Browse By

BREXIT: UN VOTO DI CLASSE di Ugo Boghetta

 550 total views,  2 views today

[ 24 giugno ]

E Brexit fu, nonostante la mobilitazione dei poteri forti inglesi ed internazionali. E hanno deciso di uscire senza essere nell’euro!!


Ora, non essendo riusciti a spaventare i britannici, si cerca di spaventare tutti gli altri affinché non ne seguano l’esempio.

Si dice che l’uscita è dovuta ai vecchi che avrebbero votato la nostalgia. A nessuno viene il dubbio che le classi popolari dell’Inghilterra del nord e del Galles abbiano invece visto il peggioramento dovuto al combinato disposto liberismo e Unione!? Non viene in mente che questi sono settori che per motivi materiali e culturali fanno più fatica a stare nella globalizzazione liberista perché ne sono le vittime designate?

In realtà è un voto di classe senza un partito di classe. Questo è il dramma. E, diciamocelo, il buon Corbyn, come gran parte della sinistra continentale, della questione non ci ha capito una mazza. Purtroppo. Per altro verso, si è ripetuto quello che, facendo le dovute distinzioni, è accaduto in Italia alle amministrative. Le periferie hanno votato “leave” in Gran Bretagna e M5S in Italia. Questi ultimi, tuttavia, ammorbati dalla logica dei sondaggi, sulla Brexit hanno toppato. 


Impareranno?

Si dice altresì che i giovani abbiano votato di rimanere. Certo i giovani di Londra vivono diversamente la globalizzazione da quelli sopra citati. Costoro, inoltre, hanno conosciuto solo questo mondo fatto di opportunità precarie e flessibili. Hanno votato il conosciuto. Ma chi li ha resi precari? Chi ha loro tolto il futuro se non l’Unione liberista di cui la Teacher fu antesignana!

A sinistra, tutti additano lo spettro di Farage, nessuno vuol vedere dove erano schierati i poteri forti, la Finanza. Qualcuno pensa che siano forze progressiste!? Purtroppo sì, a sinistra qualcuno lo pensa in quanto la Finanza costruisce un mondo senza frontiere. É il malefico prodotto del sinistrismo.

Qualcuno fino a ieri affermava che non si può tornare ai confini, alla nazione ecc ecc. Ebbene si può. Costoro però parlano di unire i popoli. Ma cosa sono i popoli se non una storia, un territorio , dei confini, una cultura!? E dentro i popoli ci sono i proletariati. Ma di cosa parlano costoro!!

Tutto cambia in continuazione, ma non si va sempre verso il meglio come pensa il sinistrismo. Il progressismo è un errore storico e filosofico (anche il marxismo ne è stato coinvolto). A volte si torna indietro come in questi ultimi decenni: molto indietro. Certo non si torna all’uguale, ma indietro si torna.

L’unica cosa che invece non sembra cambiare è l’ideologismo astratto, l’ignoranza di chi vuole rimanere tale.


L’Unione Europea è ad un punto di svolta Il voto inglese, però, potrebbe paradossalmente portare a “più Unione”. Più Unione più danni.

Allora è meglio scartare dalla vecchia strada e ricominciare da un’altra parte.

Avremmo bisogno di idee nuove per non buttare via il bambino dell’auspicata unità fra i popoli con l’acqua sporca del liberismo e dei suoi strumenti: Unione ed euro. Avremmo bisogno di ripartire dai popoli europei riconoscendoli come diversi e che, dunque, si possono unire con relazioni reciprocamente vantaggiose senza rinchiuderli in gabbie monetarie come l’euro o un super stato come l’Unione. L’antiliberismo, la difesa della Costituzione devono inserirsi in queste contraddizioni e non pensare di cambiare tutto, tutto in una volta, senza cambiare i contenitori.

Prendiamo dunque atto che uscire si può. Che l’Unione e l’euro possono essere rotti dai popoli. Che l’Unione per i popoli è fallita. Già nei referendum consultivi francesi e olandesi l’Unione fu già bocciata. I greci hanno detto no al Memorandum.

Rompere l’Unione è implicitamente un primo passo per combattere il liberismo.

Concentrandoci su cosa fare di diverso e di migliore a cominciare dal qui ed ora.

Se gli inglesi avessero aspettato tutti gli altri per dire: “leave”, non saremmo qui a parlare. Avrebbe vinto la Finanza, la tecnocrazia europea, Merkel, Hollande, Renzi.

image_pdfimage_print

4 pensieri su “BREXIT: UN VOTO DI CLASSE di Ugo Boghetta”

  1. Anonimo dice:

    Sembrerebbe anche, almeno per la tabella che ho visto io, dei voti suddivisi per fasce d'età che gli inglesi invecchino molto prima della media europea. Sara il clima ?Alberto

  2. Anonimo dice:

    ATTENZIONE:il referendum britannico era solo consultivo.Il voto popolare potrebbe essere aggirato dal parlamento che è al 70% favorevole alla permanenza.Lo dice Il Giornalehttp://www.ilgiornale.it/news/brexit-tink-tank-inglese-cos-aggireranno-referendum-1275703.html

  3. Anonimo dice:

    Forse adesso anche in Italia si riuscirà a guardare in faccia alla realtà. Cosa hanno prodotto per noi l'Unione Europea e l'Euro?Hanno prodotto tasse altissime, disoccupazione di massa,dieci milioni di italiani poveri, invasione di immigrati clandestini e non.Tutte cose di cui l'Italia non aveva certo bisogno.Speriamo che la lezione sia servita, ma gli italiani purtroppo non sono popolo, sono pecore. E allora speriamo nei francesi, loro hanno avuto le palle per fare una rivoluzione, le avranno anche adesso.w l'Inghilterra! W la Francia!Aspettando che qualcuno vinca la partita al posto nostro…w l'Italietta!

  4. Anonimo dice:

    Ciò che ha fatto esplodere quest'Europa artificiosa e bolsa, sono state le migrazioni di massa che hanno rotto gli equilibri etnico-sociali e culturali. Forse è stato un effetto voluto: è stato come quando si fanno ingrassare a forza le oche: gli scoppia il fegato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *