Browse By

DOV’È FINITO PAOLO BARNARD?

 948 total views,  2 views today

[ 25 ottobre 2018 ]

Il 15 ottobre scorso su questo blog davamo conto dell’ultima farneticazione di Paolo Barnard, questa:

«Sinceramente, se essere Sovranista in Italia oggi significa allinearsi a un razzista ignorante cattolico antiabortista spompina preti bovaro padano fascistoide come Salvini, io voto Europa. Ripeto: Salvini o Europa, io voto Europa».

Pensavamo che al peggio non ci fosse limite invece…

Invece il Barnard c’è andato, facendo, contro il governo giallo-verde, il controcanto all’élite eurocratica e alla sua feccia piddina. 
Leggere per credere …
* * *

L’AUTARCHIA DI SAL-MAIO NON LA COMPRA PIU’ NEPPURE IL SIGNOR FRANCO
di Paolo Barnard

Quando si esce in mare con un peschereccio di Comacchio (giallo-verdi) per affrontare una portaerei nucleare (UE+Mercati) si finisce alla disperazione di dover far ricorso all’autarchia di Mussolini, e poi a far figure da operetta come ieri al Tesoro.

Sono sei mesi che a ogni asta di debito del Tesoro i bravi e anonimi tecnici di Tria sudano ghiaccio perché non solo devono vendere titoli che vanno dai 3 mesi di scadenza ai 3-5-10-30 anni a interessi che crescono come funghi (particolarmente ogni volta che Claudio Borghi apre bocca), indebitando quindi tuo figlio come un tossico di Las Vegas, ma il dramma è che proprio fanno fatica a completare le aste. Cioè: devono vendere, fa conto, 5 miliardi di debito – cioè trovare qualcuno che presta al Tesoro 5 miliardi comprandogli Titoli – ma arrivano a fine asta che non hanno abbastanza compratori per neppure la metà della somma. E sono guai, perché, dal momento che non abbiamo una moneta sovrana, sono quelle aste che pagano per pensioni, strade, scuole, ospedali, Stato sociale.

La linea del governo Sal-Maio allora è stata di rispolverare l’autarchia di Mussolini: siano gli italiani, coi loro risparmi, a comprare il debito italiano al Tesoro. Parentesi: una genialata da italioti con l’insegnante di sostegno, perché delle due lo Stato dovrebbe aiutare ad aumentarli i tuoi risparmi, non chiederteli indietro per pagare le sue bollette facendoti investire in Titoli non sovrani e perdenti che poi tu e i tuoi figli ripagherete tutti in tasse. Ma questo hanno fatto i ‘Lumi’ al governo, con l’emissioni dei ‘gloriosi’ Btp Italia indicizzati all’inflazione proprio ieri. Ecco come è andata.

La roba sopra significa che i signori Franco e le Signore Susanna d’Italia, dopo solo 6 mesi di governo Sal-Maio, hanno mangiato la foglia e sticazzi che li hanno comprati i Titoli dell’autarchia (i Btp Italia). L’asta in oggetto è stata un flop peggiore dell’ultimo flop del 2012, e neppure gli investitori istituzionali (mega-banche e fondi) hanno riempito il buco.

Vorrei dirvela io la morale di questa favola, ma l’ha detta molto meglio di me un analista di Londra alla Reuters: “Questo ci rammenta che mentre il pubblico italiano genericista applaude sto governo che fa il duro con l’UE, i piccoli risparmiatori italiani stanno già votando coi loro portafogli”.

E io ripeto: non si esce da Comacchio per affrontare una portaerei nucleare con un peschereccio. Ci si doveva armare prima. Il resto è roba da operetta alla Sal-Maio, ma fatta però col culo dei vostri figli che sti disastri, e le sparate Twitter di Borghi, li ripagheranno in tasse per 30 anni.


* Fonte: Paolo Barnard

image_pdfimage_print

2 pensieri su “DOV’È FINITO PAOLO BARNARD?”

  1. Luca Tonelli dice:

    Io con i tassi attuali ripeto che i btp li comprerei di corsa AI TASSI DI EMISSIONE.Solo un coglione non investirebbe in titoli a capitale garantito a scadenza con interessi annui oltre il 3,5%.Meglio del 99,9% degli altri investimenti finanziari al mondo…per un italiano residente che quindi non può subire il rischio ridenominazione.Però i BTP alle aste di Stato mica li possiamo comprare noi. Ma solo la solita cupola di banche che poi non li propongono ai clienti e che a differenza dei cittadini non hanno alcun interesse a investire a lungo termine.Le aste vanno deserte perché I SOLI INVITATI SONO I MEMBRI DELLA CUPOLA.chi avrebbe interesse a partecipare non può.Per cui caro Barnard…ti scorreggia il cervello?

  2. Unknown dice:

    Ma davvero uno può credere che questo governo abbia la capacità di andare Contro l'Europa e Cambiare le Politiche Neoliberiste? Non passa giorno che rassicurino questa Europa circa il mantenimento dei Vincoli Imposti.Siamo Seri,ha pienamente ragione Barnad.Purtroppo siamo alla frutta.Ciao Paolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.