15 visite totali, 1 visite odierne

Browse By

«I MOTIVI VERI DEL CONTRASTO CON LA TROIKA» di Alexis Tsipras

15 visite totali, 1 visite odierne

[ 1 giugno ]

Assolutamente da leggere questo recentissimo intervento di Tsipras su le Monde col titolo “Non ad una zona euro a due velocità“.


Sarebbe il meno se egli si limitasse ad indicare i termini dell’accordo con la troika —confermando quanto scrivevamo ieri, che Atene chiede, non la fine dell’austerità, ma solo un’austerità più temperata senza alcuna reale inversione di rotta rispetto al neoliberismo. 
Tsipras dice che lo scontro è tutto politico, tra chi, come lui, chiede più Europa, e coloro che vorrebbero un’Unione oligarchica, in cui decideranno non i popoli democraticamente, ma una ristretta élite imperiale non eletta da nessuno, se non gradita ai milionari.
C’è un piccolo problema nel ragionamento di Tsipras: egli usa il condizionale mentre dovrebbe usare l’indicativo presente: l’Unione europea è già un’entità amtidemocratica, ha già sottratto sovranità ai popoli, funziona già ora attorno ad un centro oligarchico onnipotente. E questo non è avvenuto a caso, era tutto scritto e descritto nei Trattati.

«Il 25 gennaio scorso, il popolo greco ha preso una decisione coraggiosa. Ha avuto il coraggio di sfidare la strada a senso unico della dura austerità del memorandum e cercare un nuovo accordo. Un nuovo accordo che mantenga il paese nell’euro, con un programma economico efficiente, senza gli errori del passato.

Il popolo greco ha pagato un prezzo alto per questi errori; negli ultimi cinque anni il tasso di disoccupazione è salito al 28% (60% per i giovani), il reddito medio è diminuito del 40%, mentre secondo i dati di Eurostat, la Grecia è diventata il paese europeo con il più alto indice di disuguaglianza sociale.
E il risultato peggiore: nonostante abbia gravemente danneggiato il tessuto sociale, questo Programma non è riuscito a rinvigorire la competitività dell’economia greca. Il debito pubblico è salito dal 124% al 180% del PIL, e nonostante i pesanti sacrifici del popolo, l’economia greca rimane intrappolata in continua incertezza causata dagli irraggiungibili obiettivi di salda di bilancio che ha creato ulteriormente il circolo vizioso di austerità e recessione.
Obiettivo principale del nuovo governo greco nel corso di questi ultimi quattro mesi è stato quello di porre fine a questo circolo vizioso, fine a questa incertezza.
Per questo richiede un accordo reciprocamente vantaggioso che fisserà obiettivi realistici in materia di eccedenze e di ripristinare un’agenda di crescita e di investimenti. Una soluzione definitiva al problema greco è ora più matura e più che mai necessaria.
Tale accordo significherà anche la fine della crisi economica europea iniziata 7 anni fa, ponendo fine al ciclo di incertezza nella zona euro.


Oggi l’Europa ha la possibilità di prendere decisioni che attiveranno una rapida ripresa dell’economia greca ed europea ponendo fine agli scenari del Grexit, scenari che impediscono la stabilizzazione a lungo termine dell’economia europea e possono, in qualsiasi momento, indebolire la fiducia sia dei cittadini e degli investitori nella nostra moneta comune.
Molti, tuttavia, sostengono che la parte greca non sta cooperando per raggiungere un accordo, perché si tratta di negoziati intransigenti e senza proposte.
E ‘veramente questo il motivo?

Poiché questi tempi sono critici, forse storici, non solo per il futuro della Grecia, ma anche per il futuro dell’Europa, vorrei cogliere l’occasione per raccontare la verità, e per informare responsabilmente l’opinione pubblica del mondo sulle intenzioni e sulle posizioni reali della Grecia.

Il governo greco, sulla base della decisione dell’Eurogruppo del 20 febbraio, ha presentato un ampio pacchetto di proposte di riforma, con l’intento di raggiungere un accordo che coniugasse il rispetto per il mandato del popolo greco con il rispetto delle regole e delle decisioni di governo della zona euro.

Uno degli aspetti chiave delle nostre proposte è l’impegno a ridurre – e quindi rendere fattibile – avanzi primari per il 2015 e il 2016, e consentire avanzi primari elevati per gli anni successivi, come ci aspettiamo in basa ad un aumento proporzionale dei tassi di crescita dell’ economia greca.
Un altro aspetto altrettanto fondamentale delle nostre proposte è l’impegno ad aumentare le entrate pubbliche attraverso una redistribuzione dell’onere dalle classi medio-basse a quelli più alte che hanno effettivamente evitato di pagare la loro parte per contribuire a far fronte alla crisi, dal momento che erano protetti sia l’élite politica e la troika che ha trasformato “un occhio”.

Fin dall’inizio, il nostro governo ha chiaramente dimostrato la propria intenzione e la determinazione per affrontare questi problemi nel legiferare con una legge specifica in grado di affrontare l’inganno causato da operazioni triangolari, e intensificando controlli doganali e fiscali per ridurre il contrabbando ed evasione fiscale.
Mentre, per la prima volta da anni, abbiamo fatto pagare i proprietari dei media per i loro debiti nei confronti del settore pubblico greco.
Queste azioni stanno cambiando le cose in Grecia, come dimostra l’accelerazione dei lavori nei tribunali per amministrare la giustizia nei casi di sostanziale evasione fiscale. In altre parole, gli oligarchi che sono stati utilizzati e protetti dal sistema politico ora hanno molti motivi per perdere il sonno.

Oltre a questi obiettivi generali che definiscono le nostre proposte, abbiamo anche offerto piani altamente dettagliati e specifici nel corso delle nostre discussioni con le istituzioni che hanno colmato la distanza che ci separava alcuni mesi fa tra le nostre rispettive posizioni.
In particolare, la parte greca ha accettato di attuare una serie di riforme istituzionali, quali il rafforzamento dell’indipendenza del Segretariato Generale per Entrate Pubbliche e dell’ Hellenic Statistical Authority (ELSTAT), gli interventi per accelerare l’amministrazione della giustizia, così come gli interventi sui mercati del prodotto per eliminare le distorsioni e privilegi.

Inoltre, nonostante la nostra netta opposizione al modello di privatizzazione promosso dalle istituzioni che crea né prospettive di crescita, né trasferimenti di fondi per l’economia reale e il debito insostenibile, abbiamo accettato di andare avanti, con qualche piccola modifica, sulle privatizzazioni per dimostrare la nostra intenzione di venire incontro alle rispettive esigenze.

Abbiamo inoltre deciso di attuare una grande riforma dell’IVA semplificando il sistema e rafforzando la dimensione redistributiva dell’imposta per ottenere un aumento sia di raccolta che dei ricavi.

Abbiamo presentato proposte concrete concernenti le misure che si tradurranno in un ulteriore incremento dei ricavi. Questi includono una tassa speciale di contributo sui profitti molto alti, una tassa sulle e-scommesse, l’intensificazione dei controlli dei titolari di conti bancari con ingenti somme – evasori fiscali, misure per la raccolta degli arretrati del settore pubblico, una speciale tassa sul lusso, e una gara per la radiodiffusione e altre licenze, che la Troika ha dimenticato negli ultimi cinque anni.

Queste misure aumenteranno i ricavi, e lo faranno senza avere effetti recessivi in quanto non ridurranno ulteriormente la domanda attiva o porranno più oneri per gli strati sociali medio-bassi.

Inoltre, abbiamo deciso di attuare una riforma del sistema di previdenza sociale che comporta l’integrazione di fondi pensione e che abroga le disposizioni che consentono il pensionamento anticipato, che aumenta l’età reale di pensionamento.
Queste riforme saranno messe in atto, nonostante il fatto che le perdite subite dai fondi pensione, che hanno creato il problema a medio termine per la loro sostenibilità, sono dovute principalmente a scelte politiche di entrambi i precedenti governi greci e soprattutto alla troika, che condivide la responsabilità di tali perdite: le riserve dei fondi pensione sono stati ridotti da 25 miliardi di dollari attraverso il PSI e da un tasso molto alto di disoccupazione, che è quasi esclusivamente dovuto al programma di austerità estrema che è stato attuato in Grecia dal 2010.

Infine, nonostante il nostro impegno per il lavoro e per ripristinare immediatamente la legittimità europea del mercato del lavoro, che è stato completamente smantellato nel corso degli ultimi cinque anni con il pretesto della competitività, abbiamo accettato di attuare la riforma del lavoro dopo il nostro accordo con l’OIL, che ha già espresso un parere positivo sulla proposta del governo greco.

Ciò premesso, è logico chiedersi perché c’è tanta insistenza da parte dei funzionari istituzionali che la Grecia non è la presentazione delle proposte.
A cosa è servita questa 
prolungata moratoria della liquidità verso l’economia greca? Soprattutto alla luce del fatto che la Grecia ha dimostrato di voler rispettare gli obblighi esterni, dopo aver pagato più di 17 miliardi di interessi e ammortamenti (circa il 10% del suo PIL) da agosto 2014, senza alcun finanziamento esterno.

E, infine, qual è lo scopo delle fughe di notizie coordinate che sostengono che non siamo vicini a un accordo che ponga fine all’incertezza economica e alla politica europea globale alimentata dalla questione greca?
La risposta informale che alcuni stanno dando è che non siamo vicini a un accordo, perché la parte greca insiste sulle sue posizioni per ripristinare la contrattazione collettiva e si rifiuta di attuare un’ulteriore riduzione delle pensioni.

Anche qui, devo fare alcune precisazioni:

Per quanto riguarda la questione della contrattazione collettiva, la posizione della parte greca è che è impossibile per la legislazione che tutela i dipendenti in Grecia non soddisfare gli standard europei o, peggio ancora, violare in modo flagrante la legislazione europea del lavoro. Quello che chiediamo non è altro che quello che è prassi comune in tutti i paesi della zona euro. Questo è il motivo per cui ho recentemente fatto una dichiarazione congiunta sulla questione con il presidente Juncker.

Riguardo alla questione sulle pensioni, la posizione del governo greco è completamente fondata e ragionevole. In Grecia, le pensioni sono diminuite cumulativamente dal 20% al 48% negli anni; attualmente il 44,5% dei pensionati riceve una pensione al di sotto della soglia fissa di povertà relativa, mentre circa il 23,1% dei pensionati, secondo i dati di Eurostat, vive a rischio di povertà e di esclusione sociale.
E ‘quindi evidente che questi numeri, che sono il risultato della politica del Memorandum, non possono essere tollerati, non solo in Grecia, ma in nessun paese civile.

Quindi, cerchiamo di essere chiari:

La mancanza di un accordo finora non è dovuta alla presunta intransigenza, senza compromessi e incomprensibile posizione greca.
E ‘a causa dell’insistenza di alcuni attori istituzionali su presentazione delle proposte assurde e la considerazione di una totale indifferenza per la scelta democratica recente del popolo greco, nonostante l’ammissione pubblica delle tre istituzioni che necessaria flessibilità sarà fornita al fine di rispettare il verdetto popolare .

Cosa determina questa insistenza?

Un pensiero iniziale sarebbe che questa insistenza è dovuta al desiderio di alcuni di non ammettere i propri errori e, invece, ribadiscono le loro scelte ignorando i loro fallimenti.
Inoltre, non dobbiamo dimenticare l’ammissione pubblica fatta alcuni anni fa dal Fondo monetario internazionale che ha commesso un errore nel calcolo della profondità della recessione che deriverebbe dal memorandum.
Considero questo, però, un approccio superficiale. Semplicemente non posso credere che il futuro dell’Europa dipenda dalla testardaggine o dall’insistenza di alcuni individui.

La mia conclusione, quindi, è che la questione della Grecia non riguarda solo la Grecia; piuttosto, è l’epicentro di un conflitto tra le due strategie diametralmente opposte riguardanti il futuro dell’unificazione europea.

La prima strategia si propone di approfondire l’unificazione europea nel contesto di uguaglianza e di solidarietà tra i suoi popoli e dei cittadini.
I sostenitori di questa strategia si basa sul presupposto che non si può pretendere che il nuovo governo greco segua il corso del precedente – che, non dobbiamo dimenticare, è fallito miseramente. Questa ipotesi è il punto di partenza, perché in caso contrario, le elezioni dovrebbero essere abolite in quei paesi che sono sottoposti al programma. Vale a dire, dovremmo accettare che le istituzioni debbano nominare i ministri e primi ministri, e che i cittadini debbano essere privati del diritto di voto fino al completamento del programma.

In altre parole, questo significa l’abolizione completa della democrazia in Europa, la fine di ogni pretesto di democrazia, e l’inizio della disintegrazione e di una divisione inaccettabile dell’ Europa unita.
Ciò significa l’inizio della creazione di una mostruosità tecnocratica che porterà ad un’Europa del tutto estranea ai suoi principi fondanti.

La seconda strategia si propone proprio questo: La spaccatura e la divisione della zona euro, e quindi della UE.
Il primo passo per la realizzazione di questo è quello di creare una zona euro a due velocità, dove il “cuore” fisserà regole severe in materia di austerità e di adattamento e nominerà un “super” ministro delle Finanze dell’Euro Zona con un potere illimitato e con la possibilità di rifiutare anche bilanci degli Stati sovrani che non sono allineati con le dottrine di estremo neoliberismo.
Per quei paesi che rifiutano di piegarsi alla nuova autorità, la soluzione sarà semplice: punizione e austerità obbligatoria. E ancora peggio, più restrizioni ai movimenti di capitali, sanzioni disciplinari, multe e persino una moneta parallela.

A giudicare dalle attuali circostanze, sembra che questo nuovo potere europeo sia in costruzione, con la Grecia che è la prima vittima. Per alcuni, questo rappresenta un’occasione d’oro per fare un esempio dalla Grecia con altri paesi che potrebbero pensare di non seguire questa nuova linea di disciplina.
Ciò che non viene preso in considerazione è l’elevata quantità di rischio e gli enormi pericoli insiti in questa seconda strategia. Questa strategia non solo rappresenta l’inizio della fine del progetto europeo di unificazione spostando la zona euro da un’unione monetaria ad una zona di tasso di cambio, ma si innesca anche l’incertezza economica e politica, che rischia di trasformare completamente gli equilibri economici e politici in tutto l’ovest.

L’Europa, dunque, è a un bivio. A seguito delle gravi concessioni fatte dal governo greco, la decisione non è ora nelle mani delle istituzioni, che in ogni caso – con l’eccezione della Commissione- europea non sono elette e non sono responsabile per il popolo, ma sono piuttosto nelle mani dei leader europei.
Quale strategia prevarrà? Quella che chiede un’Europa della solidarietà, dell’uguaglianza e della democrazia, o quello che richiede la rottura e divisione?

Se alcuni, tuttavia, pensano o desiderano credere che tale decisione riguarda solo la Grecia, stanno facendo un grave errore. Vorrei suggerire loro di rileggere il capolavoro di Hemingway, “Per chi suona la campana”».

* Fonte: Le Monde del 31 maggio
* Bandiera Rossa in Movimento
*** traduzione di Daniela Sansone


8 pensieri su “«I MOTIVI VERI DEL CONTRASTO CON LA TROIKA» di Alexis Tsipras”

  1. Anonimo dice:

    Sembra di leggere la fattoria degli animali di George Orwell con Tsipras nella parte del cavallo o meglio di chi vuol far perpetrare la parte del cavallo al popolo greco.Riccardo.

  2. Anonimo dice:

    Riccardo, ma perché tutta questa prevenzione?Tsipras è evidentemente in buona fede; è un europeista ma certamente non è un servo o burattino delle élites. Fa quello che può partendo da una formazione intellettuale borghese ma con quel "Per chi suona la campana" ha voluto dare un avvertimento forte alle oligarchie dicendo cioè che se insistono in questo gioco d'azzardo al massacro tra non molto le prossime vittime saranno loro.Ha anche voluto avvertire gli altri popoli europei che si trovano in bilico, come Italia, Spagna e Francia.Parli del popolo greco al quale Tsipras vorrebbe far fare la parte del cavallo. Ecco qui è la chiave di tutto: se il popolo greco scenderà in piazza o quantomeno se la sinistra di Syriza, dovesse Tsipras cedere oltre l'ammissibile, si scinderà magari con le clamorose e in quel caso benedette dimissioni di Varoufakis ci accorgeremmo che anche senza l'atto "eroico" da parte del leader di Syriza l'esperienza dell'elezione di Tsipras ha avuto degli esiti molto positivi.E Tsipras non ha ancora realmente mollato…Ragazzi, il popolo da solo non può nulla ha bisogno di politici e leader di grandi capacità e competenza; ma questi leader da soli non fanno nulla nemmeno loro se il popolo è del tutto disinformato o, quel che è peggio, se si è rifugiato nel disimpegno totale.Ci sono solo due cose che ci interessano e che dovrebbero interessare tutti gli italiani.1) l'esperienza di Tsipras e Varoufakis dimostra che la democrazia non è morta perché il voto dei cittadini è tutt'ora un'arma formidabile. Quindi non serve convincere la gente a votare per noi, basta convincerla a votare comunque.2) Tsipras sta compiendo quello che secondo me è il primo indispensabile passo: il borghese che capisce di essere sotto attacco e decide finalmente di diventare il rappresentante del suo popolo "locale". Ora chissenefrega se Tsipras a un certo punto si calerà le braghe perché come si vede con grande evidenza, per il solo fatto di essere andato a trattare con la Troika ha cominciato a far saltare le contraddizioni sottese a questo sistema e a questo particolare ordine politico, sociale ed economico europeo. Andiamo avanti sostenendo CHIUNQUE SI CONTRAPPONGA ANCHE SOLO TIMIDAMENTE – MA SU BASI CONCRETE – AL SISTEMA OLIGARCHICO. Se lo faremo noi e se riusciremo a diffondere questa istanza nei cittadini – non solo quelli di sinistra – avremo vinto.

  3. Anonimo dice:

    Cari compagni di redazione e lettori,come vedete nel link il solo fatto che un partito al governo abbia presentato alla Troika le sue richieste moderate, anzi moderatissime, rischia di portare a galla tutte le contraddizioni del sistema oligarchico europeo.http://www.telegraph.co.uk/finance/economics/11639714/Embattled-Alexis-Tsipras-faces-down-Leftist-mutiny-amid-snap-Greek-election-fears.htmlTsipras secondo me è un borghese moderato in buonissima fede ma ammettiamo che non lo sia, rimane il fatto che è dovuto per forza andare al governo con un programma di "moderata ribellione" ai diktat dell'UE; quelli che avevano il programma appiattito sulle direttive di Bruxelles sono stati spazzati via alle urne.A questo punto avendo fatto promesse impegnative, come leggete nell'articolo linkato, Tsipras non può più fare quello che gli pare e se dà l'impressione di cedere il suo stesso partito lo molla riportando la Grecia alle elezioni. Per un periodo di tempo limitato ci saranno degli importanti rivolgimenti elettorali in tutta Europa e bisognerbbe saperne approfittare al meglio.

  4. Anonimo dice:

    La Panaritis appena nominata si deve dimettere sotto le pressioni degli incazzati di Syriza.http://www.wallstreetitalia.com/article/1815969/grecia/esplode-il-caso-panaritis-portavoce-grecia-in-negoziati-fmi-si-dimette.aspxCome vedete il tentativo moderato del borghese Tsipras per il solo fatto di essere stato messo in atto ha innescato una reazione a catena non facilissima da fermare.Diciamo che sembra proprio che cominci ad alzarsi un'onda di quelle leggendarie.Surfs up e decidiamoci a entrare in acqua anche noi invece di stare a riva a giudicare gli altri.Ricordo che le onde non aspettano che uno ci pensi su e si decida…P.S.: Lo so che vi date da fare da una vita, però in questo momento vi trovate un po' ai margini per tanti motivi. In qualche modo mi pare che una certa capacità di consenso in un ambiente magari ristretto ce l'avete…la possibilità di amplificare questo consenso e renderlo fruttifero ci sarebbe…L'alternativa lo sapete qual'è: accodarsi a Civati, Fassina, Bindi, Bersani, Cgil, Landini, quel genio del blitzkrieg di Ferrero…davvero vi attizza l'idea?

  5. Alberto Capece Minutolo dice:

    Qui non si tratta di decidere se Tsipras sia in buona fede o sia un burattino in mano ai potentati della finanza e nemmeno se la modestissima resistenza ai diktat sia di per sé sufficiente a provocare terremoti come qualcuno spera: si tratta semplicemente di vedere che il discorso di Tsipras è completamente contraddittorio, confuso, galleggiante sulla pochissima acqua dell'altra europa e dunque di per sé impotente e inconcludente. Ciò che tiene in piedi Tsipras è di aver fatto ai greci promesse che non può mantenere cercando un accordo con Bruxelles, ma che è costretto a ribadire in qualche modo per tenere insieme il governo. Ciò che manca nel personaggio, come del resto in gran parte della sinistra continentale, è proprio una analisi chiara della situazione che ancorché non marxista non può non essere radicalmente anti capitalista. Ed è qui che casca l'asino.

  6. Redazione SollevAzione dice:

    ome i lettori più assidui sanno, questa redazione ha salutato la vittoria di SYRIZA, ma mettendo in guardia che la linea della sua direzione politica — "Più europea e fine dell'austerità"— era del tutto velleitaria. Infatti l'euro-Germania, come pure Bce e Fmi, hanno respinto le proposte di Atene e insistono, vogliono un cedimento su tutta la linea. La morale è che nell'eurozona i paesi "periferici" sono oramai privati di ogni potestà e sovranità politica. Atene non può adottare alcuna politica economica di bilancio e sociale indipendente. Punto. Nei fatti è una semicolonia che deve ubbidire.Per quanto concerne il nostro Paese e quel che facciamo noi come MPL, facciamo quel che possiamo, il massimo per dare vita ad una forza politica sovranista, democratica e rivoluzionaria. da soli non ce la faremo. Altre rotture debbono avvenire affinché si liberino nuove forze. Di sicuro, come la Grecia insegna, sappiamo una cosa: che la strategia del "più Europa" è fallimentare. Per cui non andremo con chi si ostina a seguire una strada che non porta da nessuna parte se non al suicidio.

  7. Anonimo dice:

    Cpio incollo (Giulio Bonali)Sciopero negli ospedali pubbliciPartito Comunista di Grecia (KKE) | kke.gr Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare21/05/2015Il 20 maggio è stato effettuato uno sciopero di 24 ore della sanità da parte dei lavoratori degli ospedali pubblici e delle strutture sanitarie.La protesta si è tenuta ad Atene davanti al Ministero della Sanità, a cui hanno partecipato le forze del Fronte militante di tutti i lavoratori (PAME) del settore pubblico, gli studenti delle facoltà di medicina, così come molti lavoratori di diversi settori e pensionati.Nel suo discorso, Olga Siantou, vice-presidente della POEDHN (Federazione dei lavoratori negli ospedali pubblici) e membro della segretaria del PAME, dipartimento salute-benessere, ha osservato tra l'altro:"Siamo in sciopero e manifestiamo oggi, perché gli stanziamenti dello stato per la salute e il welfare sono bloccati, perché l'intensificazione dei carichi di lavoro schiaccia gli operatori, perché vi è una carenza di migliaia di lavoratori in centinaia di specialità."Siamo in sciopero oggi, perché i nostri stipendi miseramente bassi non ci vengono pagati. Perché ai nostri pazienti, che pagano tasse nel corso di tutta la loro vita, al momento del bisogno lo Stato chiede di pagare nuovamente per esami medici, assistenza infermieristica, terapie e farmaci."Siamo in sciopero perché l'esecutivo negli ultimi quattro mesi di governo, ha prelevato fondi disponibili delle organizzazioni pubbliche e dai fondi di previdenza sociale.""La soluzione è quella di organizzare e lottare! La soluzione si trova nella lotta unitaria degli operatori sanitari, dei lavoratori di altri settori, dei pensionati, disoccupati, lavoratori autonomi".Giorgos Lamproulis, deputato del KKE e medico, ha portato il sostegno del partito con un breve messaggio di saluto. Ha fatto riferimento alla necessità di rafforzare le rivendicazioni e combattere e allo stesso tempo evidenziare le cause della situazione attuale. Queste cause sono legate alla linea politica dell'Unione europea e dei governi che stanno trasformando la salute in una merce e gli ospedali in imprese.Dopo la manifestazione, i manifestanti hanno marciato verso il Parlamento.

  8. Anonimo dice:

    Lo so e lo sanno tutti i lettori che non andreste mai con personaggi o gruppi ambigui sul tema dell'Europa.La domanda però è: con chi volete andare?Perché siete (siamo) pochi, perché come le elezioni hanno dimostrato, e come ha notato Peter Yanez, il "popolo" non si interessa al problema dell'Unione ma si attizza solo sui Rom e sulle troiate nazional fasciste. Anzi come avete giustamente osservato l'unico partito che veramente ci guadagna dalle regionali è stata la Lega che è liberista. Che dei lavoratori possano votare per dei liberisti sarebbe assurdo se non fosse che succede regolarmente; la classe subalterna vota da sempre a favore di chi la vuole sottomettere.Quello su cui vorrei si riflettesse è che il nostro primo problema non è raffinare sempre di più le analisi ma capire come facciamo a sensibilizzare una massa di cittadini del tutto indifferente o peggio, talmente rinchiusa nei propri problemi fino al punto di non riuscire più a capire nemmeno qual'è il suo vero interesse.Quindi se crediamo che la soluzione sia allearsi con chi "ha le idee giuste" facciamo un grosso errore se questo non ci garantisce allo stesso tempo una maggiore forza di comunicazione; la nostra priorità dovrebbe essere di unirci a qualcuno genericamente "bene intenzionato" che abbia la capacità di farsi ascoltare da un numero consistente di cittadini.Le idee ce le abbiamo già, ci serve un megafono; se andiamo da chi poi ci leva la voce non concludiamo nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *