Browse By

BEPPE, SIAMO NOI ESAUSTI di Lidia R.

 617 total views,  4 views today

[ lunedì 2 settembre 2019 ]

Riceviamo e volentieri pubblichiamo…

No Beppe, questa non te la faccio passare. Ho ascoltato almeno dieci volte il tuo ultimo messaggio video.

Inaccettabile, quel che affermi, e per diverse ragioni. Ne voglio citare due.

La prima, quella di fondo, è che non mi convince (non mi ha mai convinto a dire il vero) la tua oramai stucchevole apologia per le nuove tecnologie, miracolosi strumenti che, come sostieni, ci consentirebbero di “riprogettare tutto”, e non solo la società, ma la nostra vita. Tant’è che parli di “cambiamento epocale antropologico”. 
Che sciocchezza! Di questo passo fra poco ci farai l’esaltazione non solo della CASTA della Silicon Valley ma pure quella dei cyborg, e della ibridazione uomo macchina. Certo che di acqua Beppe ne è passata sotto i ponti, dai tempi in cui non nascondevi il tuo luddismo, la tua sfiducia esistenziale verso la società iper-tecnoligizzata. Forse è vero che stiamo assistendo ad un “cambiamento epocale antropologico”, ma sei davvero sicuro che sia tutto rosa e fiori? Io non le penso affatto, penso anzi che ci siano rischi tremendi nella tecnicizzazione della vita sociale, che sotto sotto ci porti ad un nuovo e più duro totalitarismo antidemocratico.

Quella tua per la tecnica dev’essere proprio un’infatuazione irrazionale, al punto che sulla scia dell’élite, giorni addietro, sei intervenuto sulle trattative per il governo sostenendo che i ministri dovrebbero “scelti in un pool di personalità del mondo della competenza al di fuori della politica”. Tecnici quindi, come ai tempi di Monti. Sono rimasta di stucco.


La seconda cosa inaccettabile del tuo inquietante panegirico tecno-metafisico è che pur di perorare l’accordo col Partito Democratico hai parlato di “momento storico straordinario”, ed hai detto che noi dovremmo essere “euforici” per quello che anch’io, a costo di essere confusa col truce Salvini, chiamo “grande inciucio”. Poi però hai detto che ti “fa pena” lo spettacolo di questo negoziato tra caste.

Una contraddizione lampante, una richiesta assurda. Come puoi chiederci di essere “euforici” se anche tu ritieni che tutto questo negoziato faccia “pena”.

Martedì si voterà sulla Piattaforma Rousseau. Voglio proprio vedere come sarà formulato il quesito. Scommetto che esso sarà biforcuto e ingannevole pur di ottenere una maggioranza di sì a questa operazione trasformistica. Io di sicuro voterò no e mi auguro di essere in maggioranza. Voterò no perché penso che l’alleanza col PD ha lo sgradevole

sapore della restaurazione, che annuncia la definitiva trasformazione del Movimento in un partito di regime. Di sicuro questa ennesima svolta sta producendo sconforto e disincanto. In tanti abbandoneranno il Movimento e se ne torneranno a casa  frustrati e sconfortati.


Spero che, maggioranza o minoranza, saremo in tanti, e spero che dai tanti no possa risorgere una speranza, una speranza che non riguarda solo chi ha dato anima e corpo al Movimento, che riguarda milioni di italiani, che meritano una politica diversa, un futuro migliore.


Sostieni SOLLEVAZIONE  e Programma 101

image_pdfimage_print

3 pensieri su “BEPPE, SIAMO NOI ESAUSTI di Lidia R.”

  1. Anonimo dice:

    Personaggio inquietante questo Grillo , ma non aveva dichiarato che non si sarebbe piu' occupato del movimento ? Poi invece ri-zompa quando gli pare e se ne occupa eccome se se ne occupa . Ma cosa c'e' sotto , questo signore deve ancora spiegare cosa ci faceva sul Britannia , forse allietava tutta la congrega che ci faceva parte ? Possibile che non ci sia uno straccio di giornalista che lo incalzi su questo episodio alquanto " bizzarro " ? E Di Battista perche' tace , perche' non prende le difese di Di Maio ? Ci sono molte domande su che cosa e' stato ed e' questo movimento , una cosa e' certa a me e a molti altri non la dara' piu' a bere .

  2. Anonimo dice:

    non sono fan di berlusca ma uno che pubblica articoli in cui ci dice che dobbiamo ere l'acqua del nostro cesso depurata e mangiare insetti….PAUPERISMO da neuro

  3. Anonimo dice:

    Purtroppo nell'esaltazione delle ultranuove tecnologie, e acriticamente delle tecnologie innovative in generale, anche la sinistra è in buona posizione.La accettazione acritica di mettere l'ombrello elettromagnetico del 5G sulla città di Lucca, dove governa il PD, nessuno ha eccepito. Ma se lo faccio osservare a qualcuno, nessuno sa né della decisione nè cosa sia il 5G. Questa posizione di Grillo lo squalifica definitivamente. Aldo Zanchetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.