Browse By

NORMA RANGERI, SINISTRATI E… SPINELLI di Emmezeta

 611 total views,  2 views today

24 maggio. A proposito di “voto utile”: quando la “sinistra” fa il controcanto a Lorsignori

Ecco un bel tema per il giorno delle elezioni: il “voto utile”. La direttrice del Manifesto, Norma Rangeri, è di certo un’autorità in materia. 


Da sempre, infatti, il suo giornale è uno dei massimi cultori del genere. Sarà per questo che non ha resistito neppure questa volta alla magica formuletta. In campagna elettorale, si sa, il voto alla propria lista è giusto, bello, intelligente, raffinato e perfino sexy. Per quelli del Manifesto, invece, dire “voto utile” è più appropriato. Un modo per essere subalterni, ma senza mai smettere di fare gli snob.

Questa volta, però, il problema è diverso. Ed è solo per questo che ce ne occupiamo. La signora Rangeri sostiene la Lista Tsipras, e dunque non è accusabile, almeno in apparenza, di voler portare acqua al mulino di sempre. Ma il lupo perde il pelo ma non il vizio, e la direttrice ha voluto lasciare, anche in questa occasione, tracce abbondanti dell’adesione dell’attuale “sinistra” al pensiero dominante.  

Leggere per credere questo articolo, uscito ieri sul Manifesto, e significativamente ripreso dal sito del Prc, che evidentemente ne condivide la sostanza. 


Il titolo ci ha subito incuriositi: «Niente scherzi. Il voto utile è per Tsipras!». Ora, siccome il cosiddetto “voto utile” è rivolto generalmente contro qualcuno, ci siamo chiesti chi fosse costui. In passato la risposta sarebbe stata scontata: bisognava votare Pds, Ds, Pd, Ulivo, Unione, eccetera, contro il farabutto d’Arcore e la sua accozzaglia di puttane e faccendieri. Ma ora il truffatore è fuori dai giochi. E così pure, almeno temporaneamente, la sua oscena congrega.


Ingenui come siamo, abbiamo sinceramente pensato per un attimo che il “voto utile” della Rangeri fosse rivolto questa volta contro Renzi. Non solo perché in genere si vota “utile” contro chi ha le leve del comando, ma anche per la natura sua e del suo famelico gruppo di potere, portatore di un progetto autoritario ed ultra-liberista. 


E invece… invece è stato sufficiente leggere l’incipit dell’articolo per rendersi conto che non si pensa mai abbastanza male di certa gente.


Ecco qua:

«Funziona, purtroppo. Anche per le elezioni del 25 maggio, nell’elettore di sinistra, ancora incerto se e chi votare, suona la sirena del “voto utile”. L’allarme populismo, il pericolo della coppia Grillo-Casaleggio pigliatutto è scattato, alimentato dalla (intelligente) propaganda del Pd: per frenare l’ondata grillina, la diga è Renzi, solo lui ci salverà».

Chi scrive sapeva già di appartenere ad un mondo diverso da quello di una Rangeri, ma dopo questo articolo viene da pensare di abitare perfino galassie diverse. La qualcosa, sia chiaro, di certo non ci dispiace.


Avete capito a quale mondo appartiene la direttrice? A quello che ha come nemico il “populismo”, mica le oligarchie finanziarie, l’eurocrazia di Bruxelles, il boy scout della P2. No, no, quella è tutta brava gente, bersaglio semmai dell’orrendo “populismo”. Da Grillo bisogna salvarsi, mica dall’amico di Marchionne! E allora… “voto utile”, anche se per Tsipras e non per il Pd. Il che è comprensibile, data la funzione di ruota di scorta che la lista altreurista si è auto-assegnata fin dall’inizio.


Di fronte a questo controcanto del coro di lorsignori non c’è bisogno di spendere troppe parole. Con questo editoriale il Manifesto si allinea con il governo e con le oligarchie europee, ripete i concetti sguaiati di Renzi,  Berlusconi e Napolitano. Il grave è che una simile visione sia stata fatta propria anche dal sito del Prc. Ora, è vero che al peggio non c’è limite, ma osiamo sperare che almeno di fronte a questo molti compagni di Rifondazione provino se non altro un po’ di sano disgusto. 


Sarebbe già qualcosa, perché in quanto al risultato elettorale degli tsipriti c’è ben poco da dire. Domani sera, statene certi, basterà far ricorso a due proverbi: «chi è causa del suo mal pianga se stesso» o, se preferite: «mal voluto non fu mai troppo».


Ci dispiace per i sinceri militanti comunisti, non certo per il gruppo dirigente. Poteva scegliere diversamente e non lo fatto. E siamo così passati dall’opposizione alle politiche europee alla lotta senza quartiere contro il M5S. Una strada quasi obbligata, dopo essersi accodati al clan di Repubblica ed all’amico dei Riva. L’editoriale di Rangeri non è dunque un incidente, è invece la Norma di chi non sa uscire dal labirinto della subalternità in cui si è da tempo (felicemente?) rinchiuso.

image_pdfimage_print

5 pensieri su “NORMA RANGERI, SINISTRATI E… SPINELLI di Emmezeta”

  1. Anonimo dice:

    Mah! Questa signora, che non ha mai brillato per particolare intelligenza, fin da quando, negli anni settanta, frequentava Filosofia alla Sapienza, rappresenta, forse, uno dei livelli più squallidi toccati dai post sessantottini. Il giornale che dirige (si fa per dire) si regge con i finanziamenti dello Stato borghese ( quello stesso Stato che la signora, negli anni settanta voleva “abbattere”) e, nel corso degli anni, ha svolto solo la funzione di servire da “tirocinio” per giornalisti transitati, poi, armi e bagagli in bel altri lidi: pensate a Gianni Riotta. Che miseria morale e ……. mentale: e pensare che, sempre in quegli anni lì, parlavano di giornalisti “rossi ed esperti”. Sono rimasti solo esperti, nell’opportunismo. Stefano De Stefano

  2. roberto grienti dice:

    ma cosa ha di intelligente la propaganda del pd?; il "partito deficiente" potrà mai fare propaganda intelligente?; di norma, no!, non può!; in alcuni casi, nemmeno!

  3. Primo Junior dice:

    Sai, un po' di verità nel suo articolo la si può trovare. Penso che Renzi rappresenta la diga del Vojont o diga del disonore, pronto con la sua squadra di esperti a bagnare di nuovo il popolo italiano.

  4. Fabrizio dice:

    Sono fondamentalmente un extraparlamentare ultrasessantenne che da sempre ha militato in organizzazioni comuniste. Fino al 1999 quando, con un "leggerissimo" ritardo di circa 30 anni, si è accorto (meglio tardi che mai…) di essere stato utile manovalanza al servizio di personaggi politici di infimo spessore morale e culturale, il cui unico obiettivo era solo quello di ritagliarsi spazi per fini esclusivamente personali. Dopo 15 anni ritorno a votare pensando all'unico grimaldello – il M5S – che può scardinare questo sistema malavitoso di neo e post-democristiani. Questa volta non mi faccio infinocchiare, né da Tsipras né da altri cortigiani.

  5. Alias dice:

    Articolo coerente con la difesa (indiretta certo, evitandone la denuncia) dei poteri forti che il suo gruppuscolo, così come il ben più consistente apparato piddino, portano avanti (il suo, "voce critica della sinistra", mischiando sapientemente di tanto in tanto le acque): cosa che mi ha portato, seppur con diversi mal di pancia, a non disertare le urne e a dover automaticamente votare M5S

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *