Browse By

ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE E ALTO TRADIMENTO di Leonardo Mazzei

 795 total views,  2 views today

[ 30 maggio 2018 ]

MAZZEI SPIEGA PERCHÉ CI SONO SIA L’ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE CHE L’ALTO TRADIMENTO. LO FA COMPARANDO LA VICENDA ATTUALE A QUELLA DEL 1991 QUANDO I PROGENITORI DEL PD (PDS) CHIESERO DI PROCESSARE COSSIGA
Buffa la storia. Nel 1991 l’appena nato Pds – il secondo stadio del curioso serpentone metamorfico Pci-Pds-Ds-Pd, come lo chiamava Costanzo Preve – chiese l’impeachment dell’allora presidente Cossiga. Oggi, i nipotini dei pidiessini sono rimasti invece gli unici ad applaudire il Mattarella. Insieme a loro i rimasugli della vecchia Dc, con i quali han dato vita al più elitario dei partiti italiani: il Partito Democratico.

Ora, siccome i media di regime all’unisono difendono l’eversore del Quirinale, rovesciando la realtà delle cose al fine di convincerci che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza, ci siamo andati a rileggere gli argomenti di allora. E lo abbiamo fatto attraverso le cronache de la Repubblica, cioè del massimo organo dell’attuale disinformazja sistemica.

Proponiamo perciò un istruttivo esercizio. Quello di mettere a confronto le accuse di allora a Cossiga (Pds 1991) con i fatti di oggi (Mattarella 2018). Pur nella diversità dei casi troveremo tante analogie. Naturalmente, l’attacco frontale al principio della sovranità popolare del Mattarella è ben più grave delle scorrerie del Cossiga di allora, ma qui ci interessa soprattutto mettere in luce il doppiopesismo, l’ipocrisia e la falsità dei disonesti patentati che oggi coprono, addirittura santificandolo, il sig. Sergio Mattarella. Alla fine giudicheranno i lettori. 

(le parti virgolettate sono tratte da la Repubblica del 7 dicembre 1991 – le sottolineature sono nostre)

Pds 1991 – Cossiga viene accusato di aver superato i limiti dei suoi poteri: «la tesi centrale della denuncia — messa a punto e sottoscritta dalle presidenze dei gruppi di Camera e Senato sulla base della bozza stilata da Luciano Violante — è che Francesco Cossiga li abbia “intenzionalmente” varcati per “modificare la forma di governo”».


Mattarella 2018 – Se un presidente della repubblica si arroga il diritto di impedire la formazione di un governo che ha dalla sua non solo la maggioranza parlamentare, ma anche (a differenza di tutti i governi precedenti) la maggioranza degli elettori, non siamo palesemente di fronte al tentativo di modificare la forma di governo, passando di fatto ad una incostituzionale repubblica presidenziale? Che ci dice in proposito Luciano Violante?


Pds 1991 – «Le ragioni della denuncia. Il presidente viene accusato di aver “interferito illegalmente nelle attività del Legislativo, dell’Esecutivo e del Giudiziario“, e di aver avviato “l’esercizio di una propria funzione governante“.


Mattarella 2018 – Non limitandosi ad “interferire”, il Mattarella ha scientemente bloccato l’attività legislativa, nonché impedito quella dell’esecutivo. Di più, sta cercando di mettere in piedi un esecutivo privo di base parlamentare al solo scopo di preservare l’allineamento del nostro Paese ai desideri della Germania, con ciò rovesciando il senso del voto del 4 marzo. E che abbia assunto l’esercizio di una propria funzione governante, è provato dal discorso tutto politico — altro che super partes! — della sera del 27 maggio.  


Pds 1991 – «Cossiga, sostiene il Pds, ha aperto un “incostituzionale circuito tra partiti e presidente”, e assunto comportamenti da “capo di un partito” violando “un inderogabile dovere di imparzialità”». 


Mattarella 2018 – Sulla violazione dell’inderogabile dovere di imparzialità, non occorre spendere troppe parole. Lo schieramento di parte del Mattarella l’hanno capito tutti. Ma proprio tutti. Fingono di non capirlo solo i giornalisti (per ragioni di busta paga) e certi costituzionalisti da salotto (per ragioni di casta).


Pds 1991 – Questo comportamento da capo-partito, scrivono i pidiessini, avviene con: «La strumentalizzazione” dei media “per conquistarsi una parte dominante nei conflitti da lui stesso aperti”».


Mattarella 2018 – Leggere i giornali di questi giorni basta e avanza per ritrovare l’analogia con il 1991. Ma purtroppo l’appiattimento mediatico di oggi è ben più grave di quello di allora. Evidentemente il sistema si è affinato. Sta di fatto che le quotidiane veline del Quirinale sembrano l’unica fonte dei giornaloni del sistema.


Pds 1991 – Golpe ed “attentato alla Costituzione”. Evidentemente termini appropriati per i pidiessini di allora. Così riportava la Repubblica: «Dopo aver riassunto le funzioni e i poteri legittimi del presidente della Repubblica, la denuncia replica alle critiche di chi scorge nel tentativo di colpo di Stato l’unico possibile “attentato alla Costituzione”. Il golpe, ammette il documento, è la “massima forma” di attentato alla Costituzione. Ma in realtà, proprio per i poteri di cui dispone il capo dello Stato, il reato “di regola non si consumerà con un colpo di Stato nelle forme classiche”. E si concretizza, invece, in “ogni atto seriamente diretto, non a compiere un ‘semplice’ abuso, ma ad alterare illegittimamente i rapporti tra i poteri dello Stato”. 


Mattarella 2018 – Eccoci spiegato dagli accusatori di allora — curiosamente i difensori di oggi — il perché l’accusa di “attentato alla Costituzione” sia del tutto imputabile al Mattarella, dato che esistono vari tipi di golpe, e quelli con il dispiegamento dei carri armati sono solo una piccola minoranza, mentre la prolungata azione per alterare illegittimamente i rapporti tra i poteri dello Stato è la forma tipica dei colpi di Palazzo, come quello messo in atto dal Mattarella in questi giorni.


Pds 1991 – Sempre con riferimento a «fatti diretti a mutare la Costituzione o la forma del governo con mezzi non consentiti» i pidiessini accusano Cossiga di usurpazione di potere politico. «A norma dell’ articolo 287, Cossiga ha “usurpato un potere politico” di pertinenza del Parlamento quando ha minacciato di non firmare, e di fatto non ha ancora firmato, la proroga della Commissione stragi».


Mattarella 2018 – Ora, la Commissione stragi sarà stata pure importante, ma aver bloccato governo e parlamento non è un fatto di una gravità incommensurabilmente maggiore alle minacce cossighiane?


Pds 1991 – Questa l’ultima chicca: «Nella primavera scorsa, (Cossiga) si oppose all’ingresso del Pri nell’esecutivo in base al “singolare principio” dell’omogeneità di giudizi tra governanti e Quirinale».


Mattarella 2018 – Ventisette anni dopo, il “singolare principio” denunciato nel 1991 diviene normale prassi quirinalizia. 


C’è altro da aggiungere per far entrare in certe refrattarie zucche la gravità di quanto sta avvenendo? Chi scrive non si illude, che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Ma anche lorsignori non si illudano, che milioni e milioni di persone semplici hanno già capito, Capito tutto, forse fin troppo.   


PS – Mentre pubblichiamo questo articolo, sulle analogie tra i casi Cossiga e Mattarella, la situazione è più confusa che mai. Avendo voluto giocare la carta dello spread per terrorizzare gli italiani — la paura, ricordiamocelo sempre, è l’arma preferita da lorsignori — gli apprendisti stregoni del Quirinale si sono ritrovati con una situazione fuori controllo sui mercati finanziari. Situazione che loro stessi hanno prodotto con l’inevitabile drammatizzazione causata dal diktat mattarelliano del 27 maggio. Siamo cioè all’effetto boomerang, lo spread gli sta ritornando addosso e Cottarelli sarà forse una meteora più breve di Conte. Vedremo nelle prossime ore, ma di certo sappiamo di quale pasta “democratica” è fatto Mattarella, a quali interessi risponde, di quali azioni è capace. Probabilmente all’accusa di attentato alla Costituzione andrà aggiunta adesso anche quella di alto tradimento degli interessi nazionali. 

image_pdfimage_print

8 pensieri su “ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE E ALTO TRADIMENTO di Leonardo Mazzei”

  1. RobertoG dice:

    Che Mattarella abbia travalicato le sue competenze mi sembra chiaro, che il PD lo difenda dato che rappresenta gli stessi poteri che ha dietro lui è pure ovvio. Molto meno chiaro è invece perchè Salvini si sia rifiutato di rimuoverlo. Si sarebbe potuto provare a mettere al centro delle istituzioni una persona meno corrotta (moralmente). Invece no. Sembra che a lui interessi soltanto aumentare i consensi elettorali. che certamente ci saranno, dato che Mattarella ha pure rincarato la dose dando scegliendo l'odiatissimo Cottarelli per formare il governo, ed i tedeschi si sono pure messi a minacciarci con interviste provocatorie.C'è qualcosa in tutto questo che non torna. Sembra che il cosiddetto "Sistema" sia così stupido da fare di tutto per esasperare la gente che nelle prossime elezioni di certo fornirà una super maggioranza a due forze che in teoria dovrebbe avversare. Ma in definitiva questi chi sono? Un movimento neo democristiano dalle origini ambigue ed un altro fascio razzista da moltissimo tempo incistato nel sistema sul cui credo di sincero patriottismo di entrambi ci sono molti dubbi. Non dimentichiamo, ad esempio che solo nello scorso marzo i leader di queste due formazioni furono ricevuti in pompa magna dall'ambasciatore americano Lewis Eisemberg ed anche che il loro famoso (e fumoso) contratto di governo di punti realmente anti sistema ne conteneva ben pochi. Comunque un brodino riscaldato rispetto alle roboanti promesse elettorali.Allora va bene agitarsi contro i soprusi mattarelliani, ma se nel frattempo non ci si attiva per creare uno strumento politico di lotta genuino e senza ambiguità mi sa che tra non molto ci ritroveremo di nuovo a leccarci le ferite per l'ennesima turlupinatura rifilataci dai signori che gestiscono il vero potere.

