Browse By

GRILLO DEVE DIRE COME STANNO DAVVERO LE COSE di Piemme

 619 total views,  2 views today

3 luglio. Chi sia Luigi Bisignani (a destra nella foto) molti dovrebbero saperlo. Un potente “faccendiere”, che quindi ha attraversato dall’interno le diverse cosche politiche e affaristiche che dominano nel nostro paese. Uno, insomma, che ne sa una più del diavolo. 
Lo stesso Corriere della Sera del 5 giugno 2011, in occasione del suo arresto per l’inchiesta della Procura di Napoli sulla “P4” lo definiva “uno degli uomini più potenti d’Italia.

Ebbene, il Bisignani ha appena dato alle stampe un libro intervista «L’uomo che sussurra ai potenti» (edizioni Chiarelettere).  Nel libro il faccendiere rivolge accuse pesantissime a Beppe Grillo, quella più clamorosa è che Grillo sarebbe entrato in politica con il M5S in combutta con le autorità statunitensi. 

Sentiamo:

«Il faccendiere, oltre a raccontare una vicenda già conosciuta come il pranzo tra Beppe Grippo e alcuni agenti e diplomatici amercani e il dispaccio dell’ex ambasciatore Ronald Spogli, aggiunge: “Avendo avuto anch’io il dispaccio in mano, c’é qualcosa che andrebbe approfondito” in quanto sono stati occultati “chirurgicamente quasi tutti i destinatari sensibili” tra cui oltre alla Casa Bianca, al Dipartimento di Stato e alla Cia “c’é da scommetterci ci fosse il Dipartimento dell’energia e la National Secuity Agency, che si occupa soprattutto di terrorismo informatico”. “Agli americani – spiega Bisignani – è noto il rapporto strettissimo che Grillo ha con due loro vecchie conoscenze. Franco Maranzana, un geologo controcorrente di 78 anni, considerato il suo più grande suggeritore su tematiche energetiche e ambientali non politically correct, in contrasto così con la linea ecologica che viene attribuita al movimento. E soprattutto Umberto Rapetto, un ex colonnello della Guardia di finanza”».

I casi sono due soltanto: o Bisignani dice il falso o dice il vero. 
In tutti e due Beppe Grillo è tenuto a dire come stanno le cose. Il suo silenzio —poiché non ci risulta alcuna smentita ufficiale— è come minimo inquietante.

Noi non ci stupiremmo, che Bisignani, da uomo ligio agli interessi dei poteri forti, abbia deciso, per rendere l’ultimo servizo, non tanto di vuotare il sacco, ma di costruire una vera e propria bufala per danneggiare, colpendo Grillo, il Movimento che rappresenta una spina nel fianco del partito unioco Pd-Pdl, ovvero della classe dominante.

A maggior ragione Grillo non può tacere ed è tenuto a dissipare ogni dubbio.

Chi scrive è uno degli otto milioni e passa che a febbraio hanno votato per M5S, se non a nome di tutti di una loro gran parte, ritiene di avere il diritto di sapere come stanno le cose.




image_pdfimage_print

13 pensieri su “GRILLO DEVE DIRE COME STANNO DAVVERO LE COSE di Piemme”

  1. Anonimo dice:

    Io penso che andare a presso a questo o a quello sia il vero problema di noi italiani. Basta col gossip. Basta coi salvatori della patria. W l'azione. Pensiero mio.BYIL VILE BRIGANTE

  2. Anonimo dice:

    http://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/05/30/m5s-bisignani-pressioni-degli-usa-su-grillo-per-non-far-eleggere-prodi/234726/Nessuno dice che gli americani chissà per quali motivi? sono così interessati al M5S. Credo che come hanno sempre fatto da pragmatici che sono cercano di capire quello che è il M5S e anche io credo che un pò centri la germanizzazione dell'Europa. Riflettendoci su credo che preferiscano avere la possibilità dialogare con un movimento dichiaratamente no MUOS, basi nato no guerra…ecc che un paese completamente sottomesso ai Tedeschi ma magari con un esercito unico.

  3. Anonimo dice:

    E dialogare perchè? Cose come il Muos o le basi Nato nondevono esistere in Ita(g)lia. Punto e basta.Non cerchiamo giustificazioni.

  4. Anonimo dice:

    Nè servi dei crucchi, nè servi degli angli.Ma liberi e santi.BYIL VILE BRIGANTE

  5. Ecodellarete.net dice:

    Dal mio punto di vista l'aspetto più inquietante è la mancata smentita di Grillo. Direi che, se non smentisce con forza, si può prendere per vero quel che dice Bisignani. Chi tace acconsente, o no?

  6. Anonimo dice:

    Anche Di Pietro fu avvicinato dagli americani.

  7. tiberio bagnarol dice:

    allora che dovremmo dire di Berlusconi che ha sempre dialogato apertamente con Putin? non fate della Fantapolitica, fa male al cervello!

  8. Anonimo dice:

    Bagnarol che significa? Sostituiamo il nano amico del russo con il grillo amico dell'anglo?

  9. Anonimo dice:

    Ah si…ora Grillo dopo tutto quello che sta facendo per la repubblica ..deve rispondere pure a voi…ma daiii ! Telefonategli!

  10. michele fabiani dice:

    Scusate si mi intrometto. Ma che Grillo era un'arma di distrazione di massa, che incanalava la rabbia su posizioni legalitarie distraendo la rabbia di classe; che per usare l'espressione dei WuMing occupasse un posto vuoto, ma per tenerlo vuoto, cioè occupasse l'assenza di movimenti insurrezionali come quelli delle primavere arabe o comunque di durissima protesta come quelli spagnoli e greci; che in generale il fenomeno culturale generale che va da Grillo a Saviano passando per Travaglio e Di Pietro nella sua pienezza e nelle sue differenze sia stato creato a tavolino dalla stampa come Repubblica e il Fatto Quotidiano; che tutto questo fenomeno è stato un regalo dal cielo per la borghesia italiana, meno per le classi dirigenti corrotte, ma era evidente anche ad un cieco!Quando lo dicevamo noi che il grillismo era un fenomeno controrivoluzionario che rallentava lo scoppiare della rivolta non ci avete voluto ascoltare. Ora se scoprite che Grillo è una invenzione della CIA smettete di essere grillini? Cari compagni per voi sarebbe una doppia sconfitta perché non lo avete capito politicamente che il grillismo era una merda. E sarebbe anche molto danneggiata la vostre reputazione sull'antiamericanismo.Io a Moreno, con cui ho spesso scambi epistolari, lo dissi decine di volte: vi state sputtanando, anche se volete votarlo non fate campagna aperta, vi state sputtanando…non so quante volte ve l'ho scritto…bene: ora vi siete sputtanati

  11. michele fabiani dice:

    Prendiamo per esempio il programma del primo vaffa day:1) no ai condannati in politica2) no ai soldi ai partiti3) massimo due mandati.Tradotto in termini politici significa spacciare alla gente affamata l'idea che un capitalismo fatto di politici onesti, giovani e ricchi sia la salvezza. Noi dicevamo che questo era un programma reazionario, voi solo pochi giorni fa avete rivendicato di aver scoperto il grillismo già dal vaffa day mentre i sinistrati lo avevano sottovalutato. Complimenti

  12. Anonimo dice:

    E s'arricampano gli ultras. Poi non è vero che gli italiani sono un popolo di tifosi

  13. keoma08 dice:

    Bisignani dice tutto ed il contrario di tutto … ed in qualche caso "inventa" pure … o anche, è il caso delle storiacce sulle torture ai Br dopo il sequestro Dozier … si limita a riportare genericamente notizie di stampa uscite fuori negli ultimi anni dicendo però che lui sapeva tutto già da prima … Recentemente è stato in tv … annunciando chissà quali rivelazioni … e poi praticamente non ha detto nulla … se non sulla vicenda, del tutto secondaria, della vecchia diatriba tra Masi e Santoro, quando ancora Santoro stava alla Rai .. E' giusto che Grillo in qualche modo chiarisca … sono in questo del tutto d'accordo … però è pure assurdo "attaccarsi" più di tanto a quanto dice e non dice Bisignani … che principalmente sta soprattutto pubblicizzando il suo libro … stranamente edito da Chiare Lettere, cui notoriamente non sono estranei nemmeno autorevoli personaggi vicini al M5S …. I compagni di Sollevazione, poi hanno un problema … ed in particolare il Piemme della situazione, al secolo Moreno Pasquinelli … Sono stati moltissimi gli ambienti della sinistra antagonista che hanno ritenuto, a mio giudizio giustamente, di votare strumentalmente il M5S a Febbraio … però Sollevazione ed in particolare Pasquinelli questa cosa l'hanno fatta in forma del tutto acritica, direi persino agiografica, dipingendo il M5S addirittura come lo strumento della agognata "sollevazione" quando invece il M5S era ed è solo uno strumento elettorale che ha interpretato una protesta di massa contro lo stato di cose presenti … Ed ora ovviamente, avendo sbagliato l'analisi ed avendo chiaramente esagerato nell'agiografia di Grillo e dei grillini, cercano in qualche modo di "recuperare" … dando corpo anche ad improbabili "fantasmi" come appunto quelli evocati da Bisignani ..da "Comedonchisciotte" a commento dello stesso articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *