Browse By

«ODIO IL CAPODANNO» di Antonio Gramsci

 203 total views,  2 views today

[ 1 gennaio 2016 ]

«Ogni mattino,quando mi sveglio ancora sotto la cappa del cielo, sento che per me è capodanno.
Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un’azienda commerciale col suo bravo consuntivo, e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione.
Essi fanno perdere il senso della continuità della vita e dello spirito.
Si finisce per credere sul serio che tra anno e anno incominci una novella istoria e si fanno propositi e ci si pente degli spropositi, ecc. ecc. E’ un torto in genere delle date…

Così la data diventa un ingombro, un parapetto che impedisce di vedere che la storia continua a svolgersi con la stessa linea fondamentale immutata, senza bruschi arresti…

Perciò odio il capodanno.

Voglio che ogni mattino sia per me un capodanno.
Ogni giorno voglio fare i conti con me stesso, e rinnovarmi ogni giorno.

Nessun travettismo spirituale. Ogni ora della mia vita vorrei fosse nuova,pur riallacciandosi a quelle trascorse» 

Antonio Gramsci
1 Gennaio 1916. Rubrica “Sotto la Mole”. Edizione torinese dell’Avanti!
image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *