1

CONTANTE: SE LO DICE ANCHE LA BCE

Come spesso accade i destrorsi son più svegli e migliori dei sinistrorsi. 

Di che parliamo? Di una importante notizia che non troverete su Repubblica e gli altri giornaloni di centro-sinistra. Non ne parlano lòe “Sardine” e nemmno la cosiddetta “sinistra radicale” in tutt’altro affacendata. La notizia in questione è apparsa invece su IL GIORNALE di ieri 9 gennaio.

Ecco il titolo:

«Schiaffo dell’Europa ai giallorossi: “Un errore limitare il contante”
Il governo giallorosso prosegue nella sua lotta al contante. Ma la Banca centrale europea ha inviato una lettera a Gualtieri: “A rischio ampi strati della popolazione”».

In questo caso addirittura i tecno-banchieri della BCE sono migliori dei sinistrorsi di governo, che nella Legge di Bilancio, oltre alle nefandezze hanno deciso — col preteso di contrastare l’evasione, in verità per ingrassare le banche a spese dei cittadini — di porre un forte limite al contante che dal 2022 torna a 1.000 euro come fece Monti al tempo.
Dopo aver tirato le orecchie al governo per non aver avvertito prima Francoforte (lesa maestà), la BC crive testualmente:

«Frenare l’uso delle banconote significa solo colpire le classi meno abbienti e i più anziani”.

E’ proprio per questo che LIBERIAMO L’ITALIA ha lanciato l’APPELLO IN DIDESA DEL CONTANTE, appello che ricordiamo fu approvato per acclamzione dalla manifestazione del 12 ottobre scorso.

Per chi voglia saperne di più della questione su cosa c’è dietro alla decisione del governo legga il dossier PERCHÉ DIFENDERE IL CONTANTE pubblicato da LIEBRIAMO L’ITALIAE e curato da Vadim Bottoni.

Gli eurioinomani fanno sempre la predica che occorre fare come i paesi europei “virtuosi”. Guardate
attentamente la tabella qui accanto e notate la posizione della Germania.