Browse By

LA SINISTRA GRECA DAVANTI ALLA SFIDA DECISIVA di Dimitris Mitropoulos*

 446 total views,  2 views today

[ 9 maggio ]

Un’istantanea spietata della situazione in Grecia. Il pessimismo dei cittadini. Il giudizio severo sul governo SYRIZA. La divisione delle sinistre. Dimitris Mitropoulos è un dirigente di M.AR.S (acronimo di METOPIKI ARISTERI SYMPOREUSI – Marcia Comune per un Fronte di Sinistra) ed uno dei principali organizzatori del prossimo Forum internazionale di Atene.

Dal 2010, quando la Grecia è entrata nel regime di Memorandum e sotto sorveglianza della Troika, il problema storico della sinistra greca è diventato evidente. La sinistra greca si è trovata a fare i conti con l’opzione, vecchia di 40 anni, della borghesia ellenica. Quando l’allora primo ministro Papandreou, quello che ha firmato la resa del paese alla Troika, sollevò il dilemma (reale), o il Memorandum o fare bancarotta e lasciare l’euro, la sinistra greca ha dato risposte fuorvianti. Il Partito Comunista (KKE) ha dichiarato che il vero dilemma era se la classe operaia avrebbe dovuto socializzare i monopoli. SYRIZA non riconobbe il debito e ha sostenuto che il problema era la ridistribuzione della ricchezza, mentre ANTARSYA ha chiamato a manifestazioni e proteste contro le misure impopolari. Nessuno decise di rispondere alla domanda posta dai fatti: un fronte politico unitario per la cessazione dei pagamenti e uscire dalla zona euro oppure il Memorandum del governo Papandreou?

Oggi, cinque anni più tardi questo caso resta all’ordine del giorno. Tuttavia, se a quel tempo il problema era se la Grecia sarebbe entrata nel devastante regime del Memorandum, oggi è quello se la Grecia uscirà di questo regime.

Ciò che nei media di tutto il mondo è affrontato come il dilemma greco, la continuità —forse con qualche miglioramento— della sorveglianza della Troika, o un percorso alternativo di rottura con il FMI, la BCE e la Commissione europea, non è però definito come tale dalla sinistra greca.

L’alternativa c’è: la cessazione dei pagamenti per il debito —un debito che non può non deve essere pagato— e l’uscita dalla zona euro. Il tutto combinato con la nazionalizzazione del sistema bancario e controlli sui capitali per rispondere ai problemi immediati di liquidità.

Il gruppo dirigente di SYRIZA ancora sostiene che è possibile raggiungere un compromesso fuori dal Memorandum e, allo stesso tempo, che una Grexit sarebbe un disastro.

Dopo questi tre mesi di negoziati, il popolo greco ha fatto esperienza e ben compreso che restando all’interno della zona euro non è possibile alcuna rottura con il Memorandum, né farla finita con le misure di austerità. Il popolo greco ha una grande rabbia verso l’Unione europea. Al tempo stesso, però, anche a causa della propaganda del governo SYRIZA-ANEL, sia ritiene che la scelta si soltanto tra una scelta moderata (un compromesso onesto) e il disastro (ovvero l’uscita dalla zona euro). Si spiega così come mai la percentuale di cittadini che sono favorevoli a restare nella zona euro a tutti i costi (60% -70% prima delle elezioni), è in aumento nei sondaggi (75% -85% dopo le elezioni).

Se il popolo greco ha preso una posizione conservatrice, ciò è dovuto al fatto che anche se è furioso per l’autoritarismo UE, non vede una soluzione alternativa.

Ma chi è in grado di esprimere questa soluzione alternativa? Essiste in Grecia una Sinistra anti-Ue?

Il Partito comunista (KKE), attraverso il suo Segretario Generale D. Koutsoumpas, ha dichiarato che l’uscita dall’euro ora, senza il sostegno della classe operaia e il potere popolare, sarebbe disastrosa. Più recentemente ha sostenuto che il KKE non sosterrebbe il governo in caso di cessazione dei pagamenti e di uscita dalla zona euro senza l’attuazione contestuale di tutto il suo programma economico. In sostanza, per gli ultimi cinque anni il KKE ha equiparato la rottura con l’Unione europea con il suo proprio un futuro dominio e con il socialismo.

La Piattaforma sinistra di SYRIZA [il raggruppamento delle minoranze interne di sinistra, Ndr] sostiene dal 2011 che la soluzione alle rivendicazioni dei greci implica la rottura con la zona euro e l’Unione europea. Ma gli ultimi 7-8 mesi i suoi dirigenti di spicco, sotto la pressione dei media, non dicono più chiaramente che il percorso alternativo richiede la rottura di cui sopra. Oggi, insieme ad altri dirigenti della Syriza hanno reagito a parole contro l’accordo del 20 febbraio e alcuni cominciano a parlare ancora una volta della possibilità di rottura. Ma d’altra parte, con un’opinione pubblica che viene gradualmente preparata dal governo ad un compromesso, chi si prende la responsabilità di causare problemi o di rovesciare un tale governo quando si marcia verso un compromesso e con la destra dietro l’angolo?


ANTARSYA, l’altra formazione della sinistra radicale, con la quale abbiamo collaborato come MARS, oscilla costantemente tra l’inerzia e un’astratta propaganda anticapitalista. In ogni caso, è ben lungi dall’avere un piano convincente per sollevare il morale del popolo, visto che tende ad identificare la rottura con l’Unione europea con una generale sovversione anticapitalista.

È chiaro che una rottura accidentale tra la Grecia ei suoi creditori è possibile. Ma in politica, le collisioni non avvengono automaticamente né sono neutrali. E ancora, per le collisioni a beneficio del popolo, sono necessari rapporti di forze favorevoli. Il governo non lavora a spostare questi rapporti di forza, piuttosto li decostruisce. Oggi il popolo, il governo, la sinistra si trovano in una posizione peggiore rispetto a quella di un mese fa, per non parlare di prima del 20 febbraio. I conflitti non possono essere concepiti e inclusi nelle teorie dei giochi di Varoufakis. Sono necessari soggetti politici e sociali, con un piano, preparati alla reazione delle élite europee, con iniziative appropriate e tempestive. Oggi una simile rottura (cessazione in maggio dei pagamenti ai creditori), senza la giusta preparazione, senza una forte fiducia, senza l’unità del governo e l’unità del popolo sui prossimi passi, potrebbe essere utilizzata come primo passo per una lunga e più dura capitolazione. Ma questa unità è oggi impossibile.

Oggi i greci sono arrabbiati con l’elite europea, ma hanno anche paura di una possibile collisione con essa. Ma soprattutto sono in attesa e sperano in un compromesso che, almeno, non implicherà cose peggiori di quelle attuali. Le persone non si aspettano più grandi cambiamenti che mettano fine alla povertà ed alla disoccupazione.

Oggi in Grecia dobbiamo costruire un movimento politico anti-UE ed un fronte politico anti-UE. L’intrappolamento di queste forze all’interno SYRIZA, pensare che le caotiche contraddizioni di SYRIZA o le contraddizioni caotiche dell’UE condurranno”oggettivamente alla rottura”, ritarda la creazione di questo movimento. Sono oramai cinque anni che stiamo scommettendo molto a caso, su questioni tattiche e congiunturali, ma non abbiamo mai progettato la costruzione di questo movimento.


Oggi in Grecia, ci sono diverse forze e persone anti-Ue, ma non esiste un fronte politico anti-UE per guidare la rottura con il Memorandum e l’austerità, iniziando con l’uscita dall’Euro. Queste forze sono o disperse o paralizzate, in una situazione di stallo anche a causa dei settarismi fuori e dentro SYRIZA.

MARS è una nuova alleanza di sinistra che include varie forze che cercano di sviluppare qui e ora un lotta anti-UE lotta, al di là di ogni settarismo e astrattezza anticapitalista. 


MARS chiama tutte le forze anti-UE a strutturare un fronte politico e ad elaborare un piano per la rottura con la zona euro e l’Unione europea. Questo perché, senza una tale forza nessuna rottura può essere raggiunta con successo, né potremo avere una forte resistenza, né la preparazione contro un eventuale compromesso disastroso del governo SYRIZA
image_pdfimage_print

5 pensieri su “LA SINISTRA GRECA DAVANTI ALLA SFIDA DECISIVA di Dimitris Mitropoulos*”

  1. Anonimo dice:

    Uno dei motivi che più mi hanno fatto dubitare di Tsipras è il fatto che pur potendolo fare, non ha imbastito una campagna mediatica per far capire alla gente i nodi del problema (che conoscono benissimo), anche per avere una via di fuga politica.Se questo non è tradire la logica prima che il suo popolo, allora non so cosa sia…Purtroppo la sinistra, quella istituzionale, cioè che arriva o si prefigge di arrivare al potere fa sempre e comunque scelte sbagliate.Anche Marino Badiale ha scritto un pezzo su questo grave problema a proposito di Migliore (esempio nostrano).Questo è un problema che deve essere affrontato, altrimenti ci si ritroverà sempre nelle stesse condizioni di arrivare al potere e di utilizzare le stesse parole d'ordine del capitale però in salsa sinistra che comunque fa il gioco della finanza.Beh, per quanto riguarda la Grecia, penso che alla lunga sarà la destra in tutte le sue accezioni ad eliminare la stupidità (in salsa sinistra) che attanaglia l'umanità.Riccardo.

