Browse By

5 STELLE NEL PALLONE di Piemme

 751 total views,  2 views today

[ 21 marzo 2019 ]

L’arresto per corruzione del Presidente del consiglio comunale di Roma Marcello De Vito, dopo quelli di Raffaele Marra e Luca Lanzalone, mentre fa tremare la giunta capitolina, colpisce al cuore il Movimento 5 stelle tutto, per la precisione la sua immagine di movimento che ha fatto dell’onestà il proprio imperativo categorico.

Ben consapevole del danno, Di Maio, senza nemmeno leggere con la dovuta attenzione le carte dell’inchiesta, violando le stesse regole interne che affiderebbero ai probiviri l’eventuale decisione, ha immediatamente espulso il De Vito. 

Un atto d’imperio grave, che crea un inquietante precedente, assieme a quello di prendere per oro colato le accuse dei pubblici ministeri, di consegnare di fatto alla magistratura l’ultima parola su chi debba o meno fare parte del Movimento. Una decisione, quella di Di Maio, che mentre conferma il “manettarismo” che contraddistingue i cinque stelle, si pone in aperto contrasto col principio di non colpevolezza dello stesso codice di procedura penale per cui un imputato è innocente fino a prova contraria, principio sancito dalla stessa Costituzione (art.27, comma 2) per cui “l’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva”.

Può darsi che il De Vito abbia preso mazzette. Può darsi… Ad una prima lettura infatti, le carte non lo dimostrano, al massimo suggeriscono il sospetto. La stessa Florenza Sarzanini, notoriamente ammanicata con le Procure, deve ammettere, Corriere della sera in edicola, che non c’è prova che il De Vito abbia preso soldi, che le intercettazioni dimostrerebbero solo “la vicinanza” con la cosca dei costruttori. “La vicinanza”, la vicinanza non solo diventa reato, ma motivo sufficiente per giustificare l’arresto e la sua spettacolarizzazione.

Va da sé che tutta questa vicenda è perfidamente utilizzata dai media di regime, tutti facenti capo all’élite liberista, per attaccare il Movimento 5 stelle, spaventare e ricattare il suo gruppo dirigente al fine di normalizzarlo, con l’obbiettivo di spingerlo definitivamente nell’alveo sistemico.

Questa, a ben vedere, è la vera posta in palio dietro alla torbida vicenda capitolina e se questo è il gioco dei poteri forti, non conviene certo a noi che la manovra vada in porto.

Si potrebbe pensare che la durissima e fulminea reazione di Di Maio vada appunto nel senso di ribadire la propria alterità. Che sia così, che sia la mossa giusta, io ne dubito. La magistratura non è, contrariamente a quanto pensano gli stolti, un organismo terzo, imparziale, è invece, e da molto tempo, non solo un attore politico, ma un pezzo decisivo del sistema. Un Movimento che voglia davvero cambiare l’ordine delle cose non dovrebbe ubbidire bensì disobbedire ai ricatti del potere, quale che sia la sua frazione.

Farsi dettare dalla magistratura, assieme all’agenda, violazioni del proprio stesso regolamento interno, rivela che chi dirige il Movimento è sotto scopa, anzi nel panico, e quando si è nel panico si rischia di inanellare mosse sbagliate.

Sostieni SOLLEVAZIONE e Programma 101

image_pdfimage_print

4 pensieri su “5 STELLE NEL PALLONE di Piemme”

  1. Anonimo dice:

    Se è per le mosse sbagliate, il movimento 5S ne ha fatta una alla sua fondazione: l'affermazione che non esistono più destra e sinistra.Solo gli allocchi, i semplicioni, i cialtroni, potevano cascarci perché l'uomo è quello che è e se manca pure di una ideologia, senza la quale non ci sono idee, non c'è orientamento, vale proprio nulla.Manlio Padovan

  2. Anonimo dice:

    Riflessioni di un malpensante: De Vito a Roma è da anni l'oppositore interno del cerchio magico di Di Maio (a cui appartiene Virginia Raggi imposta come sindaco dal duo Di Maio e Casaleggio). La vicenda dello Stadio (non voluto dal più grande costruttore romano, nonchè editore del più diffuso giornale della Capitale) ha come centro focale l'avv. Lanzalone imposto a Roma quale risolutore della questione, come sanno anche le pietre, dal suddetto cerchio magico. Per la precisione, l'attuale ministro della Giustizia e il Ministro per i rapporti col Parlamento e per la democrazia diretta. Ebbenne curiosamente l'inchiesta non sfiora i tre sullodati, ma fornisce il destro per eliminare l'opposizione interna. Vedremo nei prossimi giorni se l'inchiesta lambirà chi impose il legale genovese a Roma, oppure si concluderà con l a sola eliminazione di De Vito. Inoltre chi sovraintende l'inchiesta, additato per l'inchiesta Mondo di Mezzo di aver spianato la strada del Campidoglio ai Cinque stelle, ha avuto l'occasione di rimarcare la propria equidistanza da tutte le forze politiche (praticamente le ha danneggiate tutte). Se sarà ricompensato, come si mormora, con la carica di Capo dell' anticorruzione al posto di Cantone avremo la certezza che si è di fronte ad un regolamento di conti interno, per interposta Procura.

  3. Anonimo dice:

    io invece sono con Gaber quando cantava , cos'e' la destra cos'e' la sinistra , attenzione non che non esistano le differenze , ma posso dire di essere di sinistra ed essere d'accordo con la politica antimmigrazionista selvaggia o non posso ? Posso essere d'accordo anche con la legittima difesa , dove se disgraziatamente ti sei difeso da un rapinatore o ladro che sia in casa tua devi successivamente subirne conseguenze da calvario o debbo accodarmi come un pecorone ai vari rifondaroli di ieri e di oggi . E allora direi che oltre alle sacrosante istanze economiche e sociali , esiste anche il buon senso che personalmente vorrei non perderlo mai . Se tutto cio' non mi e' possibile l'astensione da un voto farlocco non mi crea nessun problema , perche' se non sopporto di essere un pecorone di sinistra , altrettanto non lo potro' mai essere di destra .

  4. oikakoinekroi dice:

    Per me invece questo è l'ultimo tassello di normalizzazione del partito. Il cerchio magico di Di Maio elimina gli ultimi ortodossi del movimento. Resta il mistero del perchè chi ha imposto l'avv. Lanzalone Roma non sia stato nemmeno indagato. Ma alle indagini strabiche della Procura di Roma siamo da anni abituati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *