Browse By

M5S: L’INIZIO DELLA FINE O UNO SCHIAFFO SALUTARE? di Leonardo Mazzei

 728 total views,  2 views today

29 maggio. COSA CI DICONO LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE?

Non perdiamoci in troppi fronzoli: pur con tutte le attenuanti del caso, il M5S ha registrato un clamoroso flop. E’ questo il dato principale del voto amministrativo di domenica scorsa. Gli altri elementi da considerare sono invece rappresentati dall’evidente insuccesso della destra (Pdl e Lega), dall’insperato recupero del centrosinistra (Pd in primis), da un astensionismo montante che promette vette stratosferiche ai ballottaggi.

Partiamo da questi ultimi aspetti, prima di concentrarci sulle ragioni della sconfitta del movimento di Grillo che è la questione che più ci interessa.

La fortissima crescita dell’astensionismo è spiegabile, a mio avviso, con tre ragioni: la prima consiste nel fatto che i temi amministrativi riscuotono oggi assai meno interesse che nel passato, dato il prevalere dell’attenzione sui temi politici ed in particolare sulle grandi questioni della politica economica, nazionale ed europea.

La seconda ragione, che rafforza evidentemente la prima, risiede nella penosa condizione delle amministrazioni locali, le cui scelte sempre più dipendono dai vincoli nazionali ed europei (Patto di stabilità interno, tagli alla spesa, eccetera). Per quali ragioni i cittadini dovrebbero appassionarsi più di tanto alle vicende di comuni le cui scelte sono in larga parte predeterminate da questi vincoli?

La terza ragione si intreccia invece proprio con le vicende del M5S. In due sensi: nel senso che elettorato tendenzialmente astensionista ed elettorato “grillino” in parte coincidono, e nel senso che molti elettori che non hanno inteso rinnovare il loro voto di febbraio al M5S non hanno comunque ritenuto, astenendosi, di spostare la propria preferenza su altre liste.

Ma abbiamo detto, ed anche questo dato è palesemente uniforme su tutto il territorio nazionale, che da un voto segnato dall’astensionismo è emersa una sconfitta della destra ed un successo del centrosinistra. E’ avvenuto cioè l’esatto contrario di quanto ci si poteva forse attendere dalle vicende politiche di primavera.

Un Pd dilaniato dalla spaccatura sul nome di Prodi, giunto a rimangiarsi – con il governo Letta – il no all’alleanza con il Pdl, con un segretario dimissionario ed un incredibile ectoplasma assurto al ruolo di “traghettatore”, esce vincitore dalle urne. Mentre il partito berlusconiano, rilanciato dal voto di febbraio, rilegittimato come forza di governo, dato in crescita nei sondaggi elettorali, alla fine si è ritrovato clamorosamente sconfitto.

Come mai questo strano ribaltamento della situazione? Certamente, le elezioni politiche sono una cosa e quelle amministrative un’altra. E’ questa una ben nota ovvietà, che però in sede di analisi va pur sempre ricordata. Ma c’é naturalmente dell’altro. Chi scrive non ha mai creduto allo sfondamento berlusconiano. I berluscones hanno fatto probabilmente il pieno a febbraio, il loro capo è sì in grado di far cadere il governo, ma da qui ad entusiasmare il vecchio “popolo di destra” ce ne corre. Insomma, il Berlusconi in versione “larghe intese” non piace.

Con un M5S in grave difficoltà, ed una destra rifocillatasi a febbraio ma spenta nella palude del governo Letta, il Pd ha potuto così conseguire un risultato nel quale probabilmente non speravano neppure i dirigenti del partito. Gli elementi decisivi che hanno consentito questo risultato sono due: il primo è rappresentato dal ritorno a casa di buona parte di quella fetta di elettorato che alle politiche si era spostato dal centrosinistra a Grillo; il secondo dal ritorno in auge dell’antiberlusconismo, come riflesso condizionato prodotto proprio dalla riemersione del Caimano.

Se queste sono state le dinamiche di fondo del voto amministrativo, quali sono le ragioni più specifiche del flop del M5S? E quali potrebbero essere le conseguenze sul movimento di Grillo?

Tutti sapevano che Il M5S non avrebbe potuto ripetere sul terreno amministrativo l’exploit delle politiche, così come abbiamo già parlato dell’indubbia incidenza di un astensionismo che potrebbe tornare ad alternarsi con il voto a Grillo anche in futuro. Ma, fatte queste premesse, il risultato delle liste del M5S non si presta ad equivoci: si tratta di una sonora sconfitta da capire a fondo, per avviare un processo di riflessione che porti alle necessarie trasformazioni del movimento.

Perché dunque il M5S, in questa occasione, ha perso? Certo, senza dubbio avranno inciso diversi aspetti (le candidature, i difetti di comunicazione, l’aggressione mediatica subita in questi mesi), ma c’è una ragione ben più importante: non si può rimanere a discutere per settimane – di fronte al disastro economico del paese, davanti alla disoccupazione dilagante, in presenza di una tragedia sociale senza fine – di auto blu, scontrini fiscali, rimborsi e caffè alla bouvette. Né si può affrontare una campagna elettorale come questa mettendo al centro una serie di obiettivi minimalisti di tipo municipalista ed amministrativo.

Non che queste cose non contino. Non che le ruberie della casta bipolare (oggi ricompattasi attorno al governo Letta) non siano una cosa importante. Ma la colpa peggiore di questa casta è quella di essere parte di un blocco dominante che, in combutta con le oligarchie finanziarie euroatlantiche, vuol continuare a scaricare tutti i costi della crisi sul popolo lavoratore.

E’ a questa politica criminale che bisogna reagire. E’ contro questa politica criminale che il M5S ha preso i voti a febbraio. Ma ora la denuncia della casta e della corruzione non è più sufficiente, occorre una linea chiara da contrapporre al blocco dominante sulle grandi questioni dalle quali dipende lo sviluppo della crisi: l’euro e l’Unione Europea, il debito, il fiscal compact, la nazionalizzazione del sistema bancario, eccetera.

Non è che su questi temi il movimento di Grillo sia muto. Di certo lo è assai meno di quella che si vorrebbe ancora “sinistra radicale” – a proposito: brillante il 2,22% di Sandro Medici (con tre liste e quattro partiti) a Roma – ma il fatto è che queste questioni finiscono sempre in secondo piano nel messaggio “grillino”.

Questo è il problema. A febbraio Grillo ha preso 8 milioni e mezzo di voti anti-sistema. Qualche precisino dirà “confusamente” anti-sistema. Certo, ma come poteva non esserci confusione nel turbinio di una simile ascesa? Il problema, oggi, è che quel messaggio anti-sistema ha bisogno di misurarsi sulle questioni veramente decisive per le condizioni di vita di decine di milioni di persone.

Questo è il salto richiesto. Dalla capacità o meno di rispondere a questa esigenza dipenderà il futuro del M5S. Tanti sinistrati hanno già iniziato ad intonare il de profundis per un movimento che vedono come fumo negli occhi. Noi, al contrario, ci auguriamo che i militanti del M5S sappiano trarre dalla sconfitta gli insegnamenti necessari per rettificare gli errori di questi mesi.

A stasera, purtroppo, i segnali non sono positivi. Sul blog di Grillo si impreca contro gli elettori che “vivono di politica”, tra i quali si ha il coraggio di inserire indistintamente 4 milioni (ma in realtà sono meno) di dipendenti pubblici, nonché 19 milioni (ed anche questi sono meno) di pensionati. Così, senza distinguere le pensioni da fame da quella di un Giuliano Amato, né lo stipendio di un lavoratore medio da quello dei boiardi di Stato.      

Grillo vuol dirci che ha vinto un sistema che vive in larga parte di clientele? Scoperta geniale, come quella di chi, di tanto in tanto, ci ricorda che esiste la mafia. Ma mafia e clientele non esistono a corrente alternata. E non abbiamo mai sopportato i giornalistucoli de sinistra che per decenni ci hanno parlato – alternativamente, appunto – di sconfitta della mafia magari per la vittoria di un Orlando a Palermo, per poi piangere a dirotto sulla forza della mafia capace di consegnare 61 collegi siciliani su 61 a Berlusconi.

Così come il popolo (in senso stretto l’elettorato) non può essere mafioso un anno sì e l’altro no, non si può dare con faciloneria del “corrotto” a milioni di persone che ti hanno dato il voto tre mesi prima. Corrotti, anch’essi, a corrente alternata? Non scherziamo, non può essere questo il modo di ragionare.

Ben altri sono infatti i problemi. Chi scrive pensa che la battuta d’arresto di queste elezioni possa anche essere salutare per il M5S. Conosciamo la passione del grosso degli aderenti e la loro onestà intellettuale. La situazione è in movimento ed è possibile raddrizzare la barra. A condizione che si riconoscano i problemi, che non ci si illuda più sull’autosufficienza, che si comprendano i limiti della forma che il M5S si è dato finora.

E soprattutto a condizione che si costruisca un programma con al centro le grandi questioni economico-sociali, da collegare alla battaglia democratica ed alla lotta senza quartiere contro un sistema politico marcio, indissolubilmente legato alle oligarchie finanziarie oggi strette a difesa del “sistema dell’euro”.

Non pensiamo che una simile battaglia possa esaurirsi nelle istituzioni. Al contrario, crediamo che la vera strada sia quella della sollevazione popolare. Una sollevazione che ha bisogno di un fronte ampio, di cui un forte M5S dovrà essere una componente essenziale.

image_pdfimage_print

13 pensieri su “M5S: L’INIZIO DELLA FINE O UNO SCHIAFFO SALUTARE? di Leonardo Mazzei”

  1. Anonimo dice:

    Grillo ha fatto un errore storico: aver chiamato all'assedio nelle ore dopo il Golpe, per poi fare marcia indietro su telefonata della digos.Chi quella notte era a Roma sa che poteva succedere di tutto…invece non è successo niente

  2. Anonimo dice:

    Inutile perdere tempo con sti individui. L'unica via: autodeterminazione dei popoli. Grillo è pericoloso quanto lo era Berlusconi, quanto lo era Vittorio Emanuele quanto lo era Mussolini.Non cadremo nell'ennesima trappola autoritarista dei cervelli deviati del nord.BYIL VILE BRIGANTE

  3. Anonimo dice:

    Questo articolo di evidentei servi della kasta, profeti del sionista bilderberghiano keynes hanno ragione o sono dei coglioni che non disringuono tra blocco sociale A o blocco sociale B?http://keynesblog.com/2013/05/29/grillo-e-quella-casta-di-25-milioni-di-italiani/

  4. Anonimo dice:

    Quando "Grillo vuol dirci che ha vinto un sistema che vive in larga parte di clientele? Scoperta geniale, come quella di chi, di tanto in tanto, ci ricorda che esiste la mafia…"Io lo intendo come sottolineatura, ma che non è in grado di definirlo e chiamarlo con precisione, per dirci che ancora in Italia il ceto medio, ventre molle dell'imperialismo occidentale, tiene.Si quella strana alleanza che oggi sotto i morsi della crisi scricchiola un pò, aristocrazia operaia, pubblico impiego, artigiani, bottegai, padroncini…Ed è a questa che si rivolge il PD offrendo ancora droga di buon senso, responsabilità e amenità varie che gli hanno garantito rendita parassitaria spruzzata di qualche scampolo di diritto, in questo ventennio berlusconiano Continuiamo a ripeterci:-chi vuole battere i marciapiedi del lavoro salariato e organizzarlo?-Quale cultura di rivolta si mette in campo che sappia intercettare, organizzare la disperazione proletaria affidata alla pietà cristiana o alle istituzioni totali psichiatria e carcere? Insomma come trasformiamo la violenza implosiva in lotta collettiva?

  5. Anonimo dice:

    Quando "Grillo vuol dirci che ha vinto un sistema che vive in larga parte di clientele? Scoperta geniale, come quella di chi, di tanto in tanto, ci ricorda che esiste la mafia…" lo intendo come sottolineatura, che non è in grado di definire e chiamarla con precisione, per dirci che ancora in Italia il ceto medio, ventre molle dell'imperialismo occidentale, tiene.Si quella strana alleanza che oggi sotto i morsi della crisi scricchiola un pò, aristocrazia operaia, pubblico impiego, artigiani, bottegai, padroncini…Ed è a questa che si rivolge il PD offrendo ancora droga di buon senso, responsabilità e amenità varie che gli hanno garantito rendita parassitaria spruzzata di qualche scampolo di diritto, in questo ventennio berlusconiano Continuiamo a ripeterci:-chi vuole battere i marciapiedi del lavoro salariato e organizzarlo?-Quale cultura di rivolta si mette in campo che sappia intercettare, organizzare la disperazione proletaria affidata alla pietà cristiana o alle istituzioni totali psichiatria e carcere? Insomma come trasformiamo la violenza implosiva in lotta collettiva?

  6. Veritas odium parit dice:

    Articolo non da buttare ma fortemente indirizzato…Anzitutto bisogna tenere sempre presente che il popolo bove non pensa e vota sulla base di argomentazioni, ma di un'immagine, d'un faccione, d'una frase sentita di sfuggita o letta in un rotocalco. E quindi bisogna andarci cauti nella ricerca di cause profonde.Poi è da dire che il M5S ha vinto le politiche con una congerie di elettori totalmente eterogenei accomunati solo dall'insofferenza verso il regime e dalla paura di dover rinunciare al proprio consumismo. L'unico modo per dare loro un filo comune sarebbe stato radicalizzare il messaggio contestatario, ma questo si fa male per diversi motivi:1) sarebbe stato difficile farlo senza indirizzarsi verso destra o verso sinistra;2) il gregge vota alternativo ma non ha la minima voglia di fare guerre o rivolte. Vuole solo la sua droga consumistica e plebeomediatica, e si spaventa se si fa appena sul serio;3) i parlamentari del M5S rispecchiano il livello del loro elettorato e più che biascicare qualche moralina di regime orecchiata sui media, e variata in salsa di slogan appreso sul blog di Grillo, non sanno fare.Il risultato è che i parlamentari hanno dato un'impressione di mediocrità, e Grillo ha cercato di mettere in sordina tutti gli spunti più radicali del movimento concentrandosi su casta e ecologia, per poi tirare un colpo a sinistra (antiberlusconismo) e uno a destra (jus soli).Il look che ne è risultato non ha corrisposto ai bollori (ma sempre superficiali e pronti a fare marcia indietro prima del primo lacrimogeno) che Grillo aveva fatto crescere nei belanti cervelli delle masse, tanti elettori (e voi con loro) si sono irritati perché ha agitato temi anche dell'altra parte, e l'incantesimo si è parzialmente squagliato.Tornerà? Finché non si verificheranno tracolli economici, dipenderà in primo luogo dal funambolismo e dalla pirotecnica mediatica che i diversi attori sapranno ammannire al gregge sovrano.

  7. compas dice:

    Credo che in tutto l'articolo l'autore non prenda sul serio una questione dirimente. La morte del PD non c'è stata. Io per primo mi sarei aspettato un tracollo, che invece non è avvenuto. Un po' di autocritica la vogliamo fare? Anche perché la "nostra" (mi ci metto anche io) posizione è che non ci si debba mai alleare con il PD. Eppure ancora ci sono milioni di persone che hanno votato Grillo, ma che avrebbero voluto un governo PD-M5S e che ora sono disillusi e atribuiscono a Grillo la colpa del governo Letta-Alfano.So che è una posizione incondivisibile. Nondimeno è la posizione di diversi milioni di italiani, ex pc soprattutto. Gli spariamo? Oppure vogliamo parlarne? Leonardo mi sembra non abbia avuto questa volta la lucidità per vederlo.

  8. Anonimo dice:

    Che l'M5S sia debole ideologicamente e che contende parte del terreno allo stesso PD e che di ritorno un'alleanza, fosse anche ultima schance, è e rimane desiderio ma di sicuro è fuori da qualsiasi contesto di possibilità.Su quale contesto avrebbero dovuto unirsi?-contro la BCE, CEE "fuori l'Italia dall'euro-per il reddito di cittadinanza-No TAV—Se singoli punti a sè non fanno ideologia quale unità per punti? Nulla,niente neanche sullo stipendio dei proconsoli, dei camerieri dei ragionieri dell'impero Per stanare il PD l'M5S negli incontri in treeming avesse proposto 4/5…punti concreti affiancate da date precise avrebbe fatto, forse, implodere con più deflagrazione le contraddizioni interne al PD ora ricompattato dopo il siluramento Rodotà.Purtroppo ancora il ceto medio è avvinghiato con le unghia e i denti sui vetri PD nell'illusione che con loro, "passata a nuttata", si torna come prima.Insomma si scommette ancora sul metadone, il male minore. E così sono passati 5 anni dall'inizio della crisi ed ogni cerino viene scambiato per luce fuori dal tunnel e i dati oggettivi peggiorano.La sofferenza proletaria come dice l'altro commento è consegnata alla pietà e alle istituzioni totali, il family-welfare scricchiola e noi ancora appesi alla "speranza".La soluzione non è nel cielo della politica istituzionale; questo ceto politico tutto grande-piccolo è responsabile della realtà che viene consegnata alle prossime generazioni:-laureato? 5 euro all'ora nei call-center-non-laureato 5 euro all'ora nelle cooperativesenza pensione e senza dirittiL'M5S è riuscito a scansare l'abbraccio mortale del PD come fù per Rifondazione & c., ora deve fare MOVIMENTO, assemblee con persone concrete con cui si discute, decide e agisce, ovvero democrazia diretta e non solo rappresentativa.

  9. Anonimo dice:

    "La ricostruzione della sinistra non avviene però rimettendo insieme ritagli. E’ un lavoro assai più complesso sia sul piano culturale, politico che organizzativo. Soprattutto non può essere ogni volta schiacciato sulle scadenze elettorali. Importa poco che sopravvivano piccoli ceti politici se le idee avvizziscono. Poiché il senso stesso delle parole è stato smangiato dall’interno, come dice la celebre poesia di Brecht riportata in auge da Servillo nel bel film di Andò, non ha neppure senso parlare di sinistra se non la si definisce. Non sono gli aggettivi che mancano, sono i sostantivi che sono deboli. E’ su questi ultimi che bisogna concentrarsi."A.Gianni

  10. Redazione SollevAzione dice:

    Pienamente d'accordo con il commento di A.Gianni. Poi magari ci si divide su questi "sostantivi", ma una rimessa in discussione è necessaria, e non intendiamo solo si questioni politico-programmatiche, ma pure teoriche e valoriali. Quelle che chiamavamo questioni di principio.Pienamente disponibili a marciare in questa direzione.Segnaliamo: Carta dei Principi di Mpl

  11. Anonimo dice:

    Dalla Carta dei Principi del MPL:LA LIBERTA'"Diritto di ogni persona alla propria autodeterminazione. La libertà, o libero arbitrio, è la facoltà che ad ognuno deve essere assicurata, di esercitare la propria volontà e di realizzare i propri bisogni fondamentali"L'autodeterminazione come ai singoli spetta anche ai popoli, intesi come somma dei singoli. Felice che il MPL sia su questa lunghezza d'ondaSICILIAEM LIBERTASBYIL VILE BRIGANTE

  12. Anonimo dice:

    Perché mai il corpo elettorale del M5S dopo aver subìto il tonfo dovrebbe trarne le dovute conseguenze e riuscire ad invertire la rotta? Da quel che posso vedere, i Cinque Stelle non hanno alcuna vera struttura che garantisca la discussione interna fra gli elettori. E soprattutto non hanno alcuna possibilità formalmente garantita di modificare la linea imposta da Grillo e/ Casaleggio. Sbaglio? Se non sbaglio, il crollo sarà clamoroso ed assolutamente inevitabile· Il potere si perde con una velocità inversamente proporzionale alla fatica necessaria per acquistarlo…

  13. Per l'autonomia dice:

    MI chiedo come chi è anti-imperialista e anti-capitalista indugi ancora verso l'elettoralismo invece di puntare direttamente su una autonomia sociale (insomma di quel blocco sociale proletario o in via di proletarizzazione) passando all'attacco direttamente con le riappropriazioni, rompendo con il legalismo e rompendo definitivamente con tutto l'ambaradan legislativo e giuridico su cui si regge questo mefitico baraccone borghese. Boh, ma cosa si vuole cambiare se ci si affida ancora alle urne e ai movimenti di prevenzione e recupero alla M5S? Ma voi ve le fate queste domande a voi stessi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *