Browse By

OSTIA (ROMA): RECORD ASSOLUTO ASTENSIONE

 577 total views,  2 views today

[ 21 novembre 2017 ]

Ci eravamo occupati delle elezioni del X Municipio di Roma (Ostia e dintorni) subito dopo il primo turno, ELEZIONI AD OSTIA: CICLONE CASA POUND?

Ci torniamo per dare un giudizio sul ballottaggio.
Partiamo dal dato dell’affluenza: ha votato il 33,60% degli aventi diritto, 5mila in meno che al primo turno. Forse andiamo errati ma si tratta della più massiccia diserzione dalle urne nella storia repubblicana
Questo è il dato su cui riflettere, come del resto tutti sembrano sottolineare, tranne… Tranne i Cinque Stelle, che invece cantano vittoria perché la loro candidata Giuliana Di Pillo [a destra nella foto sopra] l’avrebbe spuntata. I grillini hanno addirittura avuto l’ardire di sostenere che han vinto grazie… “all’effetto Raggi”.
Roba da mettersi le mani nei capelli! M5S han perso, proprio al X municipio di Ostia la bellezza di 17 mila voti rispetto all’anno scorso.
Ricordiamo, tanto per ricordare come stanno le cose, che nel giugno 2016, quando venne eletta la Raggi, che i votanti a Ostia furono il 56% (nemmeno tanti) e che M5S ottenne il 76% delle preferenze. Un vero e proprio crollo.
E ricordiamo, sempre per stare a Ostia, che nel referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, votarono il 67% dei cittadini, con una schiacciante vittoria del NO.

Invece di chiedersi il crollo dei votanti  nel giro di un anno, i Cinque Stelle, nel più classico stile del politicantismo di regime, esultano. 
Colpa della malavita l’astensione in massa?
Ma non scherziamo per favore! La vera causa è la profonda crisi economica e sociale, di qui quella morale è un effetto. Colpa delle politiche austeritarie liberiste, che impongono tagli brutali alla spesa sociale, di qui il degrado urbano, l’esclusione sociale. Colpa, poi, della pochezza delle forze politiche in lizza e dell’inconsistenza dei candidati, e quella di Giuliana Di Pillo su tutti.
A urne chiuse, ai giornalisti che gli han chiesto come far fronte all’insicurezza nelle zone più degradate della città, ha risposto secca: “più poliziotti e telecamere ovunque”.
Capite? Non ha risposto più tutela sociale degli strati sociali, più investimenti pubblici per le case popolari, per infrastrutture e servizi efficienti… più guardie e più Grande fratello.
Che differenza c’è tra grillini le destre e il PD?


Ps
Tantissimi cittadini di Ostia lavorano nell’aeroporto di Fiumicino. Ciò mentre si regala Alitalia a qualche pescecane straniero con tanto di migliaia di nuovi licenziamenti. Che ha detto la Di Pillo sulla vicenda? Niente…. più sbirrri! più telecamere nelle zone degradate…
E ti credo che la gente non vota.
image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *