Browse By

LISTA DEL POPOLO, FACCIAMO A CAPIRCI di Leonardo Mazzei

 345 total views,  2 views today

[ 3 gennaio 2018 ]

Risposta a Glauco Benigni su sovranismo e dintorni


Già una settimana fa ho replicato ad un articolo di Glauco Benigni che polemizzava con la Confederazione per la Liberazione Nazionale (CLN) attorno al tema della sovranità. 
Discussione per nulla astratta, in quanto riferita alle concrete vicende della “Lista del popolo”. Adesso Benigni torna sulla questione, rispondendo a sua volta al mio articolo. Gliene sono grato, dato che sarà forse possibile mettere meglio a fuoco alcune questioni.

Benigni inizia dicendoci che gli «dispiace sinceramente che la CLN si sia dissociata dalla Lista del Popolo». Naturalmente non ho alcun motivo di dubitare della sua sincerità personale, ma il problema è un altro, ed è esattamente quello di non voler capire le ragioni della nostra dissociazione. 


Frasi come «Ancora una volta hanno vinto i nostri avversari… frettolose interpretazioni di posizioni espresse durante il dialogo… antichi giochi fondati sulla sfiducia di base e sugli ego», proprio non servono a nulla.
Io rispetto, pur non condividendole, le posizioni di Benigni. Ma il rispetto dovrebbe essere reciproco. E in primo luogo il rispetto avrebbe da manifestarsi attorno alla realtà dei fatti che hanno portato alla rottura. E qui proprio non ci siamo.
Il che mi costringe a ribadire, spero per l’ultima volta, cose già scritte in abbondanza. In breve, quando i promotori della lista (Giulietto Chiesa ed Antonio Ingroia) hanno cambiato le carte in tavola, sulla questione – per noi decisiva – dell’UE, ma pure sul programma di nazionalizzazioni, la CLN gli ha subito scritto per superare il passo indietro compiuto. 
Riporto di seguito un passaggio di quella lettera:

«Ci riferiamo anzitutto alla posizione sull’Unione Europea che tende a confondersi con l’”altreuropeismo” (quello a la Tsipras et similia, per intenderci). E’ scomparsa poi, inopinatamente, la questione delle nazionalizzazioni delle banche (a partire da Bankitalia) e dei settori strategici dell’economia. Sappiamo che per unire forze diverse un compromesso è inevitabile. Ma, se le cose hanno un senso, il profilo programmatico ha da essere conseguente al grido d’allarme che lanciamo. Se parliamo di sovranità dobbiamo dire chi la minaccia e che cosa fare per riconquistarla».

La CLN non ha mai preteso di imporre la propria visione, il proprio programma, le proprie parole d’ordine. Abbiamo invece proposto un ragionevole compromesso. Grave colpa, evidentemente, dato che tale proposta è stata sdegnosamente respinta dai due promotori (meglio sarebbe dire padroni) della lista. Benigni era presente all’assemblea del 16 dicembre e tutto ciò non dovrebbe essergli sfuggito.
Non si capisce allora come egli voglia dipingerci come arroganti portatori di “verità”. O meglio, lo si capisce fin troppo bene nel successivo passaggio nel quale il Nostro si dichiara nientemeno che agnostico sulle questioni euro ed UE.
Agnostico? Certo che ce ne vuole dopo dieci anni di crisi, di un dramma sociale targato euro/UE, di politiche economiche ed anti-sociali portanti lo stesso marchio, dopo decine di pubblicazioni che hanno mostrato il nesso inscindibile tra euro/UE ed austerità, tra quest’ultima ed il peggioramento drammatico delle condizioni di vita della maggioranza degli italiani!
Ce ne vuole, eccome! Ma se questo ancora non basta, ognuno è libero di percorrere la sua strada. Basterebbe non falsificare le posizioni di chi, avendo aperto gli occhi per tempo, ha solo chiesto un minimo di coerenza a chi pure si dichiara sovranista.
Ma coerenza per cosa? Solo per una mania intellettuale? No, per onestà (che non è solo quella cosa che immaginano i grillini), ma soprattutto per chiarezza politica. Quella chiarezza che avrebbe potuto essere la forza della “Lista del popolo”. Una forza che invece non ci sarà, relegando la lista –  ammesso che riesca a presentarsi grazie alla probabile norma “salva-radicali” – nel parco dell’irrilevanza degli zerovirgola.  
Perché questo sarà l’effetto del tabù altreurista. Salvo la Bonino, oggi nessuno è così fesso da dire “più Europa“. Tutti chiederanno invece, con maggiori o minori accentuazioni, un’altra Europa. Chiederanno cioè una cosa impossibile. Spiace che anche la “Lista del popolo” abbia scelto di unirsi a questo ipocrita coro. Ma ormai le scelte sono fatte e non è nostra intenzione continuare a polemizzare.
Ci sono però ancora tre cose che voglio dire a Benigni.
La prima riguarda il livello di coscienza degli italiani sul tema euro/UE. Secondo il rapporto 2017 del Censis, pubblicato di recente, il parere degli italiani sulla moneta unica è negativo per 80,1% degli intervistati. Non solo, mentre il 95% esprime il senso di appartenenza alla propria nazione, solo il 45% manifesta un analogo sentimento verso l’Ue, che sarebbe “forte” solo per l’8%. Queste le cifre assolute, ma l’orientamento anti-euro ed anti-Ue è più forte tra gli operai, i disoccupati e le casalinghe. Insomma, le classi popolari sembrano avere le idee più chiare di tanti promotori di liste (e non mi riferisco soltanto alla “Lista del popolo”)… Non tenerne conto, in nome di una posizione “politically correct“, è semplicemente autolesionista. Peccato.  
La seconda riguarda la Banca d’Italia, che noi vogliamo riportare sotto il controllo pubblico e la “Lista del popolo” invece no. A leggere Benigni qui si coglie un certo livello di approssimazione. Per il Nostro essa servirebbe soltanto «a stampare quantità illimitate di moneta». Tutto ciò solo «in ossequio alla Sovranità del Mercato». 
O Santo Cielo! Ma di cosa straparla? A parte il fatto che in un regime di sovranità monetaria è il governo che dispone questa o quella mossa della Banca centrale, come dimenticare le altre funzioni macroeconomiche di questa banca, tra le quali la politica dei tassi e la funzione di acquirente di ultima istanza dei titoli del debito pubblico? La verità è che senza una Banca centrale sotto il controllo pubblico non può esserci una politica economica degna di questo nome. Ma qui è Chiesa che ha chiesto un giuramento sulle opposte tesi del Micalizzi. Auguri!
La terza riguarda certi ragionamenti catastrofisti di cui il Nostro ha infarcito il suo intervento. Quelli secondo cui uscire dall’euro/Ue sarebbe il caos se non la catastrofe. Su queste cose tanto abbiamo scritto (certo non solo noi) e qui non ci torniamo sopra. Mi limito perciò ad indicare al Benigni il nostro Vademecum sull’uscita dall’euro. E’ della primavera del 2014, ma è sicuramente più aggiornato di certe “riflessioni” che ci vengono riproposte ancora oggi. Noi abbiamo sempre detto che l’uscita dalla gabbia dell’euro non sarà di certo una passeggiata, ma le classi popolari del nostro Paese non possono più passeggiare serenamente da tempo. E’ per questo che parliamo della necessità, per gestire tale rottura, di un governo popolare d’emergenza fondato sulla realizzazione di un programma di misure economiche urgenti.
Infine, ma qui siamo al comico, il Benigni chiede a me (sic!) di garantire che le non meglio precisate “Forze Occulte” non tentino di innescare il caos il giorno dell’uscita dall’euro. Ma si può!!!??? Certo che le forze del sistema non starebbero con le mani in mano, ma egli pensa forse di poter uscire dall’attuale regime senza scontrarsi con il blocco dominante? 
In ogni caso Benigni si tranquillizzi. Tra incertezze reali e presunte, tre certezze per il giorno dell’uscita mi sento di affermarle: 1) il sole continuerà a sorgere ad est, 2) le stagioni continueranno ad alternarsi, 3) chi non vuol capire oggi avrà le stesse difficoltà anche domani.
Tra queste tre certezze, l’ultima è la più certa di tutte.   

image_pdfimage_print

8 pensieri su “LISTA DEL POPOLO, FACCIAMO A CAPIRCI di Leonardo Mazzei”

  1. Anonimo dice:

    Tsipras , con la sua "Altra Europa" , ( sapendo che la Grecia , economicamente , vale meno della Lombardia ) puntava tutto sull'appoggio di Francia e Italia ( le quali invece , come noto , gli hanno tirato nella schiena assecondando Schauble ).Ma se il progetto politico di "Altra Europa" viene portato avanti da Italia o Francia , ha tutto un'altra importanza e tutto un altro peso .Quindi l'espressione ( derisoria ) "un'altroeuropeismo a la Tsipras per intenderci" è chiaramente fuorviante .

  2. Anonimo dice:

    A parte il fatto che la Lista della Mossa del Cavallo prenderà lo 0, e non eleggerà nessuno ma poi perché dovrei votare gente che vuole solo piazzare il sedere sullo scranno (e si vede dalle posizioni sull'euro)…che me ne frega a me delle sorti di Ingroia che ha mostrato "criticità" sul suo stipendio e su un certo (legalissimo ci mancherebbe) assenteismo? E pure Chiesa mi ha deluso…sarà l'atmosfera elettorale ma è cambiato, lo vedo "invasato" dall'approssimarsi della contesa mentre io stimavo quello disinteressato al potere (peraltro non risponde più manco fosse colpa mia che non ho nemmeno 5 euro per Pandora.Marco Giannini

  3. Anonimo dice:

    La BC pubblica stamperebbe quantità illimitate di moneta…ma questo di economia mi pare non ne sappia un bel niente.Non confondetevi con questa gente.Ricordategli che l'inflazione italiana fu per cause esterne (petrolio) e che "la stampa abnorme di moneta" avviene quando si ha una bilancia commerciale fuori controllo (fino al collasso monetario) e non per scelta folle dei governi.Assurdo che tali posizioni vengano dai bracci(ni) destri di Ingroia e Chiesa…A quanto pare Chiesa usa lo stesso trattamento che riservano a lui coloro che gli danno del gombloddaro."0," espressione usata da Mazzei e da me senza avessi ancora letto l'articolo).

  4. Anonimo dice:

    L'ultimo commento era ancora mio.(Marco Giannini)

  5. Anonimo dice:

    Ricordate a Benigni la "precessione degli equinozi"…potrebbe tornargli comoda sul discorso dell'alternarsi delle stagioni.Ancora MG (scusate).

  6. Anonimo dice:

    Sono convinto anche io che la svolta di Chiesa-Ingroia era tutto sommato prevedibile, non mi aspettavo nulla da questa iniziativa. I punti che solleva Mazzei sono tutti esatti, di iniziative come LdP non ci si può fidare.Tuttavia comprendo che abbiate voluto provarci ugualmente perché la situazione è disperata, e lo è anche perché i vari gruppi no€ si sono rivelati, almeno finora, dei frammenti incapaci di unirsi.A questo punto occorre fare una considerazione (ho visto che Pasquinelli ne ha già fatte): rispetto al necessario superamento di €-UE e di tutto l'attuale ordine mondiale i gruppi no€ sono davvero adatti al difficile compito della fase storica che si sta aprendo? Voglio dire, essi sono dei frammenti che si sono staccati dal vecchio monoblocco di convinzioni (spesso di origine liberal-sessantottesca) a seguito del disincanto dovuto alla crisi. Cambiano le parole d'ordine ma il i loro modi, gli schemi mentali sono sempre gli stessi: quelli dell'iniziativa individuale. Allora essi (i vari gruppi no€) sono davvero la soluzione, di cui abbiamo un disperato bisogno, o sono solamente l'ultima manifestazione dell'individualismo liberale morente?

  7. V. S. dice:

    Per la verità negli anni 60/70 importammo inflazione poiché avevamo la liretta agganciata al dollaro cone prevedevano gli accordi di Bretton Woods siccome in quegli anni l'america era impegnata nella guerra del Vietnam si misero loro a stampare dollari a go go inflazionando il dollaro e di conseguenza noi importammo tale inflazione per la precisione quelli furono gli anni della stagflazione quindi cobsumi ibterni al palo ed inflazione importata a causa dell'aggancio lira/dollaro.Comunque riguardo le ritative al massimo per la stmpa di monete il principio di base lo conoscono tutti gli economisti e cioè immettere la GIUSTA QUANTITÀ DI MONETA IN BASE AI BENI E SERVIZI CHE IL PAESE PRODUCE ripettando questo principio elementare non si ha inflazione.

  8. Anonimo dice:

    L'ultimo commento non mi trova d'accordo."Immettere la giusta quantità di moneta non provoca inflazione" (peraltro l'inflazione da noi ci fu a causa delle crisi petrolifere).La moneta è praticamente endogena e l'inflazione (maggiore o minore) non dipende dalla quantità ma dalla redistribuzione (benessere).Semmai è vero che se di moneta ce ne è poca si ha la cosiddetta "deflazione tecnica" perché viene a mancare il mezzo di scambio nonostante una economia che potenzialmente "c'è"!Marco Giannini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *