Browse By

FASSINA O DEL PECCATO ORIGINALE di Moreno Pasquinelli

 371 total views,  2 views today

[ venerdì 13 settembre 2019 ]

Per l’ortodossia cattolica, a parte quello contro lo Spirito Santo, tutti i peccati possono essere perdonati, anche quello originale. Per la precisione lo si cancella col sacramento del battesimo, il rito con cui Dio dona alle sue creature la sua misericordia.


Chissà se un giorno riusciremo a perdonare il voto di fiducia (“condizionata”) che Stefano Fassina, ha donato al governo Conte bis — fiducia che invece non diede al governo giallo-verde. Oggi non ci riusciamo. Egli si renderà presto conto della sua, usiamo un eufemismo, papera politica. Se non è divorato dall’orgoglio saprà fare autocritica. Se non la farà, se come tanti politicanti vorrà mascherare l’opportunismo dietro al realismo, non meriterà alcuna clemenza.

Non si tratta infatti solo di un errore ma di una bestialità politica. E da che dipende il suo delitto politico? Dipende dal fatto che egli è appunto segnato da un fatale peccato originale: dopo lo scioglimento del PCI, nella traversata attraverso i mari fetidi della seconda repubblica, aver aderito al PDS fino al Partito Democratico. Ebbene, scopriamo che in verità egli non è mai uscito dal quel mondo, che egli ne è stato sempre prigioniero, anche quando affermava di esserne venuto fuori. 

Siamo tra coloro che avevano creduto nella sua resipiscenza. Ammettiamo di esserci sbagliati. Che non fosse un Cuor di Leone, che il coraggio non fosse un suo attributo, questo sì, lo avevamo capito. Tuttavia, data la sua critica al sistema dell’euro, data la sua comprensione della dimensione patriottica della battaglia politica, date le sue reiterate affermazioni che la sinistra vecchia e nuova fosse morta, le nostre strade, si sono spesso incrociate dando vita a momenti di fraterna collaborazione. 

Non ci siamo sbagliati, invece, a non aderire, nell’inverno scorso al raggruppamento a cui ha dato vita, Patria e Costituzione. In diversi credettero che con quella mossa egli avesse passato il Rubicone, che quindi occorresse seguirlo. Noi al contrario non abbiamo abboccato, segnalando non solo i limiti ma le inammissibili ambiguità dell’operazione. Altri invece caddero nell’inganno, e ci voltarono le spalle, accusandoci di aver compiuto un grave errore. Chissà se ora questi compagni avranno l’onesta intellettuale di riconoscerci di aver avuto, almeno in quel caso, ragione.
*  *  *
Consigliamo di leggere come Fassina ha giustificato la sua colossale papera. Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere. 

Egli ammette che il “governo Conte 2 o Orsola” sia un “tentativo di normalizzazione”; che esso “puntella” i “tratti di continuità con la stagione precedente di europeismo liberista”. Ammette altresì che i “connotati strutturali e i riferimenti sociali dell’impianto culturale del governo Conte 2”, restano nel solco della strategia eurista. Riconosce infine che l’accordo M5s-Pd è figlio di una “offensiva restauratrice”. 

Ce n’è abbastanza per chiamare i cittadini alla resistenza e all’opposizione. E invece il Fassina che ti fa? Ti vota la fiducia e resta in un gruppo (LeU+Sinistra italiana) che è parte integrante di un governo che ha per scopo, dopo il terremoto popolare del 4 marzo, non solo la normalizzazione” ma la “restaurazione”.

Giustifica quindi la papera in un modo che più goffo non si potrebbe. Dietro alla fuffa sul “passaggio complesso e contraddittorio” e il “momento Polanyi”, scrive che  “Occorre riconoscere il valore costituzionale dell’interruzione della deriva guidata dalla Lega”, ovvero che il governo Conte bis rappresenta “potenzialmente” un “argine costituzionale” al pericolo leghista.

Et voilà. Affinché vada in porto il tentativo disperato di ripristinare il bipolarismo centro-destra centro-sinistra (affossato il 4 marzo 2018), c’è bisogno di costruire lo spauracchio: allora era Berlusconi, oggi è Matteo Salvini. Ieri lo specchietto per le allodole dell’antiberlusconismo, oggi è quello dell’antisalvinismo. Salvini come il male assoluto, e in nome del contrasto a questo “male assoluto”, come in ogni guerra santa, ogni nefandezza politica è giustificata. 

E fa tenerezza che Fassina affermi che la sua “non è una cambiale in bianco”, che anzi egli si proponga di incalzare il governo a fare tante cose buone e giuste che sono nel suo programma frù-frù. E come se uno si mettesse in testa di trasformare il lupo in agnello. Megalomania? No, solo banale opportunismo di bottega.

La prova provata che questa giravolta opportunistica abbia poco a che fare con le impossibili promesse contenute nel programma del governo Pd-M5s, che si tratti cioè solo di un suicida ritorno nella gabbia della sinistra transgenica, Fassina ce l’ha fornita mentre Salvini faceva harakiri, il 12 agosto. Si capiva già allora dove il nostro sarebbe andato a parare.

Pateticamente velleitario è il tentativo di tramutare il governo della restaurazione liberista in governo delle riforme keynesiane. Il nostro finirà per trovarsi nell’imbarazzo di quel poliziotto russo al quale Uspiensky fa raccontare così la sua avventura: 

«Veloce come un fulmine ho afferrato per il colletto il manigoldo, e che cosa si è visto? Che quel dannato non portava il colletto».


Sostieni SOLLEVAZIONE e Programma 101

image_pdfimage_print

8 pensieri su “FASSINA O DEL PECCATO ORIGINALE di Moreno Pasquinelli”

  1. Anonimo dice:

    "Se non è divorato dall'orgoglio saprà fare autocritica. Se non la farà, se come tanti politicanti che mascherano l'opportunismo dietro al realismo, non meriterà alcuna clemenza."Ma se anche facesse autocritica, dopo questa decisione che ne disvela inequivocabilmente l'opportunismo, che credibilità avrebbe? Per me nessuna anche in quel caso. Chi ci garantirebbe che non si tratta dell'ennesima piroetta di un furbo politicante? Proprio nessuno.Come dice il motto: chi per bugiardo è conosciuto anche che dica il ver (ammesso che davvero "dica il ver") non è creduto.Giovanni

  2. Gaetano dice:

    Ho sempre diffidato di coloro i quali sono nel PD. Come è possibile che tale dato si coniughi con una seppur labile appartenenza al campo progressista? Come è possibile che una persona si senta di sinistra, stia nel pd e venga anche considerata intelligente?

  3. Anonimo dice:

    Più che il suo Patria e Costituzione trovo molto più interessante e promettente sia per credibilità nella battaglia contro l'euro, sia per potenzialità nei numeri elettorali il Partito Comunista di Rizzo che si sta'organizzando nei territori, io guarderei con un occhio di di riguardo da quella parte

  4. Anonimo dice:

    Ma a come a perdere tempo dietro a questi nani politici?Che senso ha?In Italia contano solo come proconsoli coloniali due o tre figuri. Direi che Fassina proprio bob c'è tra questi.

  5. Anonimo dice:

    Tatticamente appoggiare Rizzo in Umbria sarebbe una buona cosa.

  6. Anonimo dice:

    Anch'io penso che tessere una qualche relazione politica con il PC sia auspicabile. Il 5 ottobre stanno organizzando una manifestazione contro il governo giallo-fucsia aperta a tutte le forze politiche e sociali. Credo sarebbe il caso esserci e iniziare a gettare i ponti per una qualche alleanza di intenti sovranista e socialista

  7. Anonimo dice:

    Queste persone dovrebbero avere l'onestà intellettuale di fare un bilancio finale della loro scelta di "prendere le distanze dal sovranismo storico", enunciata da Porcaro ma condivisa da parecchi. Avere l'onestà intellettuale di ammettere chiaramente dove li ha portati.Lo faranno? Sono piuttosto scettico.

  8. Anonimo dice:

    Cambio un po' la tua giusta considerazione. Com'e' possibile che una persona intelligente pensi che il PD sia di sinistra ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *