Browse By

IMU: L’ACCORDICCHIO DEL GOVERNICCHIO di Leonardo Mazzei

 954 total views,  4 views today

30 agosto. Ici-Imu-Tarsu-Tares-Taser: cambiar nome alle tasse per meglio aumentarle.

Ormai è uno sport nazionale. Quando si vuole aumentare una tassa, per prima cosa gli si cambia il nome. Il trucco c’è e si vede. Ha voglia Alfano a twittare le sue grida di gioia. Gioia per lui e per il suo principale, non certo per chi le tasse le deve pagare. E che nel trucchetto non cade più. 

A leggere i giornali sembra il giorno del dopo-elezioni: tutti hanno vinto anche se non si sa bene il perché. I berluscones sono i campioni dell’esultanza. Avevano un programma elettorale fatto da un solo punto ed apparentemente lo hanno ottenuto. I piddini esultano anch’essi, un po’ perché non possono fare altrimenti, un po’ perché pensano di aver guadagnato tempo al governo Letta, che pur sempre un piddino è.

In realtà, il dispositivo approvato ieri dal governo sull’Imu altro non è che un accordicchio figlio di un governicchio tenuto in vita solo dai diktat quirinalizi. Questo dal punto di vista dei partiti di maggioranza. Da quello, invece, della gente comune siamo di fronte al più pacchiano degli imbrogli. Un’autentica buffonata degna dei suoi autori: il capo-comico di Arcore, il suo fido azzeccagarbugli di provincia, il vice di Bersani che crede di essere diventato un leader, un ministro dell’economia più che altro specializzato nello smentire se stesso.

Ad ogni modo da ieri gli italiani hanno una nuova tassa. E tutti sanno quali sono stati gli aumenti quando l’ICI si è trasformata in IMU, od anche quelli in atto nel passaggio tra la TARSU e la TARES. Bene, dal prossimo anno IMU e TARES andranno a sommarsi nella nuova TASER. Non sappiamo se sarà davvero questo il nome definitivo, ma di certo sappiamo che ad essa corrisponderà per i più un aumento della tassazione complessiva.

Il perché è semplice: ce lo chiede l’Europa, come il simpaticone di Olli Rehn ci ha immediatamente ricordato con il suo zelo beffardo. Parlare di una riduzione della pressione fiscale senza uscire dagli attuali vincoli europei è come parlare delle vacanze in un campo di concentramento nazista. Possono farlo solo degli imbroglioni matricolati, possono crederci solo degli inguaribili fessi.

In ogni caso stiamo ai fatti. In campagna elettorale Berlusconi aveva parlato di restituzione dell’IMU 2012 sulla prima casa e dell’azzeramento per il 2013 e per gli anni a venire. Cosa ha invece deciso ieri il governo? Nessuna restituzione per il 2012, l’annullamento della prima rata 2013, la sospensione della seconda, per la quale andranno trovate “nuove coperture” (cioè nuove tasse o nuovi tagli) nella Legge di Stabilità. Mentre dal 2014 ci penserà la TASER a far recuperare con gli interessi al fisco quel poco che gli italiani avranno risparmiato nell’anno in corso.

Una truffa in piena regola, il cui esito sarà garantito dal ruolo di sceriffi fiscali che verrà assegnato ai sindaci, con il duplice effetto di aumentare la tassazione, scaricandone al tempo stesso la responsabilità politica su amministrazioni comunali assetate di denaro. I comuni potranno infatti stabilire le nuove aliquote. Certo, entro limiti fissati dallo stato, ma con una sicura spinta verso l’alto.

Che di truffa si tratti ce lo spiega assai candidamente un vice-ministro piddino, il terribile “sinistro” Fassina, il quale sull’Huffington Post ha scritto che «è abolita l’IMU. Non la tassazione sulla prima casa». Fassina ha ragione, le cose stanno esattamente così. Ma il “giovane turco” va anche oltre, chiarendo che a questo punto l’aumento dell’IVA, che si diceva di voler scongiurare, è da considerarsi ormai inevitabile.

