1

ITALEXIT: SE LO DICE FEDERICO FUBINI

[ giovedì 6 giugno 2019 ]



Ultim’ora


Mentre pubblichiamo questo articolo arriva una notizia pesante. L’agenzia Moody’s entra a gamba tesa nel braccio di ferro tra il governo giallo-verde(BLU) e l’Unione europea con monito che dice: «l’emissione di mini-Bot sarebbe considerata come un primo passo verso la creazione di una valuta parallela e una mossa preparatoria all’uscita dell’Italia dall’Eurozona».

Iniziano le danze, ovvero le prime avvisaglie dell’attacco che potrebbe essere portato all’Italia dalla finanza predatoria globale…

*  *  *
Sul Corriere della Sera di oggi Federico Fubini — quello che ha ammesso di aver nascosto i dati sulla mortalità infantile in Grecia a causa della cura da cavallo della Troika —firma un pezzo dal titolo “I tempi stretti del tesoro, si tratta sui risparmi 2019. il vero nodo è la manovra“.
Siccome c’è chi contesta quanto andiamo dicendo sulla partita con la Ue — che lo spazio per un nuovo compromesso con la Ue è strettissimo visto che da Bruxelles chiedono una finanziaria lacrime sangue che i populisti al governo non possono promulgare — lasciamo parlare proprio lui.

«Con questo percorso, per l’esecutivo giallo-verde non resta molto tempo per elaborare nuove concessioni come in dicembre scorso. Deve essere anche per questo che alcuni fra gli investitori esteri tornano a chiedersi se il futuro dell’Italia sia davvero nell’euro. Ormai sul mercato i derivati che assicurano contro il rischio che il Paese passi a una nuova lira svalutata sono più ricercati — e sempre più costosi — rispetto a quelli che assicurano solo contro un’eventuale insolvenza. I titoli pubblici di Roma emessi in dollari, non convertibili in caso di Ital-exit, tornano a offrire rendimenti decisamente più bassi di quelli in euro proprio perché solo i primi proteggono chi li possiede dal rischio di vedersi rimborsare in lire.Se l’Italia oggi paga sulla Spagna un aggravio nel costo dell’indebitamento persino superiore a quanto pagava sulla Germania 13 mesi faè anche per questi timori di “exit” che tornano a serpeggiare».

Solo un modo maligno per snidare i giallo-verdi o un timore reale?
Tutte e due le cose….