Browse By

UNA DONNA-CANAGLIA

 531 total views,  2 views today

[ mercoledì 17 luglio 2019 ]


ANCHE LE DONNE POSSONO ESSERE DELLE CANAGLIE…

Quello della Der Leyen è un caso esemplare. 

Guarda caso anche lei, come la Lagarde fa parte del Gruppo Bilderberg, cupola delle cupole da cui provengono quasi sempre coloro che vanno ai posti di comando nella macchina del dominio capitalistico.

Luterana di sangue blu (ovvero di discendenza aristocratica) è considerata fedelissima della Merkel, ma graditissima anche a Macron (anche lui del Bilderberg).

Eurocratica di ferro è colei che ai tempi della crisi greca chiese a Tsipras, oltre che accettare tutti gli altri diktat, di ipotecare le riserve auree del paese a garanzia dei creditori esteri. Una proposta talmente draconiana che lo stesso Scheuble dovette prendere le distanze.

Ma la Von Der Leyen è anche un’atlantista di ferro nonché russofoba accanita. Da Ministro della difesa tedesco, nei momenti più acuti della crisi tra Russia e Ucraina, decise di inviare truppe e droni in Ucraina orientale contro le repubbliche del Donbass. Si è trattato de facto di un vero e proprio intervento diretto nel conflitto.

Per la cronaca, da MInistro della difesa, la signora è coinvolta in un’inchiesta giudiziaria 
(la corruzione c’è anche in Germania) che potrebbe vederla condannata.

Come abbiamo scritto ieri è gravissimo che dopo Conte, i Cinque Stelle l’abbiano, non solo votata, ma proprio coi loro indispensabili voti, permesso di diventare presidente. In sostanza grazie ai pentastellati la Ue ha evitato una crisi istituzionale senza precedenti.

Ed è un bene che i parlamentari della Lega, così come altri, abbiano votato contro. temevamo il peggio viste le demenziali dichiarazioni del neo-ministro Lorenzo Fontana.
Sostieni SOLLEVAZIONE e Programma 101


image_pdfimage_print

2 pensieri su “UNA DONNA-CANAGLIA”

  1. Anonimo dice:

    M5S è venuto allo scoperto votando addirittura una con procedimenti pendenti in barba all'onestah.Però pure i leghisti, prima dicono una cosa poi ne dicono un'altra ed alla fine ne fanno un'altra ancora. Qual'è il reale motivo dietro questi loro ondeggiamenti? Cosa faranno essi domani?

  2. chiunque scriva ciò che vuole dice:

    La fine del M5S Ogni partito ha il diritto di suicidarsi come preferisce. Questo era già da lungo agonizzante, quindi non meraviglia nessuno che con quest'ultima corbelleria si sia squalificato anche davanti ai suoi più ferventi sostenitori. Ma anche nel peggiore dei mali c'è sempre un briciolo di utilità: con l'elezione della guerrafondaia e corrotta ex ministro difesa tedesca l'UE ha perduto anche l'ultimo barlume di democrazia, lo hano capito tutti appunto, salvo il M5S. Per somma ironia della storia è stato un partito "populista" fortemete osteggiato e detestato da tutti i partiti governativi tedeschi a salvare il c… al Parlamento Europeo ! Per il M5S non ci sono scusanti possibili né motivazioni tattiche credibili: non sappiamo se è stata più la follia o l'ingenuità o se qualcuno ha comprato i voti, il risultato comunque non cambia: il M5S farà una meritata fine ancor peggiore di quella di Syriza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.