Browse By

MANCA UN LEADER O MANCANO LE IDEE? di Leonardo Mazzei

 812 total views,  2 views today

[ 8 marzo 2019 ]

Europee: la “sinistra sinistrata” in cocci. Vogliamo discutere del perché?

Stavolta evitiamo ogni ironia, che lo spettacolo offerto in queste settimane basta e avanza. Sicuramente la maggioranza dei nostri lettori già conosce gli ultimi passaggi di questa tragicommedia. Per chi invece non li conoscesse, proveremo a sintetizzarli di seguito. Ma lo scopo di questo articolo non è quello di entrare nei meandri di queste sconcertanti vicende, quanto piuttosto quello di trarne qualche elemento di riflessione.

A due mesi e mezzo dal voto europeo del 26 maggio, quella che noi chiamiamo sinistra sinistrata (e il perché lo avranno capito anche i sassi) è allo sbando. Il “progetto De Magistris” si è ufficialmente arenato, lasciando le varie componenti che dovevano sostenerlo a litigare fra loro. Come sempre, Giggino ha fatto i suoi conti, e quando la calcolatrice gli ha fornito il responso non ha perso un attimo a dare forfait. Si era presentato come una specie di Salvatore della patria, si è rivelato quel gran cuor di leone che già sapevamo… E che già si era visto nel 2012, quando scansò la battaglia mettendo in pista il sonnolento Ingroia. E fu il successo che ricorderete…

A questo punto Rifondazione rilancia l’idea di una generica lista antiliberista. Idea precisata da Paolo Ferrero, che sul Fatto Quotidiano di ieri parla di “casa dei movimenti”. Quando si dice l’originalità! Ma chi dovrebbe convivere in questa “casa”? E’ presto detto: «Vogliamo essere la casa dei movimenti, da Sinistra italiana a De Magistris, da Potere al popolo al movimento di Varoufakis».

Ah sì, ancora? Davvero interessante. Sembrerebbe che niente sia successo in queste settimane. Ora, i soggetti citati sono quattro. Di questi, tre hanno detto chiaramente di non volerne sapere: De Magistris perché non vuole rompersi l’osso del collo; il gruppetto di Varoufakis perché se ne sta andando verso la lista ultra-europeista di Verdi e Pizzarotti; Potere al popolo perché lamenta di essere stato scaricato dal Prc a favore di Sinistra Italiana.

Al povero Ferrero non resterebbe dunque che l’accoppiata con quel che rimane del partito di Fratoianni. Partito che pratica senza pudore le alleanze con il Pd, che si appresta a confermare pure quella con l’uomo-Tav Chiamparino in Piemonte, regione in cui si voterà in contemporanea con le europee. Quella tra Prc e Sinistra Italiana sarebbe davvero una triste e perdente accoppiata, altro che “casa dei movimenti”! Ma anche questa ipotesi pare dubbia, perché Sinistra Italiana per il momento sembra tenere i piedi in due staffe, lasciandosi aperta la strada di una confluenza con i bersaniani di Mdp-Articolo 1, a loro volta in dubbio (leggi qui quel che dice Speranza) tra una convergenza immediata nella lista del Pd, piuttosto che una solo rimandata alle elezioni politiche.

Volevo farla breve, ma il guazzabuglio è tale da aver reso impossibile l’impresa. Ora, però, fermiamoci qui con il racconto di quanto avvenuto. Più interessante soffermarci adesso su alcuni elementi di riflessione. Perché qui il problema non sono le elezioni europee, che andranno comunque male a tutti i protagonisti di questa storia, ma la ragione di tanta insipiente sterilità politica in un momento così ricco, invece, di evidenti potenzialità.

A mio modesto avviso le ragioni sono tre, ovviamente interconnesse tra loro. E sono ragioni che riguardano — sia pure con diverse gradazioni — tutte le componenti che hanno partecipato alla tragicommedia di cui abbiamo detto. 

La prima ragione è ben descritta in ciò che è avvenuto. Anziché dedicarsi in primo luogo alla definizione di un proprio messaggio, di un proprio profilo chiaramente riconoscibile, ci si è giocati tutto sul ruolo del personaggio. In questo la sinistra sinistrata appare pure peggio di quella liberal-liberista. Certo che i personaggi contano, ma contano solo a partire dal messaggio che devono trasmettere. Se il messaggio manca, o è talmente generico da risultare evanescente, il leader può fare ben poco. Se poi si è addirittura sbagliato persona, come nel caso del pluri-rinunciatario De Magistris, la frittata è fatta. Ma il problema è a monte: inutile cercare un leader se non si hanno idee forti, efficaci, in grado di mobilitare, di scuotere le coscienze, di prefigurare un’alternativa, abbandonando i tabù e nominando il nemico.

Ecco allora la seconda ragione. Non è credibile approcciarsi alle elezioni europee, tanto più se si è forza di opposizione attualmente marginale assai, senza un chiaro discorso sull’Europa. Se il cincischiare delle forze governative rispetto a questo nodo è irritante, l’altreuropeismo di una sinistra che si vorrebbe “radicale” lo è ancor di più. E questo per il semplice motivo che non ci si può proporre come anti-liberisti senza essere al contempo concretamente anti-euristi. Che si sia tentato di mettere insieme l’altreuropeismo del Prc, con l’ultra-europeismo dei quattro seguaci di Varoufakis e sostanzialmente di Sinistra Italiana, fino all’euro-criticismo per quanto inconseguente di Potere al popolo, è il sintomo più lampante di una confusione politica ormai al di là di ogni immaginazione. L’euro e l’Unione Europea non sono riformabili. Ce l’ha dimostrato la storia di questi ultimi 10 anni. Dunque, o si lavora per uscire da questa gabbia, o la si accetta in tutte le sue conseguenze. Si può essere “radicali” senza dare una chiara risposta su questo punto? Evidentemente no, lo capirebbe anche un bambino. Ma perché la sinistra sinistrata è incapace di questa risposta?

Questa domanda ci porta alla terza ragione dell’incredibile sterilità propositiva di quest’area politica. Essa non può andare a fondo sul tema perché glielo impedisce il tabù della nazione. Questo tabù, di matrice chiaramente anarchica, fa a pugni con tanta parte della storia della sinistra novecentesca, ed in particolare con quella dei comunisti. I quali, in tante occasioni — in Italia durante la Resistenza al nazifascismo — non hanno esitato a legare la questione nazionale con quella di classe. Ovviamente questo legame non è dato una volta per tutte, non si presenta nella stessa maniera nelle diverse epoche, ma talvolta è l’elemento chiave della lotta di liberazione degli oppressi. Non porsi oggi (sottolineiamo oggi) questa questione, mentre il Paese è strozzato dalle regole e dai vincoli dell’euro-dittatura, significa stare fuori dalla realtà, avere un ordine di priorità che la stragrande maggioranza del popolo lavoratore mai potrà comprendere. E significa aver dimenticato uno degli elementi dell’abc della politica: quell’analisi concreta della situazione concreta, che un tempo a sinistra era un obbligo ed oggi sembra invece diventata una colpa.  

Insomma, per recuperare i consensi persi, per conquistarne di nuovi, ci sarebbe bisogno di una ventata di aria fresca. Si preferisce invece prendere fischi per fiaschi, magari scambiando le piazze pro-Pd di Roma (9 febbraio) e di Milano (2 marzo) come sintomi di una vera mobilitazione popolare in atto, mentre esse servivano soltanto a rilanciare il principale partito sistemico con la nuova direzione zingarettiana.

Naturalmente, non tutti i protagonisti di questa storia andranno a finire un’altra volta nel nuovo centrosinistra in corso di allestimento. Tutti no, ma la maggioranza di loro certamente sì. Ma questo ce lo dirà il futuro. Nel frattempo, chi non vorrà morire da “sinistrato”, dovrà tirarsene fuori senza indugio. C’è un’altra sinistra da costruire: quella patriottica e per il socialismo. Non c’è più tempo da perdere. 

Sostieni SOLLEVAZIONE e Programma 101

image_pdfimage_print

8 pensieri su “MANCA UN LEADER O MANCANO LE IDEE? di Leonardo Mazzei”

  1. Anonimo dice:

    E mentre queste sinistre cincischiano il mondo corre.Fallito il tentativo di ricondurre i tories ribelli al piano May l'UE fa sapere che UK può andare ma l'irlanda del nord deve restare. Praticamente una dichiarazione di guerra, come se a noi dicessero l'italia può andare ma il trentino resta. Ogni riferimento alle tentazioni secessioniste ed alle scaramucce di confine con l'Austria non è puramente casuale.E mentre si fanno pressione su Salvini affinché si ammorbidisca ancora di più anche sugli altri temi Paragone accusa Giorgetti di complottare con elites di oltreoceano.Succede per caso tutto contemporaneamente? Non credo. Salvini deve decidere, se vuole la lega nazionale agisca adesso. Io finché non si pronuncia assumo che egli voglia la secessione e lo considero un nemico politico dell'italia.Giovanni

  2. Anonimo dice:

    FRONTE SOVRANISTA ITALIANOPerché il FSI non ha sottoscritto e non può sottoscrivere il Manifesto per la sovranità costituzionalehttp://appelloalpopolo.it/?p=49335

  3. Enrico dice:

    Facile fare ironie sugli altri, signor Mazzei, ma voi della 'sinistra sovramista' state messi meglio? Non mi sembra.

  4. Anonimo dice:

    Proprio per le ragioni che scrivi il sostegno critico tattico al governo attuale e' stata una scelta poco lucida. Certo avevano vinto le elezioni, avevano il dovere di farlo, ma tutto qui, non spingersi oltre. La Lega salviniana non e' antieuropeista, Maroni e' rimasto fermo un giro proprio in accordo con Salvini. Il M5stelle e' lo specchio confusionario della secolarizzazione della crisi delle ideologie radicali nell'alveo della societa' capitalistica. La sinistra patriottica dovrebbe avere la funzione di opposizione sociale sia al nemico principale che al nemico secondario, dal quale non si ricava un ragno dal buco, anzi lavora per il re di Prussia. La sinistra sinistrata e' gia' morta, ma ancora tenta di acchiappare il vivo e questo non dobbiamo permetterglielo, cosi'come va affrontata la questione sindacale che e' il terreno di coltura della sinistra liberista.

  5. Leonardo Mazzei dice:

    Ad Enrico:Ironizzato?E che c'era bisogno di ironizzare?Capisco che tu non condivida le nostre idee. Poco male, ma che i nodi siano quelli da noi indicati – e che ho riassunto nella parte finale dell'articolo – mi pare difficile da discutere.Messi meglio o messi peggio? La sinistra patriottica è ai primi passi. Le forze sono quello che sono, ma almeno le idee sono chiare. La sinistra sinistrata aveva le forze, ma prima ha deciso di sperperale a sostegno del centrosinistra, poi chiudendosi in un mix di identitarismo (senza identità) ed elettoralismo (senza risultati elettorali).Così le forze si perdono, ed in quanto alle idee siamo all'anno zero.

  6. Leonardo Mazzei dice:

    All'anonimo delle 00:23:Le ragioni della nostra posizione sul governo le abbiamo spiegate tante volte. Da parte nostra non c'è alcuna indulgenza né verso M5S, né tantomeno verso la Lega.Provo a rispiegarla in termini semplici. Noi siamo per l'uscita dall'euro e dall'UE. Riteniamo questo obiettivo il cuore, e comunque il passaggio ineludibile, di una strategia volta a costruire l'alternativa, che per noi si chiama socialismo.Dunque, noi preferiamo un governo – che per quanto debole, contraddittorio ed indifendibile su alcune scelte – alimenta lo scontro col blocco eurista; piuttosto che il solito governo interamente controllato dalle èlite filo-UE dell'ultimo quarto di secolo.Ora, si può certo obiettare che la Lega sta di nuovo ricentrandosi sulla sua identità nordista oltre che (ma questo non è mai stato in dubbio) neoliberista. Si può anche dire che M5S non ha una vera strategia di contrasto al blocco eurista.Tutto vero, ma tutto altamente contraddittorio. Altrimenti sapresti dirmi il perché le èlite vogliono in tutti i modi non solo che questo governo salti, ma soprattutto che M5S venga letteralmente cancellato dalla scena? Ma non vedi il cannoneggiamento h24 cui lo sottopongono i media sistemici? Sparerebbero tutti questi colpi se M5S fosse normalizzato e/o facilmente normalizzabile?Certo, M5S è effettivamente confusionario, ma in un certo senso esprime la confusione di un blocco sociale che è anche il nostro, quello che non sta con i padroni del vapore, che si oppone alla globalizzazione e al liberismo, quello che forse un giorno vedremo anche nelle piazze.Piazze completamente diverse da quelle politicamente corrette (e di fatto pro-Pd) del 9 febbraio a Roma e del 2 marzo a Milano.Naturalmente la nostra posizione sul governo è condizionata al tema fondamentale: lo scontro con l'UE. Ovvio che qualora vi fosse un cedimento a la Tsipras non avremmo un attimo di incertezza a denunciarlo. Per ora ci sono stati compromessi discutibili, ma non il cedimento di cui sopra. Quello che avverrà nelle prossime settimane e nei prossimi mesi non lo sappiamo. Sappiamo solo che se questo governo cadrà ne verrà sicuramente uno peggio. E questa è una certezza che penso nessuno possa mettere in dubbio.

  7. Enrico dice:

    A leggere i commenti ( non solo quelli a quest'ultimo suo articolo), tutta questa chiarezza di idee da Lei sbandierata non mi sembra che ci sia. Le divergenze tra voi ci sono eccome!

  8. Luciano dice:

    In questa fase storica i sofismi e la falsa dicotomia del nè con il governo né con i "mercati"è fuorviante: o si sta con Soros e l'èlite globalista affossatrice di ogni diritto sociale assieme ai suoi vassalli e collaborazionisti nostrani e non, oppure si sta e si difende un governo che fra mille ostacoli e contraddizioni tenta di rompere la gabbia eurista. TERTIUM NON DATUR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *