Browse By

CHI È IL TRADITORE? di Gianluigi Paragone

 477 total views,  2 views today

Il Movimento che nacque nelle piazze animato da parole nette,
radicali e antisistema, parla di futuro in una sala confortevole,
chiusa, arredata per un colpo di scena straspoilerato, con parole
acrobatiche come “facilitatori”. Il futuro è un’ipotesi, è un salto nel
buio perché erode ciò che il Movimento era stato.

Non c’è bisogno della
zingara per decriptare il futuro del Movimento: sarà una forza
europeista e riformista, quindi inutile. E lo dico con dolore. Il famoso
33% non tornerà più perché non c’è più una offerta politica capace di
illuminare le ingiustizie che il riformismo neoliberista ha generato. Le
ingiustizie contro cui si scagliò il Movimento erano il prodotto
malefico di una stagione tossica, tecnica e politica, dove le insegne
del Pd erano costanti. Ora il Pd fa da fratello maggiore. Less is more,
dicono gli inglesi. Di Maio ha dovuto scriversi un testo lungo un’ora
per terminare una seduta psicanalitica, individuale e collettiva nello
stesso tempo.

 

 

La crisi del capo politico si sovrappone alla crisi del Movimento
stesso, angosciato dai “traditori” più che illuminato dai facilitatori.
Nessuno però ha tradito più di chi in due anni ha spento una speranza e
dilapidato un patrimonio di consensi. Chi dovesse prendere in mano il
Movimento sa che la strada è segnata, che la mappa non prevede altre
rotte se non quella dello schiacciamento a sinistra. Eppure lo spazio
antagonista c’è, oltre un centrodestra in bilico tra citofoni e Mario
Draghi, e oltre un centrosinistra partner dell’establishment. Di Maio è
teso, invecchiato, sfibrato. Le sue dimissioni sono un altro segno della
opacità di chi sbaglia i tempi. Dimettessi adesso non impedirà di
scaricare su lui stesso lo shock di lunedì (a chi vuoi addebitarlo, a
Vito Crimi?), né la possibile sconfitta in Campania, a fine febbraio,
dove si voterà per le suppletive dopo la scomparsa del bravo e preparato
senatore pentastellato Franco Ortolani (il Movimento presenta un amico
di Luigi Di Maio, il centrosinistra Sandro Ruotolo).

 

Di Maio avrebbe dovuto dimettersi all’indomani del voto su Rousseau
attraverso il quale, chiedendo di presentarsi alle Regionali, si
smentiva l’idea del capo politico. Non lo ha fatto perché sperava di
tirare a campare ancora un pochino, facendo male i conti rispetto al
malessere crescente tra i gruppi. Cosa succederà adesso? Nulla, il
Movimento cercherà di ridefinire il proprio codice e quindi – come
scrivevo – di abdicare al suo ruolo. L’orgoglio di aver votato la
Commissione Ursula smentisce ogni battaglia di cambiamento radicale
visto che i commissari top player sono gli stessi della gestione Junker,
pertanto l’adesione all’europeismo stringerà ancor più gli spazi di
manovra politica-economica. Le rassicurazioni sul governo, infine,
rafforzano il ruolo di Giuseppe Conte e raffredderanno le campagne circa
la revoca/annullamento delle concessione ai Benetton.

 

 

Il Movimento in cambio avrà un pezzo della mappa del potere italiano
da gestire, il che significa non soltanto gestire le nomine ma le
risorse che le partecipate offrono a chi sa stare a Palazzo. Per farla
breve il futuro del Movimento 5 stelle sta in quel mondo che il
Movimento conte-stava in passato. Finché dura. (Ma non dura…) 

Ps.
Ovviamente visto che il Movimento è tutto questo, non ha alcun senso che
io faccia ricorso al giudice ordinario. Potrei vincere ma starei
fortemente a disagio in una forza europeista, di sistema e alleata col
Pd e con Renzi. Nel Movimento ci sono persone che stimo e che continuerò
ad apprezzare ma la politica in cui credo è un’altra, è più aggressiva e
soprattutto più radicale nelle proposte. I tempi rapidi con cui la
crisi si sta mangiando la vita delle persone necessitano tempi di
reazione altrettanto rapidi e scelte in netta discontinuità.

* Questo editoriale è stato pubblicato su Il Tempo del 23 gennaio 2020.
 quindi su IL PARAGONE

image_pdfimage_print

2 pensieri su “CHI È IL TRADITORE? di Gianluigi Paragone”

  1. Anonimo dice:

    Ok, quindi? Quali sarebbero queste "scelte rapide e in discontinuità" di Paragone?

  2. Anonimo dice:

    Di Maio oltre ad accusare un po' a casaccio nemici interni ed esterni deve spiegare perche' imposto' una campagna elettorale europea distruttiva , anti-lega suo alleato che causo' a mio parere il dimezzamento dei consensi . E lo dico non da elettore leghista , ma proprio dei 5 stelle (la prima e ultima volta) e' da li' che parti' il loro declino inesorabile , molta gente che li aveva votati si indispetti' sapendo quanta fatica costo' e quante speranze creo' quel governo . Molta gente non capi' quell'atteggiamento strano e indecifrabile , ricordo che criticava sistematicamente la lega nonostante fossero assieme al governo , e sul Pd neanche una parola . Sarebbe interessante chiedere a Paragone cosa ne pensasse lui , e se in quei giorni ebbe a chiedere qualche spiegazione a Di Maio , visto che a queste domande , non si sono avute mai risposte .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *