Browse By

SPAGNA: IL GOVERNO PSOE-PODEMOS UN MALE MINORE? di Manolo Monereo

 369 total views,  2 views today

La crisi politica e istituzionale spagnola (si è votato ben due volte nel 2019) pare giunta alla sua conclusione. 
Oggi, dopo diversi tentativi andati a vuoto ci sarà il voto parlamentare definitivo, così che il governo tra i “socialisti” del PSOE e Podemos dovrebbe ottenere — anche se solo per un voto in più delle opposizioni e grazie alla astensione della sinistra catalanista dell’ERC e della sinistra basca (Bildu) —
l’investitura.


Avremo dunque dopo decenni di bipolarismo bipartitico, per la prima volta, un governo (traballante) di coalizione. La svolta tuttavia non è di sostanza ma solo di forma. La crisi catalana e l’avanzata elettorale dei post-franchisti di Vox, polarizzando il panorama politico lungo l’asse sinistra- destra, ha riportato in auge un bipolarismo sotto mentite spoglie: non più bi-partitico (PSOE-PP) bensì di coalizione.

Una soluzione all’italiana, di sostanziale restaurazione. Qui è Salvini lo spauracchio ed il il pretesto che ha messo assieme Pd e 5 stelle, a Madrid è quello di Vox che ha sugellato il connubio tra Sanchez e pablo Iglesias

Il 22 luglio scorso, parlando della richiesta di Podemos di formare un governo col PSOE, scrivevamo:

«E’ l’ammissione, almeno così a noi pare, che in Spagna la comparsa di Podemos sulla scena politica spagnola, considerata — anche da noi, al tempo— come il segno di una rottura antisistemica, non è che una postmoderna metamorfosi della sinistra socialdemocratica che fu».

Il compagno Monereo, mette in guardia dai rischi, non gli sfugge che il nuovo governo sia un pasticciaccio politico, ma nutre la speranza che esso possa fare qualcosa di buono e arginare l’avanzata reazionaria. Noi siamo più pessimisti. Quando le sinistre salgono al governo e non hanno il coraggio di attaccare alle fondamenta il sistema neoliberista, il risultato è che chi sta in basso volta le spalle alle sinistre e le destre reazionarie (per nome e per conto di chi sta sopra) si prendono la rivincita. Speriamo di sbagliarci.

*   *   *

 

 

RISENTIMENTO, RASSEGNAZIONE
DARE UN’OPPORTUNITÀ ALLA SPERANZA
di Manolo Monereo

Il vecchio Lukács diceva che quando pensava il male o sul male, ricordava sempre Nietzsche. Lo stesso succede a me; forse la mia differenza con lui è che penso che ciò che dice il filosofo tedesco abbia un posto nella realtà. Non tutto, ovviamente, ma una parte che accompagna tutte le rivoluzioni, tutte le controrivoluzioni, le guerre civili. La sua tesi è nota: la tradizione socialista giudeo-cristiana si basa sul risentimento contro i signori, i nobili; È la morale degli schiavi, che invertono i valori, li trasformano per nascondere la loro mancanza di grandezza, il loro arrivismo, la loro invidia, il loro odio per i migliori. Max Scheler ha studiato molto bene l’argomento e qui da noi il vecchio Unamuno e, in in forma diversa, Gregorio Marañón.

Non si tratta di fare un bilancio filosofico della questione, ma di metterla in gioco ponendola in relazione con gli stati d’animo sociali; per precisione, con i cambiamenti degli umori sociali che iniziano ad essere intuiti nella complicata realtà spagnola. Stiamo passando dall’indignazione al risentimento, dove si mescolano la frustrazione sociale, una paura che mangia le anime e un’insicurezza che blocca un futuro percepito come un male che agita un orizzonte oscuro. Cattive riflessioni per questi giorni; forse per questo motivo vale la pena guardare la realtà con occhi puliti, una realtà, a proposito, che nasconde conflitti sempre più evidenti davanti a un sistema politico, per così dire, attaccato con lo sputo. La struttura e la sovrastruttura ballano e il palazzo galleggia. Chi governa è sempre più solo e, al di sotto, l’umore sociale è in fermento e muta.

Questo paese ha vissuto la speranza di una minoranza molto ampia che haa goduto del sostegno della stragrande maggioranza. Il 15M [il movimento degli Indignados del 2011 NdR] fu un’illusione collettiva di una società che voleva cambiare e credeva che ciò fosse possibile. Il terreno era quello della democrazia e il nemico era chiaro e visibile: i grandi poteri economici. La gente si rese improvvisamente conto di ciò che intuiva, che la democrazia poco può, che ci sono “poteri selvaggi” che controllano le nostre vite, che comandano più di noi e che ci impongono, nel bene o nel male, il loro decisioni. La denuncia era aspra e chiara nei confronti dell’Europa del capitale, nei confronti di banche, società elettriche, IBEX 35, fondi avvoltoio, i gruppi immobiliari; ovvero contro un capitalismo predatorio che ha messo in pericolo sindacati e diritti del lavoro, pensioni, servizi pubblici, che ha reso ancora una volta lo sfruttamento eccessivo della forza lavoro l’uscita di una crisi percepita come una truffa gigantesca. Ciò che è stato appreso è che periodicamente il capitalismo monopolistico finanziario richiede l’espropriazione di diritti, di libertà, e di beni.

L’indignazione, la sua stessa esistenza, era un segno di vitalità democratica. La gente ha reagito e lo ha fatto denunciando le ingiustizie del presente e scommettendo su una “democratizzazione della democrazia”. C’era molta ingenuità e c’erano molti metodi e modi che bloccavano la strada e impedivano i progressi, ma il contenuto era buono. Si parlava di una nuova Costituzione e di un processo costituente, di garantire i diritti sociali, di porre fine al potere delle società elettriche, delle banche; di porre fine alle controriforme del lavoro e mettere i cittadini al centro della vita pubblica. Quando è emerso Podemos, abbiamo pensato che si fosse creato un movimento politico per l’alternativa. Si conoscevano le sue difficoltà, le sue enormi sfide e le inadeguatezze di una squadra dirigente che doveva fare tutto in fretta. I poteri forti reagirono con enorme virulenza; hanno usato tutti gli strumenti possibili per sconfiggere il movimento politico e uccidere una forza democratica come è stato il 15 M.

È una vecchia storia. Alfonso Ortí ce lo ha detto molte volte: cicli di democratizzazione, di mobilitazione sociale che hanno finito per dover scegliere tra nuove restaurazione, colpi di stato o guerre civili. Ora, ancora una volta, siamo allo stesso punto: accettiamo il male minore e ci accontentiamo di riformare un sistema non riformabile. Ci sono novità, ci sono sempre. Un’Unione europea che è garante di ultima istanza del potere dei grandi monopoli economici, un ostacolo insormontabile al superamento delle politiche neoliberiste, costituzionalizzate e rese obbligatorie per tutti gli Stati, al di là e contro le costituzioni stesse. Rimaniamo nel quadro della NATO che condiziona la nostra sovranità, sempre al servizio di un’amministrazione americana che sta cambiando le sue priorità e che tratta i suoi alleati con grande disprezzo. 
 

Il male minore può finire per essere il male maggiore. L’ipotesi è che con un’operazione trasformista la qualità e i pregi del regime possano essere migliorati. È un presupposto ottimista. La crisi del regime continua a mordere e sta diventando una grave crisi dello Stato. Sottoporre la Spagna a una crisi esistenziale avrà enormi conseguenze e cambierà tutto; In effetti, la sta già cambiando. Il problema è che in discussione non è più la difesa democrazia, dello stato sociale, la costituzionalizzazione dei diritti. Il risentimento e la

I cinque ministri di Podemos

paura sono una brutta combinazione. Le critiche alla politica, ai politici e all’inefficienza della democrazia sono fatte da un terreno ambivalente, dove l’autoritarismo, il disprezzo per i valori del movimento operaio, i loro diritti, si mescolano con un senso di sconfitta e impotenza che le cose possano migliorare. Quando vengono frustrate le aspettative di cambiamenti politici, anche la realtà cambia. La smobilitazione esistente indica fino a che punto gli “effetti morbosi” della politica stanno cambiando l’umore sociale.

La cosa inquietante è che la frustrazione sta portando al risentimento. L’indignazione e il risentimento sono cose diverse. Il primo significava la consapevolezza di una serie di ingiustizie che uno stato democratico non dovrebbe accettare; era una passione giusta che cercava di cambiare il sistema evitando la violenza e imponendo nuove regole. Il risentimento interiorizza la frustrazione, trasforma l’impotenza in odio, in disprezzo dell’esistente. È una reazione negativa che brucia tutto ciò che tocca e che fa marcire ogni possibilità di vero cambiamento in senso democratico-repubblicano. La frustrazione del cambiamento segnerà in modo duraturo la nostra società. La sua prima conseguenza sarà quella di affogare la voce di quelli che stanno sotto, delle classi lavoratrici; poi, come in così tanti luoghi, la disputa per la loro anima, per la loro coscienza e il loro destino e, di più, il protagonismo di un’agenda che non avrà più come soggetto le classi subalterne, convertite in massa di manovra. 
L’altro lato è la rassegnazione. Passare dallo “assalto al cielo” alla difesa della democrazia e dell’attuale costituzione, è molto in così poco tempo. Passare dall’offensiva alla difensiva, dalla guerra di movimento a quella di posizione e farlo governando con il PSOE è troppo, anche per una forza come Podemos. I punti deboli di questo governo sono enormi. Paradossalmente, la sua forza principale è … il potere e la strategia della destra. Lo si è visto chiaramente in questi giorni: le destre non solo si oppongono a un governo moderato programmaticamente ed egemonizzato dal socal-liberismo, ma sfidano la sua legittimità democratica. Non è la prima volta che questo accade, ma non è mai stato fatto con 52 parlamentari di una forza neo-franchista. 

 

 

Nel bene e nel male, il futuro della sinistra spagnola sarà segnato da questo governo. La mia opinione è nota e non ci tornerò. Basta indicare che, se fallisce, non ci sarà alcuna linea di resistenza nei confronti di un futuro governo di estrema destra e di un’estrema destra con un programma neoliberista puro e duro che metterà in discussione i diritti sociali sanciti dalla Costituzione spagnola. Vox, oggi, non è un partito populista di destra, non aspira ad essere l’alternativa alla PP ma a cambiarlo; cioè accentuare i suoi tratti più estremisti e autoritari. Per ora, le destre occuperaanno le piazze e promuoveranno una strategia istituzionale per bloccare possibili cambiamenti. Il futuro governo deve riconoscere lo scarso entusiasmo che genera e le sue numerose carenze. Non è stato il prodotto della lotta sociale né riflette una base politica ed elettorale mobilitata ed entusiasta. 
Il governo per il cambiamento è obbligato a promuovere il proprio rafforzamento e la partecipazione politica del conflitto sociale e non di tenergli testa, facendo riforme cruciali in breve tempo con l’obiettivo implicito di ottenere sostegno, di assicurare che le trasformazioni si faranno ricorrendo a tutte le forze disponibili. Dall’azione del governo, da ciò che è realmente viene fatto, costruisci un blocco sociale alternativo. So che non sarà facile, ma so anche che è l’unica possibilità per costruire una speranza concreta. Podemos dovrà essere più che un sostegno al governo di sinistra rafforzandosi come organizzazione nella lotta sociale e nello scontro con la destra; allo stesso tempo, promuovere alleanze sociali, approfondendo i legami con la società civile. Pensare in grande è un bisogno urgente oggi; la chiave, un progetto alternativo di paese che generi protezione, sicurezza e fiducia nel futuro della Spagna. 
* Traduzione a cura di SOLLEVAZIONE 
** Fonte: Cuarto Poder 

 

 

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *