Browse By

C’È DEL MARCIO… SUI CIELI DELL’UCRAINA di Leonardo Mazzei

 611 total views,  2 views today

21 luglio. Intanto imperversa la campagna anti-russa

D’accordo, 298 morti sono tanti. Ma non c’è paragone tra il rilievo mediatico che questa notizia ha avuto ed il precedente silenzio sulla guerra civile in corso nell’Ucraina orientale. Eppure, nelle settimane scorse, lo stesso governo di Kiev si è più volte vantato di aver ucciso, in una sola giornata, anche 300 ribelli.

Ora, noi non possiamo sapere chi abbia davvero abbattuto l’aereo malese, ma alcune considerazioni di carattere generale vanno comunque fatte.
1. L’albero e la foresta. 
E’ davvero disonesto focalizzare tutta l’attenzione su questo pur gravissimo episodio, senza spendere una parola sulla repressione messa in atto dal governo di estrema destra, presieduto da Poroshenko. Un governo che non solo nega il diritto all’autodeterminazione delle popolazioni del Donbass, ma che ricorre senza problemi al bombardamento aereo sulle città ribelli. Zone in cui si combatte: si bombarda dal cielo e ci si difende con la contraerea. E’ davvero così strano che un aereo civile venga coinvolto in una situazione come questa? Non c’è forse una responsabilità delle compagnie aeree e della Iata (Organizzazione internazionale del trasporto aereo)?

2. Due ipotesi, ma di diversa gravità. 
Se veramente l’aereo è stato abbattuto da un razzo ci sono soltanto due ipotesi: o sono stati i combattenti della Repubblica popolare del Donetsk o sono state le forze armate di Kiev. Nel primo caso si tratterebbe di un errore – gli americani lo definirebbero un “effetto collaterale” delle loro mirabilissime e democraticissime imprese militari. Nel secondo di un attacco deliberato, una classica provocazione per addossare la colpa ai ribelli, alimentare la campagna anti-russa, favorire un intervento più diretto della Nato, inasprire le sanzioni contro Mosca. Ad ogni modo, se a fare fuoco sono stati i miliziani del Donbass, essi sarebbero responsabili di un tragico errore, non certo di una deliberata azione “terroristica” come invece ci si affanna a dimostrare nelle redazioni dei media occidentali. Ben più gravi, nel caso, le responsabilità di Kiev. E’ questa una possibilità da escludere? Prima di rispondere sì, fermiamoci a riflettere un attimo sulla natura criminale del governo ucraino. Prendiamo per esempio questa recente (10 luglio) dichiarazione di  Poroshenko: «Per ciascuna morte di un militare ucraino, i militanti filorussi pagheranno con decine o centinaia dei loro». Non vi fa venire in mente niente?
3. L’assurda via “giudiziaria” alla verità. Come in tutte le vicende umane è giusto che ci si preoccupi di accertare la verità, ma chi deve e chi può farlo? Su questo punto capita di leggere le cose più assurde. Ne è un esempio questo titolo del Corriere della Sera di oggi: «Ucraina, mitra puntati contro gli investigatori. Così sono sparite le prove sull’aereo». L’assurdità non sta solo nel fatto di voler far passare come neutrali “investigatori” i 28 osservatori dell’OSCE presenti in zona, non sta solo in un’accusa (la scomparsa delle prove) che certo non può essere dimostrata. Essa sta soprattutto nel ragionare come se ci si trovasse sul luogo di un ordinario delitto, dove ad un certo punto arrivano gli inquirenti a disporre un “fermi tutti, che arrivano quelli del Ris”. Nossignori, non funziona così. Qui siamo in un contesto di guerra – quella guerra che i media occidentali hanno occultato per settimane – e pretendere di applicarvi la via “giudiziaria” alla verità è soltanto ridicolo.

Forse la migliore rappresentazione di quale sia il problema, viene da Vagelis Karmiros che ha raccolto tutti i recenti percorsi di volo MH-17, come tracciato da FlightAware e mostra che, mentre tutti e dieci i percorsi più recenti passano tranquillamente a sud della regione di Donetsk, e attraversano la zona sopra il Mare di Azov, è stato solo il tragico volo di oggi che è passato dritto sopra Donetsk. 
4. La campagna anti-russa. 
In Russia non c’è più il comunismo. E per la verità neppure lo zar, che comunque giusto un secolo fa era un caro alleato delle “democrazie” occidentali. Ma la Russia è la Russia ed in qualche modo va odiata. Quando ne scrivono, i nostri pennivendoli sono del tutto speculari a certi “comunisti” da operetta che ancora confondono Putin con Lenin. Ma lasciamo perdere. Il fatto è che la campagna anti-russa che si è scatenata non promette niente di buono, e non ci sarebbe da sorprendersi se tra poco sbucherà fuori qualche fanatico alla Oriana Fallaci. Intanto vediamo all’opera i “giornalisti” embedded che rilanciano le veline della Cia e del Dipartimento di Stato americano. Prendiamo, sempre sulCorsera di oggi, il solito Guido Olimpio. Sotto il titolo: «Spie e generali, il “chi è” dei separatisti», Olimpio, individua cinque figure: il politico (Alexander Borodai), il generale (Igor Sergun), il tiratore (Igor Girkin), il becchino (Igor Bezler) e il cosacco (Nicolay Kozitsin). Niente da dire sul primo, che è il leader della Repubblica popolare del Donetsk. Molto da dire sul secondo, che è un russo e non propriamente uno qualsiasi, trattandosi del capo del GRU, il servizio segreto militare russo. In quanto alle figure del tiratore (un altro ufficiale del GRU), delbecchino e del cosacco, ognuno può giudicare quanta malafede ci sia in queste rappresentazioni di un’autentica resistenza popolare come quella che ha preso vita nell’Ucraina orientale. Ma su questo – agente poco coperto Guido Olimpio a parte – poco si trova sulla stampa occidentale, nulla su quella italiana.
5. Due pesi e due misure sulle vittime civili. 
Ora qualcuno protesterà, perché in fondo le vittime dell’aereo malese erano civili innocenti. Certo che lo erano. E qual era invece la colpa dei civili sterminati a Gaza? Eppure deve esserci, perché nessuno, nell’occidente che conta, ha condannato Israele. Solo oggi, almeno 70 civili palestinesi sono morti sotto il bombardamento sionista nel quartiere  di Shajaya, avvenuto non certo per un errore.
6. Il controllo sull’informazione. C’è un’altra leggenda in circolazione, quella secondo cui i media russi sono controllati da Putin (vero), mentre quelli occidentali sarebbero liberi per definizione (totalmente falso). E’ notizia di oggi che due giornalisti della Cnn e della Nbc, inviati in Medio Oriente, sono stati trasferiti per punizione per un identico motivo: l’aver detto su Twitter e Facebook quel che evidentemente non potevano dire in video. Significativo in particolare il twit di Diana Magnay (Cnn): «Gli israeliani sulla collina di Sderot esultano mentre le bombe piombano su Gaza, e minacciano di distruggere la nostra auto se dico una cosa sbagliata. Feccia». Non si può dire. Neppure fuori onda. Trasferita e sostituita con effetto immediato.
C’è una conclusione che può racchiudere il senso di queste considerazioni sui fatti di questi giorni? Sì, una c’è di sicuro, ed è che l’occidente – la sua politica, la sua cultura, la sua informazione – ci fa sempre più schifo. E dire schifo è probabilmente ancora troppo poco.
image_pdfimage_print

8 pensieri su “C’È DEL MARCIO… SUI CIELI DELL’UCRAINA di Leonardo Mazzei”

  1. Anonimo dice:

    Il tempo della FINE.Sì che è troppo poco.Purtroppo invece fa paura, sgomento, terrore, orrore, fa tremare polsi e vene, fa presagire una escalation di morte e di sangue da far contorcere le viscere dall'angoscia, fa perdere ogni fiducia nella verità e nella giustizia, dimostra lo svanire di ogni senso di umanità, fa presagire forme sempre più orride di contrasti armati …Basta vedere quel che sta succedendo a Gaza. E per quali motivi …

  2. roberto grienti dice:

    il "corriere della sera" al pari di "la repubblica" sono due fogliacci scritti dai e con i liquami di fogna!

  3. Anonimo dice:

    purtroppo c'è da denunciare anche il silenzio della sinistra "radicale" sulla questione ucraina (al contrario della questione gaza), meno male che è arrivato sto articolo (ancora un po' timido per i miei gusti). forse perchè putin non ama molto ecologisti e omosessuali, boh…comunque: l'aereo malese è stato abbattuto da un missile aria-aria a guida infrarossa lanciato da un caccia naziukraino. c'è la possibilità che addirittura l'obiettivo fosse l'aereo presidenziale di putin (colori uguali a quelli dell'aereo malese) che in quelle ore tornava dal brasile. e del resto non è un caso che la cosa sia successa proprio il giorno successivo alla creazione in brasile della "banca dei brics".nel mar nero c'era un'"esercitazione" nato (ustica 2.0!) con impiego di awacs, satelliti e radar navali: in quelle ore il donbass era la zona più vigilata del pianeta… e invece che ci propinano come "prove" della colpa dei ribelli/russi? RIDICOLE immagini di 2 secondi di camion della nettezza urbana filmate chissà dove… "prove" sparate già pochi minuti dopo il disastro.cari compagni, facciamo più attenzione alla guerra in ukraina che è una novità molto molto pericolosa e infame.antonio.

  4. Anonimo dice:

    se vi lamentate del Corriere, è perchè non avete visto le prime pagine della stampa nazista inglese."il missile di Putin""putin ha ammazzato la mia bambina""è ora di far fuori il terrorista Putin".Giornali da milioni di lettori, non quattro gatti come quelli di Corsera e Repubblica.Lo dissi a febbraio: chi arma i nazisti, vuole la guerra mondiale, c'è poco da discutere.

  5. Anonimo dice:

    A proposito, ma sbaglio o da queste parti un po' di tempo fa c'era qualcuno che simpatizzava con i cosiddetti "rivoluzionari" veneti? Ecco, allora leggetevi questa roba: http://www.serenissimogoverno.eu/index.php?option=com_content&task=view&id=1081&Itemid=35

  6. Anonimo dice:

    Solo un appunto all'articolo del compagno Mazzei. Una Oriana Fallaci anti-russa esiste già e si chiama Herta Müller. Leggetevi questa farneticante intervista rilasciata (toh!) a Repubblica qualche giorno fa: http://www.repubblica.it/cultura/2014/07/11/news/herta_mller_europa_attenta_putin_malato_di_passato-91343320/ ***PS: E questa Müller è pure una convinta sostenitrice di Israele…anche se basta già il tono dell'intervista per comprendere il personaggio.Federico

  7. Redazione SollevAzione dice:

    caro AnonimoNoi non abbiamo "simpatizzato" per i "rivoluzionari veneti". In difesa dello Stato di diritto e della libertà di pensiero protestammo contro la loro ingiusta carcerazione, tipica di uno Stato di polizia. E infatti tutta l'inchiesta (scandalosa) è crollata come un castello di carte. Vergogna per quella "sinistra" manettara che difende i diritti democratici solo a chi gli va a genio!Di gruppi indipendentisti veneti ce ne sono diversi, il "serenissimo Governo" è un gruppuscolo sionista …e al contempo 100×100 filo-Putin.

  8. Anonimo dice:

    Scua @antonio ma qua devo dissentire. Non credo che la sn radicale non si sia mossa sulla questione ucraina, se tu ti riferisci a Tsipras o Rifondazione posso anche essere d'accordo, ma quasi tutti gli altri movimenti come questo o il PdCI o CSP si sono mobilitati fin dall'inizio sulla questione ucraina.Luigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.