  2. Anonimo dice:

    Da FQ, qui:Ore 12.30 – Salvini: “La dignità non vale 10 ministeri”[..]Ore 15.10 – Stato maggiore M5s valuta stop a Savona per far partire ConteOre 15.40 – Salvini: “Governo politico con squadra e programma già presentato”Diciamo che adesso sembra (forse) più chiaro il giochetto. Di Maio passato da dichiarazioni roboanti di impeachment alla ragionevolezza. Giorgetti blandito con qualche poltrona. Quello che voi avete chiamato "il problema Di Maio" sembrerebbe essere sempre presente. Se è vero si conferma un altro principio: essere sempre circospetti con chi fa dichiarazioni roboanti.Giovanni

  3. Anonimo dice:

    Purtroppo, Giovanni, mi sembra che ci sia anche un "problema Salvini", visto che si appresta a votare la fiducia o a scegliere l'astensione su un governo Cottarelli. In ogni caso, segnalo la petizione che ho lanciato 3 giorni fa su change.org per la messa in stato di accusa di Sergio Mattarella. Che 5 stelle e Lega scelgano l'impeachemnt o no, il suo comportamento è un grave attentato alla nostra forma costituzionale. (A.C.) https://www.change.org/p/al-presidente-della-camera-dei-deputati-roberto-fico-per-la-messa-in-stato-di-accusa-del-presidente-della-repubblica-sergio-mattarella?recruiter=16432577&utm_source=share_for_starters&utm_medium=copyLink

  4. Anonimo dice:

    Dalla stessa pagina di FQ18.51 – Di Maio: “Troviamo un’alternativa a Savona, ma non amico di banche e agenzie di rating”18.57 – Salvini: “Spero nel governo, ma stessa squadra”Sempre più chiaro. Di Maio magheggia, Salvini sembra resistere.Il "problema Salvini" è uno solo per noi, che non è socialista, la sua base elettorale è la PMI, quindi è per un liberismo nazionale che a me non piace.Invece il suo appoggio al governo Cottarelli ma di minoranza (ovvero pochi "sì" e molti astenuti o fuori dall'aula) io lo leggo come contrapposto all'alternativa reale che è adesso venuta fuori: il governo politico. Questa è da sempre il loro obiettivo e Mazzei lo ha sostenuto in altri articoli.Posso solo dire, anche se con grande amarezza: Salvini resisti, te lo dico dal sud a e da sinistra.Giovanni

  5. Anonimo dice:

    Grazie, anonimo A.C., per quanto non serva un cazzo a causa delle infime qualità politiche e morali dei politicanti di M5S e Lega, mi sono sentito in dovere di firmare.G.B.

  6. Anonimo dice:

    E infatti:una parte larga del mondo produttivo del Nord – artigiani, imprenditori, categorie – che in queste ore ha espresso più di una preoccupazione per il ritorno al voto in un clima da default annunciato del paeseAndare al voto subito ed instaurare un clima di default (e terrore) di cui incolpare Salvini, il che spaventa anche molti dentro la stessa lega. Questo spiega perché ha proposto un governo di minoranza con la non sfiducia ma con data del voto nota fin da subito.Giovanni

  7. Anonimo dice:

    E Salvini va roma dichiarando che la porta non è mai stata chiusa. Vediamo se resiste o cede.Giovanni

  8. Anonimo dice:

    Dissento. Analisi fuorvianti per difformità di contesto storico e politico. Tutto ciò non fa bene ed alimenta il clima di imbarazzo e dubbi.Riflessioni di carattere sociale per comprendere i fenomeni attuali, consapevolezza che l'analisi prettamente di carattere economico e finanziario è un suicidio di massa, crescita collettiva verso l'accettazione di ideologie e partigiani non più attuabili, attenzione a bisogni di una società in continuo cambiamento e memoria storica. I principi costituzionali questi si che non passeranno mai di moda. W la Repubblica ottenuta con sangue ed il sacrificio dei giusti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.