  2. Anonimo dice:

    A proposito di stupidità, sarebbe bene non avere più così tanta indulgenza per i "compagni che sbagliano" analisi, perchè dopo quasi 40 anni di neoliberismo, non ci sono più alibi per chi vuole vedere la logica delle cose.Riccardo.

  3. Anonimo dice:

    Una considerazione e una piccola notizia.Cito l'articolo"Oggi una simile rottura senza la giusta preparazione, senza una forte fiducia, senza l'unità del governo e l'unità del popolo sui prossimi passi, potrebbe essere utilizzata come primo passo per una lunga e più dura capitolazione. Ma questa unità è oggi impossibile"Prima aveva detto:"Al tempo stesso, però, anche a causa della propaganda del governo SYRIZA-ANEL, sia ritiene che la scelta si soltanto tra una scelta moderata"Quindi se il popolo "non capisce" la colpa è di Syriza.Sempre il solito vittimismo della sinistra perdente; se non c'è unita nel popolo la colpa è dei mass media…anzi no…di Syriza…anzi no…del sistema…Il popolo è così solo perché la sinistra non è più capace di parlare alla gente. Non si ha più niente da dire in termini di ideali e di speranze, sotto sotto si crede che in fondo i cittadini "non sono maturi", "non possono capire" e non ci si domanda se per caso la colpa non è nostra che continuiamo a proporre da più di un secolo la stessa minestra riscaldata ideologica con degli intellettuali la cui unica preoccupazione è quella di atteggiarsi a maitres à penser che hanno capito tutto ma purtroppo la massa non ci segue, signora mia.Vi racconto una curiosità divertente.Varoufakis è figlio di buona famiglia, il padre era un politico importante.La moglie è impaccata di soldi perché papà era un'industriale. Fa la scultrice, da ragazza ha viaggiato in Inghilterra dove ha studiato belle arti al St. Martin's College.E indovinate un po' cosa è saltato fuori pochi giorni fa?Che nel 1995 il cantante Jarvis Cocker aveva scritto una celebre canzone intitolata "Common people" (gente comune) in cui si racconta di una ragzza greca impaccata di soldi, che studiava scultura al St. Martin's College che voleva tanto provare l'ebbrezza di vivere insieme alla "gente comune".E diceva che voleva vivere come loro, dormire con loro, fare le cose che facevano loro.Il cantante le spiegava che si avrebbe dovuto convincersi di non avere una lira e lei gli rispondeva "Su, sii serio".Che doveva dormire guardando gli scarafaggi che si arrampicavano sui muri etc etc ma tanto per lei era diverso perché bastava che telefonava a papà e quello gli mandava tutti i soldi che voleva.Qui l'articolo di Wikipedia dove si dice:"In May 2015 Greek newspaper Athens Voice suggested that the woman who inspired the song is Danae Stratou, wife of Yanis Varoufakis, Greek minister of Finance. Mrs. Stratou studied at St. Martins between 1983 and 1988 and is the eldest daughter of a wealthy Greek businessman"http://en.wikipedia.org/wiki/Common_People_%28song%29Qui il testo della canzone:http://www.metrolyrics.com/common-people-lyrics-pulp.htmlAllora cosa volete da gente simile, che prenda le armi e che vada ad assaltare il Palazzo d'Inverno?Fanno il meglio di quello che possono fare avendo quel certo tipo di mentalità che è logico che abbiano. Vedono che il popolo non capisce, sono ricchi e quindi la cosa più estrema che possono pensare è di fare "qualcosa di buono per tutti".MA CI STANNO LORO AL POTERE PERCHE' IL POPOLO HA ELETTO LORO, perché il popolo NON SI FIDA del popolo.E questo è colpa esclusivamente della sinistra del piffero perdente piccolo borghese i cui politici e i cui intellettuali hanno come unico scopo è quello di atteggiarsi a raffinati filosofi proprio per potersi sentire diversi dal popolo bue. E nemmeno si rendono conto di recitare una parte da macchiette.Gli unici che hanno avuto il coraggio di fare questo grande passo di mischiarsi con la gente ignorante sono stati Grillo e Casaleggio. Sarebbe ora di capirlo e di mandare a quel paese quella ridicola sinistra con le pezze al culo che li critica ostentando superiorità ma che di suo non è capace a fare niente di niente.

  4. Anonimo dice:

    si avrebbe dovuto convincersi in effetti non è del tutto corretto…scritto in fretta scusate

  5. Anonimo dice:

    Studiando la storia (non sempre quella mainstream) ci si rende conto del ruolo storico determinante che ha avuto sempre il Sionismo il quale per vocazione quasi metafisica è di per sé internazionalista mondialista e globalista. La Sinistra teoricamente ritiene propri questi ideali, ma li ha, come si suol dire, presi a prestito.Ad un certo punto apprende che essa è stata qualificata ufficialmente come "anti sionista". Pensate vi sia un avvenire per degli eretici scomunicati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *