Browse By

JUGEND RETTET-IUVENTA: CHI C’È DIETRO L’ESTREMISMO UMANITARIO? di Piemme

 437 total views,  2 views today

[ 3 agosto 2017 ]


Dal XVI e il XIX secolo la tratta degli schiavi africani passava per l’Atlantico. Oggi per il Mediterraneo. 
Ad organizzarla erano anzitutto spagnoli e portoghesi. Oggi sono delle ONG occidentali globali. 
Ad aiutare gli schiavisti erano allora regni locali che rapivano i nativi per barattarli con i negrieri europei. Oggi non è molto diverso: gli intermediari sono potenti bande autoctone (aiutate dai corrotti e regimi locali) passate dal traffico di droga al più lucroso commercio di esseri umani. 

In lingua swahili la tratta degli schiavi era maafa («disastro»). Oggi, per la neolingua imperiale tutto ciò si chiama «accoglienza». 

E la chiesa? I ministri di Dio parlano sempre lo stesso idioma. Se allora benediva spudoratamente i Re cattolici negrieri e giustificava la schiavizzazione dei “pagani e dei nemici della vera fede” e dei “negri privi di anima” (vedi la famigerata bolla Dum Diversas del 16 giugno 1452 che Papa Niccolò V inviò  al Re del Portogallo Alfonso V), oggi consacra lo stesso commercio in nome della cristiana caritas e dell’avvento della civitas maxima

Ma se la giustizia divina assolve, quella umana, spesso, no.
Le ONG intervengono a ridosso della costa libica


Ha fatto scalpore il sequestro ordinato dalla Procura di Trapani della Iuventa (proprietà della ONG Jugend Rettet), ex peschereccio ristrutturato (coi soldi di Soros, altro che crowdfunding di caritatevoli studenti tedeschi, ma a questo ci arriviamo poi) in mezzo di trasporto —per la neo-lingua “salvataggio”—dei nuovi schiavi.

Accurate indagini durate quasi un anno hanno mostrato che il raggio d’azione della Iuventa insistesse sempre nello stretto tratto di costa libica fra Zabrata e Zuara, che sempre Iuventa interveniva senza che esistesse alcun pericolo per gli imbarcati, che quindi c’era connivenza e complicità tra gli amorevoli studenti tedeschi è gli scafisti. 

Dov’è la novità? Già nel dicembre 2016 FRONTEX aveva ufficialmente denunciato medici senza frontiere di intelligenza e collusione con gli scafisti libici. E poi venne anche la Procura di Catania —silenziata presto dal governo, che ora invece ha trovato necessario (elezioni alle porte) dare semaforo verde a quella di Trapani.

  IN QUESTO VIDEO NOTARE LE ROTTE DEI “SALVATAGGI”  


Gli inquirenti sospettano infine che oltre ai contatti illeciti coi mercanti libici (di qui il reato di favorire l’immigrazione clandestina) possa esserci un ritorno economico.

Noi siamo dell’opinione che quest’ultimo sospetto sia infondato. 
Questi altruisti studenti tedeschi non hanno bisogno, per svolgere la loro missione, di staccare il pizzo ai negrieri, per la semplice ragione che essi sono sul libro paga del miliardario G. Soros. 

Attraverso la Open Society Foundations, la European Council on Foreign Relations (ECFR), quindi la Migrant Offshore Aid Station (quest’ultima con base a Malta) Soros e altri paperoni filantropi finanziano infatti, a suon di milioni di dollari, svariate ONG quali: Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms, Sea-Watch.org, Sea-Eye, Life boat.

Nella lista non poteva mancare (appunto!) l’incriminata Jugend Rettet.


Davanti all’evidenza che le ONG fanno un vero e proprio servizio taxi organizzato in combutta coi negrieri libici (che quindi queste ONG non sono meno “trafficanti” di quelli che gli consegnano la merce), è davvero stucchevole la maniera con cui la stampa di regime, che negli anni ha tessuto le lodi se non veri e propri peana verso l’attività di queste ONG sorosiane. LA STAMPA di oggi, ad esempio, con un editoraie del poveretto Francesco La Licata, prova a smontare l’iniziativa della Procura di Trapani, sostenendo che

l’inchiesta non deve… «compromettere la sana gestione dell’azione umanitaria condotta da tanti volontari che rischiano la vita per salvare quei popoli in fuga». Per l’autore del paludato libello la Procura di Trapani interviene … «su comportamenti “abnormi” di qualche componente dell’equipaggio dell’imbarcazione riconducibile alla ONG Jugend Rettet».


A che punto arrivano ipocrisia e infingardaggine….







image_pdfimage_print

7 pensieri su “JUGEND RETTET-IUVENTA: CHI C’È DIETRO L’ESTREMISMO UMANITARIO? di Piemme”

  1. Anonimo dice:

    Ah ma allora,caro Piemme vuoi attirarti le ire degli "internazionalisti"(dei miei stivali!).Finalmente un resoconto chiaro e VERITIERO in merito all'"attività umanitaria",si fa per dire, del noto "filantropo", nonchè salvatore di popoli oppressi che risponde al nome di George Soros.Ma guarda,come la mettiamo con tutta quella fuffa buonista e "neointernazionalista"(dei miei stivali)con cui ci hanno ammorbato fino ad ora i sinistrati etichettando chiunque ponesse dei dubbi in materia come xenofobo,razzista e,udite udite,"rossobruno"?(sic).Attendiamo fiduciosi la "vigorose" e autorevoli voci dei replicanti il mantra degli Leuropeisti:"ci vuole più Europa,"ci vuole più Europa"che accomuna tutto lo spettro della cosiddetta "sinistra"(dei miei stivali".

  2. Anonimo dice:

    Come si conciliano le posizioni sempre più critiche nei confronti dell'immigrazione e di chi in un modo o nell'altro la sostiene con le recenti dichiarazioni in favore dell'adozione del principio dello ius soli per l'ottenimento della cittadinanza?Voglio dire: come può il P101, MPL, CLN, Sollevazione, sostenere al tempo stesso tanto l'uno quanto l'altro principio, in special modo in questo preciso momento?

  3. Anonimo dice:

    Desertificazione , guerre , monocolture cinesi ed occidentali , mancanza di libertà di pensiero , miseria , mancanza di cure , di istruzione , morte ad ogni angolo ed ad ogni ora , bambini soldato ??? No , niente di tutto questo… e' tutto un disegno..

  4. Anonimo dice:

    « C'è un risorgere di antisemitismo in Europa. Le politiche dell'amministrazione Bush e di quella di Ariel Sharon contribuiscono a ciò. Non si tratta nello specifico di antisemitismo, ma si manifesta comunque in questo modo. Io critico tali politiche. Se cambiamo questa impostazione, allora anche l'antisemitismo diminuirà. Non vedo come si potrebbe altrimenti… Rifletto molto anche sul mio ruolo perché il nuovo antisemitismo afferma che gli Ebrei governino il mondo… Come involontaria conseguenza delle mie attività… Contribuisco anche io a questa credenza.» Wikipedia.Se fossi un Rothschild metterei una trentina di maggiordomi alla Soros ai cancelli delle mie proprietà, Gatekeeping dell'antisemitismo.francesco

  5. Anonimo dice:

    @anonimo delle 03:31:a chi ti riferisci,all'Italia,vero?

  6. Luca Tonelli dice:

    io chiedo alla redazione di smettere di pubblica commenti come quelli dell'Anonimo delle 3.21.abbiamo davvero passato il limite. i sinistrati vanno silenziati perchè inquinano l'aria quando aprono bocca.già cascano le braccia quando tocca rispiegare che essere favorevoli a un diverso sistema di concessione della cittadinanza non è in contraddizione con l'essere contrari alla tratta degli schiavi e all'immigrazione illegale e incontrollata.ma chi ancora fa commenti come quello delle 3:21 va silenziato.

  7. Anonimo dice:

    Concordo con chi rileva la contraddizione tra la truffa delle ONG e la difesa dello ius soli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *