprigionati in una diversa unione economica-monetaria che assicuri la supremazia tedesca. Sta di fatto che in Germania la questione dell’euro è oramai al centro del dibattito pubblico. In Italia non ancora. E’ sempre così in paesi vassalli, condannati dalle classi dominanti ad una posizione di deferente e penosa sudditanza verso il centro sistemico.

D. Herr Lucke, “Alternative für Deutschland” propone la fine dell’unione monetaria. Questo significa che è la Germania a dover uscire quanto prima dall’Euro, oppure dovrebbero essere i paesi in crisi del sud Europa a farlo?

R. La nostra proposta prevede che siano i paesi del sud Europa ad uscire dall’Euro e che l’Euro venga mantenuto solo nei paesi del centro. Tale separazione dovrebbe avvenire gradualmente nel corso dei prossmi anni.

Quindi secondo lei la Germania non dovrebbe decidere in maniera unilaterale di tornare al D-Mark?
 
No, esattamente il contrario. Noi diciamo chiaramente che non vogliamo un’immediata uscita unilaterale della Germania dalla zona Euro, e soprattutto in assenza di un fondamento giuridico.

Non pensa che l’uscita dall’Euro dei paesi del sud potrebbe avere conseguenze imprevedibili, ad esempio una gravissima crisi economica?

Ho sempre messo in guardia dai pericoli di una uscita improvvisa. Potrebbero esserci infatti conseguenze economiche difficilmente controllabili. Per i paesi candidati all’uscita, la cosa migliore sarebbe introdurre nel periodo di transizione delle valute parallele in modo da avere accanto all’Euro una moneta nazionale come mezzo di pagamento a corso legale. Ci sarebbero una serie di vantaggi, fra i quali il fatto che i debiti Target dei paesi del sud sarebbero preservati, in quanto il paese resterebbe all’interno dell’Eurosistema.

Anche la posizione ufficiale del partito è quella di non volere un’uscita immediata dall’Euro?

Come partito non abbiamo ancora una posizione ufficiale sul modo concreto in cui gli stati dovranno uscire dall’Euro. Non crediamo possa essere deciso da una mozione del partito. Lo si dovrà decidere insieme ai partner europei e in considerazione dei nostri interessi. Vogliamo solo far notare che esiste la possibilità di uscire dalla moneta unica. In quanto leader di partito e professore di economia preferisco parlare del sistema delle monete parallele e introduco il tema nella discussione pubblica. Il nostro governo continua a sostenere che il mantenimento di tutti i paesi nella zona Euro non ha alternative. Per questa ragione noi vogliamo mostrare che le alternative ci sono. Non si tratta di imporre un’alternativa concreta, piuttosto far presente all’opionione pubblica tedesca che il governo sta reprimendo un dibattito che invece è necessario ed urgente.

Lei propone l’introduzione delle monete parallele. Perchè la considera una opzione realizzabile?

La strada delle valute parallele ha alcuni vantaggi. In primo luogo è possibile segnalare alla popolazione che l’Euro resta un mezzo di pagamento, evitando un assalto alle banche. E’ importante, perchè altrimenti c’è il rischio che l’intero sistema bancario crolli e ogni ragionevole tentativo di riforma sia affossato prima della sua entrata in vigore. Si puo’ inoltre dire ai cittadini: i conti correnti e i depositi bancari sono sicuri, non vi è alcun motivo di panico. Il secondo vantaggio è di natura politica: non vogliamo umiliare i greci dando loro la sensazione di essere stati cacciati dall’Euro. Durante la fase intermedia sono ancora parte della zona Euro, e allo stesso tempo possono approfittare dei vantaggi di una moneta nazionale. La valuta nazionale potrà guadagnare accettazione prima che l’Euro sia completamente abbandonato. Resta tuttavia possibile che un paese grazie alla svalutazione e agli sforzi riformatori possa migliorare la propria competitività ad un livello tale che un’uscita completa dall’Euro diventi evitabile. Questo scenario lo considerano improbabile, ma come prospettiva politica è sicuramente importante.

I critici dicono che un sistema con due valute non potrebbe funzionare

L’unione monetaria non ha funzionato con una sola valuta. Dobbiamo tuttavia riflettere sulle misure necessarie per gestire il passaggio. Considero le valute parallele un sistema fattibile. L’Euro resterebbe la sola valuta per i pagamenti in contante, in modo da avere un solo portafogli con un’unica moneta. Allo stesso tempo per le operazioni non in contanti si potrà pagare solo con una valuta di combinazione. Le conversioni fra le due valute saranno fatte automaticamente dai computer delle banche. Il consumatore non dovrebbe incontrare alcuna difficoltà.

Ci sono precedenti storici?

No, la nostra proposta è nuova. Evita le debolezze degli altri sistemi di valute parallele. Nella nostra proposta non è possibile che una valuta rubi il posto all’altra. L’Euro resterebbe per i pagamenti in contante, per le operazioni non in contante, la sola possibilità sarebbe la valuta di combinazione.

Quali sarebbero i tempi per la trasformazione della zona Euro e l’introduzione delle valute parallele?

Non è una questione di partito ma un tema che riguarda la politica nella zona Euro. L’introduzione delle valute parallele richiede una modifica dei trattati, poiché questi prevedono che l’Euro sia il solo mezzo di pagamento legale nell’Eurozona. I trattati dovranno percio’ essere modificati in questa direzione: per i diversi stati sarà possibile introdurre anche altri mezzi di pagamento legali. Una tale modifica dei trattati richiede circa un anno, nel frattempo potrebbero partire i preparativi per introdurre in questi paesi le valute parallele. Sarebbero poi necessari dai 3 ai 4 anni per una graduale uscita dall’Euro.

Secondo l’esperienza le modifiche ai trattati EU sono molto difficili. Non pensa sia un ostacolo insormontabile?

No. La Germania grazie alla sua forza finanziaria ha la possibilità di avere una forte influenza in Europa. Deve solo rifiutare un ulteriore finanziamento del fondo di salvataggio europeo, fino a quando non saranno apportate le modifiche ai trattati europei. La Germania puo’ facilmente imporre questa posizione.

Come valuta il dibattito in Germania? La discussione sull’uscita dall’Euro è diventata piu’ aperta, le vostre proposte vengono recepite?

Se ne discute molto, c’è un’ampia copertura mediatica, riceviamo anche un forte incoraggiamento. Nei sondaggi elettorali ci viene riconosciuto un potenziale tra il 25 e il 37%. Una parte considerevole della popolazione tedesca simpatizza con le nostre posizioni. Le nostre proposte per ora sono state respinte dagli altri responsabili politci, sebbene ci siano dei concreti segnali di erosione. Ad esempio, l’ex leader SPD e ora politico della Linke Oskar Lafontaine si è improvvisamente espresso a favore della reintroduzione delle monete nazionali, dopo aver difeso l’Euro fino a poco tempo fa. Posso immaginare che ci saranno dei cambiamenti programmatici simili anche nei partiti tradizionali, se alle elezioni riusciremo a raggiungere un buon risultato.

AfD (Alternative für Deutschland) nell’opinione pubblica viene percepito come un partito che vuole tornare al D-Mark. E’ un’immagine vera?

No, è sbagliata la sequenza. Quello che vogliamo, prima di tutto, è che i paesi del sud Europa escano dalla moneta unica. Dopo di che potremo anche parlare di come il resto dell’Eurozona potrà essere progettato. Un paese come la Francia puo’ e vuole restare in una unione monetaria con la Germania? Se si’, la Germania dovrà garantire per i debiti francesi e per quelli belgi? Se la garanzia sul debito pubblico degli altri paesi è espressamente proibita, la Francia dovrà decidere se intende affrontare la pressione per la competitività che l’Euro impone. Se si’, allora io saro’ d’accordo. Se i paesi partner, invece, vogliono mettere in comune i debiti, allora ci impegneremo affinché la Germania possa tornare al D-Mark.

* Fonte: Neue Zϋrcker Zeitung del 10 maggio 2013
** Fonte in italiano e Traduzione: Voci dalla Germania