Browse By

LEFT: OVVERO LA SINISTRA PER I SACRIFICI di Leonardo Mazzei

 699 total views,  2 views today

[ 3 novembre 2018 ]


A dispetto della crisi della natalità, “la madre dei cretini è sempre incinta”. Non so a voi, ma a me la lettura di Left fa venire in mente questa pillola di saggezza popolare. E la cosa è inquietante, perché quella pubblicazione si presenta come “l’unico giornale di sinistra”. Una roba che quando a destra l’han saputo sono subito cominciati i festeggiamenti.

A dispetto di Keynes, e delle sue tante varianti, stavolta Left si premura di farci sapere che la spesa in deficit è di destra. Badate, non quella spesa in particolare, non in qualche particolare momento, ma sempre e per sempre. Quantomeno nell’Unione Europea, che per Left è l’alfa e l’omega dell’agire politico, del bene contro il male, in una parola della “sinistra” come questi furfanti la intendono, presumendo tra l’altro di averne il monopolio.

Per sostenere una tesi così ardita Left ha dato la parola al prof. Ernesto Longobardi, il quale non si è fatto pregare. Siccome «c’è sconcerto a sinistra», perché «sul piano della politica economica, questo governo fa quanto da parte nostra si è sempre auspicato», bisogna rassicurare la truppa, concludendo rapidamente che: «Compagni, possiamo stare tranquilli, questo governo è tutto di destra, anche nella politica economica».

E tutto questo perché? Forse perché il governo non riesce a venir fuori da un orizzonte liberista? Forse perché c’è troppa timidezza nel superare i vincoli europei? Perché le risorse per le misure sociali sono scarse, così come quelle per gli investimenti? No, no, assolutamente no! Di queste critiche, che sarebbero tutte sensate e tutte di sinistra, non solo non c’è traccia nello scritto del Longobardi, c’è invece l’esatto opposto.

Tra la premessa sullo “sconcerto a sinistra” (ma guarda un po’!), e la conclusione che nella manovra è tutta roba di destra, c’è un unico ritornello: che la spesa in deficit è di destra, e lo è perché oggettivamente sovranista ed antieuropea.

E qui il prof. confessa la realtà delle cose, il che non è mai male. Per quelli come lui, quindi per un giornale come Left, oggi il primo elemento dell’identità di sinistra non è il riferimento alle classi popolari, alla lotta per l’uguaglianza e contro lo sfruttamento, dunque intanto per una politica economica anti-austeritaria. No, il primo, e forse unico, elemento d’identità è l’europeismo. Ma non un europeismo sui generis, bensì un’organica adesione di fatto alle ferree regole del sistema dell’euro a dominanza tedesca. Certo, un sistema che vorrebbero “riformare” (come no!), ma che comunque intendono difendere con le unghie e coi denti.

Ad un certo punto il Longobardi, che insegna Scienza delle finanze all’università di Bari, vuota decisamente il sacco:

«Va bene, si dirà, ma perché politiche di spesa finanziate ricorrendo al debito avrebbero necessariamente questo segno antieuropeo? La spiegazione è semplice. Creando in Europa una moneta unica, gestita a livello sovranazionale, ma lasciando al contempo agli Stati nazionali la politica fiscale, si è, di fatto, sottratta loro la possibilità di ricorrere al debito. In uno Stato nazionale pienamente sovrano il debito e la moneta sono un tutt’uno, e lo sapevano bene i governi dell’Italia democristiana che sapientemente usavano la moneta per rendere sostenibile il debito. Ora non si può più fare».

Ecco, in quel soddisfatto “Ora non si può più fare”, c’è il pieno tradimento di quel popolo che la sinistra un tempo voleva come minimo rappresentare. C’è il tradimento dello spirito e della lettera della Costituzione repubblicana, fondata sul principio della sovranità popolare. C’è il girarsi dall’altra parte rispetto alle sofferenze di chi paga le politiche europee, ma c’è anche la ragione di una sconfitta della quale quelli come Longobardi non riusciranno mai a capacitarsi.

Egli così continua imperterrito:

«È come se ogni Stato dell’Unione emettesse debito in una valuta straniera, perché si tratta di una valuta di cui non ha il controllo. L’unica via di uscita politicamente percorribile “da sinistra” è quella della creazione di un’unione fiscale europea… È una prospettiva che implicherebbe condivisione dei rischi, accettazione della redistribuzione di risorse tra gli Stati, solidarietà sovranazionale: tutto quanto, oggi, i trattati europei rigorosamente escludono. Vorrebbe, dire, di fatto, unione politica. Si dirà che tutto questo è ben di là da venire. D’accordo, ma non ci sono scorciatoie. Una strategia politica di sinistra, oggi, può solo avere una dimensione sovranazionale: europea e mondiale».

L’articolista di Left è dunque ben consapevole di come quella dell’euro sia una gabbia, ben informato dell’impossibilità di una riforma di quel sistema, ma ciò nonostante ci rifila il suo dogma, quello secondo cui “una strategia politica di sinistra, oggi, può solo avere una dimensione sovranazionale: europea e mondiale”. All’interplanetario non siamo ancora giunti, ma di certo ci stanno lavorando. Sarà per questo che certi ragionamenti sembrano arrivare direttamente da Marte.

Ora, se così fosse, che prospettiva di avanzamento potrebbero mai avere (giusto per fare degli esempi alla rinfusa) le forze di sinistra in Brasile, in Argentina, nelle Filippine, in India od in Egitto? Ovviamente nessuna, perché magari il grosso di queste forze ha una visione giustamente internazionalista ma – volenti o nolenti – esse non possono realmente agire in una dimensione sovranazionale. Quella che invece noi “fortunati” europei avremmo a disposizione, quella che piace tanto a Longobardi, quella che la cupola oligarchica si tiene ovviamente ben stretta.

Ed è qui il segreto oramai rivelato di questa “sinistra per i sacrifici”: che essa sta sempre più apertamente dalla parte del padrone. Anche per questo siamo certi che una nuova sinistra, patriottica e socialista, dovrà nascere al più presto.


image_pdfimage_print

5 pensieri su “LEFT: OVVERO LA SINISTRA PER I SACRIFICI di Leonardo Mazzei”

  1. Anonimo dice:

    Il segreto è che essi sono la "sinistra per i sacrifici" degli altri. Loro non ne fanon certo. A loro al più bloccano gli scatti di anzianità, ma già lo stipendio base dell'ordinario, pur non essendo chissà quale ricchezza, non è neppure un gran sacrificato.Durante l'ultima recente protesta molti di essi hanno rivendicato lo sblocco degli scatti stessi nel nome della fatica che fanno tutti i giorni per scrivere progetti ed attrarre fondi coi quali si letteralmente comprano contrattisti precari che quegli stessi scatti non li hanno.A questo tipo di sfacciata incoerenza essi sono purtroppo assuefatti da tutta la loro vita.Giovanni

  2. Lidia dice:

    Sono d'accordo sul giudizio verso questo vergognoso articolo. Ma siamo certi che questo governo voglia attuare manovre espansive? Mi sembra che corrisponda più a un'accusa rivoltale dalle istituzioni europee, che non alla realtà. Oltre ad aver ridimensionato moltissimo le spese previste, ha dichiarato di essere pronto a rivedere le spese nel caso il Pil fosse minore di quello previsto (come già è sicuro che sarà). Le spese per gli investimenti e per la manutenzione sono veramente minimi. E addirittura è stato cancellato un ingente prestito BEI assolutamente necessario per far fronte all'evidente gravissimo dissesto ideologico! Posto qui un link dove se ne parla spiegando le motivazioni addotte: https://www.agi.it/politica/prestito_bei_dissesto_idrogeologico-4562068/news/2018-11-02/

  3. Anonimo dice:

    Quando il lapsus è meglio dell'originale. Devo ammettere che "gravissimo dissesto ideologico", anche se scritto involontariamente, è bellissimo e soprattutto appropriato a descrivere le condizioni in cui purtroppo ci troviamo.Certo poi sarebbe meglio che la BEI sparisse ed il piano fosse finanziato dalla Banca d'Italia.

  4. Aldo Zanchetta dice:

    Caro Leonardoè solo un dettaglio, ma quando una rivista di sinistra sceglie come nome "LEFT", un pò di cretinismo snobbista è presente. Si, le madri dei cretini sono sempre incinte, come dici tu, e talora generano veri e propri mostri. Colgo l'occasione per segnalare una perla, tratta purtroppo dal blog di una più che meritoria associazione, Medicina Democratica, che riferendo della manifestazione che si è tenuta in Media Valle contro l'inceneritore ha titolato "NON C’E’ AFFERMAZIONE DEL DIRITTO ALLA SALUTE E ALL’AMBIENTE SE NON E’ ANTIFASCISTA". Non commento.Aldo Zanchetta

  5. Valerio Santoro dice:

    Questo è un problema che Longobardi non si pone.Tra l’altro, tutti a pontificare sul debito come il male assoluto, e poi ci indebitiamo a tassi usurari con un ente cui abbiamo fornito la riserva frazionaria?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.