Browse By

STIGLITZ: “L’ITALIA PIEGHERÀ LA COMMISSIONE”

 675 total views,  2 views today

[ 16 novembre 2018 ]

Il 7 novembre scorso il premio Nobel Joseph Stiglitz era a Madrid per partecipare ad un incontro organizzato da Mastercard. Ce ne da conto EL PAIS. Nel suo intervento ad ampio raggio uno dei punti centrali è stato lo scontro tra la Commissione europea ed il governo “populista” italiano. Ecco cosa ha affermato…

«Un’altra polemica in entra senza indugi è lo scontro con Bruxelles del nuovo governo italiano sulla Legge di bilancio. Considera la terza economia dell’euro “un vero pericolo per la zona euro, sia a breve che a medio termine”. 
Stiglitz ha critiche per tutti. 

Al governo populista di Di Maio e Salvini rimprovera aspettative non realistiche, basate sull’idea sbagliata che la riduzione delle tasse aumenti le entrate. “È un’idea che Reagan ha già usato. Non è successo allora e probabilmente non accadrà ora “, ha sostenuto. Ma l’americano — il cui ultimo libro, L’euro. Come una moneta comune minaccia il futuro dell’Europa, descrive l’euro come un errore frutto di “politici non esperti in economia che volevano creare la propria realtà” — spara bordate anche contro la Commissione europea: “Le sue regole di spesa sono sbagliate. Ci devono essere delle riforme. L’Italia ha ragione su questo “

L’economista non crede che il governo italiano farà marcia indietro come fece quello greco. E come risultato più probabile di questa crisi, immagina uno scenario in cui Roma lancia una sfida alla Commissione europea, costringendola a scegliere tra l’espulsione dell’Italia dall’euro o l’accettazione che vengano calpestate le regole europee.  “Salvini e i suoi scommettono che sarà Bruxelles a fare marcia indietro. E penso che sia una buona scommessa “, ha affermato.

Nella gestione della crisi dell’euro, Stiglitz indica un colpevole principale: la cancelliera tedesca Angela Merkel. “E’ stato inconcepibile come sia stata disposta a sacrificare la Grecia per salvare le banche tedesche. Inoltre, ha creato un problema interno. La sua retorica di considerare la Grecia come responsabile della crisi a causa dei suoi sprechi — quando anche paesi come la Spagna, con il suo surplus pubblico, sono caduti in crisi — ha messo in difficoltà i politici tedeschi che avevano una visione più equilibrata “. Così, mentre la più importante leader europea degli ultimi 15 anni annuncia di lasciare la scena, Stiglitz le riconosce solo il coraggio con cui ha affrontato la crisi migratoria: “Ma poi non ha raggiunto neanche i suoi obiettivi. E Stiglitz aggiunge con un sorriso malvagio: “È stata la penitenza per i suoi peccati nella crisi dell’euro “.
image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.