Browse By

GERMANIA: L’ALTRA FACCIA DEL “MIRACOLO”

 748 total views,  2 views today

4 settembre.
Con le “riforme” dei governi socialdemocratici dei primi anni duemila il proletariato tedesco è stato spaccato in due pezzi principali: una parte, la fascia alta, vera e propria aristocrazia operaia, l’altra, la fascia bassa, quella che campa coi minijobs, salari da fame e niente diritti. Una piccola inchiesta del Guardian inglese.* Lo vogliamo chiamare sfruttamento?

«Andare al cinema oppure nuotare nella locale piscina all’aperto sono piccoli lussi che Christa Rein si può permettere solo raramente: «Non posso nemmeno comprare cose semplici come il salmone o una bottiglia di spumante», ci dice la 55enne. «Il frigorifero non si deve rompere, perché non potrei permettermene un altro».

Sembra una delle tante storie dalla desolata Europa del sud, spremuta da 3 anni di austerità e recessione. Potrebbe essere una sorpresa sapere che invece questa storia, fatta di difficoltà finanziarie, arriva dal centro della potenza economica d’Europa – e sicuramente non è la sola.

Mentre Angela Merkel guida il suo partito di centro-destra verso le elezioni promettendo una ripresa economica, una sana gestione finanziaria e un’occupazione a livelli record, cresce il dissenso nella parte che fino ad ora non ha partecipato alla distribuzione della tanto decantata ricchezza tedesca. Le riforme radicali del mercato del lavoro lanciate un decennio fa hanno spinto un quarto della forza lavoro in impieghi a bassa retribuzione, part-time e precari. Il presunto miracolo economico e la storia di successo nel mercato del lavoro, nel frattempo divenuti l’invidia di tutto il mondo, sono stati smascherati.

La paga di Rein, lavora 8 ore al giorno per un’impresa di pulizie, è di 1.079 € al mese. “Ho fatto questo lavoro per 30 anni, e anno dopo anno abbiamo visto il carico di lavoro aumentare, mentre la paga diminuiva”, ci dice. “Siamo sempre di meno, e pretendono da noi che si riesca a pulire sempre piu’ metri quadrati in un tempo sempre inferiore. Abbiamo tra i 15 e i 20 secondi per pulire un gabinetto – e non è proprio un gabinetto su cui vorrei sedermi”.

Nel frattempo, il suo datore di lavoro ha aumentato i suoi profitti, ci dice, “ma i guadagni non vengono trasferiti a noi lavoratori”.

Rein, che vive a Braunschweig in Bassa Sassonia, è convinta che la sua situazione rifletta quella più generale dell’economia e influirà sul modo in cui voterà alle elezioni del 22 settembre: “per i lavoratori tedeschi è arrivato il momento di partecipare ai successi dell’economia”.

Una ricerca della BCE in aprile ha mostrato che la ricchezza mediana delle famiglie tedesche era inferiore a quella delle famiglie greche. In termini di PIL pro-capite, la Germania va abbastanza bene. Ma contrariamente alla credenza popolare, è solo di poco superiore alla media europea. Secondo l’Istituto per la Ricerca sul Lavoro, il braccio di ricerca dell’Agenzia federale per l’impiego, il 25% di tutti i lavoratori tedeschi guadagna meno di 9.45 € lordi l’ora. In Europa solo la Lituania ha una percentuale più alta di bassi salari —quindi c’è chi guadagna meno dei due terzi del salario medio nazionale.

La situazione ha alimentato il divario fra ricchi e poveri e un risentimento crescente fra coloro che considerano la prosperità tedesca costruita sullo sfruttamento degli oppressi.
Daniel Kerekes, uno studente 26enne di storia all’Università della Ruhr di Bochum, fa parte di quel 20% di lavoratori impiegati con un minijob. “Lavoro al supermarket per circa 16 ore alla settimana per 7.5 € lordi l’ora con un contratto molto svantaggioso. I turni non sono garantiti, e se non faccio tutto ciò che il mio capo mi chiede di fare, può cancellarmi i turni oppure darmi quelli peggiori”.

Con quel che guadagna —oltre ad un piccolo lavoro nel giornalismo digitale— fa fatica a pagare i suoi conti, incluso l’affitto mensile da 280 € per l’appartamento da 36 mq, più l’assicurazione sanitaria obbligatoria e un’assicurazione per la responsabilità civile.

Chiamati anche McJobs, i minijobs sono una forma marginale di impiego che permette ai lavoratori di guadagnare fino a 450 € al mese esentasse. Introdotti nel 2003 dal cancelliere socialdemocratico Gerhard Schröder, come parte di una più vasta riforma del mercato del lavoro, all’epoca in cui la Germania si era guadagnata il titolo di “malato d’Europa”, hanno mantenuto basso il costo della manodopera, offrendo una grande flessibilità ai datori di lavoro.

Ma i critici sostengono che i minijobs abbiano allargato la disparità fra ricchi e poveri e minato molti dei valori su cui l’economia sociale di mercato tedesca si era fondata. Non solo non forniscono al datore di lavoro nessuna ragione per trasformare questi contratti in veri e propri lavori a tempo pieno, ma anche il lavoratore non ha alcun incentivo a lavorare di più, poiché in quel caso dovrebbe pagare le tasse sullo stipendio. Il risultato: sono in molti a restare intrappolati in lavori marginali e distaccati dal tanto acclamato “jobwunder” tedesco.

Bochum, una città in declino nella valle della Ruhr, un tempo cuore industriale tedesco, brulica di minijobs, secondo Kerekes. “La signora che abita sotto di me ha un minijob in un discount, la mia fidanzata lavora come cameriera con un minijob. I datori di lavoro sono soddisfatti, perché sanno che possono impiegarti per soli 450 € al mese”.

Secondo il governo i minijob sarebbero in declino —lo scorso anno sono scesi dello 0.6%— ed il merito sarebbe delle politiche del lavoro di Merkel. Ma l’opposizione non è affatto d’accordo: “Sono numeri discutibili”, sostiene Anette Krame, esperta di mercato del lavoro della SPD. “Non credo una riduzione dello 0.6% sia una ragione per festeggiare, e nemmeno riesco ad individuare un trend verso il basso”. E cita la palese omissione nelle statistiche di alcune forme contrattuali più recenti, responsabili del dumping salariale in vari settori, specialmente nell’industria alimentare.

Kerekes spera che il nuovo governo abolisca i minijob e introduca al loro posto un salario minimo. “I minijob stanno distruggendo i posti di lavoro regolari, e garantiscono salari da fame. Perfino negli Stati Uniti la maggior parte degli stati ha un salario minimo, mentre la Germania, uno dei paesi più ricchi al mondo, non ce l’ha”.

E’ incoraggiato dal fatto che la SPD abbia promesso di voler introdurre un salario minimo  —8.5 € lordi l’ora— ma crede non stiano osando abbastanza, e comunque, sono stati loro per primi ad introdurre i minijob.

Le statistiche dell’agenzia federale del lavoro mostrano che i salari dei lavoratori con i redditi piu’ alti, tra il 1999 e il 2010, sono cresciuti del 25%, mentre per il 20% dei lavoratori con i redditi più bassi, la paga è cresciuta solamente del 7.5%, nel frattempo l’inflazione era stata del 18%. Il risultato è stato ciò che gli economisti considerano una svalutazione interna, con una significativa riduzione del potere d’acquisto e un “danno” per l’economia tedesca.

Kerekes ci dice che il suo voto il prossimo mese andrà al partito che secondo lui sta facendo di più per affrontare il fenomeno dei McJob. “Voterò per la Linke”, ci dice, riferendosi al raggruppamento di ex-comunisti della Germania dell’est e ribelli della SPD: “sono gli unici a proporre un salario minimo di almento 10 € l’ora, il minimo con cui sia possibile vivere”».

* Fonte: Voci dalla Germania
.

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *