12 visite totali, 1 visite odierne

Browse By

ALITALIA: DOPO LA VITTORIA CAMPALE

12 visite totali, 1 visite odierne

[ 25 aprile ]

Ore 00:20

Un autentico terremoto, non solo sindacale, politico.

La Vittoria dei NO è non solo rotonda, è schiacciante, ben oltre il 50% di cui stanno cianciando le agenzie in questi minuti.

A Milano 700 NO contro circa 150 SI.
A Malpensa 278 NO e 39 SI.
A Linate 698 NO e 153 SI.
A Napoli la vittoria è anche lì clamorosa.
Solo a Torino i SI hanno vinto per due voti in più.
Su Roma non ci sono ancora i dati definitivi ma i NO hanno stravinto, anche tra il personale di terra (solo nel seggio degli impiegati di Fiumicino il SI ha avuto il sopravvento). Vittoria piena del No anche al call center della Magliana. Mancano i risultati del personale di pista di Fiumicino e degli scali periferici (malgrado il rischio sempre presente di brogli). Ma poco possono cambiare oramai.

Secondo i nostri calcoli il No è complessivamente attorno al 70%.

Un risultato che non lascia adito a dubbi. Già nel pomeriggio, quando evidentemente i confederali sapevano quale sarebbe stato l’andazzo, Gentiloni riuniva d’urgenza i ministri Poletti, Del Rio e Calenda i quali portano sulle loro spalle, assieme ai sindacati confederali, la principale responsabilità di un accordo vergognoso che scaricava sui lavoratori le conseguenze di una gestione catastrofica della compagnia.

Con che faccia ora i confederali, brutalmente delegittimati, chiedono di riaprire la trattativa? 

Con che faccia i ministri Qui Quo Qua (alias: Poletti, Del Rio e Calenda) pretendono di restare al loro posto dopo che un giorno sì e l’altro pure han detto che non c’era alternativa alla loro porcheria?

Mentana della vergogna!



Se avessero un barlume di dignità dovrebbe dimettersi, invece, con sfrontata protervia, lasciano trapelare che avalleranno la decisione dell’azienda di portare i libri in tribunale e avviare la procedura liquidatoria, contestualmente alla cessione ‘spezzatino’ degli asset della compagnia e migliaia di licenziamenti. Il loro bluff va smascherato!


I lavoratori dopo questo splendido scatto di orgoglio, dopo che con coraggio han votato NO malgrado le intimidazioni, le minacce ed il vero e proprio clima di terrore, non possono tuttavia dormire sonni tranquilli. E’ vero che nonostante le prime scomposte reazioni di azienda e governo questi sono entrambi più deboli, e che le condizioni per portare a casa un grande risultato sono migliori, ma proprio ora la battaglia diventa più dura. 

Più dura, non più complicata. 

Quattro sono ora i principali comandamenti:

Primo: nessun libro in tribunale oppure si bloccheranno a oltranza Fiumicino e tutto il trasporto aereo nazionale.

Secondo: si riapra la trattativa, ma al tavolo niente confederali ma delegazioni democraticamente elette dai lavoratori.

Terzo: nazionalizzare e rilanciare ALITALIA, o comunque l’ingresso dello Stato come socio principale della compagnia.

Quarto: nessun licenziamento, nessun esubero e reintegro dei precari che ne hanno diritto, visto che solo con loro Alitalia può essere salvata e rilanciata.


5 pensieri su “ALITALIA: DOPO LA VITTORIA CAMPALE”

  1. Anonimo dice:

    Questa è la più grande felicità che mi potessi immaginare.Bisogna saperla sfruttare ma comunque è un segnale per tutti i lavoratori.Il governo è nella cacca fino al collo perché:1) se liquida Alitalia il PD alle prossime elezioni semplicemente cesserà di esistere2) se non la liquida tutti gli altri lavoratori alzeranno le preteseGrazie ai lavoratori di Alitalia!Grazie all'USB!ps: mi chiedo perché nel 2008 non ci sia stata questa stessa determinazione…

  2. Anonimo dice:

    Grazie all'USB?!?!Ma grazie si deve dire alla CUB Trasporti e in particolare, per quanto riguarda Roma Fiumicino, grazie a Fabio Frati!!!

  3. Massimo Sernesi dice:

    Purtroppo non credo che ci sará la nazionalizzazione.Ritengo piú probabile una (s)vendita ad AirFrance o Lufthansa.In questo modo anche il PD salverebbe la faccia in qualche modo, potendo dire che non ci ha messo i soldi.La compagnia non sará piú Italiana, ma non molti, ormai, la rimpiangeranno tra i cittadini.

  4. Anonimo dice:

    Mentana della vergogna, scrivete giustamente nella didascalia. Ricordiamoci che Mentana ha raggiunto la gloria ai tempi della prima guerra del golfo, evento che fu l'inizio delle guerre per esportare democrazia. Egli ha raggiunto la gloria cavalcando da protagonista l'avvento della guerra spettacolo, vera bugia propagandistica. Questo è lui, questo resterà: un uomo della propaganda.

  5. Anonimo dice:

    UNA GRANDE VITTORIA DEI LAVORATORI ALITALIA, una vittoria dei sindacati di base,anche dell'USB certo, che questa volta ha avuto più coraggio.Si riconosca però che il ruolo di punta ce l'ha avuto la CUB e a Fiumicino, in particolare, grazie a due sindacalisti eroici, come quelli di una volta, grazie a Fabio Frati e Antnonio Amoroso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *