Browse By

STIMATO MINISTRO PAOLO SAVONA…

 634 total views,  4 views today

[ 28 ottobre 2018 ]

Venerdì scorso, a Foligno, promossa da Nemetria [nella foto], si è svolta una conferenza sul tema “Etica ed economia”. Presenti tra gli altri il ministro Paolo Savona — l’unico che si sia effettivamente attenuto al tema —, quindi il presidente della Confindustria Vincenzo Boccia ed infine il Presidente del parlamento europeo Antonio Tajani, che invece han fatto il tiro al bersaglio contro il governo, la sua Legge di bilancio e la sua “inammissibile sfida all’Unione europea”.
Quii sotto il testo diffuso dalla sezione locale di Programma 101 e consegnato personalmente al Ministro.

*  *  *

Stimato Ministro Paolo Savona
malgrado ci divida da Lei la visione del mondo — ella è un liberaldemocratico che considera il capitalismo la migliore società possibile, noi per niente — le confessiamo la nostra stima. Di contro al veto di Mattarella sarebbe stato bene che diventasse Ministro dell’economia. Quel veto anticipava il “furore” (parole sue) di un’élite che, forte del sostegno dell’oligarchia eurocratica, cerca disperatamente di rovesciare il governo di cui fa parte.
Noi non pensiamo che la Legge di bilancio che Lei ha contribuito a scrivere sia la svolta radicale di cui il Paese ha bisogno per uscire dal marasma, ma essa rappresenta un’inversione di marcia rispetto alle crudeli politiche austeritarie venute avanti dal governo Monti in poi, con i guasti macroeconomici e le profonde ferite sociali che sappiamo. Per questo Bruxelles la respinge, minacciando addirittura, fatto senza precedenti, di sanzionare l’Italia ribelle. Si tratta di una pistola puntata sul governo, nella speranza che Roma si pieghi come fece Atene.
Lei, in accordo coi suoi colleghi di governo, ha ribadito che di fare marcia indietro non se ne parla nemmeno. Ben detto! Qui non è solo in gioco uno sforamento del deficit per dare ossigeno all’economia; qui è in gioco la sovranità nazionale e popolare, quindi la stessa democrazia. Ogni cedimento sarebbe una vittoria per le potenti forze del “vincolo esterno” che vogliono trasformarci in un Paese vassallo e dipendente.
Resistere dunque, anche a costo che si debba fare duri sacrifici. Sarebbero a buon fine, diversamente da quelli che facciamo da tempo per tenere in piedi quest’Unione matrigna con la sua moneta sciagurata. E se i poteri forti scateneranno l’inferno, e/o se ci piombasse addosso quello che Lei ha chiamato “cigno nero”, non bisogna esitare ad attivare il “piano B” dell’uscita.
Che sappiamo Lei ha ben chiaro in testa. Ci auguriamo che lo abbiano chiaro i due ragazzi dalla cui determinazione dipende il destino non solo del governo, ma del Paese. Il 3 ottobre di tre anni fa Lei affermò che “un Paese serio dispone di piani d’emergenza per ogni eventualità, anche quella della fine dell’euro”. Parole sacrosante che suscitano scandalo solo tra gli stolti o tra gli accoliti del “partito dello spread”.
Lei fa spesso appello alla “razionalità”, confidando che a Bruxelles, Berlino e Parigi, capiranno che sia inevitabile smantellare la moneta unica, riscrivere le regole dell’Unione e quelle che segue la Bce. E’ un’illusione. Il fatto è che qui sono in giogo interessi enormi, ad esempio quelli dell’industria tedesca o delle banche francesi, che verrebbero pregiudicati ove le regole su cui poggia l’Unione fossero cancellate. C’è quindi, eccome, una ratio nella loro protervia.
Ci auguriamo che contrariamente a quanto si augurano i suoi avversari, il “cigno nero” non piombi addosso all’Italia. Ma se accadrà, che il governo non esiti un solo istante a passare al “piano B”,  adottando le misure d’emergenza che saranno necessarie. Come dice una massima francese: à la guerre comme à la guerre!

MPL-P101
sezione di Foligno
26 ottobre 2018

image_pdfimage_print

7 pensieri su “STIMATO MINISTRO PAOLO SAVONA…”

  1. Marco Giannini dice:

    Mattarella non firmerebbe, la Presidente del Senato nemmeno, idem Fico….nessuno firmerebbe il decreto di una nuova BC….dobbiamo far dimettere Mattarella

  2. Rosso Nera dice:

    Sul tap sto aspettando il comunicato di sollevazione che invita ad ingoiare anche questo rospo, perché la battaglia principale ecc ecc

  3. Anonimo dice:

    Non do per scontato che un liberaldemocratico come Savona (& Suoi_derivati) tra gli ordoliberisti globali e i comunisti italiani sceglierebbe i secondi; Più probabile che eventualmente aspetti che ci siano tutte le condizioni per una uscita da dx, tipo una Lega al 50%. Paradossalmente una tale lettera, testimoniando la possibilità che qualcuno voglia usare la riconquistata sovranità per mettere il Capitale al servizio del Lavoro, è un argomento in più per il partito del Remain, per un'Altra_euro_pa.Secondo me è meglio dissimulare, facendo credere che il mondo sovranista, di quelle 3-5000 persone che in questi anni si sono appassionati ai temi della Politica, Economia e Costituzione, non esiste più, annichilito sia dalle scelte opportunistiche° di quelli che erano stati identificati come i riferimenti intellettuali del movimento, e sia dalla nostra incapacità di organizzarci come partito. (°Includerei tra le opportunità anche l'ipotesi di soddisfare il proprio egocentrismo nell'immolandosi solitario tra i meccanismi del giocattolo euro-peo).Btw, grazie ai media oggi non ci vuole molto a dissimulare, per esempio quelli che avevo contattato con le locandine di IReS dovranno solo sovrapporre il "leghista" al "sovranista".francesco

  4. Redazione SollevAzione dice:

    Ci dispiace deludere Rosso Nera, ma siamo decisamente contrari alle grandi e inutili opere come il Tap.Il nostro comunicato in proposito arriverà presto.

  5. Anonimo dice:

    Ma soprattutto, a prescindere dal TAP filo-USA, le grandi opere devono sempre essere considerate aprioristicamente (i) inutili e (ii) ecologicamente dannose in modo così irrimediabile da dover essere sempre abbandonate? Io penso ovviamente di no.Ad esempio il nord stream (1 e 2) certamente non è inutile anzi è il punto nevralgico dei dissidi fra USA e Germania perché centrale nel delineare i rapporti con la Russia. Non so dire nulla sulle ricadute ambientali ma credo davvero poco che sia così insostenibile da rendere necessaria la sua abolizione (che agli USA di qualsiasi fazione piacerebbe davvero molto).Forse un giudizio ragionato su questo punto sarebbe anche utile darlo, altrimenti si finisce con lo spalleggiare l'ecologismo propagandistico politicamente corretto che viene usato spregiudicatamente per altri fini da ormai troppo tempo.Giovanni

  6. Rosso Nera dice:

    Giovanni basta con questa spregiudicatezza geo/politicista… il tap non è solo in Puglia…passa anche in abbruzzo e Umbria nelle zone terremotate col nome di gasdotto snam. Io la vita non voglio rischiarla perché i 5s si sono piegati alla lega dei prenditori.Alcuni tuoi commenti mi fanno pensare che lasceresti i tuoi figli anche col mostro di Foligno se nel risiko sovranista questo può produrre un vantaggio nella battaglia alla Ue.Esistono le cose ingiuste in sé. Anche perché se sta battaglia la volete vincere perdere una parte del vostro popolo mi pare il modo peggiore per perderla

  7. Anonimo dice:

    Non ci sta nessuna spregiudicatezza geopoliticista. Io ho solo chiesto un "giudizio ragionato". Mica ho detto che si devono fare sempre ed a prescindere.Credi forse che le conseguenze delle scelte geopolitiche sbagliate non sarebbero pagate a caro prezzo dai tuoi figli?Ma poi l'uso strumentale dell'ecologismo per altri fini (fra cui quello di nascondere le conseguenze nefaste di scelte geopolitiche sbagliate) è o non è spregiudicatezza geopolitica? Il tirare in ballo subito le disgrazie altrui per mettere l'altro interlocutore nella posizione di collateralità al mostro di Foligno è o non è spregiudicatezza?Non esistono cose che possono essere considerate sbagliate (o giuste) in assoluto a prescindere da un giudizio ragionato. Ad esempio è sbagliata ed inaccettabile la posizione di Siri che le considera un bene a prescindere (guarda caso la posizione antitetica polarmente opposta a quella degli ecologisti a prescindere) e vorrebbe farle a discapito delle misure sociali (sempre che si possa davvero considerare misura sociale il RdC di M5S ma questo è un altro discorso).A meno che si abbia paura della semplice richiesta di un "giudizio ragionato" e lo si voglia mettere fuori gioco.Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.