Browse By

LA LOTTA DEI PASTORI SARDI

 534 total views,  4 views today

[ 13 febbraio 2019 ]

Con la sacrosanta ed eclatante protesta dei giorni scorsi, i Pastori sardi sono assurti all’onore delle cronache. Di più, siccome siamo alla porte di importanti elezioni regionali sarde (ed i pastori minacciano di sabotare il procedimento elettorale), importanti esponenti del governo, tra cui il ministro Centinaio (Lega) e lo stesso Salvini si sono precipitati sull’isola. Riuscirà il governo ad esaudire le richieste dei Pastori? Vedremo. Vedremo se il governo “sovranista” saprà disobbedire alle regole eurocratiche e liberiste punendo quegli imprenditori (sardi) che sono andati a produrre a costi stracciati (delocalizzazioni e libero movimento dei capitali) il pecorino romano in Romania, spacciandolo come prodotto italiano, per poi esportarlo negli Stati Uniti (principale mercato di sbocco del prodotto).

Qui sotto due importanti documenti sulle ragioni e la battaglia dei pastori.


* * *

“Occuperemo porti e aeroporti…
 E’ arrivato il momento di fare guerra a tutti senza sconti..


Perché il Movimento Pastori Sardi ieri ha partecipato all’incontro con il Premier Conte ed i ministri Centinaio e Lezzi?

Da circa un mese – non è un segreto – il MPS aveva in programma un incontro con il Ministro dell’Agricoltura. In questi giorni siamo stati contattati dal Prefetto che ci chiedeva – vista l’emergenza – di incontrare quanto prima Conte ed i suoi Ministri.
In alcun modo il Movimento si è presentato all’incontro come rappresentante dell’intera protesta, ma come Movimento che aderisce al 100% alla vertenza.
E’ ovvio che quando si organizzano incontri di questo tipo si fa riferimento a Movimenti o associazioni dichiarate, non sarebbe possibile chiamare all’appello ogni singolo pastore seppur pronto a raccontare quanto accade.

Il Movimento ha presentato i punti studiati per tempo per affrontare la vertenza, ma non fa un passo indietro sulla mobilitazione, che – come già sottolineato nel comunicato di ieri sera – assume un’importanza sempre maggiore.

Nei presidi avete visto per caso visto i colori che solitamente portiamo in manifestazione? NO! Perché siamo fermamente convinti che questa lotta non ha colori se non il bianco del latte buttato, questa lotta è di tutti i pastori!


*  *  *
«La protesta spiegata con l’abaco.
Il primo numero è 380milioni, sono i litri di latte ovino che si producono ogni anno in Sardegna.
– 1,20 è il prezzo al litro di 3 anni fà, moltiplicato per 380.000.000 di litri è uguale a 456.000.000 €
– 0,60 è il prezzo al litro del 2019, vuol dire che abbiamo perso il 50% del valore! vuol dire che in Sardegna ci saranno 228.000.000 € di mancato guadagno, vuol dire 228.000.000 in meno che circoleranno in Sardegna. È una perdita di ricchezza enorme.
– 14.000 sono le aziende agricole dell’isola.
– 35.000 sono gli addetti.
– 100.000 sono le unità dell’indotto.
– 365 sono i giorni lavorativi per un pastore.
Il latte è il nostro oro, i suoi derivati sono inimitabili, non hanno concorrenza, ma i pastori soffrono, subiscono le azioni speculative dei grandi commercianti e dei grandi industriali.
Un breve esempio.
chi ha enormi disponibilità economiche, si riempie i magazzini quando crolla il prezzo.
Poi il prezzo risale lentamente, anche per la continua diminuzione post vendita delle scorte dei caseifici e delle cooperative.
Quando iniziano ad esserci forti segnali di risalita e le coop e piccole industrie sono pronte a vendere, si presentano gli speculatori con le loro scorte, comprate a basso prezzo, le immettono sul mercato sotto quotate, e la risalita da prima si arresta ed in seguito precipita, per due motivi, per il formaggio sotto quotato e per l’intasamento del mercato.
A questo punto, chi deve svuotare le cantine si trova costretto a svendere, e diventa anche difficile, il mercato è stato intasato.


Ecco che si ripresenta lui, forte dei suoi soldi, pronto a liberarti dal problema, ovviamente prendere o lasciare.


Perché buttare il latte, è uno spreco, è un alimento, il frutto del vostro lavoro, che senso ha, cosa sperate di ottenere?“;
Questo è quello che ci sentiamo dire da chi cade dal pero quando vede i video su Facebook.
E via con altri milioni di consigli, come se non le avessimo provate tutte, ma è così, la stampa non ci racconta e le persone non hanno la consapevolezza del problema, non capiscono l’entità del danno.
Per questo scrivo queste righe, per raccontare, in modo molto approssimativo, il ricatto al quale siamo sottoposti, forse i lavoratori con contratti precari possono capire cosa voglia dire vivere e investire con l’incertezza del domani.
Ma voglio rivolgermi sopratutto a te che ti sei disturbato a leggere queste righe e hai avuto la pazienza di arrivare fino qua.
A te, che dal caldo del tuo appartamento, riscaldato e raffreddato puntualmente ad ogni cambio di stagione, sdraiato sul tuo bel divano, sistemi il cappottino al tuo cane mentre sgranocchi qualche biscottino appena comprato al discount.
Allunghi la mano verso lo smartphone, scorri la tua bacheca e non ti trattieni, devi scrivere e pontificare sulla nostra protesta, continuando per l’ennesima volta a criticarci perché sprechiamo il latte, ci consigli di regalarlo ai poveri, alla Caritas, agli amici ecc.
A te voglio regalare gli ultimi numeri di questo abaco.
-12.000.000.000 di euro, hai letto bene, non strofinarti gli occhi, DODICI MILIARDI DI EURO, così è stato quantificato lo spreco di cibo in Italia
– 47 invece, sono i kg di cibo che ogni persona spreca, ogni anno, in Italia.
Quindi caro/a amico/a, prima di criticarci per il simbolismo della nostra protesta ti invito a riflettere, era necessario buttare quella mela per quella piccola ammaccatura? Era giusto buttare via quell’avanzo di pasta che non hai consumato a pranzo? E il mezzo pacco di biscotti che erano solo ammorbiditi dall’aria?
Quanto hai regalato di questi esuberi ai poveri, alla Caritas?
Noi non siamo perfetti però la nostra protesta è legittima.
Scusaci per il disagio, ma d’ora in avanti quando sei al super mercato e trovi il pecorino allo stesso prezzo delle patate, non gioire, da qualche parte in Sardegna, in qualche ovile sperduto sulle montagne, c’è pastore col volto segnato dal sole e dal vento, che piange insieme alle sue pecore.
 “Biddanoa Monteleone su noe de Frealzu de su duamizza ‘e deghennoe.”»
* Fonte: Rinascita!
image_pdfimage_print

2 pensieri su “LA LOTTA DEI PASTORI SARDI”

  1. Anonimo dice:

    https://sardegnaanarchica.wordpress.comUn blog molto interessante per capire il cliMa che si respira in Sardegna

  2. Unknown dice:

    Giuseppe Cocconi. Man . Manifestare per far valere i propri diritti è sacrosanto in un paese civile, ma mi pare che la situazione in Sardegna stia degenerando e scappando di mano e questo nuocerá a qualcuno. Io stò con i pastori non con i banditi, detto cio, se questa situazione minerá la mia tranquillitá, a maggio faró le mie vacanze altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *