Browse By

LETTERA APERTA A M5S: “Per la salvezza nazionale ascoltateci” di Marco Mori

 451 total views,  2 views today

[ 31 luglio ]
Pubblichiamo questa lettera aperta a M5S dell’amico Marco Mori, portavoce di Alternativa per l’Italia. Nei toni più perentoria di quella che fece circolare P101 LETTERA APERTA AL MOVIMENTO 5 STELLE di P101 il 24 maggio scorso.
«Nelle prossime ore tutti i Parlamentari ed Europarlamentari m5s riceveranno sulla mail questa mia comunicazione che qui vi trascrivo e anticipo. Speriamo davvero che questo appello non resti inascoltato!

OGGETTO: Il movimento può salvare il Paese, ma deve accantonare la linea di Di Maio. Euroexit come condizione preliminare imprescindibile per la fine della crisi.

Carissimi e stimatissimi Deputati, Eurodeputati e Senatori del movimento cinque stelle, mi rivolgo a voi in un momento storico gravissimo in cui non c’è in gioco solo il destino dell’Italia, ma quello del mondo intero. 

Alcuni di voi già mi conoscono, visto che ho partecipato a vari eventi informativi per denunciare, dal punto di vista tecnico-giuridico, i crimini di questa oscena dittatura finanziaria che prende il nome di Unione Europea.

Oggi più che mai è importante, se vogliamo davvero salvarci, comprendere le ragioni della crisi che ci attanaglia. Il modello neoliberista, codificato nei trattati europei, ci ha distrutto ed ha aggredito il mondo intero. Il mercato, ha superato la democrazia, spazzando via i nostri diritti inalienabili e portandoci ad un passo dalla guerra.
Se anche i politici fossero ancora più corrotti e rubassero ancora di più di quanto avviene oggi, ma contemporaneamente rispettassero il modello economico costituzionale, rispettassero la sovranità nazionale tenendosela stretta, anche in materia economica e monetaria, la crisi non esisterebbe. L’economia deve tornare sotto il controllo, la disciplina ed il coordinamento della Repubblica. Durante il miracolo italiano, che ci portò dall’essere un Paese raso al suolo dalla seconda guerra mondiale a divenire una potenza economica mondiale, pensate forse che la corruzione ed il malaffare non esistessero? I crimini c’entrano ben poco con la macroeconomia, la loro influenza è assai limitata.
Pertanto è con il più vivo rammarico che ho ascoltato le recenti dichiarazioni pubbliche di Luigi Di Maio, dichiarazioni che destano motivato e forte sconcerto e che risultano in definitiva sfociare direttamente nel tradimento dei valori largamente condiviso da gran parte di Voi, gli unici che possono portarci alla salvezza.
Abbiamo assistito ad incommentabili incontri con lobby del potere finanziario, dichiarazioni amichevoli verso l’UE e soprattutto al deciso cambio di rotta sull’euro. La campagna svolta alle europee è stata per questo definita un errore, si è fatta professione di moderazione con coloro che invece ci stanno annientando deliberatamente. 
La posizione del cinque stelle sul tema euro era in verità erronea anche in precedenza al cambio di rotta deciso unilateralmente da Di Maio, il referendum sull’euro non ha mai avuto alcun senso. Un Paese privo di sovranità monetaria sarebbe pesantemente ricattabile durante il tempo necessario a svolgerlo, prolungando di molti mesi le difficoltà che già avremo durante la campagna elettorale. Il voto ne sarebbe pesantemente influenzato con il rischio di farci rimanere nella gabbia.
I Paesi che non hanno sovranità monetaria possono fallire, debbono subire la dittatura dei creditori, di fatto non possono neppure più essere definiti Stati, perché sono retrocessi al rango di qualsivoglia altro soggetto privato. Concetti, questi, espressi anche da giuristi di fama ben maggiore della mia. Penso in particolare agli ex Corte Costituzionale Paolo Maddalena e Gustavo Zagrebelsky oppure al Presidente di Sezione del Consiglio di Stato, Luciano Barra Caracciolo. Persone di ben altra pasta rispetto a quei Barbera e Prosperetti, che purtroppo avete contribuito a far sedere alla Consulta e che l’hanno infangata con la loro difesa di quel crimine contro l’umanità che si chiama “pareggio in bilancio”.
L’euro è una moneta concepita appositamente per creare con le sue regole una crisi atta ad obbligarci a cedere sovranità, smantellando lo Stato. L’euro è in definitiva un crimine contro la personalità dello Stato e per punire i criminali non si fanno certamente i referendum, si fanno i processi! 
L’euro oggi agisce esattamente come una volta agivano gli eserciti di occupazione, non abbiamo fatto il referendum per liberare l’Italia dai nazisti, abbiamo fatto la resistenza!
Tuttavia, prima della nuova linea targata Di Maio, quantomeno la denuncia al sistema euro era chiara e netta e l’errore del referendum era emendabile, non diventava una condizione “sine qua non” che mi imponesse di scendere in campo contro di Voi.
La campagna per le elezioni europee è stata davvero buona. Questo mi aveva spinto ad appoggiare e votare il movimento, a partecipare con entusiasmo alle conferenze in cui mi avete invitato come esperto, definizione che alcuni di Voi mi avevano attribuito, certamente a ragione, e che vi dovrebbe indurre ancor di più a ponderare ancor più attentamente oggi le mie parole.
Dobbiamo avere ben a mente quanto accadde nel secolo scorso, la seconda guerra mondiale non ha trovato affatto la sua origine nel nazionalismo, ma il nazionalismo fu una conseguenza, certamente sbagliata, delle politiche liberiste. Politiche esattamente speculari a quelle che oggi impregnano i Trattati europei, espressamente concepiti per tutelarle gli interessi di pochi speculatori, gente che conta immensamente di più di qualsivoglia burattino della politica nazionale, corrotto o meno che sia.
Non è come dice vergognosamente Di Maio che sia sufficiente registrate le lobby per controllarne gli effetti nella politica. Oggi associazioni eversive come la Trilaterale, con cui Di Maio si è purtroppo incontrato, si vantano apertamente di influenzare la scena politica. Se anche il Presidente della Repubblica vi si è inchinato ricevendo i suoi esponenti con tutti gli onori, questa non era una buona ragione per fare altrettanto. Da Voi mi sarei aspettato invece la richiesta di messa in stato d’accusa di Mattarella, che in punta di diritto sarebbe stata ineccepibile. Certi nemici sono ben noti, non serve frequentarli, occorre combatterli!
I nostri Padri Fondatori hanno messo nero su bianco nei verbali dell’Assemblea Costituente questi concetti, sui quali hanno poi scritto quel capolavoro di democrazia che è la Costituzione del 1948. 
Ve ne cito uno degli esempi più eloquenti, vi riporto le parole di Gustavo Ghidini, scolpitevele nella mente perché ci parlano della nostra attuale realtà: “Se si lascia libero sfogo alla legge della libera concorrenza e alla libera iniziativa animata solo dal fine del profitto personale, si arriva pur sempre al super capitalismo e così a quelle conseguenze che lo stesso onorevole Maffioli depreca, fra le quali primeggia la guerra tremenda che fu la rovina di tanti popoli (omissis…). È possibile parlare di un progetto social-comunista quando si afferma all’articolo 38 che la proprietà privata è assicurata e garantita e all’articolo 39 che l’iniziativa privata è libera? Non è dunque un progetto social-comunista. È vero che sono affermati vincoli e limiti al diritto di proprietà. Ci sono limiti, perché non si vuole che si formino delle grandi concentrazioni di proprietà che sottraggono all’iniziativa privata grandi strati di produttori e costituiscono a un tempo delle potenze economiche tali che, se anche potessero condurre ad un grado di produttività più elevato, portano altresì a quella potenza politica che, non avendo altro intento che il vantaggio patrimoniale privato, disconosce e travolge gli interessi materiali, morali e politici della collettività scatenando quelle conflagrazioni che ci hanno portato alla miseria attuale”.
Ecco perché oggi mi rivolgo a Voi. Avete compreso la gravità del momento? Dovete avere chiaro che stiamo scrivendo la storia dell’umanità e che, conseguentemente, le Vostre responsabilità sono immense. Non c’è più tempo per giochi nel movimento, da subito è necessario inquadrare il programma di salvezza nazionale che vi porterà (ci porterà se me lo consentite) a vincere le prossime elezioni e salvare il Paese.
In TV dovreste parlare di Euro ed UE, spiegare la loro incompatibilità con la Costituzione e la loro natura criminale. Parlare dell’importanza della sovranità, dell’indispensabilità di quella monetaria ed economica. Spiegare come il neoliberismo sia un crimine contro l’umanità e di come l’economia debba tornare ad inchinarsi senza se e senza ma ai Parlamenti sovrani, che non lo sono certo di per sé stessi, ma solo in forza del l’investitura del popolo (concetto da spiegare agli attuali abusivi della maggioranza che osano addirittura tentare una criminale modifica della carta costituzionale su cui però vi sento assai distratti).
Chi non vuole l’uscita dall’euro immediata e senza alcun referendum deve essere cacciato immediatamente dal movimento perché per ignoranza o malafede finisce per aiutare tutti noi a camminare a passo spedito verso il baratro.
Se prenderete questa posizione vincerete (vinceremo!) le elezioni con percentuali mai viste nella storia della Repubblica, perché la gente ha già capito il messaggio ed appena parlerete molto più di neoliberismo ed euro, anziché di sprechi e corruzione, anche chi ancora non ha capito arriverà a comprendere appieno il grande crimine in cui viviamo, crimine diretto a spazzare via lo Stato e tutti quei diritti inviolabili che la sua esistenza tutela.
Quando postate sulle auto blu, anziché sull’euro, fate un passo ulteriore verso la nostra fine! Pensateci!
Ieri come oggi sono a vostra disposizione per ogni chiarimento tecnico, scriviamo subito il programma che metterà fine all’oscena dittatura finanziaria in cui viviamo prima che sia troppo tardi, collaborate con tutti noi, tecnici che solo vedendo l’assenza di posizioni chiare nel movimento, hanno fondato un proprio partito, Alternativa per l’Italia. Ma noi faremmo a meno di fare politica se ci foste Voi a prendere le decisioni che l’interesse nazionale oggi impone.
Con stima e speranza, disponibili a collaborare ma mai pronti a compromessi, c’è una sola linea vincente e credo che la maggior parte di Voi la condivida, allora contattateci e percorriamola».
image_pdfimage_print

9 pensieri su “LETTERA APERTA A M5S: “Per la salvezza nazionale ascoltateci” di Marco Mori”

  1. Roberto dice:

    Il problema è che il movimento continua ad essere diretto da chi ne è a tutti gli effetti proprietario. E non mi riferisco, ovviamente, a Grillo. Nel sig. D.M. si ritrovano probabilmente le caratteristiche della figura di leader che le finalità della proprietà richiedono. Appare verosimile che per gli altri parlamentari debba essere alquanto problematico coalizzarsi per rimettere in discussione una designazione sancita con l' "opportuno", o forzato che sia, consenso, e, comunque, in assenza totale di manifesti dissensi. Ma forse è inevitabile che continui ad essere cosí …Il problema è che il movimento continua ad essere diretto da chi ne è a tutti gli effetti proprietario. E non mi riferisco, ovviamente, a Grillo. Nel sig. D.M. si ritrovano probabilmente le caratteristiche della figura di leader che le finalità della proprietà richiedono. Appare verosimile che per gli altri parlamentari debba essere alquanto problematico coalizzarsi per rimettere in discussione una designazione sancita con l' "opportuno", o forzato che sia, consenso, e, comunque, in assenza totale di manifesti dissensi. Ma forse è inevitabile che continui ad essere cosí …

  2. Anonimo dice:

    Vi rendete conto che è ridicolo un piccolo privato signore come l'avvocato che ha scritto l'articolo che va dal partito leader in Italia (secondo i sondaggi) e gli dice che gli dà…i chiarimenti…o addirittura "scriviamo il programma insieme"?È tipico di questi movimentucoli del sottobosco della politica il fatto di mancare di senso delle proporzioni.Tutti i capetti dei vari microscopici blog sorti come funghi in tutto il web credono davvero di avere delle competenze e una capacità di visione superiori quindi sono convintissimi che qualcuno di quelli che conta (non importa chi sia se M5S, Lega, Fassina etc, tutto fa brodo) li coopterà ovviamente mettendoli subito in posizione dirigenziale…chiedendo loro umilmente dei "chiarimenti"…o aspettando il loro avvento per "stilare un programma"…Che poi l'estensore di questo articolo sembra essere un avvocato quindi un mestiere ce l'ha…il dramma sono i signori anziani disoccupati senza una lira in tasca che vanno in giro a elemosinare…En passant, l'euro non cadrà e l'UE è diventata irreversibile proprio grazie alla Brexit che ha convinto anche i più rigoristi a prendere in considerazione delle politiche espansive.Avete perso il treno e vi siete fregati puntando tutto sull'uscita dall'euro.

  3. Alberto dice:

    "La posizione del cinque stelle sul tema euro era in verità erronea anche in precedenza al cambio di rotta deciso unilateralmente da Di Maio, il referendum sull’euro non ha mai avuto alcun senso. Un Paese privo di sovranità monetaria sarebbe pesantemente ricattabile durante il tempo necessario a svolgerlo, prolungando di molti mesi le difficoltà che già avremo durante la campagna elettorale. Il voto ne sarebbe pesantemente influenzato con il rischio di farci rimanere nella gabbia."Immaginiamo, per assurdo, che questo appello di Mori venga accolto dal M5S, e inquadriamo lo scenario economico-politico conseguente.Lo dice Mori stesso, saremmo pesantemente influenzati e soprattutto ricattati, ponendo l'elettore davanti alla certezza presente di un default alla greca ed all'incertezza futura sul come verrà gestita l'agognata sovranità monetaria.Non siamo inglesi, siamo un popolo di pensionati, analfabeti, mafiosi e rincoglioniti da decenni di pensiero-unico. Ogni cento punti di spread aggiunto sono altri 23 miliardi/anno andati in fumo, oltre a tutto il resto che già basta e avanza. Questi sono i dati veri, che si sommano a quelli fasulli della scontata e ferocissima campagna mediatica degli eurofanatici interni ed esteri, pronti ad ogni bassezza come hanno sempre dimostrato.E in queste condizioni crede davvero Mori che il M5S avrebbe la maggioranza assoluta nel Bel Paese (e il controllo dell'intelligence)?Se non ti vuoi alleare con nessun'altro devi per forza trovare un compromesso interno. E' un po' come per la moneta: se non la puoi svalutare devi svalutare il lavoro. Queste non sono scelte politiche, ma dinamiche reali non aggirabili, per quanto dolorose.A meno di non trovare l'eroe di turno che ci trasformi tutti in leoni, anche per un giorno. Ma non avrà la faccina di Di Maio.

  4. Anonimo dice:

    Non c'è bastato napolitano adesso ci vuole anche il suo replicante di maiomarco

  5. Anonimo dice:

    Io ancora mi ricordo di quell'altro commentatore anonimo, un anno fa circa, che fino alla fine difese Tsipras attribuendogli chissà quale sottile strategia. Vedrete i danaos diceva, criticando con toni aspri la redazione che invece aveva già capito il voltafaccia.I fatti hanno hanno detto altro e tutte complesse argomentazione dell'anonimo commentatore sono cadute come un castello di carte al vento dando ragione alla redazione.Forse le ferree certezze mal si addicono a questi tempi, ciononostante parecchi ne ostentano in continuazione.

  6. Anonimo dice:

    a proposito di senso delle proporzioni di cui parla l'anonimo che vuole cambiare l'euro-pa dal di dentro con il moderatino di maio…ho votato sulla base delle cose sentite da grillo nei vaffa day ma…prima avevo sfanculato i "meno peggio" (pd) sulla base delle analisi politiche e macroeconomiche svolte in contesti come questo blog, quindi ero già in modalità vaffanculo quando ho contribuito ad eleggere persone del m5s mai viste prima, da parte mia (ma è lo stesso per molti amici e famigliari) non c'è stata nessuna investitura ideologico-ideale.continuo a fare gli auguri al m5s, eletti e militanti, ma se incominciano a prendere i vezzi della casta (non voglio ora considerare l'ipotesi gatekeeping) sappiano quali sono i rischi di una fortuna politica fondata solo sul vaffanculo…francesco, un grillino per caso.

  7. Anonimo dice:

    Vediamo gli effetti di questo appello sul M5S. Dal mio canto l'ho pure pubblicizzato e diffuso presso alcuni esponenti ed iscritti del M5S nella mia città.Ma se,come temo,anche l'accorato appello di Mori resterà nei fatti senza risposta,il MLP-P101 dovrà trarne tutte le conseguenze politiche e riflettere al proprio interno sull'effettiva posizione di M5S. Non sono d'accordo su chi ironizza sulla "sproporzione" tra la grandezza di un Movimento e la "piccolezza"di un singolo. Si è autorevoli sulla scorta delle proprie argomentazioni,non del solo peso mediatico. Il consenso,dovremmo mettercelo bene in mente,non è il metro della verità,bensì dell'opinione(che può essere giusta o sbagliata a secondo dei casi storici). Hitler non aveva ragione solo perché la maggioranza del popolo tedesco gli consegnò il potere nel 1933.Ciò tanto per chiarire.Le argomentazioni di Mori sono serie e gravi.Chiunque le avesse scritte,Mori,Marx redivivo o Gennarino 'o Pazzo,merita l'attento ascolto del M5S e dei suoi vertici. Se anche questa analisi e questa richiesta(già preceduta da altre e da esplicite dichiarazioni di voto del MPL a favore di M5S nelle scorse tornate elettorali) dovesse cadere nel vuoto,peggio,non essere presa mimimamente in considerazione,ci si metta definitivamente l'animo in pace e si passi oltre una volta per tutte.Nello De Bellis

  8. Veritas odium parit dice:

    @ Alberto: il gregge va manipolato, esattamente come vediamo fare ogni giorno dai dominanti. Non va ascoltato e blandito.Il progetto dovrebbe essere: si va al potere promettendo tutto quel che serve a compiacere gl’idioti, pardon l’elettorato. Una volta arrivati: uscita unilaterale dall’euro e dalla UE (non dalla NATO) entro un mese con conseguente crollo caotico delle istituzioni europee, apocalisse del sistema finanziario internazionale (ideale per ripudiare il debito) e trasformazione dell’Europa in una gigantesca zona di crisi (ottimo per evitare rappresaglie e interventi “umanitari”).Controllo colle buone o le cattive sui media (che rimangono di regime ma cambiano padrone) e fanatizzazione delle masse contro i loro attuali padroni a partire dal terrore così generato.Questo sarebbe il modus operandi degli eroi da te evocati. Certo non li produrrà un movimento-pappardella come i 5stelle, totalmente succube dell’ideologia dominante. Bisogna essere ciechi per non vedere che nel giro di 4-5 anni diverrà il nuovo PD. Oggi l’opposizione al sistema può venire solo dalla destra antiimmigrati. So che non vi piace ma è così.

  9. Giovanni dice:

    Mi pare sensato quello che dice De Bellis, io M5S l'ho votato solo alle europee e perché temevo che il PD andasse sopra il 32%, invece è arrivato al 40%. Il Mov non può continuare a fare orecchie da mercante campando di rendita. L'antiberlusconismo fu la rendita del PDS/DS/PD, adesso all'antipiddismo non sia la rendita di M5S altrimenti siamo punto e a capo.E a costo di attirarmi antipatie di altri, penso che anche il movimento MMT abbia gli stessi problemi di M5S. Un buon numero di persone che crede in completa buona fede in ciò che viene portato avanti, guidate da altri che cercano di rendere quelle soluzioni palatabili per le classi dominanti. E quando si criticano questi ultimi, nel Mov come in MMT, i primi li difendono con veemenza quasi offendendosi perché non vogliono guardare in faccia la realtà. Ma se si vuole contrastare la deriva elitista che questi movimenti hanno la realtà in faccia bisogna guardarla, anche e soprattutto se è brutta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *