Browse By

BREXIT, TUTTO IL CONTRARIO

 628 total views,  1 views today

Gli euroinomani avevano previsto sfracelli per il Regno Unito. Invece secondo i dati più recenti diffusi da Bloomberg. Il numero di lavoratori aumenta più del previsto nel quarto trimestre, mentre il tasso di disoccupazione si mantiene sul livello più basso degli ultimi quattro anni, anche se la crescita si ferma. 

L’economia britannica ha creato posti di lavoro a un ritmo impressionante nel quarto trimestre, sfidando le turbolenze politiche per la Brexit.

Il numero di persone che lavorano è cresciuto di oltre 180.000 unità rispetto alle previsioni, portando il tasso di disoccupazione al suo minimo da quattro anni: 3,8%, secondo quanto riferito dall’Office for National Statistics. I numeri probabilmente rafforzeranno le previsioni che dicono che quest’anno la Banca d’Inghilterra si asterrà dall’abbassare i tassi di interesse.

Il balzo dell’occupazione è avvenuto in un trimestre in cui è stata mancata la seconda scadenza per la Brexit e in cui il primo ministro Boris Johnson ha imposto le elezioni generali per interrompere lo stallo parlamentare. La sua schiacciante vittoria ha attenuato l’incertezza, aiutando l’economia a evitare la contrazione dopo una crescita migliore del previsto a dicembre.
Oltre alla ripresa dell’attività dopo la vittoria di Johnson, il governo si sta preparando ad annunciare un grande stimolo fiscale [con ingenti investimenti pubblici, NdR] il prossimo mese, volto a sostenere la crescita. La sterlina non si è mossa molto dopo i dati sull’occupazione di martedì.

I rischi rimangono, tuttavia. Johnson ha escluso di prolungare il periodo di transizione della Brexit oltre il 31 dicembre, anche se non è stato concluso alcun accordo commerciale.
La più recente fotografia del mercato del lavoro suggerisce che le condizioni resteranno ben salde.
I posti vacanti, che erano in calo, sono aumentati di 7.000 unità nei tre mesi fino a gennaio mentre l’occupazione nel quarto trimestre ha raggiunto un livello record, trainata dai lavoratori dipendenti assunti a tempo pieno. Le donne hanno rappresentato oltre l’80% della crescita dell’occupazione e ora costituiscono quasi la metà del totale dei lavoratori.

Tenendo conto dell’inflazione, la retribuzione regolare è salita al di sopra del picco pre-crisi che era stato toccato nel 2008. Le retribuzioni totali nel quarto trimestre hanno subito un rallentamento, con le retribuzioni regolari in aumento del 3,2% sull’anno e i salari, inclusi i bonus, che hanno guadagnato il 2,9%, la crescita più bassa dal 2018. Tuttavia, stanno ancora superando l’inflazione, inferiore al 2%.
La produttività, che dalla crisi finanziaria ha subito un rallentamento, è cresciuta dello 0,3% rispetto all’anno precedente su base oraria: il secondo guadagno trimestrale consecutivo.

Nel trimestre precedente all’uscita dal blocco della Gran Bretagna il numero di cittadini dell’Unione Europea che lavorano nel Regno Unito è aumentato di 36.000 unità rispetto all’anno precedente, pari all’1,6%.

* Fonte: Voci dall’estero

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *