Browse By

PEGGIO DEL PREVISTO: SVELATO IL “PIANO TRIA”

 572 total views,  2 views today

[ 2 settembre 2018 ]


Il CORRIERE DELLA SERA in edicola oggi svela quale sarà il Def, quindi la Legge di Bilancio che Tria e il Mef porteranno al Consiglio dei ministri. Riportiamo per intero il pezzo, con tanto di grafica esplicativa. 
Morale? Si propone una finanziaria recessiva — ancora tagli alla spesa pubblica e, per quanto camuffato, nuovo aumento delle tasse —, quindi perfettamente in linea con la strategia ordoliberista di affossamento dell’Italia.
Finirebbero nella spazzatura non solo le promesse elettorali di M5s e Lega ma lo stesso “Contratto di governo”.
Come potranno Di Maio e Salvini accettare questa merda?
Come potranno subire una simile umiliazione?
Come potranno evitare la battaglia per sbarazzarsi della Quinta colonna* eurista in seno all’esecutivo?

Una Quinta colonna è un’organizzazione a carattere militare che opera clandestinamente all’interno di una nazione o città per favorire l’invasore o il nemico.

*  *  *
SOLO SEI MILIARDI PER LE RIFORME
Tria cercherà di contenere il deficit
Restano solo 6 miliardi per flat tax, pensioni e sostegni al reddito. Allo studio tagli ai ministeri per 3 miliardi. Meno agevolazioni fiscali per 5 miliardi

di Enrico Marro

«Nessuna accelerazione». La Nota di aggiornamento al Def, il Documento di economia e finanza, verrà presentata dal governo entro il 27 settembre. Come previsto. Non c’è bisogno di anticipare nulla, sostengono al ministero dell’Economia i collaboratori di Giovanni Tria. Un po’ perché sono convinti che la situazione non sia allarmante e anche perché, spiegano, bisogna attendere i « Conti economici nazionali 2017» che l’Istat diffonderà il 21 settembre. Su quella base, infatti, e soprattutto alla luce delle nuove stime per il 2018, il Def dello scorso aprile dovrà essere profondamente rivisto. Purtroppo in peggio.

Obiettivo deficit al 2%

Il prodotto interno lordo non crescerà più dell’1,5% quest’anno e dell’1,4% nel 2019. Tria dovrebbe indicare, in linea con le previsioni più aggiornate, un Pil dell’1,1-1,2% quest’anno e intorno all’1% nel 2019. Ma potrebbe azzardare uno o due decimali in più, forse più sul 2019 che sul 2018, se riuscisse a dare sostanza al suo obiettivo di rilanciare gli investimenti pubblici. Tuttavia, il peggioramento del Pil, posto al denominatore del rapporto col deficit e col debito, farà sì che il primo, cioè la differenza tra entrate e uscite, sarà più alto dello 0,8% del Pil previsto ad aprile. Se poi consideriamo non solo il rallentamento della crescita, ma anche i maggiori oneri sul debito in seguito all’aumento dello spread (almeno 4 miliardi su base annua) e i 12,5 miliardi di euro di minori entrate che verranno dalla cancellazione dell’aumento dell’Iva altrimenti previsto dal prossimo primo gennaio (le cosiddette «clausole di salvaguardia»), possiamo già dire che il deficit 2019 viaggia verso il 2,3%. Un livello troppo alto per farlo digerire a Bruxelles.
È vero che i due vicepremier Di Maio e Salvini, e perfino il sottosegretario alla presidenza Giorgetti, hanno incitato Tria a portare il deficit, se necessario, oltre il 3% del Pil, violando così una delle regole base dell’Unione europea. Ma il ministro sa bene che un passo del genere potrebbe scatenare una tempesta finanziaria sull’Italia e non ha alcuna intenzione di passare allo storia per questo. Niente sfondamento del tetto del 3%. Anzi Tria dovrà trovare le risorse per ridurre la corsa naturale del deficit e fermarla a un livello non superiore al 2%. Un deficit 2019 dell’1,9 o 2% sarebbe comunque inferiore a quello del 2018 (che chiuderà, secondo le stime di Bruxelles, al 2,2%) e Tria potrebbe far leva su questo nella trattativa con la commissione europea. Il ministro però dovrà trovare risorse non solo per contenere il deficit, ma anche per almeno «avviare», come non si stancano di precisare al Tesoro, le molte riforme che Movimento 5 Stelle e Lega vorrebbero invece fossero attuate tutte nel 2019.

Risorse per 11 miliardi

Per recuperare questo spazio minimo di manovra il ministro dovrà far leva su tagli di spesa e nuove entrate. Sul primo capitolo è allo studio una nuova puntata della spending review per risparmiare, in particolare nei ministeri, circa 3 miliardi (operazione che però si scontra con le richieste di aumento dei fondi che già stanno arrivando a Tria da diversi ministeri). Sul fronte delle entrate, invece, si punterebbe su due misure. La prima è il riordino delle «tax expenditure» (detrazioni, deduzioni) con l’obiettivo di sfoltire la giungla delle agevolazioni fiscali e far entrare così circa 5 miliardi di euro in più all’anno, ma anche questa è un’operazione delicata perché potrebbe colpire categorie sensibili ai fini elettorali (agricoltori, camionisti). La seconda misura allo studio è invece la cosiddetta «pace fiscale», in particolare un condono sulle liti pendenti dal quale potrebbero arrivare almeno 3 miliardi, anche se si tratterebbe di una misura una tantum. In tutto, fra spending, riordino delle agevolazioni e sanatoria fiscale, Tria potrebbe raccogliere circa 11 miliardi. Che potrebbero essere utilizzati in parte per avviare appunto alcune riforme e in parte per contenere il deficit entro il 2% del Pil.

Per le riforme 6 miliardi

Degli 11 miliardi, quindi, circa 5 miliardi dovrebbero essere trattenuti nelle casse pubbliche mentre il resto, circa 6 miliardi, formerebbero una piccola torta per soddisfare i molti appetiti di 5 Stelle e Lega. Secondo il Tesoro sarebbe ragionevole «avviare» gli interventi su alcuni, non tutti, i fronti sui quali spingono Di Maio e Salvini, contando su una situazione più favorevole nel 2020, durante la quale implementare le riforme.
Intanto, nel 2019, sulla flat tax si potrebbe cominciare portando da 50mila a 100mila euro il volume di ricavi annui al di sotto del quale professionisti e lavoratori autonomi beneficerebbero dell’aliquota agevolata al 15%. Sul reddito di cittadinanza si potrebbe partire rafforzando la dotazione dei Centri per l’impiego, in attesa che con una legge delega si riordinino tutte le voci per l’assistenza, la povertà e la disoccupazione, così da rastrellare le risorse per lanciare successivamente l’assegno fino a 780 euro al mese per chi non ha altri redditi. Sulle pensioni si potrebbe incentivare il prepensionamento con accordi volontari tra lavoratori e aziende, che però dovrebbero caricarsi il costo delle uscite anticipate. Per il resto, secondo Tria, è meglio non toccare l’impianto formale della Fornero, che rappresenta una sorta di assicurazione sui mercati e nei confronti della commissione europea.
Messa così la prima manovra del ministro Tria sarebbe un compromesso, peraltro non semplice da far passare a Bruxelles, fra un programma di governo molto ambizioso e i pochi margini lasciati dalle regole Ue e dalle preoccupazioni dei mercati. Ma Di Maio e Salvini, come si sa, non amano i compromessi».

image_pdfimage_print

2 pensieri su “PEGGIO DEL PREVISTO: SVELATO IL “PIANO TRIA””

  1. dexxo dex dice:

    Se approvano questo m5s e lega vanno verso il suicidio politico.

  2. Anonimo dice:

    esatto dexxo,ma vedrai che non lo faranno.Ora si parla di cifre molto diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.