Che in questo quadro ci sia chi canta vittoria per un modestissimo finanziamento (500 milioni) per la cassa integrazione in deroga, o per i 700 milioni di euro destinati a risolvere la situazione di una piccola parte dei lavoratori esodati (6.500), grida veramente vendetta. Si tratta, in tutta evidenza, di due atti dovuti: come si può farli passare per conquiste o come straordinarie concessioni di questo governo dell’inciucio totale?

C’è infine un altro aspetto, sollevato in queste ore dai sindacati degli inquilini. Come sarà strutturata la TASER, altrimenti detta Service Tax, ancora non si sa. Ma non si può escludere che una parte della tassazione che oggi ricade sui proprietari degli immobili possa passare addirittura sulle spalle degli inquilini. Vedremo se sarà davvero così, nel qual caso avremmo una redistribuzione della ricchezza al contrario che non richiederebbe particolari commenti.

Inoltre…

Veniamo ora agli aspetti più propriamente politici. A sentire i più, un governo mezzo moribondo sarebbe ora vispo come una lepre grazie a questa piccola truffa di fine agosto. Sprezzante del ridicolo, il nipote dello zio ha dichiarato che ora il suo governo «non ha più scadenze». Si vede che fino a ieri si sentiva come una mozzarella alquanto flaccida, mentre ora pensa di essersi trasformato in una solida forma di parmigiano. Il tempo ci dirà come stiano davvero le cose. Ed in genere il tempo è davvero galantuomo.

Quello di Letta governicchio era e governicchio rimane. Questo non vuol dire che un simile esecutivo sia incapace di nuocere. Al contrario, ha questa capacità e, se ne avrà la possibilità, di certo la metterà ancora meglio in mostra in autunno, magari intervenendo di nuovo sulle pensioni. Tuttavia, il quadro in cui si muove è ben delimitato ed il suo orizzonte temporale assai breve.

La conferma della condanna di Berlusconi rappresenta in ogni caso un punto di non ritorno. Non che prima la salute del governo fosse florida. Ma dopo il 1° agosto è diventato impossibile pensare che un governo frutto di uno “stato di necessità”, si trasformi in vero governo delle larghe intese. Non perché i suoi protagonisti (Pd e Pdl) siano divisi da chissà quali differenze programmatiche, anzi palesemente non lo sono, ma perché nessuno ha la forza di reggere a lungo il venir meno della “narrazione” che ha strutturato il bipolarismo italiano.

Proprio per questo troviamo inverosimile l’opinione di chi ritiene questo governo quasi inattaccabile. Un’opinione diffusa anche in ambienti a noi vicini. Il compagno Cremaschi ha scritto, ad esempio, che: «Le vicende giudiziarie di Berlusconi sono servite non a indebolire, ma a rafforzare il governo». Un’analisi che sinceramente non riusciamo a comprendere, come se tutto fosse soltanto il frutto di un invincibile ed infinito complotto, e non anche, invece, la conseguenza di uno scontro furibondo all’interno del blocco dominante.

Il governo Letta non ha alcuna vera solidità, nessuna solidarietà interna, niente che possa somigliare ad un pur vago consenso popolare. Oltre che da Napolitano, è tenuto insieme dalla logica del “vincolo esterno” e dalla comune paura di quel che rappresenta (ed ancor più di quel che potrebbe rappresentare) il M5S.

Troppo poco in tempi come questi. E, difatti, il piccolo democristiano che lo guida si guarda bene dal tirarsi fuori dalla logica delle “piccole cose”, sulla quale è nato l’attuale esecutivo. Ciò nonostante, i cultori della stabilità fissano il suo orizzonte temporale al 2015. Chi scrive crede invece che questo traguardo non sia possibile.

In ballo non c’è soltanto la cosiddetta “agibilità politica” di Berlusconi, comunque una partita che ben difficilmente porterà ad esiti condivisi nella maggioranza di governo. In ballo non ci sono soltanto le grandi scelte rispetto ai vincoli europei, che diventeranno più stringenti dopo le elezioni tedesche. In ballo c’è anche la nuova legge elettorale, che il capobanda Napolitano considera come lo snodo decisivo del disegno di rilancio coercitivo del sistema bipolare.

Ammesso e non concesso che il parlamento arrivi all’ora x della discussione su questo punto, i casi saranno allora due e soltanto due. O l’accordo verrà trovato, grosso modo sulla base di quello che abbiamo chiamato Violantum, od anche questa volta il tentativo di superare il Porcellum fallirà. Nel primo caso, dopo aver approvato la nuova legge, niente potrebbe più impedire nuove elezioni, venendo meno lo spauracchio dell’ingovernabilità. Nel secondo, l’insuccesso sulla legge elettorale sarebbe la manifestazione più evidente del più generale fallimento del governo Letta-Napolitano.

Dunque, al più tardi agli inizi del 2014, l’Italia sarà di nuovo in campagna elettorale. Ed i trucchetti di questi giorni, volti essenzialmente a prender tempo, appariranno pienamente per quello che sono. Andando al voto le oligarchie tenteranno in ogni modo di restaurare il bipolarismo ferito. Dovremo cercare di impedirglielo in tutti i modi. Quel bipolarismo, però, non esiste più. E se il M5S saprà fare un salto di qualità, ponendosi all’altezza delle aspettative di larghi settori popolari, ne vedremo delle belle.

Chi ha il potere ha molti mezzi. Ma non sempre sono sufficienti a realizzare i propri disegni. Non tutte le ciambelle riescono con il buco. E mai come questa volta il calcolo del potere potrebbe rivelarsi errato.

image_pdfimage_print

9 pensieri su “IMU: L’ACCORDICCHIO DEL GOVERNICCHIO di Leonardo Mazzei”

  1. salvatore dice:

    analisi in larga parte condivisibile, se non fosse per le conclusioni grottesche che lei ne trae. perchè un partito azienda a struttura merchandising-pubblicitaria- il cui proprietario , casaleggio ed il prestanome, grillo, sono lontani anni luce da qualsivoglia sensibilità popolar-egualitaria dovrebbe rappresentare l'alternativa al governo napo-letta? o lei crede che lo slogan di marchionne "il lusso è un diritto" serviva a invogliare il "popolo" a spaccarele vetrine dei rolex e non piuttosto a vendere la y10?giulio andreotti diceva che a pensar male si fa peccato ma non si sbaglia, e casaleggio ha una scuderia di bloggers sul suo libropaga..

  2. salvatore dice:

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

  3. Anonimo dice:

    Meglio Bagnai.

  4. Redazione SollevAzione dice:

    (1)Il giudizio su M5S non può essere dato in maniera tanto superficiale. Un movimento politico con grande influenza di massa va dato incrociando numerosi fattori, tra cui, certo, anche il carattere del suo gruppo dirigente. Gli altri sono: il suo programma; il suo posizionamento politico rispetto ai due blocchi di potere dominanti; la natura della su base sociale attiva e poi elettorale; la sua concezione del mondo.Non ne ricaviamo che si tratti di una forza socialista o proletaria.Noi abbiamo detto e ripetuto che si tratta di un movimento borghese, ma democratico e costituzionale. Il nostro appoggio tattico dipende quindi dal fatto che la sua affermazione è la sola possibilità qui e ora di mettere i bastoni fra le ruote alla classe dominante globalista e ai suoi agenti golpisti.(2) meglio Bagnai? Oddio! Lui si sta mettendo al servizio di uno dei due blocchi golpisti, per l'esattezza quello berlusc-leghista.Chi vivrà vedrà.

  5. Anonimo dice:

    1) Il programma dice tutto e il contrario di tutto;2)Il posizionamento politico è ora come ora soprattutto pars destruens vs PD (reo non tanto di aver svenduto l'Italia all'euro ma di aver parato le chiappe più volte a B.) e PdL (reo di aver come capo un delinquente, che ci può stare ma se B. è un delinquente i vari Draghi e Prodi sono il diavolo in persona);3) I golpisti chi? B. e la Lega? La lega ha sempre parlato male dell'euro, così come B, anche se a targhe alterne, ma quando governava è l'unico che ha cercato di far qualcosa contro l'euro. 3) Riguardo a Bagnai comunque la si pensi la sua è stata una scelta legittima, come la vostra di appoggiare il 5 stelle. Si possono criticare i modi, l'impostazione teoretica ma evidentemente la sua scelta è data da elementi non dico ideologici ma pratici: Bagnai si è sempre dichiarato scettico alla scelta di un referendum anti-euro (come proposto dal 5 stelle) quindi da questo punto di vista ha seguito una sua linea di coerenza. E poi io tutto questo golpismo da parte di Lega e PdL non ce lo vedo (come non lo vedo manco nel 5 stelle). Se andate a vedere i post di Salvini il massimo che riesce a proporre è il referendum contro il ministero dell'integrazione e lo sciopero fiscale. Al di là delle diversità ideologiche non ce lo vedo tutto questo reazionarismo.

  6. Anonimo dice:

    "un movimento borghese, ma democratico e costituzionale"un PROPRIETA' PRIVATA, perchè questo è secondo la legge il M5S, un marchio registrato con un solo padrone, è la negazione assoluta della democrazia.Va da sè che quando un "movimento" è una proprietà privata, tutto il resto è irrilevante, perchè in una proprietà privata non esistono programmi, esiste il volere del padrone e basta.

  7. salvatore dice:

    x redazionesollevazioneho come l'impressione che voi state guardando un'altro film.un movimento politico con grande influenza di massa? lo era anche il Fascismo.il "carattere" del suo gruppo dirigente? casaleggio&co controllano la comunicazione politica dei parlamentari.il suo programma? e quale sarebbe?per quanto riguarda la concezione del mondo , lasiamo perdere, il video di GAIA non è molto rassicurante a tal proposito.ma il colmo del ridicolo lo raggiungete quando arrivate a dire che si tratta di un "di un movimento borghese, ma democratico e costituzionale." peccato che casaleggio (come il finanzcapitalismo che voi combattete) della costituzione se ne fa un baffo, il suo obiettivo essendo quello di sostituire partiti e rappresentanze (quelle si democratiche!) e parlamento con il web e i "deputati SUOI dipendenti" , web che lui riesce a manipolare assai egregiamente, viste le conseguenze dal lato dei Sollevatori.bisognerebbe che ai sollevatori, qualcuno insegnasse la differenza che esiste in politica tra la Tattica, (al momento procostituzione) e la strategia (il "possibile "Fascismo del web).

  8. Anonimo dice:

    Mi vien da notare con sgomento leggendo i blog qua e là, che i trolls stanno aumentando esponenzialmente. Ho sentito dire che sono stipendiati, da chi poi, non si sa, ma sono sempre di intonazione "omologata".

  9. Anonimo dice:

    Anonimo delle 12.42 Io non sono pagato da nessuno. E tu invece? AVETE SFIANCATO I CABBASISI CHE CHI NON LA PENSA UGUALE E' UN TROLL. PRIMA ERA COMUNISTA, ORA TROLL.Ma per favore. Non si può discutere in questo cavolo di paese. La solevazione si? Ma per cosa? Tutti uguali sono. Inutile perdere tempo. C'ha ragione quel blogger emigrato in Germania quando dice che molti scappano in Colombia perchè la addirittura non ci sono individui che amanao rovinarti l'esistenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *