Browse By

M5S E L’USCITA DALL’EURO di Piemme

 5,077 total views,  6 views today

[ 11 novembre ]

La stampa di regime non perde occasione per segnalare quelle che chiama “giravolte” di M5S sull’uscita dall’euro.

Da parte nostra abbiamo segnalato più volte le incertezze di M5S. Anzi, per essere più precisi, abbiamo denunciato le dichiarazioni pro-euro di Di Maio, registrando che nei Cinque Stelle ci sono due posizioni.

Orbene, l’altro ieri Beppe Grillo era a Bruxelles, ad incontrare gli europarlamentari del Movimento 5 Stelle. Com’è andata? Cosa ha detto Grillo?
Stiamo a cosa scrive ANSA:

«(ANSA) – BRUXELLES, 9 NOV – In quasi tre ore di faccia a faccia a porte chiuse, il leader – secondo quanto riferito da fonti del M5S – si è soffermato sui risvolti dell’elezione di Donald Trump e si è aggiornato sui dossier europei, dal Ttip alla Cina e alle questioni dell’immigrazione, definite una “vergogna” per il fatto che siano “un’emergenza continua”. Ai suoi parlamentari ha quindi chiesto di “impegnarsi al massimo” per risolvere tutte le questioni aperte, ma ha anche ricordato che il M5S è arrivato in Europa “con un programma chiaro” in cui uno dei punti è se l’Italia debba restare o meno nella moneta unica “ma non è mai messa in discussione l’appartenenza alla Ue”».

Cosa salta agli occhi? Che Grillo immagina un’uscita dell’Italia dall’eurozona restando tuttavia nell’Unione. Non è una novità è anzi la riconferma di quanto si sapeva —vedi QUI (2012) QUI (2014) e alle porte della Brexit:

«Il Movimento 5 Stelle è in Europa e non ha nessuna intenzione di abbandonarla. Se non fossimo interessati all’Unione Europea non ci saremmo mai candidati; qui, invece, abbiamo eletto la seconda delegazione italiana. L’Italia è uno dei Paesi fondatori dell’UE, ma ci sono molte cose di questa Europa che non funzionano. L’unico modo per cambiare questa “Unione” è il costante impegno istituzionale, per questo il Movimento 5 Stelle si sta battendo per trasformare l’UE dall’interno»

Chi ci legge sa cosa pensiamo: che l’Italia debba venir via anche dall’Unione europea, disdettando i trattati (da quello di Maastricht al Fiscal compact), per la semplice ragione che essi incatenano il Paese ad una politica neoliberista, austeritaria, antipopolare. Se si vuole davvero riconquistare la sovranità politica, non si può restare in questa Unione.

Tuttavia non siamo tra coloro che a causa di questa loro linea inconseguente, sparano istericamente addosso ai Cinque Stelle. Perché non lo facciamo? Per la semplice ragione che se un Paese del peso dell’Italia esce dall’euro ciò sancirebbe la fine dell’Unione. Si faccia avanti chi ritiene il contrario. Ci si spieghi come la Ue, che già è in via di disfacimento, potrebbe sopravvivere ad un terremoto quale sarebbe la decisione unilaterale di Roma di riprendersi la sovranità monetaria.

Grillo ha infine ribadito a Bruxelles che l’Italia deve sì uscire dall’euro, ma lo si dovrebbe fare solo dopo una consultazione referendaria: “… uno dei punti è se l’Italia debba restare o meno nella moneta unica”. In buona sostanza Grillo dice che l’ultima parola spetta ai cittadini.
Proposta apparentemente ineccepibile sul piano del rispetto della democrazia formale. Peccato che sul piano sostanziale si presta a numerose obiezioni.

Un movimento politico che si candida alla guida del Paese dovrebbe dire con chiarezza cosa farebbe in caso salga al governo, se prenderà misure unilaterali per l’uscita dall’eurozona. 

Si comprende quale sia la preoccupazione di Grillo e M5S: quella di evitare che in vista di elezioni politiche che porterebbero M5S al governo i mostri che tirano i fili dei mercati finanziari si avventino sul nostro Paese provocando una massiccia fuga dei capitali, quindi anche che dai titoli di debito italiani, con immediato crollo delle principali banche.

E’ una preoccupazione legittima? Sì che lo è. 
Abbiamo visto con quale cinica risolutezza le oligarchie hanno agito per defenestrare Berlusconi e spianare la strada a Monti, abbiamo poi visto cosa han fatto in Grecia dopo l’ascesa al governo di Syriza.

Il problema è che, per come stanno messe le cose, non ci sono né trucchi né astuzie tattiche che potranno evitare lo scontro tra un governo sovrano e le potenze della finanza predatoria e l’eurocrazia a guida tedesca.

Ammesso e non concesso che i poteri forti non facciano partire la campagna di paura e di sabotaggio già alle porte delle prossime elezioni, questa scatterà implacabile per terrorizzare gli italiani in caso un governo M5S indica un qualche tipo di referendum in cui si chieda si o no all’euro. La resa dei conti sarebbe solo posticipata e quel governo dovrebbe scogliere il nodo gordiano di contrastare l’attacco speculativo e la fuga dei capitali prima ancora che i cittadini decidano con il loro voto. 

Quindi il governo, onde evitare quanto accaduto ai greci alle porte dell’OXI, quando la Bce chiuse i rubinetti della liquidità, o capitolerà, come fece Tsipras, oppure dovrà, per l’intanto, mettere in circolazione subito una moneta complementare per dare ossigeno all’economia, in vista dell’inevitabile uscita unilaterale.
image_pdfimage_print

5 pensieri su “M5S E L’USCITA DALL’EURO di Piemme”

  1. Anonimo dice:

    E per tutti quelli che invece credono nel superamento di destra e sinistra ed inneggiano alla lega, oggi Il Nord fa l'apologia del neopresidente USA definendolo il nuovo Reagan e lodando la Reaganomics. E non si fa mancare il solito richiamo alla devastante flat-tax antistatalista in un articolo di ieri.Fra PD+satelliti e questi qui mi sembra di scegliere fra la padella e la brace. Solo due diverse forme di liberismo.

  2. Anonimo dice:

    C'è sempre un po' di faciloneria nei commenti di Sollevazione.Non siete convinti del referendum per l'uscita dall'euro.Non voglio scrivere un papiro inutilmente.Ditemi come pensate che si debba uscire dall'euro in una maniera alternativa al referendum e vi dimostro che è impossibile.La verità è che temete che la gente voti a favore della permanenza. In altre parole anche voi, ed è sorprendente, temete la democrazia.

  3. Anonimo dice:

    Per uscire dall euro ci sono tre vieO ti metti d accordo con tutti gli altri paesi europeiO ti metti d accordo con alcuni paesi che abbiano un minimo di peso politico ed economicoO fai il referendumIl resto sono chiacchiere da blogghetto di serie b

  4. Anonimo dice:

    non è questione di non essere democratici, è che in un mondo migliore ci si aspetterebbe un partito vero che arriva in parlamento con delle disposizioni ben precise.Se l'euro è uno strumento di deflazione salariale l'uscita dovrebbe essere in programma assieme al resto, altrimenti dovremmo fare un referendum per tutto.Secondo me bisogna stare attenti alla febbre da referendum, avrà portato anche buoni risultati per alcuni temi, ma è stato pure uno strumento reazionario assai potente (scala mobile, maggioritaroo etc), quindi sì, personalmente non nego un po' di paura, perché la democrazia attuale non è molto compiuta.Pigghi

  5. Anonimo dice:

    Piggi, non ti fidi del popolo vero?Eh sta democrazia…va limitata, hai ragione tu, la gggente non può decidere su tutto… (è ironia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.